Piercing; farsi un piercing

Fare il piercing fa male? Quali sono i rischi del piercing? Le controindicazioni? Letteralmente body piercing significa perforazione del corpo, anche se detto in questo modo sembra una pratica cruenta. Si tratta semplicemente di eseguire un piccolo foro nella pelle dove andrà posizionato un gioiello che ha uno scopo ornamentale. È una pratica venuta alla moda intorno al 1970 ed i promotori furono i punk.

Piercing; farsi un piercing

Piercing

Dove fare il piercing?

Le zone del corpo oggetto del piercing sono da sempre i lobi delle orecchie, ma il piercing viene fatto ovunque in base ai gusti personali:

  • naso;
  • ombelico;
  • lingua

sono le zone preferite.

Igiene

Nel momento in cui si decide di farsi un piercing, la decisione va ponderata bene per quanto concerne sia la persona che lo deve fare e soprattutto dove questo va eseguito.

Ci si deve infatti rivolgere ad un professionista, che dovrà seguire delle norme igieniche ben precise e dev'essere ovviamente uno specialista che eseguirà l'operazione in un ambiente sterile, utilizzando strumenti altrettanto sterili.

Numerosi infatti sono stati i casi di ragazzi che si sono rivolti a persone non preparate che sono andati incontro ad infezioni molto gravi tali da richiedere un ricovero in ospedale.

Anche se può sembrare una cosa antipatica, prima di sottoporsi a piercing sarebbe meglio chiedere alcune informazioni alla persona che dovrà eseguire la perforazione ed in particolare:

  • chiedere se per ogni cliente vengono cambiati i guanti;
  • chiedere se dopo che si lava le mani utilizzati tovaglioli usa e getta;
  • verificare a colpo d'occhio se il locale è pulito;
  • chiedere se per ogni piercing eseguito viene cambiato l'ago;
  • chiedere se gli strumenti utilizzati sono sterilizzati, un po' come accade dal dentista;
  • chiedere se gli orecchini vengono sterilizzati prima di essere applicati;
  • chiedere se nel caso di applicazione di un solo orecchino, questo venga preso da una confezione già aperta per altro cliente;
  •  se il piercer, colui che esegue il piercing, chiede ad ogni persona se ha malattie importanti come l'epatite oppure l'HIV;
  • chiedere se il gioiello scelto va bene per il piercing che si desidera fare;
  • chiedere se i gioielli che il piercer utilizza non abbiano nichel;
  • verificare se il piercer segue regole precise circa l'età minima dei ragazzi che richiedono il piercing, nel caso di minorenni ovviamente la presenza dei genitori è richiesta;
  • verificare se nella zona adibita a laboratorio si fuma e se ci sono animali.

Prima di fare un piercing se si sta facendo una cura con dei farmaci, chiedere al proprio medico se eseguire un piercing può provocare dei problemi.

Quali sono i rischi di un piercing?

Il primo pericolo che si corre è quello dell'infezione da batteri che si manifesta con presenza di pus nella zona circostante il piercing.

Queste infezioni non devono essere prese alla leggera in quanto possono degenerare e portare anche a setticemia e cioè avvelenamento del sangue che può anche portare alla morte.

Il piercing alla lingua è quello più pericoloso:

  • è fatto in un ambiente umido e la cicatrizzazione è ovviamente più lenta;
  • il rischio di contrarre un'infezione batterica è maggiore a causa della presenza di batteri comuni nella bocca.

Contagio dopo il piercing

Se vengono utilizzati strumenti non sterilizzati il rischio di contrarre malattie come l'epatite e l'HIV è molto facile, ma fortunatamente la maggior parte dei piercer utilizzano ottime tecniche di sterilizzazione.

Effetti collaterali del piercing

Quando viene eseguito il piercing è normale che la zona interessata subisca una leggera alterazione a causa del trauma subito ed in particolare:

  • leggero sanguinamento della parte dove è stato applicato il gioiello e di solito è la lingua la parte più sensibile;
  • gonfiore della pelle;
  • formazione di cheloidi, che sono cicatrici che si estendono oltre la parte interessata e se la persona è soggetta a questo problema è meglio farlo presente al piercer;
  • endocardite che è un'infiammazione delle valvole cardiache e che colpisce però persone che hanno già patologie cardiache.

Rischi legati al piercing

Se il piercing viene eseguito nel lobo dell'orecchio non va ad inficiare la funzionalità uditiva, ma ci sono dei punti del corpo che possono risentire negativamente dell'applicazione di un corpo estraneo, ad esempio:

  • se il piercing interessa la lingua si possono verificare dei problemi legati alla pronuncia, si possono scheggiare i denti ed essere privati dello smalto;
  • se il piercing interessa i genitali si possono verificare problemi durante i rapporti e si possono avere dolori mentre si urina se il piercing interessa il pene;
  • se il piercing interessa la parte superiore dell'orecchio si possono verificare delle infezioni pericolose in quanto la pelle essendo molto vicina alla cartilagine può facilmente essere preda di batteri; in questo caso la semplice cura antibiotica non è sufficiente ed è necessario asportare la parte di cartilagine infetta;
  •  se il piercing interessa il naso è ugualmente pericoloso perché la superficie interna non potendo essere disinfettata potrebbe essere terreno fertile per i batteri.

Modalità di esecuzione del piercing

Compito del piercer è quello di spiegare nel dettaglio come verrà eseguito il tutto e se il piercing viene fatto su un minore ci dev'essere il consenso firmato di un genitore.

La parte nella quale verrà applicato il piercing dev'essere disinfettata con alcol al 70% e fatta asciugare prima di eseguire il piercing.

Piercing sull'orecchio

Viene fatto di solito sul lobo con una pistola apposita e non dev'essere utilizzata su altre parti del corpo. Normalmente l'ago di queste pistole è contenuto in una cartuccia usa e getta, ma chi non vuole ricorrere a questo strumento che può essere in dotazione anche ad un gioielliere, può recarsi da un piercer professionista e farsi il buco sul lobo con un ago sterile.

Per tutti gli altri piercing viene utilizzato un ago che forerà la pelle e dev'esserci un foro di entrata ed uno di uscita all'interno del quale verrà posizionato il gioiello.

Piercing sull'ombelico

Di solito viene applicato il gioiello appena sopra l'ombelico che viene forato con un ago curvo. Viene spesso applicato un anello di metallo fermato da due piccole sfere, anche se sono di diverso genere i gioielli applicati in quella sede.

Piercing sul naso

Si tratta di un piccolo foro eseguito sulla narice attraverso il quale viene inserito l'orecchino.

Piercing sulla lingua

Prima di eseguire il piercing sulla lingua, questa viene bloccata per tenerla ferma durante l'operazione. Viene poi applicata una piccola barra in metallo alla cui estremità c'è una vite sferica per consentire l'asportazione della barra quando lo si desidera.

Piercing sul capezzolo

Viene applicato all'estremità del capezzolo e di regola è un piccolo orecchino.

Pulizia e disinfezione

Se l'operazione è stata eseguita alla perfezione non sono necessarie procedure particolari se non quella di mantenere la parte asciutta per 3 giorni ed in caso di doccia cercare di asciugare la parte il più velocemente possibile. Prima di toccare la parte interessata dal piercing occorre lavarsi accuratamente le mani e fare in modo che la biancheria che va a contatto col piercing sia sempre pulita.

Cosa fare in caso di infezione dopo il piercing

Raramente può capitare che la parte di pelle interessata dal piercing si infetti. Ci può essere un arrossamento oppure anche formazione di pus e presenza di febbre. In questi casi per evitare un peggioramento della situazione è meglio rivolgersi al proprio medico di famiglia ed è consigliabile togliere il gioiello dalla sede per consentire il drenaggio del pus ed evitare la formazione di un ascesso. Nei casi di infezione meno invasiva, il gioiello può essere mantenuto in sede e può essere applicata localmente una crema antibiotica.

Farsi il piercing

Bellezza corpo: uomo donna

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo piercing; farsi un piercing

Utili informazioni sul fare i piercing

Salve, ho 3 piercing, uno al lobo che poi ho dilatato a 14mm, un septum (piercing al setto) e labret laterale (zone bassa laterale del labbro). Fortunatamente non ho mai avuto problemi con questi piercing, li ho sempre disinfettati e sempre fatti il luoghi puliti con strumenti altrettanto puliti.
Da qualche anno mi sono appassionato alle modificazioni del corpo, tanto che tra qualche anno, molto probabilmente, se avro' la possibilita faro' un corso di body piercing e tatuaggi.
Queste informazioni mi sono state utilissime riguardo le norme d'igiene ecc... anche perche' molto spesso molte cose vengono tralasciate da piercer stessi, che dovrebbero premettere tutti i rischi ecc... al prossimo piercing, se avro' qualche problema, sperando di no, seguiro' cio' che e' scritto qui.
Grazie!!!

Piercing sulla lingua

Ciao a tutti, vorrei correggere l'informazione a proposito del piercing sulla lingua, considerato qui come il più pericoloso.
Sappiate che proprio per l'ambiente umido della bocca, il piercing sulla lingua è uno dei primi a guarire data la proprietà cicatrizzante della saliva.
L'ho fatto da meno di due settimane e si è già bello che chiuso!
Tra l'altro la saliva combatte anche i batteri, non li incuba!
Ovviamente da sola non basta per un'azione antibatterica efficace a ferita aperta, per cui comunemente si utilizzano sciacqui con il colluttorio 2-3 volte al giorno (come consigliato da ogni piercer che si rispetti!).
Spero di essere stata d'aiuto (;

Piercing

Ciao a tutti anche io ho fatto da qualche mese un piercing alla lingua e non ho mai avuto problemi.
Non sono d'accordo che sia il più pericoloso perchè proprio la saliva è un cicatrizzante e disinfettante naturale.
Invece riguardo ai piercing nella parte alta del' orecchio ho avuto problemi come gonfiore, rossore, piccole infezioni e male sopprattutto la notte quando la parte interessata era appoggiata al cuscino ho risolto il tutto togliendoli!! Il piercing alla Lingua posso proprio dire che per ora va veramente bene ed è a dir poco bellissimo!!!

Lascia il tuo commento: