Polmonite batterica

La polmonite batterica è un’infezione dei polmoni, i cui sintomi principali sono la tosse, l’eccessiva produzione di muco, la febbre, il respiro corto e dolori al petto; il sistema immunitario dell’organismo, in genere, impedisce che i batteri colpiscano i polmoni, tuttavia, in alcuni casi, i batteri riescono a riprodursi nei polmoni e l’organismo deve combattere contro questa infezione: l’infiammazione che accompagna la polmonite consiste proprio nella risposta dell’organismo all’infezione causata da questi agenti patogeni.

Polmonite batterica

Polmonite batterica

Cosa succede con la polmonite?

L’infiammazione compromette, inoltre, la normale attività dei polmoni, infatti innanzitutto lo scambio di ossigeno, che viene rilasciato dal sangue nei polmoni, e di anidride carbonica, che viene rilasciata dai polmoni nel sangue, non avviene in modo efficace, ovvero come avviene, invece, in condizioni normali; inoltre, i polmoni non sono in grado di prelevare abbastanza ossigeno dall’esterno attraverso la respirazione, di conseguenza si ha la sensazione di avere il respiro corto, uno dei sintomi tipici della polmonite. Infine, l’infiammazione dei polmoni è la causa di altri sintomi della polmonite, quali, ad esempio, i dolori al torace e la febbre.
I sintomi della polmonite batterica, a volte, possono essere confusi con i sintomi della bronchite acuta, di conseguenza, in alcuni casi, è necessaria la radiografia del torace per poter effettuare una corretta diagnosi.

Le cause della polmonite batterica

La polmonite batterica può essere causata da diversi batteri, quali lo Streptococcus pneumoniae, l’Haemophilus influenzae, la Chlamydia pneumoniae, il Mycoplasma pneumoniae e la Legionella pneumophila.
Questa patologia può essere sviluppata a causa del contatto diretto tra i batteri ed il tratto respiratorio superiore, che in genere avviene attraverso la respirazione, o a causa di un contagio, che avviene comunque attraverso la respirazione, ma in questo caso, invece dei batteri, si respirano piccole gocce infette, rilasciate nell’aria da una persona affetta da polmonite. L’infezione dei polmoni, infine, può avvenire a causa della diffusione dell’infezione di altri organi, in quanto i batteri provenienti da un altro organo possono entrare a contatto con i polmoni, trasportati dal flusso sanguigno. Indipendentemente dalla causa, comunque, lo sviluppo della polmonite dipende non solo dal contatto con specifici agenti patogeni, che avviene durante la respirazione, ma anche da una eventuale incapacità del sistema immunitario di combattere contro questi microrganismi, infatti, in alcuni casi, i batteri presenti nell’organismo vengono distrutti dal sistema immunitario prima che possa svilupparsi qualsiasi infezione.

I sintomi della polmonite batterica

Sulla base dei sintomi specifici, si possono distinguere due tipi di polmonite, la polmonite tipica e la polmonite atipica; una volta effettuata la corretta diagnosi della polmonite, si può prevedere la durata della malattia e, soprattutto, intraprendere un trattamento adeguato contro quello specifico tipo di polmonite.

I sintomi della polmonite tipica

I sintomi della polmonite tipica, in genere, compaiono all’improvviso e, nella maggior parte dei casi, questa patologia si manifesta con la febbre alta ed i brividi; si possono avvertire, inoltre, dei dolori al petto, che diventano più acuti quando si respira, quando si tossisce e quando si tocca o preme il torace.
La polmonite tipica, infine, è caratterizzata da una respirazione insolita, infatti il respiro diventa più corto del normale; tutti i sintomi della polmonite tipica potrebbero essere ricondotti anche ad altre patologie, quindi la diagnosi deve, necessariamente, essere effettuata da un medico.

I sintomi della polmonite atipica

I sintomi della polmonite atipica, al contrario, compaiono gradualmente, infatti, di solito, non si avvertono brividi e la febbre è piuttosto bassa; si possono avvertire, comunque, i dolori dei muscoli, i dolori delle articolazioni ed il mal di testa, tuttavia, in genere, non si hanno dolori al torace, sebbene possano manifestarsi dolori localizzati alla zona dell’addome. Altri sintomi caratteristici della polmonite atipica sono la tosse, che in genere è piuttosto secca, e la sensazione di stanchezza e di debolezza.

La diagnosi della polmonite batterica

La diagnosi della polmonite batterica deve essere effettuata tempestivamente, perciò è necessario rivolgersi immediatamente al proprio medico se si osservano i sintomi tipici della polmonite, soprattutto se si ha il respiro corto, in quanto da questa respirazione insolita dipende la minore quantità di ossigeno prelevata dai polmoni, ovvero la quantità di ossigeno disponibile per le cellule. La polmonite può essere diagnosticata semplicemente ascoltando i polmoni, in quanto alcuni suoni particolari vengono ricondotti alla presenza di un infezione, tuttavia, molto spesso, sono necessari ulteriori esami per poter effettuare una diagnosi più sicura. Uno dei test meno invasivi e più facili da eseguire è, sicuramente, la pulsossimetria: questo esame viene effettuato attraverso una sonda, simile ad una molletta, che viene collegata al dito o all’orecchio; la sonda emette una luce che permette di valutare la quantità di ossigeno in circolo del sangue e, di conseguenza, l’attività dei polmoni, in quanto un’eventuale infezione dei polmoni va ad influenzare gli scambi di ossigeno e di anidride carbonica, infatti se i polmoni sono colpiti da una qualsiasi infezione, nel sangue è presente una minore quantità di ossigeno.
Altri esami che vengono comunemente utilizzati per diagnosticare la polmonite sono la radiografia del torace e la coltura batterica del muco, che permette di individuare il tipo di batteri che ha causato l’infezione dei polmoni; infine, possono essere eseguite le analisi del sangue per controllare le condizioni generali dell’organismo, valutando, ad esempio, l’eventuale presenza di batteri in circolo, il numero di globuli rossi disponibili per il trasporto dell’ossigeno ed il funzionamento del sistema immunitario.

Il trattamento di terapia per la cura della polmonite batterica

Il trattamento della polmonite batterica deve, assolutamente, essere stabilito da un medico, perciò si ricorda di non assumere alcun farmaco senza averne prima discusso con il proprio medico, in quanto alcuni farmaci possono essere potenzialmente nocivi e potrebbero peggiorare le condizioni della polmonite.
I farmaci prescritti in caso di polmonite batterica sono, quasi sempre, gli antibiotici, tuttavia il tipo di antibiotico che viene prescritto dal medico dipende sia dall’età che dalle condizioni generali del paziente; il medico, inoltre, per poter prescrivere un antibiotico deve, innanzitutto, informarsi sui farmaci che il paziente sta assumendo e su eventuali allergie ai principi attivi dei farmaci.
Durante la terapia con antibiotici, il medico può consigliare di assumere alcuni farmaci che aiutano a ridurre la febbre, tuttavia, in genere, non possono essere assunti i sedativi della tosse, in quanto favoriscono l’accumulo del muco nei polmoni; si ricorda, inoltre, di bere molti liquidi, in modo da restare costantemente idratati, ed evitare assolutamente di fumare, in quanto il fumo compromette la capacità dell’organismo di combattere contro le infezioni. In alcuni casi, potrebbe essere necessario cambiare la terapia, ovvero utilizzare un altro antibiotico: ciò, di solito, avviene in quanto molti batteri hanno sviluppato la così detta resistenza, vale a dire che l’antibiotico, un tempo efficace, è diventato del tutto inefficace nel combattere quel tipo di batteri; proprio per questo, è necessario effettuare delle visite durante il trattamento della polmonite o, comunque, informare il medico se, dopo alcuni giorni di trattamento, non si notano miglioramenti.
Il medico, infatti, dovrebbe informare il paziente sui tempi necessari perché i farmaci facciano effetto, in modo che il paziente possa rendersi conto dell’efficacia della terapia o di una eventuale inefficacia dei farmaci.

La prevenzione della polmonite batterica

La prevenzione della polmonite batterica è possibile attraverso la somministrazione dei vaccini, tuttavia, considerando che esistono numerosi batteri che possono causare la polmonite, è praticamente impossibile vaccinarsi contro tutti questi batteri. Uno dei vaccini più comuni è quello utilizzato per prevenire l’infezione da Streptococcus pneumoniae: gli esperti ritengono che questo vaccino dovrebbe essere eseguito, soprattutto, dalle persone di età superiore ai 65 anni, dalle persone che hanno problemi di salute cronici, quali, ad esempio, l’insufficienza cardiaca, l’insufficienza epatica e le malattie dei polmoni, e dalle persone che hanno deficit del sistema immunitario. Negli ultimi anni, si sta diffondendo un nuovo vaccino che aiuta a prevenire la polmonite da pneumococco nei bambini: questo vaccino è particolarmente consigliato ai bambini di età inferiore ai due anni ed ai bambini di età compresa tra i due e i cinque anni, che non sono stati precedentemente vaccinati, inoltre si consiglia di effettuare il vaccino contro lo pneumococco a tutti i bambini che hanno una maggiore probabilità di sviluppare la polmonite, come, ad esempio, i bambini che hanno una ridotta funzionalità del sistema immunitario.

Considerazioni finali sulla polmonite batterica

La polmonite batterica può essere causata da diversi batteri che entrano a contatto con i polmoni, attraverso la respirazione: questa patologia può essere sviluppata direttamente o per contagio, infatti possono essere respirati sia i batteri sia le secrezioni infette emesse da una persone affetta da polmonite.
La diagnosi della polmonite avviene attraverso l’analisi dei sintomi, che permettono di distinguere la polmonite tipica dalla polmonite atipica, e degli esami, come la radiografia, la coltura del muco e le analisi del sangue, che aiutano ad effettuare una diagnosi più sicura, in quanto molti sintomi della polmonite potrebbero essere ricondotti anche ad altre patologie. Una volta effettuata una corretta diagnosi, il medico prescrive una terapia adeguata contro la polmonite, che, in genere, si basa sull’assunzione di antibiotici e, in alcuni casi, di farmaci che contribuiscono a ridurre la febbre.

Informazioni relative a terapia di cura sintomi cause e diagnosi della polmonite batterica.

Malattie

Lascia il tuo commento: