Prelievo del succo duodenale e della bile

Come viene fatto il prelievo del succo duodenale e della bile? Nel duodeno confluiscono diversi profotti di secrezione: succo pancreatico, bile, secreto proprio delle mucose del duodeno, la bile, bechè priva di alimenti capaci di attaccare gli alimenti, è indispensabile per la funzione digerente, in quanto contribuisce a neutralizzare la acidità del chimo acio, lubrifica e diluisce il contenuto enterico, emulsiona i grassi alimentari rendendoli attacca dalla lipasi, solubilizzata e rende assorbibili gli acidi grassi a lunga catena.Queste ultime due funzioni sono compito specifico dei sali biliari.

Prelievo del succo duodenale e della bile

Prelievo succo duodenale e bile


La bile e il prelievo

La bile secreta dal fegato in maniera continua si raccoglie nella colicisti quando non vi sono in atto processi digestivi; qui essa subisce una modificazione della sua composizione in quanto si ha riassorbito di acqua e di sali e secrezione di mucina. Il succo pancreatico è un liquido chiaro, fluido, alcalino (pH intorno a 8) la cui principale caratteristica è di contenere enzimi attivissimi sugli amidi (amilasi),lipasi (sui grassi), proteine (proteasi). Il sondaggio duodenale si effettua con lo stesso procedimento usato per il sondaggio gastrico. Il sondino di Einhorn va introdotto per altri 20+25 cm. L'esame più frequenterichiesto è quello della bile. Per ottenere una secrezione quasi esclusivamente biliare, occorre provocare l'afflusso di bile nel duodeno stimolando la contrazione della cistifella (effetto colagogo) ed eventualmente la produzione espatica della bile (effetto coleretico).

In genere questo lo si ottiene immettendo nel duodeno, attraverso lo stesso sondino, 30ml. di una soluzione tiepida di solfato magnsio al 33% oppure 10 ml. di olio di oliva.

1° Si avrà la prima fuoriuscita di una certa quantità di liquido giallo bruno, fluido che rappresenta la secrezione biliare raccoltasi nel duodeno (bile A o Coledocica).

2° Per effetto della contrazione della coliciste giunge poi nel duodeno abbondante bile scura e densa (bile B o colicistica).

3° Segue poi la lenta emissione di liquido chiaro (giallo oro filante) che è la bile prodotta del fegato (bile C o epatica), e che non ha ristagnato nelle vie biliari:

a) La mancata secrezione di bile A non può fare sospettare una stenosi anatomica o funzionale (spasmo dello sfintere di Oddi) del duodeno.

b) L'assenza della BILE b dopo stimolo colagogo, sta ad indicare la impossibilità delle colicisti a far fuoriuscire il suo contenuto (comlicisti esclusa).

Ecco spiegato come avviene il prelievo duodenale e della bile.

Corpo umano anatomia organi

Lascia il tuo commento: