Perdite vaginali verdastre

Perdite vaginali verdastre cosa fare? Il colore verdastro delle perdite vaginali non è cosi comune tra le donne, proprio perché è difficile notare questa particolare tonalità di colore. Le cause che comunque le provocano sono svariate e sono di tipi diversi. Il cancro al collo dell'utero è la prima causa, inizia nella cervice e aggredisce gli organi dell'apparato riproduttivo della donna. L'agente patogeno HPV è complice dello sviluppo di tale massa tumorale della cervice, ed è il fattore base delle perdite vaginali verdastre.

Perdite vaginali verdastre

Perdite vaginali verdastre

Le malattie sessualmente trasmissibili, invece, sono infezioni che si sviluppano proprio col contatto sessuale, queste infezioni poi daranno origine alle secrezioni vaginali. E ancora, la Vaginosi batterica è una condizione di infiammazione della vagina stessa causata da uno squilibrio dei batteri naturalmente presenti nell'organo genitale femminile.

Perdite verdastre:

Una modifica di tali batteri è la causa per la quale molte donne assistono a scarichi vaginali anche di tipologia verdastra. La Vaginite è un'altra condizione fisica della donna che provoca primariamente le perdite in questione, è nient'altro che un'altra infiammazione accompagnata da forte disagio e prurito. Anche la Cervicite è la causa principale delle perdite verdastre, soprattutto presente in donne adulte.

L'infezione degli organi riproduttivi della donna crea anche un malattia pelvica infiammatoria che causa anche qui sempre le stesse perdite vaginali. Conosciamo poi la Gonorrea, provocata da batteri che si trasmettono sessualmente, una infezione che ha effetti diretti sull'uretra o sulla cervice della donna.

Ultima perché rara, ma non per questo meno importante, è il cancro vaginale, un cancro che si verifica nella vagina stessa è che tra le tante cause comporta anche la perdita di secrezioni vaginali verdastre.

Sintomi delle perdite verdastre:

Le perdite vaginali possono variare molto e assumere diversi colori, dal trasparente al grigio, dal giallo al verde, bianche, verdastre, marroni e biancastre e possono anche essere accompagnate da un odore sgradevole. I sintomi e le caratteristiche delle perdite variano a seconda della condizione che ha causato la perdita vaginale, generalmente però, una scarica verdastra non è preceduta da particolari sintomi, difatti raramente la sintomatologia si presenta con Vaginosi batterica, che può scaturire comunque in secrezioni grigiastre o verdastre. Le verdastre però sono, in quei pochi casi, accompagnate da forti e sgradevoli odori simili all'odore che emana il pesce. Anche la Gonorrea, una infezione, può presentarsi come sintomo prima di una perdita vaginale verdastra eppure molte donne non hanno avvertito alcun sintomo prima di tale scarica. Con questo però non si intende che la sintomatologia da perdite vaginali verdastre sia inesistente, una vasta percentuale di donne prese in esame ha semplicemente confermato la non presenza di sintomi.

Cosa fare contro le perdite vaginali verdastre?

Nella stragrande maggioranza dei casi nelle donne che presentano perdite vaginali verdastre, l'unica cosa da fare è consultare immediatamente un ginecologo. Questo perché tale problematica non è così comune, nemmeno rara ma è piuttosto difficile riscontrare effettivamente le cause, in quanto ne esistono molte e soprattutto sono diverse tra loro. Solitamente comunque derivano da infezioni, irritazioni interne o esterne e scarsa igiene intima. Il consiglio che si da è di evitare durante questi periodi il praticare sesso col partner, evitare l'automedicazione, consultare invece un medico facendo presente le eventuali allergie ai farmaci, completare sino al termine prescritto la terapia data dallo specialista anche quando la secrezione risulta essere eliminata prima della fine del trattamento e consultare anche il proprio partner sessuale per eventuali esami, in modo da scongiurare una qualsiasi infezione che causa queste perdite verdastre.

Trattamento e rimedi naturali per la cura delle perdite verdastre:

I trattamenti da prendere in considerazione, nel momento in cui si presentano perdite vaginali verdastre, e nel momento in cui si opta per un trattamento non convenzionale, è consigliabile comunque avere un consulto con un erborista prima di acquistare qualsiasi tipo di trattamento. Alcuni di certo si sono rivelati sempre sicuri ed efficaci grazie alle proprietà naturali insite nelle erbe officinali. Per esempio, per le perdite vaginali verdastre è possibile bere un tè alle erbe medicinali a base di salvia, verbasco, foglia di lampone e radice di goldenseal, ingerendolo per tre volte al giorno. Infine, anche i semi di Mango sono ottimi per fermare le perdite vaginali. E' sufficiente applicare una quantità pari ad un cucchiaino del Kernel decorticato di mango nel tratto vaginale.

Cause cure e rimedi per le perdite vaginali verdastre.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo perdite vaginali verdastre

Perdite vaginali

La secrezione di tali perdite si accompagna a forti dolori. Mi è successo ed ho dovuto prendere per fare fronte una Oky. Qualcuna ha avuto la stessa cosa?

Perdite vaginali dal bianco al verdastro

Ciao io circa 2/3 mesi fa ho avuto la classica vaginite curata tramite ovuli dati in farmacia. Le perdite mi erano passate ma il prurito ed il dolore no!ora continuo ad avere perdite che vanno dal bianco al verdastro. .sono un po preoccupata quindi consultero' un ginecologo !

Lascia il tuo commento: