Pastinaca in omeopatia

La pianta dalle proprietà benefiche pastinaca sativa, appartiene alla famiglia delle Ombrellifere ed è una pianta conosciuta sin dai tempi antichi, basti pensare che già nel Medioevo i semi di pastinaca venivano spesso utilizzati per le loro proprietà terapeutiche tanto che già nel lontano 1554 il famoso Matthiolus, il medico dell'imperatore Ferdinando I d'Asburgo, nel suo erbolario documentava e consigliava l'uso dei semi di pastinaca contro mal di pancia, disturbi alla vescica, ai reni e polmoni, mal di stomaco e reumatismi e l'impotenza.

Pastinaca in omeopatia

pastinaca

Oggi la medicina naturale prescrive la pastinaca contro disturbi gastrointestinali.

L'olio essenziale contenuto nei semi ha proprietà simili all'essenza di cumino: diminuisce i gonfiori e stimola la secrezione biliare.

La radice invece si può gustare da sola o aggiunta alle insalate.

Azione terapeutica della pastinaca

L'olio essenziale contenuto nei semi di pastinaca svolge un 'azione benefica su tutto l'apparato gastrointestinale.

Infatti stimola la digestione e riduce i gonfiori, favorisce la respirazione quando si è raffreddati e stimola il sistema nervoso.

La radice, che contiene molti sali minerali e le vitamine B e C, aumenta l'attività cellulare e quella dell'organismo in generale

Composizione della pastinaca

I semi di pastinaca contengono un olio essenziale che ha proprietà simili a quelle del cumino.

Nella radice, invece, si trovano un olio grasso, alcaloidi, furocumarine e pectine. In 100 g di radice sono contenuti il 18% di carboidrati, 18 mg di vitamina C, 469 mg di potassio che supporta l'attività cellulare, 50 mg di calcio e 22 mg di magnesio che fortifica i muscoli e rilassa il sistema nervoso.

Infine la radice contiene anche piccole quantità del complesso vitaminico B e fosforo.

È un ottimo alimento dietetico: 100 g di radice, infatti, corrispondono a 22 kcal e contengono 12 g di fibre.

 

La pastinaca sativa...

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: