Perdita di capelli e cure

La perdita di capelli viene vista come un fenomeno negativo in termini assoluto: in realtà si tratta di un processo naturale.

Nelle situazioni normali, ogni capello che cade viene sostituito da uno nuovo che spunta; tuttavia, con il tempo o in seguito a disturbi di varia natura la perdita non viene bilanciata e la nostra chioma inizia progressivamente a sfoltirsi.

Perdita di capelli e cure

Perdita capelli cure

Per le donne il fenomeno è contraddistinto da due aspetti antitetici che rendono difficile determinarne i possibili riscontri. Da un lato è bene sottolineare che rispetto agli uomini, il tasso di caduta è decisamente più lento e ciò non può che essere considerato come un fattore decisamente positivo. Tuttavia, le implicazioni sociali e relazionali sono profondamente diverse e per una donna la perdita di capelli può avere conseguenze ben più pesanti. Infatti molti uomini che soffrono di calvizie possono rassicurarsi vedendo quanti divi del cinema o della musica si guadagnano l’ apprezzamento del pubblico femminile esibendo una testa calva o una stempiatura sempre più chiara. Al contrario, nelle donne la caduta dei capelli è associata ad un duro colpo alla propria avvenenza creando insicurezze, lacune nella propria autostima e stress psicologico.

Le cause della perdita di capelli

  • Infezioni o dermatiti: si manifestano con forme di alopecia localizzata; ovvero, aree definite del cuoio capelluto dove non si osserva la ricrescita e che si discostano dalle regioni circostanti. Possono creare inizialmente grande apprensione, ma si tratta di un disturbo che può essere corretto nella maggior parte dei casi. Bisogna affidarsi ad un medico specialista che sappia riconoscere la natura del problema fornendoci poi le indicazioni sulla terapia più adatta da seguire. Essendo l’origine del problema estemporanea, la cura è più semplice perché una volta superata l’infezione, i capelli riprendono la loro normale crescita.
  • Stress: E’ uno disturbi psico – somatici legati allo stress più comuni e più fastidiosi. Il rischio è di creare un circolo vizioso in cui l’osservare allo specchio una criniera diradata aggiunga tensione ad un quadro già delicato acuendo il problema. Il consiglio è di riuscire a ritrovare la serenità anche attraverso l’ausilio di un esperto che sappia comprendere la natura della patologia e iniziare a seguire abitudini più sane che ci regalino uno stile di vita più corretto. Un consiglio semplice? Non sacrificare ore di sonno ma cercare di dormire il giusto lasso di tempo e in modo regolare
  • Carenza di vitamine: Anche i nostri capelli vanno nutriti e hanno bisogno di sostanze che li rinforzino e che rendano possibili i processi biochimici che ne stanno alla base. I medici consigliano di non far mancare mai frutta e verdura che ci riforniscono di vitamina A, C ed E. Nella crescita dei capelli svolgono un ruolo decisivo anche la vitamina B (in particolare la vitamina B12) e gli acidi grassi tra cui gli Omega 3 che si ritrovano in forma abbondante nel pesce, nella soia e nell’olio delle noci di cocco
  • Cause genetiche: purtroppo la causa più comune è anche quella più tenace ai trattamenti. Innanzi tutto, fin da giovani è possibile capire il fattore di rischio osservando tra i propri familiari se vi sono casi di problemi tricologici in modo da prendere provvedimenti con anticipo monitorando costantemente la situazione.

Possibili e semplici cure naturali per la perdita dei capelli

  • Alimentazione: Molto spesso consideriamo i capelli come un elemento estraneo al nostro corpo, in realtà non è che un’estensione dello stesso. Normale quindi che se il nostro corpo non è in forma o è carente di quelle componenti che ne garantiscono il benessere, anche i capelli possono risentirne sfibrandosi, indebolendosi e infine cadendo. Quindi, per quanto possa apparire strano, la cura della nostra chioma comincia dalla tavola: inseriamo nel nostro menu frutta e verdura e aiuteremo la criniera a rimanere folta. Anche tra i grassi selezioniamo con cura quelli nobili come gli acidi omega 3 che attivano i processi biochimici della cute;
  • Igiene e scelta di prodotti di qualità: Frequentemente vediamo donne che piangono lacrime di coccodrillo vedendo i propri capelli indebolirsi e cadere dopo che per anni li hanno sottoposti ad ogni tipo di trattamento invasivo: strizzandoli, tingendoli, bruciandoli e applicando ogni forma di diavoleria per avere un risultato equilibrato. In realtà il cuoio capelluto è estremamente delicato e soffre l’uso di shampoo aggressivi e di altri prodotti che alterano il normale equilibrio. Quindi, è meglio curare i propri capelli selezionando detergenti di qualità, testati clinicamente e ipoallergenici
  • Farmaci specifici: Ci sono due farmaci che hanno dato buona prova contro l’incipiente calvizie. Propecia e Rogaine sono rimedi che vanno prescritti dal medico perché intervengono sull’equilibrio ormonale e presi in dosi eccessive possono creare scompensi di varia natura. I pro e i contro di questa scelta impediscono di fornire un giudizio oggettivo su di loro: è l’ analisi soggettiva delle singole condizioni a determinare la loro utilità
  • Trapianto: La chirurgia estetica ha messo a punto tecniche sempre più sofisticate che si promettono di risolvere in modo invasivo il problema. Possiamo distinguere il trapianto che consiste nell’inserzione di capelli nella zona affetta da maggior diradamento e la restrizione del cuoio capelluto che si propone di limitare l’area dove la crescita si è arrestata. Si tratta di soluzioni che hanno dimostrato di poter essere efficaci ma che non possono garantire un beneficio assoluto nel lungo periodo. Prima di intraprendere questa strada, è bene valutare con attenzione le alternative e le possibili conseguenze e in caso di decisione affermativa è fondamentale  rivolgersi a centri specializzati con medici che possono certificare la bontà del loro operato.
  • Parrucche e capelli posticci: sono opzioni che si possono applicare rapidamente con un costo ridotto e che funzionano per un periodo piuttosto ampio. Tuttavia, vi sono anche aspetti negativi come la paura che qualcuno possa accorgersi del trucco regalandoci una figura imbarazzante. E’, però, giusto ricordare come negli ultimi anni le parrucche, le extension e i capelli posticci abbiano iniziato ad essere realizzati con materiali e tecniche di maggiore qualità che conferiscono maggiore veridicità e che per questa ragione riducono il rischio di gaffe in situazioni pubbliche. Come sempre vi sono vantaggi e svantaggi che vanno ponderati in base ai gusti e alle esigenze dei soggetti interessati.

Considerazione finale sulle semplici cure per la perdita di capelli

Talvolta, i risultati negativi e il pericolo che il problema si ripresenti a distanza di anni ha creato molto scetticismo sui possibili rimedi contro la calvizie. Alcuni hanno parlato di mito della ricrescita per sottolineare come le speranze di ritrovare una chioma folta sono destinate ad essere disattese. Come sempre, è necessario trovare il giusto equilibrio che prevede di evitare un pessimismo così assoluto senza però credere che tutto sia possibile. Purtroppo, il fenomeno della perdita dei capelli è naturale: diventa motivo di disagio quando il processo è troppo rapido o inizia a far sentire i suoi effetti in età ancora giovane. Quindi, dobbiamo diffidare di chi promette di avere un miracoloso elisir in grado di risolvere ogni problema in poco tempo e senza sforzo, ma non dobbiamo neanche rinunciare a quegli accorgimenti che possono portare un miglioramento più o meno significativo al nostro caso.

Semplici ma efficaci cure naturali adatte per la perdita de capelli.

Capelli: bellezza capelli

Lascia il tuo commento: