Perdita dei capelli nella donna e rimedi

Esistono rimedi per la perdita dei capelli nella donna? E’ considerato il triste giorno dei capelli: arriva quando una donna pettinandosi scopre che nel lavandino non sono rimasti soltanto alcuni fili ma intere ciocche. A quel punto si guarderà con più attenzione allo specchio e verificando il diradamento, inizierà a sviluppare cattivi pensieri temendo che il suo aspetto possa presto irrimediabilmente rovinarsi.

Perdita dei capelli nella donna e rimedi

Perdita capelli donna

Se non è associata ad altre patologie, la perdita di capelli non determina alcun grave cambiamento nel quadro clinico e se confrontata con altri disturbi è senz’altro meno terribile. Tuttavia per un donna può rappresentare un momento di profondo sconforto perché la paura non permette di accettarsi rendendo anche problematiche le reazioni con l’esterno. Soprattutto, perché a differenza degli uomini, difficilmente la perdita di capelli non comporta contraccolpi sul look e questo fa sì che la situazione vada affrontata con energia. Meglio essere chiari a costo di essere bruschi: nella maggior parte dei casi, allorché la causa è di natura genetica, è pressoché impossibile giungere alla risoluzione definitiva. Tuttavia, il processo di caduta può essere frenato, talvolta bloccato permettendo di ritrovare almeno in parte la serenità per guardarsi allo specchio senza provare quella sgradevole sensazione di frustrazione. Ma cosa si può concretamente fare per cercare di mettere una pezza a questo problema? Alcuni accorgimenti sono così semplici da poter essere attuati senza alcun timore perché non presentano alcun effetto collaterali, altri rimedi vanno seguiti soltanto se prescritti dal medico perché riguardano sostanze da assumere con attenzione e secondo precise modalità in base al quadro specifico del soggetto interessato

Cosa fare per arrestare la perdita dei capelli? Quali sono i rimedi?

  • Alimentazione: C’è una regola semplice da ricordare ma disarmante nella sua efficacia. Non tutto ciò che mangiamo può essere applicato sui capelli, ma certamente tutto ciò che riguarda l’alimentazione e che fa bene al nostro organismo, crea giovamento anche ai nostri capelli. Quindi privilegiamo i cibi ricchi di vitamine e di antiossidanti come la frutta e la verdura facendo in modo che non manchino mai nel nostro menu. Impariamo a distinguere i grassi evitando quelli saturi e scoprendo le virtù di quelli pregiati come gli omega 3.che abbondano nella soia, nelle noci e nel pesce
  • Integratori: una comoda soluzione per aiutare i capelli a rinforzarsi abbassando il rischio di caduta consiste nell’assumere integratori per recuperare le vitamine di cui si ha carenza. Tra questa ricordiamo la B12 che può essere rintracciata in comodi flaconi reperibili in farmacia.
  • Biotina: La biotina è una componente essenziale nella crescita dei capelli e partecipa alla formazione anche delle unghie e alla rigenerazione della pelle. E’ presente in alimenti come i tuorli d’uovo o il fegato animale ma in quantità insufficienti a quante ne servono ai nostri capelli. Ecco perché bisogna integrare con flaconi specifici per riuscire a dare un sostegno alla nostra chioma rinforzandola e riattivando i processi biochimici che in essa si sviluppano
  • Zinco e rame: sono due elementi utili per i nostri capelli ma devono essere somministrati con grande attenzione. Non ha senso rafforzare i nostri capelli se creiamo squilibri al nostro organismo: quindi bisogna sempre ricordarsi che zinco e rame possono risultare tossici per il nostro corpo. Per trovare un giusto equilibrio tra le esigenze dei nostri capelli e la salvaguardia della nostra acconciatura, dobbiamo dosare zinco e rame in quantità moderate aiutandoci con il consulto di un medico che dopo aver monitorato la situazione, ci fornirà tutte le indicazioni necessarie
  • Methilsulfonylmehane: il nome è talmente complicato da rendere particolarmente comoda l’abbreviazione in MSM. Tuttavia, a dispetto del primo impatto si tratta di una sostanza particolarmente utile per i nostri capelli che si può trovare nello zolfo e che può essere assunta attraverso integratori e prodotti specifici. Il medico in questo caso è fondamentale perché stabilirà il giusto dosaggio dopo aver visionato i dati del singolo: si tratta di trovare un equilibrio ed è impossibile farlo da soli se si è privi delle relative conoscenze mediche.
  • Tè verde: Gli studi sul tè verde sono contrastanti e i pareri dei medici si dividono tra coloro che credono che tale bevanda possa incidere positivamente e coloro che sostengono che le prove a riguardo siano troppo deboli. L’influenza del te verde sull’assimilazione di un ormone femminile coinvolto nella crescita e nella ricrescita dei capelli non è del tutto certificata e ciò fa sì che non tutti i tricologi raccomandino questa sostanza così semplice da trovare. Tuttavia, tutti sono concordi nel sostenere che il tè verde ha proprietà rilevanti come antiossidante e ciò può far bene all’organismo in generale e indirettamente anche ai nostri capelli. Quindi consumare te verde non può certo essere sconsigliato anche se non può essere l’unico accorgimento in questo genere di terapia
  • Rimedi tradizionali e casalinghi: vi sono anche alcune tradizioni ammantate dalla dimensione della leggenda che millantano di poter aiutare la ricrescita dei capelli. Tra queste vanno annoverato le lozioni basate sull’estratto di liquirizia, su quello di silice o che vedono lo zenzero come protagonista. La validità scientifica di questi tentativi è tutt’altro che confermata: tuttavia, presentano il vantaggio di essere naturali, facili da reperire e privi di effetti collaterali. Quindi si può fare un tentativo senza timore di peggiorare la situazione ma è bene ricordarsi di scegliere anche strade più battute se si voglio avere più probabilità di ottenere risultati positivi
  • Evitare shampoo troppo aggressivi: Su questi prodotti vanno evitati motivi di contraddizione o ancora peggio di falsa informazione. Innanzi tutto, si può concordare sul fatto che lozioni troppo aggressive o di scarsa qualità possano incidere negativamente sulla salute del capello sfibrandolo, e nei casi più gravi, conducendo alla caduta dello stesso. Tuttavia, questo genere di danni non è permanente e se si capisce l’errore è possibile rimediare sostituendo lo shampoo responsabile della caduta con un analogo prodotto che però non comporti gli stessi svantaggi. Purtroppo, non si può dire la stessa cosa della perdita di capelli dovuta a cause genetiche che non può essere arrestata con la stessa facilità

Considerazione finale sulla perdita dei capelli nella donna

Se può consolare, si può tenere a mente che  anche tante bellissime star di Hollywood hanno avuto a che fare con problemi relativi alla loro chioma. Trovare una soluzione definitiva non è facile soprattutto se si tratta di dover combattere con una tara genetica, tuttavia, non mancano le opportunità di cercare rimedi attingendo a ciò che la letteratura scientifica e i test clinici ci hanno insegnato. L’importante è sapere ciò che si sta facendo ignorando le bugie di chi promette effetti miracolosi con pillole, flaconi e lozioni che non sono state riconosciute da alcuna rivista medica e che non hanno ricevuto l’approvazione degli esperti. Meglio unire l’impiego di prodotti consigliati dai tricologi con l’introduzione di sane abitudini alimentari assolutamente prive di controindicazioni che possono fattivamente aiutarci a vincere questa battaglia. Se lo stress è nemico dei capelli, figuriamoci lo stress provocato dall’osservazione della caduta dei nostri capelli: meglio mantenere la lucidità necessaria per vivere la situazione nel modo giusto cercando di rimediare a questo problema ricordandosi che si tratta il più delle volte di un motivo di disturbo soltanto sul piano estetico assolutamente estraneo ad una patologia più seria.

Suggerimenti e rimedi per la perdita dei capelli nella donna.

Capelli: bellezza capelli

Lascia il tuo commento: