Pianta Capelvenere

Capelvenere pianta erbacea comune in ogni erboristeria all'interno anche di particolari shampoo dalle formulazioni tradizionali e nasce in tutta l'Europa meridionale ed ha fama di blando espettorante ed emolliente utile come coadiuvante nella terapia delle sindromi da raffreddamento e nelle affezioni bronchiali.

Pianta Capelvenere

Pianta Capelvenere

Nome comune: Capelvenere
Francese: Capillare
Inglese: Lady's hair
Famiglia: Polypodiaceae
Parte utilizzata: la pianta

Costituenti principali:

  • mucillagini
  • tannini
  • p. amari (capillarina)
  • olio essenziale (tracce)

Attività principali: emolliente, decongestionante, espettorante; astringente

Impiego terapeutico: affezioni bronchiali

L'infuso di Capelvenere rappresenta una gradevole bevanda invernale la cui regolare assunzione può essere consigliata nei soggetti che vanno incontro con facilità a tali manifestazioni.

La pianta officinale di Capelvenere viene utilizzata principalmente per la preparazione di sciroppi, quale edulcorante, in quanto sarebbe "un bechico addolcente assai insignificante" (Ledere).

La pianta è conosciuta anche per l'azione astringente che la renderebbe utile nella prevenzione della caduta dei capelli e come antiforfora (decotto: frizioni ad effetto
antiforfora).

Tossicità ed effetti secondari

La letteratura non segnala effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale.

Forme farmaceutiche e posologia

Infuso: 1.5 g di droga per tazza d'acqua bollente. Bere più tazze al giorno.
Decotto (uso esterno): 5-10%.
Adiantum c.v. T.M.: 40 gocce due-tre volte al dì.

Formulario:

  • Sciroppo: Adiantum e. v. 100 g,Acqua distillata 1550 g, Zucchero bianco q. b. Versare l'acqua bollente sulla pianta, lasciare infondere sei ore in un recipiente chiuso; filtrare con pressione, lasciare riposare, decantare. Aggiungere lo zucchero nella proporzione di 180 per 100 di infuso. Portare per qualche minuto ad ebollizione e filtrare.
  • Sciroppo (Ledere): Adiantum c.v. Estratto fluido 25 g. Sciroppo semplice 975 g

Curiosità

  • Il nome deriva dal greco adiantos - non bagnato, in quanto l'acqua non aderisce alla superficie delle foglie: le foglie immerse nell'acqua restano asciutte.
  • Elixir di Garus, rimedio che si rifaceva ad una formulazione di Paracelso, serviva in tutte le malattie contagiose, le febbri maligne, contro la peste, la dissenteria ecc.

Pianta proprietà capelvenere

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: