Parodontite

La parodontite è una infezione gengivale grave che distrugge i tessuti molli e le ossa che supportano i denti, la parodontite può causare la perdita dei denti o peggio un aumentato rischio di infarto o ictus e altri gravi problemi di salute. La parodontite è comune, ma in gran parte prevenibile. Infatti è solitamente il risultato di una cattiva igiene orale. Ogni giorno spazzolino e filo interdentale e regolare pulizia dentale professionale possono ridurre notevolmente le probabilità di sviluppare la malattia.

Parodontite cosa sapere

Parodontite

La parodontite

Sintomi per la parodontite

Segni e sintomi di parodontite possono includere:

  • Gengive gonfie
  • Brillanti gengive di colore rosso o violaceo
  • Gengive che si ritraggono in caso di contatto
  • Gengive che si tirano fuori dai denti, rendendoli più lunghi del normale
  • Sviluppo di nuovi spazi tra i denti
  • Pus tra denti e gengive
  • Alito cattivo
  • Cattivo gusto in bocca
  • Denti allentati
  • Un cambiamento nel modo in cui i denti si incastrano gli uni sotto gli altri

Tipi di parodontite

Ci sono diversi tipi, o classi, di parodontite. La parodontite cronica è la classe più comune, che colpisce soprattutto gli adulti, anche se i bambini possono essere influenzati.
La parodontite aggressiva di solito inizia nell'infanzia o nella prima età adulta e colpisce solo l'1-2 per cento della popolazione.

Quando vedere un dentista

Le gengive sane sono di colore rosa fermo e pallido. Se le gengive sono gonfie, rosso scuro e sanguinano facilmente, o mostrano altri segni o sintomi di parodontite, consultare il dentista al più presto. Prima si cercano cure, maggiori sono le possibilità di risolvere i danni da parodontite e prevenire altri gravi problemi di salute.

Cause della parodontite

Si pensa che placca sia la causa della parodontite. Questo film appiccicoso è composto principalmente da batteri e si forma sui denti quando gli amidi e gli zuccheri presenti negli alimenti interagiscono con i batteri che normalmente si trovano in bocca. Lavarsi i denti rimuove la placca, ma essa si riforma rapidamente, di solito entro 24 ore. La placca che rimane sui denti più di due o tre giorni può indurire sotto la gengiva trasformandosi in tartaro. Questo è molto più difficile da rimuovere e funge da serbatoio per i batteri. Di più, di solito non  è possibile sbarazzarsi del tartaro con lo spazzolino e il filo interdentale, ma c'è bisogno di una pulizia dentale professionale. Più la placca e il tartaro rimangono sui denti, più danni possono fare. Inizialmente, essi possono semplicemente irritare e infiammare la gengiva, la parte intorno alla base dei denti. Questa condizione si chiama gengivite, la forma più lieve della malattia parodontale. Ma l'infiammazione  alla fine causa lo sviluppo di tasche tra le gengive e i denti che si riempiono di placca, tartaro e batteri. Nel tempo, queste sacche diventano sempre più ricche di batteri che si accumulano sempre più profondamente, e col passare del tempo anche sotto il tessuto gengivale. Queste infezioni profonde causano perdita di tessuto e ossa. Se l'osso troppo è distrutto, si rischia di perdere uno o più denti.

Fattori di rischio per la parodontite

Fattori che possono aumentare il rischio di parodontite sono:

  • Gengivite
  • Eredità
  • Cattive abitudini riguardo alla salute orale
  • Uso di tabacco
  • Diabete
  • Età avanzata
  • Diminuzione dell'immunità, come quella che si verifica quando si soffre di leucemia o di HIV / AIDS o ci si sottopone a chemioterapia
  • Scarsa nutrizione
  • Alcuni farmaci
  • Cambiamenti ormonali, come quelli legati alla gravidanza o la menopausa
  • Abuso di sostanze

Possibili complicazioni della parodontite

Il risultato più evidente della parodontite non trattata è la perdita dei denti.

Ma potreste essere sorpresi da alcune altre complicazioni associate alla malattia gengivale, tra cui:

  • Malattia coronarica
  • Basso peso alla nascita dei neonati
  • Diabete scarsamente controllato
  • Problemi respiratori

La ricerca suggerisce che i batteri responsabili della parodontite possono essere inalati o arrivare al flusso sanguigno attraverso il tessuto gengivale, colpendo i polmoni, il cuore e altre parti del corpo. Per esempio, i batteri possono viaggiare attraverso le arterie fino al cuore, dove possono innescare un ciclo di infiammazione e restringimento delle arterie che contribuiscono a provocare attacchi di cuore.

Se si nota un sintomo qualsiasi di parodontite, fissare un appuntamento con il dentista il più presto possibile. Ecco alcune informazioni utili per prepararsi per l'appuntamento, e cosa aspettarsi dal vostro dentista.

Cosa si può fare

Elaborare un elenco di domande da porre al vostro dentista.

Alcune domande su cui si consiglia di discutere sono:

  • Qual è il fattore probabile che causa i miei sintomi?
  • Di che tipo di test, se del caso, ho bisogno?
  • Qual è il miglior modo di agire?
  • Posso curare la parodontite da solo?
  • Quali sono le alternative per l'approccio che mi viene suggerito?
  • Ci sono delle restrizioni che devo seguire?
  • Ci sono opuscoli o altro materiale stampato che posso portare a casa con me?
  • Quali siti mi consiglia?

Non esitate a fare altre domande durante il vostro appuntamento.

Cosa aspettarsi dal tuo dentista

Il dentista può fare domande circa i sintomi, del tipo:

  • Quando hai cominciato ad avvertire i sintomi?
  • I sintomi sono continuo o occasionali?
  • Qual è la routine di salute orale?
  • Quali sono le tue condizioni mediche?
  • Quali farmaci prendi?
  • Vengono utilizzati prodotti del tabacco?
  • A seconda dell'estensione della parodontite, il dentista può fare riferimento ad un parodontologo per il trattamento.

Test e diagnosi

La diagnosi di parodontite è generalmente semplice. Essa si basa sulla descrizione dei sintomi e un esame della bocca. Il dentista cerca l'accumulo di placca e di tartaro e verificare la presenza di emorragia.
Per controllare la salute del tessuto gengivale, il dentista può utilizzare una sonda di metallo per misurare la profondità del solco che esiste tra le gengive e i denti. La sonda viene inserita accanto al  dente sotto il margine gengivale, di solito in diversi siti in tutta la bocca. Le misure prese possono aiutare a determinare la gravità della parodontite.

Trattamenti e farmaci

Ci sono diversi modi per curare la parodontite, a seconda della sua gravità. L'obiettivo del trattamento della parodontite è quello di pulire a fondo le tasche dai batteri e di prevenire ulteriori danni. Il trattamento può essere effettuato da un parodontologo, un dentista o un igienista dentale. Il trattamento è più efficace quando si adotta una routine quotidiana di una buona igiene orale.

Trattamenti non chirurgici

Se la parodontite non è avanzata, il trattamento può prevedere procedure meno invasive, tra cui:
Scalatura. Lo scaling, o scalatura, rimuove tartaro e batteri dalla superficie dei denti e sotto le gengive. Può essere eseguita con strumenti appositi o con un dispositivo a ultrasuoni. Levigatura radicolare. Questo trattamento eviga le superfici radicolari, scoraggiando ulteriormente l'accumulo di tartaro.
Antibiotici. L'uso di antibiotici per curare la parodontite rimane aperta al dibattito. Il parodontologo o il dentista possono raccomandare l'uso di antibiotici per uso topico o orale per il controllo delle infezioni batteriche. Gli antibiotici topici sono in genere il trattamento adottato. Possono includere collutori antibiotico o inserimento di fili e gel contenenti antibiotici nello spazio tra i denti e le gengive o nelle tasche dopo la pulizia profonda. Tuttavia, gli antibiotici per via orale possono essere necessari per eliminare completamente i batteri che causano infezioni.

Trattamenti chirurgici

Se si soffre di parodontite avanzata, il tessuto gengivale potrebbe non rispondore ai trattamenti non chirurgici e ad una buona igiene orale. In tal caso, il trattamento della parodontite può richiedere un intervento chirurgico odontoiatrico, come ad esempio:

Riduzione chirurgica della tasca. In questa procedura, il parodontologo applica piccole incisioni in modo che una sezione di tessuto gengivale può essere sollevata di nuovo, esponendo le radici. Poiché la parodontite è spesso causa di perdita di massa ossea, l'osso sottostante può essere ricostruito prima che la gengiva venga suturata al suo posto. La procedura richiede in genere 1-3 ore e viene eseguita in anestesia locale.
Innesti di tessuto molle. Quando si perde tessuto gengivale, il margine gengivale si allontana, facendo apparire i denti più lunghi del normale. Potrebbe essere necessario sostituire il tessuto danneggiato. Questo lavoro è di solito eseguito rimuovendo una piccola quantità di tessuto dal tetto della bocca (palato) o da un'altra fonte donatrice e allegandola al sito interessato. Questa procedura può aiutare a ridurre ulteriormente la recessione gengivale, coprire le radici esposte e dare i denti un aspetto più gradevole esteticamente.
Innesto osseo. Questa procedura viene eseguita quando la parodontite ha distrutto l'osso che circonda la radice del dente. L'innesto può essere composto da piccoli frammenti di ossa proprie o sintetiche o donate. L'innesto osseo aiuta a prevenire la perdita dei denti tenendo il dente al suo posto, e serve anche come piattaforma per la ricrescita del tessuto osseo naturale. L'innesto osseo può essere eseguito nel corso di una tecnica chiamata rigenerazione tissutale guidata.

Rigenerazione tissutale guidata. Ciò permette la ricrescita dell'osso che è stato distrutto dai batteri. Il dentista mette un pezzo speciale di tessuto biocompatibile tra l'osso esistente e il dente. Il materiale impedisce che il tessuto indesiderato penetri nella zona dolente, permettendo all'osso di ricrescere.

Applicazione di smalto matrice. Un'altra tecnica comporta l'applicazione di un gel speciale alla radice del dente malato. Questo gel contiene le stesse proteine che si trovano durante lo sviluppo nello smalto dei denti e stimola la crescita delle ossa e dei tessuti.

Stile di vita e rimedi casalinghi per la parodontite

Potete prendere alcune misure a casa per aiutare a ridurre o prevenire la parodontite, tra cui:

  • Fare una regolare pulizia dentale professionale, su un programma raccomandato dal vostro dentista
  • Usare uno spazzolino morbido e sostituirlo almeno ogni tre o quattro mesi.
  • Considerare l'uso di uno spazzolino elettrico, che può essere più efficace nella rimozione di placca e tartaro
  • Lavarsi i denti due volte al giorno o, meglio ancora, dopo ogni pasto o spuntino
  • Usare il filo interdentale quotidianamente
  • Usare un collutorio per contribuire a ridurre la placca tra i denti
  • Utilizzare un supplemento per lavarsi i denti come un detergente interdentale, per esempio uno strumento apposito o un bastone dentale appositamente progettato per pulire gli spazi fra i denti
  • Non fare affidamento su un dentifricio antitartaro per fare il lavoro che devono fare spazzolino e filo interdentale

Prevenzione per la parodontite

Il modo migliore per prevenire la parodontite è quello di seguire un programma di buona igiene orale, che si inizi presto e si pratichi costantemente per tutta la vita. Ciò significa lavarsi i denti almeno due volte al giorno - al mattino e prima di andare a letto - e utilizzare il filo interdentale almeno una volta al giorno. Meglio ancora, usare lo spazzolino dopo ogni pasto o spuntino o come il vostro dentista consiglia. Una pulizia completa con uno spazzolino e filo interdentale deve richiedere dai tre ai cinque minuti. L'uso del filo interdentale prima dello spazzolino permette di pulire via le particelle di cibo e i batteri.

Considerazioni finali sulla parodontite

Vedete il vostro dentista o igienista dentale regolarmente per le pulizie, di solito ogni 6-12 mesi. Se si dispone di fattori di rischio che aumentano le probabilità di sviluppare parodontite, può essere necessario eseguire più spesso la pulizia professionale dei denti.

Informazioni e consigli dedicati alla parodontite.