Polmonite contagio

Come avviene il contagio e quanto è contagiosa la polmonite? Il contagio della polmonite è possibile, tuttavia, per affermare ciò, è necessario effettuare una corretta diagnosi del tipo di polmonite, in quanto, in alcuni casi, la polmonite può essere contagiosa, mentre, nella maggior parte dei casi, non lo è assolutamente; in ogni modo, per poter discutere a proposito del contagio della polmonite, bisogna, innanzitutto, conoscere questa patologia.

Polmonite contagio

Polmonite contagio

Che cos’è la polmonite?

La polmonite è una vera e propria infiammazione dei polmoni, caratterizzata dall’accumulo di liquidi ed altri materiali negli spazi presenti all’interno dei polmoni: questa condizione patologica può essere osservata attraverso l’utilizzo della radiografia toracica, infatti gli spazi in cui è presente un accumulo di sostanze appaiono di colore bianco. Molto spesso, la diagnosi della polmonite viene effettuata dal medico soltanto sulla base dei sintomi riportati dal paziente e attraverso una semplice visita medica, tuttavia i moderni test diagnostici, come i raggi X appunto, sono decisamente più accurati rispetto alle procedure di una comune visita medica, quindi permettono di effettuare una diagnosi più sicura, soprattutto considerando il fatto che molti sintomi della polmonite potrebbero essere ricondotti anche ad altre patologie respiratorie, di conseguenza è piuttosto difficile riuscire a diagnosticare con sicurezza una polmonite, senza effettuare una radiografia del torace.
La polmonite può essere causata da diversi tipi di agenti patogeni, quali i batteri, i virus, i funghi ed altri ancora, perciò individuare la causa specifica della polmonite permette di conoscere meglio questa patologia e di agire di conseguenza; per poter affermare con relativa certezza se la polmonite sia contagiosa, inoltre, è necessario capire come questa patologia si è sviluppata, ad esempio se è avvenuto un contagio, se il paziente è stato esposto a condizioni particolari o se il paziente era già affetto da altre patologie delle vie respiratorie.

Quando la polmonite non è contagiosa?

La polmonite causata dal batterio Streptococcus pneumoniae è uno dei tipi di polmonite più diffusi, tuttavia questa patologia non viene considerata contagiosa, in quanto lo Streptococcus pneumoniae è un microrganismo ubiquitario, che si trova sia nell’ambiente circostante sia nelle persone sane, di conseguenza il contatto con questi batteri e una possibile infezione da streptococco sono due eventi piuttosto probabili, quindi non è necessario prevenire il contagio, isolando il paziente malato, in quanto i batteri che hanno causato la polmonite in quella persona sono presenti ovunque. Per quanto riguarda la polmonite causata da stafilococco, si può seguire lo stesso ragionamento, in quanto anche questo tipo di batterio è presente nell’ambiente e non solo nei pazienti affetti da polmonite.
I paziente che soffrono di polmonite da Pneumocystis carinii, una patologia piuttosto rara, sono, in genere, persone in condizioni di salute precarie, ad esempio con un sistema immunitario piuttosto debole o affette già da altre patologie respiratorie: queste persone non devono essere isolate, in quanto, come accade per altri tipi di polmonite, i batteri che hanno causato questa patologia sono comunemente presenti nell’ambiente e molte persone sono portatori sani di questo batterio.
In alcuni casi, la polmonite può essere sviluppata a causa di un’altra patologia, come il morbillo o la varicella; le persone affette da polmonite causata da una di queste patologie, un tempo, venivano isolate, tuttavia l’isolamento si è rivelato inutile, in quanto queste patologie erano ampiamente diffuse ed, in alcuni casi, potevano portare comunque alla polmonite, perciò la polmonite veniva sviluppata ugualmente, indipendentemente dal contagio.

Quando la polmonite è contagiosa?

Esistono alcuni tipi di polmonite che, sebbene siano piuttosto rari, richiedono l’isolamento del paziente affetto da questa patologia: alcuni tipi di polmonite estremamente contagiosi sono la polmonite da antrace e la polmonite da virus Ebola, due patologie abbastanza pericolose. La polmonite causata dal Mycobacterium tuberculosis è una patologia contagiosa, che può  essere trasmessa attraverso le piccole gocce di saliva, di conseguenza i pazienti affetti da questo tipo di polmonite devono rimanere isolati fino alla completa guarigione; il contatto con queste persone è possibile, tuttavia occorre indossare delle maschere ed adottare altri accorgimenti, in modo da ridurre il rischio di sviluppare questa forma di polmonite

Quando è necessario l’isolamento del paziente?

Se si ritiene che la forma di polmonite sviluppata dal paziente sia contagiosa, può essere necessario isolare il paziente fino alla completa guarigione, tuttavia, innanzitutto, è necessario effettuare una corretta diagnosi, in modo da comprendere se la polmonite sia realmente contagiosa.
In genere, se la polmonite è stata sviluppata in circostanze ordinarie, come una comune patologia del sistema respiratorio, nella maggior parte dei casi il contagio non è possibile, in quanto è molto probabile che gli agenti patogeni che hanno causato la patologia siano comunemente presenti nell’aria, di conseguenza non occorre evitare il contatto con la persona affetta da polmonite.
Al contrario, alcune forme rare di polmonite potrebbero rivelarsi contagiose, in particolar modo quei tipi di polmonite che derivano da infezioni e patologie rare: queste epidemie sono ancora diffuse in alcune zone del mondo e risultano essere, in molti casi, patologie mortali, di conseguenza se si sviluppa una forma di polmonite in circostante non comuni, ad esempio dopo un viaggio in una zona a rischio, la polmonite potrebbe derivare da un altro tipo di patologia, di conseguenza, per precauzione, è necessario isolare il paziente affetto da questa patologia, in modo da prevenire il contagio.
In conclusione, il contagio della polmonite è una condizione piuttosto rara, in quanto nella maggior parte dei casi la polmonite dipende da agenti patogeni ubiquitari, con cui tutti entrano a contatto quotidianamente, inoltre le forme di polmonite più rare, oltre ad essere una percentuale insignificante, non sempre risultano contagiose; in ogni modo, mentre per quanto riguarda la comune polmonite, vale a dire la quasi totalità delle forme di polmonite che vengono sviluppate, non è necessario l’isolamento e non occorre alcuna precauzione, in quanto il contagio non può avvenire, per quanto riguarda le forme rare di polmonite, l’isolamento è necessario come forma di precauzione.

Quando può avvenire il contagio?

In teoria, la polmonite può essere contagiosa, in pratica il contagio non avviene quasi mai, in quanto i batteri che causano la polmonite sono comunemente presenti nell’ambiente, tuttavia le persone particolarmente deboli, che hanno già problemi di salute, potrebbero sviluppare la polmonite in seguito ad un contagio.
Queste forme di polmonite tendono ad essere più gravi, per il semplice fatto che i meccanismi di difesa del paziente contro l’infezione sono già compromessi da altre condizioni di salute; infatti, la maggior parte delle persone che vengono a contatto con pazienti affetti da polmonite non sviluppano la malattia, mentre se una persona già debole viene a contatto con una persona affetta da polmonite ha una maggiore probabilità di sviluppare la patologia. Molto spesso, si sviluppa la polmonite in seguito ad un contatto con un paziente affetto da polmonite, quindi si ritiene che sia avvenuto un contagio; in realtà, una persona affetta da polmonite può soffrire anche di altre patologie, quali l’influenza o altre infezioni delle vie respiratorie, che sono contagiose, di conseguenza, in seguito al contagio di una di queste patologie, si può sviluppare la polmonite, ma ciò dipende dalla debolezza del sistema immunitario che non riesce a combattere la diffusione degli agenti patogeni e non da un possibile contagio.

Perché si ritiene frequente il contagio della polmonite?

La maggior parte delle persone ritiene che il contagio della polmonite sia una condizione frequente, ma in realtà questa convinzione è sbagliata e dipende dal fatto che la polmonite viene considerata una malattia infettiva.
Molte patologie infettive, infatti, sono contagiose e vengono trasmette in vari modi, attraverso la saliva, l’aria e così via, mentre la polmonite, pur essendo classificata come una patologia infettiva, non è assolutamente contagiosa, ma lo è soltanto per le persone che sono già deboli a causa di altre condizioni di salute.
Ciò che distingue la polmonite dalle altre malattie infettive sta nel fatto che le malattie infettive vengono causate da uno specifico agente patogeno, ad esempio il virus influenzale per quanto riguarda l’influenza e così via, mentre la polmonite può dipendere da diverse cause; essendo la polmonite una patologia che può avere origine virale, origine batterica o, in alcuni casi, origine sconosciuta, non può essere considerata come una vera e propria malattia infettiva, piuttosto come una condizione dell’organismo, caratterizzata da un indebolimento dei polmoni e da altri sintomi, quali le difficoltà respiratorie e la debolezza.

Considerazione finale sul contagio da polmonite

Il contagio della polmonite è una condizione che preoccupa molte persone, in quanto questa patologia, sebbene non sia pericolosa, è, comunque, preoccupante, quindi si cerca di evitare un possibile contagio.
In realtà, nella maggior parte dei casi la polmonite non è assolutamente contagiosa, di conseguenza non è necessario l’isolamento del paziente affetto da questa patologia; tuttavia, in alcuni casi, la polmonite può essere contagiosa, quindi è di fondamentale importanza individuare il tipo di polmonite che è stato sviluppato.
Se la polmonite viene sviluppata in circostanze ordinarie, è praticamente impossibile o, comunque, piuttosto insolito che avvenga il contagio, mentre le forme più rare di polmonite possono essere, in alcuni casi, contagiose, soprattutto per le persone più deboli.

In conclusione, il contagio della polmonite non avviene quasi mai, ma, comunque, di ricorda di prevenire questa condizione, soprattutto alle persone che hanno già problemi di salute.

Cosa fare e cosa sapere in merito al contagio da polmonite.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo polmonite contagio

Polmonite

Grazie di cuore per le info che ho letto. Bravissimi.

Polmonite spiegata in modo molto comprensibile

grazie. molto esaustivo e semplice da comprendere per chi non è un medico! bravi

Contagio della polmonite

Grazie. Stasera andrò ad una riunione con un collega che ha la polmonite ed ora ci vado tranquillo!

La polmonite è scritto in modo chiaro per tutti

grazie e' tutto semplice anche per chi non e' medico

Polmonite e contagio

Molto chiaro ed esauriente, grazie di cuore!

Polmonite: articolo sul contagio della polmonite spiegato bene

complimenti per i chiarimenti illustrati con dettaglio, e grazie.

Sono a riposo a casa per colpa della polmonite

Mi hanno appena diagnosticato la polmonite. Sono a riposo in casa. Grazie per le spiegazioni molto chiare.

Nozioni molto utili sul contagio della polmonite

Ringrazio gli autori dell'articolo. Ho trovato il loro contributo prezioso soprattutto per persone come me, completamente digiune di nozioni in merito. Grazie.

Contagio e malattia della polmonite

Davvero molto chiaro ed esauriente, ho contratto la malattia da qualche giorno ed ero in pensiero per i miei familiari, ora sono più sereno, grazie.

Spiegazioni e contagio della polmonite

Grazie e bravi per le spiegazioni, mia figlia ha una amichetta che ha contratto la polmonite e non sapevo se era contaggiosa, ora sono più tranquillo.

Domanda e risposta sul contagio della polmonite

Spiegazione demplice e chiara, ho contratto la malattia in questi giorni e mi sono posta la domanda e ho trovato la risposta.
Grazie

Spiegazioni complete e chiare sulla polmonite

Bravi e completi nelle spiegazione,
chi è malato e a delle persone care vicino sa come comportarsi ,
E che purtroppo i nostri cari medici latitano in spiegazioni e diagnosi..

Lascia il tuo commento: