Produzione di pappa reale

La produzione della pappa reale è un procedimento lungo e laborioso, abbiamo visto che nel corso della sua breve vita l’ape svolgerà diversi compiti, cominciando da quelli più semplici, i primi giorni, fino a quelli più difficili nell’ultimo periodo, quando diventerà bottinatrice di nettare, poi di polline, ed infine di propoli, produzione quest’ultima riservata alle api più anziane e più esperte. La pappa reale, a differenza degli altri prodotti dell’alveare, non viene raccolta sui fiori e sulle piante, essa è prodotta dalle giovani api operaie addette all’allevamento della covata, nel periodo in cui svolgono il compito di nutrici.

Produzione di pappa reale

Pappa reale produzione

Ecco come inizia il cilo produttivo della pappa reale:

Le ghiandole secretive che la producono sono quelle salivariesopra-cerebrali, dette anche faringee,  che entrano in funzione nel terzo giorno di vita e si atrofizzano dopo l’undicesimo giorno, quando all’ape verrà assegnato un nuovo compito. Le ghiandole faringee si trovano ai lati del capo e sono collegate alla bocca dell’ape tramite uno stretto canale. Con la pappa reale le api nutrici alimenteranno le larve delle future api operaiesolo per i primi tre giorni, si potrebbe dire anche 72 ore, che è poi la stessa cosa, perché l’orologio biologico che Madre Natura ha dato in dotazione alle api è molto preciso… Passati i tre giorni di alimentazione a base di pappa reale il menu cambia e sarà composto da miele, acqua e polline. Per tutte, meno la eventuale nuova ape regina, che continuerà ad essere alimentata con pappa reale, anche dopo il terzo giorno, fino al momento in cui la sua cella reale, come tutte quelle standard delle api operaie, non verranno opercolate con un diaframma di cera, a completare la trasformazione da larva in pupa e infine l’insetto formato. E’ stupefacente pensare alla misteriosa evoluzione fisiologica della larva destinata a diventare la nuova ape regina, e per questo alimentata solo con pappa reale: grazie al regale alimento, infatti, la larva sarà in grado di aumentare il suo peso di 1250 volte in soli cinque giorni! Per il resto della sua vita, circa cinque anni rispetto alle sei settimane dell’ape operaia, la pappa reale costituirà il suo esclusivo nutrimento, finalizzato alla prosecuzione della specie tramite deposizione di uova senza sosta, circa 2000 al giorno, pari a due volte e mezzo il suo peso corporeo! E’ opinione condivisa che la longevità della regina sia dovuta all’esclusivo consumo di pappa reale, e tale osservazione sta alla base della popolarità che la pappa reale ha guadagnato presso l’opinione pubblica.

Concludiamo con: " Mangiare la pappa reale fa bene"

Si tratta probabilmente dell’alimento più complesso e nutriente prodotto da animale, insetto o pianta. La sua composizione comprende vitamine A, C, D, E, ed è ricca di vitamine del complesso B, come biotina, acido folico, inositolo.

La pappa reale è anche la più ricca fonte di acido pantotenico naturale, noto per la sua efficace azione nel combattere l’affaticamento. Nella sua composizione si contano venti aminoacidi, con la più alta concentrazione di cistina, lisina, e arginina.

La pappa reale è anche ricca di acidi grassi essenziali e di composti fosforosi, è inoltre la sostanza con maggior concentrato di acetilcolina naturale, una sostanza che facilita il trasferimento degli impulsi nervosi da una fibra nervosa all’altra nei terminali nervosi del cervello. I pazienti colpiti dal morbo di Alzheimer soffrono di una carenza di acetilcolina nel cervello, la sostanza indispensabile nell’attività cerebrale e nella salute della memoria.

Informazioni dedicate al processo produttivo della pappa reale.

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: