Dermatite seborroica e perdita dei capelli

La dermatite seborroica, detta molto più comunemente forfora, è un disturbo che colpisce molte donne di carnagione scura. Le zone maggiormente colpite sono le aree tra il naso e la bocca (le pieghe naso-labiali) e le orecchie. Più raramente il disturbo si estende sul petto e sul collo.

Dermatite seborroica e perdita dei capelli

Dermatite seborroica e capelli

Dermatite seborroica e perdita dei capelli

Può presentarsi in due forme: una più sottile e leggera di colore biancastra o come fiocchi più spessi di tonalità giallastra: talvolta può essere collegata alla desquamazione che rende l’effetto estetico ancora più sgradevole. I sintomi che le donne interessate da questo problema ravvisano con maggiore frequenza sono l’irritazione del cuoio capelluto accompagnata dalla secchezza che stimola il prurito: grattarsi, tuttavia, non porta sollievo ed è invece una pratica altamente sconsigliata.

Quali sono le cause della dermatite seborrea?

In alcuni soggetti predisposti, la dermatite seborrea è stata ricondotta alla presenza del lievito Malessezia Furfur (Pityrosporum ovale): tuttavia, si tratta di una sostanza naturalmente insita nell’organismo e per questo va associata soltanto ai casi di persone che hanno una naturale inclinazione a sviluppare questa problematica. Troppo spesso la malattia viene confusa con altre patologie che prevedono una sintomatologia simile: infatti, può essere motivo d’equivoco la presenza di una reazione organica simile che diventa talvolta la causa di errori di valutazione. Una diagnosi superficiale può scambiarla con l’infezione, con la presenza di funghi con la tigna e con molte altre malattie.

Quale trattamento seguire per risolvere il problema?

Sono presenti dei prodotti specifici che possono alleviare i disturbi o addirittura riuscire a far superare il problema. Ecco perché bisogna optare per shampoo di qualità che non comportino effetti collaterali perché in casi tanto delicati, utilizzare prodotti troppo aggressivi non aiuta creando semmai nuovi motivi di disturbo. Nelle donne che presentano capelli lisci è più facile lavare i capelli tutti i giorni mentre in presenza di capelli ricci, trattati o simili, è più difficile adoperare uno shampoo adatto per la dermatite seborrea tutti i giorni. In questi casi bisogna limitarsi ad uno o due applicazioni di shampoo al giorno. In queste lozioni sono contenuti un corticosteroide o un farmaco specifico nella lotta contro i funghi: si possono trovare le seguenti componenti ketoconazolo 2% o ciclopriox.

Consigli sul come adoperare lo shampoo

In caso di dermatite seborrea anche i dettagli diventano decisivi anche i dettagli: pertanto dobbiamo prestare attenzione anche alle modalità con cui detergiamo i nostri capelli con prodotti specifici. Ecco riportata quale dovrebbe essere la prassi corretta da seguire:

  • Ripetere il trattamento con costanza almeno una o due volte alla settimana finchè non si sono registrati risultati inequivocabilmente importanti certificati anche dal parere del medico;
  • Preparare il cuoio capelluto con una precedente schiumatura per ridurre al minimo il contatto tra lo shampoo e i capelli;
  • Lasciare agire la schiuma sul cuoio capelluto per almeno cinque minuti in modo da ottenere un effetto più intenso;
  • Sciacquare prima il cuoio capelluto e poi i capelli con grande attenzione e delicatezza;
  • Non toccare ulteriormente i capelli  per altri dieci minuti in modo da non creare altre situazioni di stress favorendo il ripristino dell’equilibrio normale.
  • Seguire le indicazioni riportate sulle confezioni dei farmaci in modo scrupoloso: si tratta di sostanze delicate che vanno maneggiate con cura. E’ indispensabile essere precisi e attenti a non commettere errori.

Corticosteroidi tipici

Si tratta di sostanze che possono aiutare le donne afflitte da dermatite seborrea. La preparazione prevede che si fondano in un unguento olio, lozione o schiuma nelle modalità più adatte alle condizioni di ogni paziente. Uno studio ha dimostrato l’efficacia di tali prodotti sugli afroamericani con questo problema non dando alcun problema di intolleranza e senza snaturare la tipologia di capello. Per le persone che soffrono di una forma più pesante di dermatite che si manifesta con grossi fiocchi, l’unguento può essere applicato la sera prima di andare a letto ed essere rimosso il mattino successivo dopo aver dato tempo di agire durante la notte. Tuttavia si tratta di sostanze il cui uso va limitato nel tempo perché nel lungo periodo l’abuso può comportare effetti collaterali anche piuttosto seri come l’assottigliamento della pelle e l’interferenza con il normale funzionamento dei vasi sanguigni.

Agenti locali da utilizzare nella lotta contro le infezioni derivanti dai funghi

Ci sono numerosi agenti che vengono impiegati in lozioni, pomate e creme realizzate con l’obiettivo di combattere le fastidiosi infezioni provocate da funghi. Tra questi agenti possiamo ricordare lo zinco, il miconazolo, il ketoconazolo, il fluconazolo. La casistica ci indica che questi prodotti hanno dato buona prova nei campioni considerati senza comportare alcun rischio di effetto collaterale

Immunomodulatori topici

Questi prodotti come gli antimicotici, presentano il vantaggio di non causare alcun effetto indesiderato e per questo possono essere somministrati con maggiore serenità rispetto ai corticosteroide. Alcuni studi confermano come il loro impiego abbia dato giovamento al 70% dei soggetti analizzati seppur in modalità e tempistiche diverse.

Considerazione finale sulla dermatite seborroica e la perdita dei capelli

La dermatite seborrea è una malattia che colpisce principalmente le persone di colore comportando fastidi piuttosto seri che non si limitano a deturpare l’aspetto estetico ma che incidono sulla sicurezza dei soggetti che ne sono afflitti. Lo sfaldamento della cute in determinate zone e la formazioni di sgradevoli fiocchi di color giallastro rischiano di diventare un incubo per molte persone. Ecco perché è necessario rivolgersi prontamente ad un esperto che dopo aver studiato la situazione somministrerà i prodotti più indicati suggerendoci anche quale shampoo utilizzare. Infatti, non è un caso che talvolta tale sintomatologia non venga individuata correttamente perché spesso interessa soggetti provenienti da zone dove le strutture mediche non sono all’avanguardia: in realtà a dispetto di segni assolutamente poco rassicuranti come la desquamazione della pelle si contrappone la possibilità concreta di porre rimedio alla situazione. Come raccomandazione generale si può affermare che è bene evitare tutte quelle lozioni che finiscono con l’asciugare ulteriormente i capelli aggravando la preesistente situazione di secchezza. Una volta trovato il giusto rimedio, è bene comunque continuare a farsi controllare da un esperto che deciderà quando interrompere il trattamento per evitare che si verifichino effetti collaterali. A differenza di altre patologie tricologiche questa ha una natura più complessa e quindi non consente di trovare soluzioni da soli: le analisi fai da te rischiano soltanto di far perdere tempo consentendo al disturbo di progredire divenendo successivamente più tenace alla cure. Serenità nel vivere la situazione senza essere preda di isterismo e umiltà nel rivolgersi a chi è più competente sono gli ingredienti più semplici per affrontare la questione aumentando le possibilità di vincere la battaglia contro la dermatite seborrea.

La dermatite seborroica è una patologia che può favorire la perdita dei capelli.

Capelli: bellezza capelli

Lascia il tuo commento: