Polmonite senza febbre

La polmonite è una patologia abbastanza diffusa, che può colpire tutti, a prescindere dal sesso, dall’età e da altre condizioni specifiche, tuttavia i bambini, gli anziani e le persone che hanno un sistema immunitario piuttosto debole sono particolarmente soggetti a sviluppare questa patologia.

La polmonite è una patologia dei polmoni che può manifestarsi con febbre o senza febbre: nel secondo caso, si parla di polmonite senza febbre; le cause di questa patologia possono essere diverse, tuttavia in genere si tratta di un’infezione di origine batterica, per cui il trattamento più utilizzato contro la polmonite è sicuramente la terapia con antibiotici.

Polmonite senza febbre

Polmonite senza febbre

I principali sintomi della polmonite senza febbre

I principali sintomi della polmonite senza febbre, in genere, sono gli stessi sintomi della polmonite comune, ad eccezione della febbre; i sintomi più comuni riportati dalle persone affette da polmonite, nella maggior parte dei casi, sono:

  • la tosse
  • l’eccessiva produzione di muco
  • i dolori del torace, soprattutto quando si tossisce
  • le difficoltà respiratorie, in particolar modo i respiri profondi o i respiri molto rapidi e la frequente mancanza di respiro

Altri sintomi che possono manifestarsi, sebbene siano piuttosto rari, sono:

  • il forte mal di testa
  • l’eccessiva sudorazione
  • la perdita di appetito
  • la sensazione di affaticamento

Se la polmonite non viene trattata adeguatamente, può degenerare in altre patologie, tuttavia, in questo caso, i sintomi che si manifestano non sono riconducibili alla polmonite, ma alla patologia insorta successivamente.

La diagnosi della polmonite senza febbre

In genere, la diagnosi della polmonite senza febbre si basa sull’analisi dei risultati di uno specifico test diagnostico, ovvero della radiografia del torace; in alcuni casi, si effettuano ulteriori esami, quali la coltura microbiologia del muco, che permette di riconoscere quali agenti patogeni hanno provocato lo sviluppo della polmonite, e gli esami del sangue, attraverso i quali si possono valutare le condizioni generali del paziente e l’eventuale presenza di problemi che potrebbero essere ricondotti all’infezione dei polmoni, come, ad esempio, un basso livello di sodio. Ulteriori esami vengono eseguiti solamente se, sulla base dei sintomi e dei test diagnostici, non si riesce ad effettuare una diagnosi sicura, in quanto i sintomi ed i risultati dei test diagnostici potrebbero essere ricondotti anche ad altre patologie.

Le cause della polmonite senza febbre

Le cause della polmonite senza febbre possono essere diverse, a seconda sia degli agenti patogeni dai quali dipende lo sviluppo dell’infezione, sia da altre condizioni specifiche della persona affetta da polmonite, quali l’età e le condizioni di salute generale. A seconda delle cause, le varie forme di polmonite vengono distinte, innanzitutto, in due gruppi: la polmonite sviluppata a causa di un contatto diretto con un agente patogeno e la polmonite acquisita per contagio; in entrambi i casi, la causa specifica è l’infezione dei polmoni, determinata dall’azione degli agenti patogeni, tuttavia la differenza tra le due forme di polmonite sta nel fatto che nel primo caso il contatto con gli agenti patogeni avviene direttamente, mentre nel secondo caso gli agenti patogeni vengono trasmetti da una persona affetta da polmonite ad una persona sana.
In entrambi i casi, comunque, la causa diretta dello sviluppo di polmonite è un’infezione dei polmoni, causata da uno specifico agente patogeno: gli agenti patogeni che possono portare allo sviluppo di polmonite sono lo Streptococcus pneumoniae, il Mycoplasma, la Chlamydia, la Legionella ed altri, infatti, a seconda dell’agente patogeno, la polmonite assume una forma diversa.
Infine, vengono considerate delle patologie diverse dalla polmonite comune, la polmonite sviluppata da persone con deficit del sistema immunitario, una patologia che si sviluppa, in genere, in forme più gravi della comune polmonite, e la polmonite da aspirazione.

Le varie forme della polmonite senza febbre

La polmonite comune - A seconda della causa, si possono distinguere diverse forme di polmonite senza febbre.
Nella maggior parte dei casi, circa l’85% dei casi, la causa della polmonite senza febbre è un’infezione dei polmoni di origine batterica: i batteri che possono portare allo sviluppo di polmonite sono lo Streptococcus pneumoniae, l’Haemophilus influenzae e la Moraxella catarrhalis.
Il restante 15% dei casi di polmonite dipende, invece, da agenti patogeni atipici, quali il Mycoplasma pneumoniae, la Chlamydia pneumoniae e la Legionella.
Le varie forme di polmonite senza febbre, in genere, presentano gli stessi sintomi, che sono appunto la tosse, le secrezioni, le difficoltà respiratorie, i dolori al torace, i brividi ed altri; attraverso gli esami, inoltre, si possono osservare una maggiore frequenza sia del battito cardiaco sia degli atti respiratori.
Per quanto riguarda la polmonite senza febbre che colpisce gli anziani, invece, i sintomi che si manifestano sono vaghi, non specifici: i pazienti, in genere, riportano una sensazione di malessere e di confusione, una diminuzione dell’appetito ed un forte mal di testa; anche in questo caso, la diagnosi deve essere confermata dall’analisi di test diagnostici, come, ad esempio, la radiografia del torace.
Attraverso l’analisi dei risultati ottenuti attraverso i test diagnostici, inoltre, si possono distinguere due forme diverse di polmonite, la polmonite tipica, causata appunto da agenti patogeni tipici, e la polmonite atipica, causata da agenti patogeni atipici.

Altre forme di polmonite

In alcuni casi, la polmonite può essere sviluppata in seguito ad un altra patologia: in questo caso, la polmonite viene considerata in modo diverso, in quanto, essendo differenti le cause, anche il trattamento da intraprendere non è lo stesso. Queste rare forme di polmonite vengono sviluppate in seguito all’azione di bacilli aerobi gram negativi, quali la Pseudomonas aeruginosa, l’Acinetobacter, la Serratia e l’Enterobacter, o di cocchi gram positivi: essendo questi agenti patogeni, di solito, più resistenti, le forme di polmonite che vengono sviluppate sono, quasi sempre, più gravi della comune polmonite. Il trattamento di queste forme di polmonite si basa, come il trattamento delle comuni forme di polmonite, su una terapia antibiotica, tuttavia, a seconda dell’agente patogeno, varia il tipo di antibiotico utilizzato.

La prevenzione della polmonite senza febbre

La polmonite senza febbre è una malattia infettiva che può colpire qualsiasi persona, di conseguenza non esiste un trattamento specifico che assicura la prevenzione di questa patologia, tuttavia esistono alcuni trattamenti, quali i vaccini, che prevengono alcune forme di polmonite.
In ogni modo, alcune persone sono inclini a sviluppare polmonite, ad esempio perché hanno un sistema immunitario molto debole, perché hanno già problemi respiratori, perché hanno condizioni di salute precarie o per altri fattori, tuttavia anche queste persone possono, in qualche modo, ridurre la possibilità di sviluppare la polmonite.

I vaccini contro la polmonite senza febbre

Esistono diversi vaccini contro la polmonite senza febbre, ognuno dei quali è indicato per uno specifico agente patogeno; uno dei vaccini più utilizzati è, sicuramente, il vaccino pneumococcico polisaccaridico, in quanto la polmonite da pneumocco risulta essere una delle forme di polmonite più diffuse, di conseguenza la somministrazione del vaccino permette di prevenire questa patologia: il vaccino pneumococcico polisaccaridico è raccomandato, soprattutto, per le persone di età superiore ai 65 anni e per le persone affette da malattie croniche.

Il trattamento della polmonite senza febbre

Gli antibiotici sono il principale trattamento utilizzato contro la polmonite senza febbre, infatti vengono prescritti diversi tipi di antibiotici, a seconda dell’agente patogeno che ha provocato l’infezione che ha portato alla polmonite. Un tempo, la polmonite poteva risultare mortale, in quanto non esistevano gli antibiotici; successivamente, con la scoperta della penicillina, è stato possibile curare la polmonite: la penicillina risulta essere, ancora oggi, uno degli antibiotici più utilizzati contro la polmonite senza febbre, in quanto molti ceppi appartenenti alla famiglia dello Streptococcus pneumoniae sono ancora sensibili a questo antibiotico, tuttavia, in alternativa alla penicillina, possono assunti anche altri antibiotici.
Gli antibiotici più utilizzati contro la polmonite senza febbre sono l’amoxicillina, la claritromicina, l’azitromicina ed i fluorochinoloni; in alcuni casi, il medico prescrive, oltre agli antibiotici, anche altri farmaci o, comunque, prescrive una diversa terapia, ma, in ogni modo, ciò dipende dalla forma di polmonite che è stata sviluppata.

Considerazione finale sulle polmonite senza febbre

La polmonite senza febbre è una delle tante forme di polmonite; si tratta, come nel caso della polmonite accompagnata da febbre, di un’infezione dei polmoni causata da un agente patogeno, tuttavia, in questo caso, l’organismo non reagisce con un aumento di temperatura. I sintomi della polmonite senza febbre sono analoghi ai sintomi della polmonite comune, infatti i pazienti riferiscono tosse, dolori al torace, difficoltà respiratorie ed una eccessiva produzione di muco. La diagnosi della polmonite senza febbre viene effettuata sia sulla base dei sintomi riportati dal paziente, sia attraverso l’analisi dei risultati ottenuti attraverso i test di laboratorio, quali la radiografia del torace e le analisi del sangue; attraverso i test diagnostici, inoltre, è possibile, nella maggior parte dei casi, individuare le cause specifiche della polmonite senza febbre, quindi effettuare una diagnosi più precisa: a seconda della causa, infatti, si possono distinguere diverse forme di polmonite. Una volta effettuata una corretta diagnosi, si può intraprendere un adeguato trattamento, che si basa, di solito, sull’assunzione di antibiotici, scelti a seconda dell’agente patogeno che ha provocato l’infezione dei polmoni.

Polmonite senza febbre cosa fare.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo polmonite senza febbre

Polmonite senza febbre

Complimenti per la chiarezza e la completezza.
Cordiali saluti Riccardo

Spiegazioni sulla polmonite senza febbre

Finalmente spiegazioni esaurienti sulla polmonite senza febbre !

Polmonite senza febbre spiegata in modo chiaro e preciso

davvero una risposta esauriente, chiara e precisa. Grazie.

Spiegazioni su polmonite senza febbre

GRAZIE per le chiare e dettagliate spiegazioni.

Questa forma di polmonite mi viene ogni anno

Ok !!! Questa è esattamente il tipo di polmonite che , purtroppo ,ogni anno ripeto !!!!

Precisazioni chiare sulla polmonite senza febbre

Complimenti per le esaustive precisazioni e il modo semplice e chiaro nel descriverle

Utile articolo sulla polmonite senza febbre

Spiegazioni semplici e complete GRAZIE!

Chiarezza e semplicità dell'argomento

Grazie per la chiarezza e la semplicità (comprensibile a tutti).

Spiegazione esauriente sulla malattia della polmonite senza febbre

Grazie alla Vostra esauriente spiegazione, purtroppo ho diagnosticato questa malattia alla mia mammina dell'età di 89 anni prima che me lo confermasse il medico di un reparto diverso da quello dove si trova la Mamma (Geriatria) dopo essere stata "scaricata" dal reparto di Ortopedia dove a causa di frattura al femore ha subito intervento chirurgico con protesi della testa femorale. Ci era stato detto che si sarebbe trattato di un'operazione di routine che sarebbe durata dai 30' ai 40' più il tempo dell'anestesia ......Dopo ben 4 ore e le nostre continue richieste d'informazioni su come stesse andando in sala operatoria e su quell'attardarsi finalmente è uscito dalla sala operatoria certo dott. Cont dicendoci che l'intervento in sè era proceduto bene ma che la Mamma ha avuto bisogno di ben due sacche di trasfusione. Viene trasferita in reparto alle ore 17.20 circa, anche un cieco avrebbe visto quanto era provata, stanca, e finito l'effetto dell'anestesia anche dolorante. Ha trascorso una notte d'inferno e parte della mattinata. Finalmente dopo tre flebine di antidolorifico aveva cominciato a riposare quando verso le 6 del mattino arrivano le "operatrici" che con modi ....... danno la sveglia ai pazienti senza alcun rispetto per chi sta male, hanno preteso di lavare la Mamma e qui ricomincia il martirio, le sue urla mi straziavano, quando siamo rientrati in stanza da Lei, noi siamo i suoi dieci figli ma eravamo li solo in sei, ha avuto un sorriso dolcissimo per tutti ma dietro quel sorriso si vedeva tutta la sua sofferenza, non è ancora finita perchè alle ore 11 della stessa mattina viene il fisioterapista fa uscire i miei fratelli che dalla stanza e per via di un "protocollo" inizia la fisioterapia alla Mamma che dura ben 45'. non riesco neanche ad immaginare quello che ha passato la Mamma in quel lasso di tempo. Le portano il pranzo: una pasta-asciutta davvero asciutta, un hamburger bruciato e duro e dei carciofi; quello era il pranzo predisposto per la Mamma, ma credete sia finita qui? Ore 12,15 circa, mentre cercava di mangiare la Mamma si è sentita male, abbiamo chiamato e senza un minimo di delicatezza hanno rimesso la Mamma a letto. A letto si perchè il fisioterapista ha preteso di farla sedere su una poltroncina anche se sentiva dolore.Ore 14 circa il viso della Mamma non mi convinceva, ho chiesto la misurazione della pressione per tranquillizzarmi, alle ore 12, che aveva avuto quel malore mica gliela avevano misurata macchè erano troppo occupate a starsene chiuse nella stanza del cucinino, nel mentre che l'infermiera o l'operatrice non si capisce bene misura questa benedetta pressione non so ancora cosa sia successo Mamma era sbiancata aveva girato gli occhi e non rispondeva più. Nella totale disperazione diamo l'allarme e la dottoressa Di Pasquale con la sua calma si accingeva a venire a vedere cosa succedesse finalmente nel frattempo sono arrivati i rianimatori che ci hanno riportato la Nostra Mamma. Ma non ho ancora terminato
dell'ospedale di Rovereto di Trento

Diagnosticata la polmonite senza febbre

Bell'articolo! Molto chiaro e veritiero! Vorrei che lo leggesse il mio medico, che quando l'immunologo mi ha fatto diagnosi di polmonite, ha esordito: 'senza febbre?!?!'... per lui avevo una bronchite asmatica.............

Spiegazione veritiera e chiara sulla polmonite senza febbre

spiegazione chiara e letteralmente comprensibile, tutto è veritiero per esperienza personale. complimenti ritornerò sul sito per maggiori spiegazioni grazie.

Lascia il tuo commento: