Parto cesareo; programmato o parto naturale?

Il parto cesareo è più diffuso tra le donne di quanto si possa pensare.

Parto cesareo quando? Quali sono i rischi del parto cesareo? Anche se il parto naturale è il modo più comune per partorire, un parto cesareo è spesso consigliato ed eseguito in determinate situazioni, la sicurezza relativa ai parti cesarei ha visto un aumento del numero di donne che partoriscono in questo modo. Un parto cesareo può essere programmato in anticipo (sezione elettivo) o essere eseguito all’ultimo, soprattutto se ci sono complicazioni o difficoltà durante il parto (sezione di emergenza).

Parto cesareo; programmato o parto naturale?

Parto cesareo

Un taglio cesareo di tipo elettivo viene effettuato 1-2 settimane prima della data prevista per il parto. In questo modo il bambino sarà prematuro.

Quando è necessario un cesareo?

In alcune situazioni un taglio cesareo può essere l'unica opzione sicura per la salute della madre e del bambino, per esempio quando:

  • La placenta si trova così in basso nell’utero che copre l'uscita per il canale del parto (collo dell'utero). Questo si chiama previa placenta.
  • L'ostetrica scopre che la salute del bambino è in pericolo a causa della mancanza di ossigeno.
  • Non vi è sanguinamento vaginale e un parto naturale non sembra fattibile.
  • Il cordone ombelicale si porta in avanti e il bambino non può essere partorito facilmente (una condizione nota come il prolasso del cavo).

In altre situazioni un parto cesareo può essere considerato l'opzione più sicura, anche se un parto vaginale è una possibilità naturale, come ad esempio:

  • Se il bambino è sdraiato con la testa verso l'alto (baby podalica).
  • Se la madre è influenzata da pressione alta o da un’altra patologia.
  • Se il feto è troppo piccolo o troppo debole per sopravvivere a un parto naturale.
  • Se la madre ha avuto un parto cesareo prima.
  • In casi molto rari, quando la madre è così preoccupata per il parto, al punto che un cesareo è considerata la soluzione ottimale.

Se si desidera avere un taglio cesareo senza una particolare esigenza medica, dovreste parlarne con il ginecologo. Naturalmente, non si può disporre automaticamente del diritto di chiedere un cesareo, se non c’è un particolare interesse medico.

Cosa succede durante un parto cesareo?

Per un taglio cesareo è necessario un chirurgo (ginecologo), il suo assistente, l'anestesista e l’assistente dell’anestesista, due infermieri, un’ostetrica e un pediatra. Il vostro partner può essere presente se l'operazione si svolge in anestesia spinale o epidurale. Viene effettuata un'incisione di circa 20 centimetri su tutto il basso addome. Il grembo è di facile apertura e richiede solo alcuni minuti prima che il bambino possa nascere. Dopo la placenta viene estratta e l'ostetrico chiude l'incisione attraverso l’applicazione di punti sulla parte. Dall'inizio alla fine, un taglio cesareo senza complicazioni durerà tra il 20 e 30 minuti.

Cosa mi sentirò durante il cesareo?

La maggior parte degli anestesisti effettuerà un'anestesia spinale o epidurale attraverso un sottile ago collocato a metà strada lungo la spina dorsale. Proverete una sensazione di pressione durante il parto cesareo, ma non sentirete dolore. Un anestetico generale può essere consigliato in determinate circostanze.

Quali sono i rischi del parto cesareo?

Un taglio cesareo è un intervento sicuro per voi e il vostro bambino. Tuttavia, come per qualsiasi intervento chirurgico importante, ci sono dei rischi. I rischi principali sono previsti per la madre, come un notevole sanguinamento, al momento della chirurgia e dopo il parto, o ancora un’infezione della ferita o lo sviluppo di un coagulo di sangue (trombosi) nelle vene delle gambe. Il vostro ginecologo e l’ostetrica garantiscono che vengano prese misure appropriate per ridurre il rischio di sviluppare complicanze.

Cosa succede dopo il cesareo?

Nella maggior parte delle donne e circa nelle 24 ore successive ad un cesareo, il dolore della ferita è controllata con analgesici appropriati, non solo, ma potranno lasciare, il più delle volte, l'ospedale tre o quattro giorni dopo il parto. Naturalmente, un parto cesareo non dovrebbe impedire ad una madre di allattare il suo bambino.

Per le gravidanze future potrebbe ancora essere necessario un taglio cesareo, tuttavia, la maggior parte delle donne saranno comunque in grado di avere un parto vaginale alla volta successiva.

Gravidanza on line

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo parto cesareo; programmato o parto naturale?

ciao sono cetty, io mercoledì 6 aprile dovrò fare il cesareo con la spinale, ho una paura folle, questo p il mio secondo bimbo, anche il primo dopo un lungo travaglio hanno dovuto ricorrere al cesareo, ma questa la sto vivendo diversamente, ho paura dell'anestesia, sentire addormentata tutta la parte e poi che mi possa succedere qualcosa e non godermi i miei figli. Insomma sono molto fifona, cosa mi potete dire?

Lascia il tuo commento: