Prezzemolo: la pianta di prezzemolo

Prezzemolo “Occhio e malocchio”: Le erbe sono state sempre, sin dall’antichità, un elemento che ha attratto gli uomini. Utilizzate nei più svariati campi e per i più vari motivi, le erbe sono state e sono ancora oggi spesso utilizzate come rimedi per la risoluzione di malattie, per insaporire cibi o per diffondere piacevoli fragranze. Tra le erbe utilizzate dalle antiche civiltà proprio per questi fini vi è anche il prezzemolo. Attorno ad esso si iniziarono a decantare già in quei tempi delle proprietà magiche.

Il prezzemolo non è solo buono da mangiare: Si dice che mangiare prezzemolo provoca lussuria. Attenzione però, perché attorno al prezzemolo aggirano anche certe superstizioni: se siete innamorati non tagliate il prezzemolo, sicché n questo modo taglierete anche il vostro amore! L’apprezzata erba ha moltissime associazioni con la morte e con il male: i romani nascondevano un ciuffo di prezzemolo nelle toghe, ogni mattina, come mezzo di protezione. Anche la sua aggiunta ai piatti era in realtà fatta in segno di protezione da contaminazioni. L’utilizzo come mezzo contro il male era sfruttato anche nei bagni al fine di fermare le disgrazie. Proprio per queste ragioni al prezzemolo si associa il detto “occhio e malocchio”. Vi sono ancora delle altre credenze relative al prezzemolo. Si crede che una delle facoltà di quest’erba sia quella di prevenire la gravidanza: alle volte è mangiato come insalata per evitare il concepimento. Si pensa pure, che il prezzemolo induca le mestruazioniLe credenze attorno a questa erba sono davvero numerose e sebbene provengano da tempi ormai remoti, molte di esse sono ancora ritenute veritiere ai giorni nostri.

prezzemolo

Prezzemolo


Proprietà del prezzemolo

Il prezzemolo, grazie al suo vivace colore è tra i contorni preferiti per quasi tutti gli antipasti o sfiziosi piatti. Spesso è utilizzato per aggiungere un sapore leggermente piccante ad insalate e minestre oltre che un colore verde intenso. Ben accolto per arricchire le portate, quest’erba antica è anche nota per la sua capacità di rinfrescare l’alito.


Il prezzemolo fa bene

I benefici derivanti dall’utilizzo del prezzemolo non sono pochi, offre benefici anche in termini di nutrizione. È un’erba ricca di minerali e vitamine. Rappresenta una buona fonte di vitamina K, importante per la salute delle ossa e dei tessuti oltre che per la sua azione nella coagulazione del sangue. Altro buon elemento contenuto è la vitamina A, che migliora la vista e contribuisce nel garantire un sistema immunitario in salute. Il prezzemolo è pure una ricca fonte di vitamina C, necessaria alla guarigione ed al mantenimento di una pelle sana, oltre che al mantenimento di un buono stato delle ossa e del tessuto connettivo. Esso rappresenta inoltre una buona fonte di acido folico e di altre vitamine come quelle del complesso B, note per la produzione di globuli rossi e potassio che è un importante elemento per mantenere la pressione sanguigna in buono stato. Infine, si ricorda che il prezzemolo è una buona fonte di ferro, importante per prevenire l’anemia.

Il prezzemolo è un ottimo agente per la lotta contro il cancro, dato il suo contenuto di flavonoidi ed altre sostanze che per altro gli garantiscono il caratteristico colore vivace. Il contenuto di flavonoidi aiuta a proteggere le cellule dai danni dell’ossidazione. Il prezzemolo contiene anche poliacetilene, sostanza che secondo alcuni studi protegge l’organismo dalle sostanze cancerogene contenute nel fumo di tabacco. Inoltre, il prezzemolo include anche monoterpeni anch’essi noti per le loro proprietà anticancro. Per finire, è presente una piccola percentuale di miristicina, un allucinogeno analogamente trovato nella noce moscata. Tuttavia, la quantità è troppo piccola per causare effetti neurologici dannosi quando il prezzemolo è utilizzato come alimento.

Sebbene non sia stato confermato da studi scientifici, si pensa che il prezzemolo abbia una certa efficacia anche per quanto riguarda la cura della vescica. Si suppone sia in grado di lenire l’irritazione del tratto urinario e contribuire, inoltre, ad eliminare i calcoli renali. Tale effetto benefico si ricondurrebbe al fatto che il prezzemolo ha un effetto diuretico, il che garantisce una lotta ai batteri nocivi ed alle sostanze irritanti che potrebbero trovarsi nel tratto urinario. La ricerca scientifica ha invece dimostrato le sue proprietà lassative. Vi è infatti una relazione tra prezzemolo ed un aumento della secrezione di elettroliti ed acqua in due precisi punti del retto, a cui seguono, appunto, degli effetti lassativi.

L’utilizzo di prezzemolo è anche consigliato da erboristi, per la cura di punture di insetti, contusioni e parassiti della pelle.


Pianta e tipi di pianta di prezzemolo

Il prezzemolo è una delle erbe che nasconde dentro sé il maggior numero di effetti benefici. Esistono diversi tipi di prezzemolo con proprietà salutari. I principali tipi si distinguono in: foglia riccia (Petroselinum crispum) e foglia liscia o piatta. Quest’ultimo è in altre parole il prezzemolo italiano, noto come prezzemolo napoletano e che in botanica è più tecnicamente detto Petroselinum neapolitanum. Il sapore di quest’erba è apprezzato anche quando è combinato a del pepe coriandolo, cumino e pepe di Caienna. Entrambi i tipi di prezzemolo sono originari del Mediterraneo, ma sono ormai coltivati praticamente in tutto il mondo. L’opinione prevalente è quella che attribuisce un sapore migliore e più forte al prezzemolo a foglia piatta. Ad ogni modo vi sono pareri discordanti che si dissociano da quest’opinione comune e che pensano che in realtà tra i due tipi non vi sia alcuna differenza. Ai fini culinari si preferisce generalmente l’utilizzo del tipo a foglia piatta.


Usi del prezzemolo e consigli

Le foglie della piante vengono utilizzate frequentemente come guarnizione o come condimento in cibi cotti. I semi di prezzemolo possono invece essere bolliti per farne un tè. Anche se l’utilizzo di prezzemolo come alimento è considerato sicuro, l’olio essenziale può invece provocare danni quali mal di testa, convulsioni e danni renali. L’olio si trova in maggiore concentrazione proprio nei semi, per questa regione si raccomanda vivamente di evitarne l’assunzione in caso di gravidanza. L’olio di prezzemolo così come il tè ottenuto dai semi potrebbero persino provocare danni al feto, attraversare la placenta ad aumentare la sua frequenza cardiaca. Quando si seleziona il prezzemolo, si consiglia di cercare rametti con foglie elastiche, flessibili ed evitare quelli che hanno un colore giallo, marrone o che sembrano appassiti. Sciacquare bene prima di utilizzare il prezzemolo, dopo averlo ben lavato riporlo in un bicchiere d’acqua ed infine in frigorifero. È anche possibile conservare il prezzemolo secco conservandolo in un contenitore a chiusura ermetica, in un luogo fresco, asciutto e lontano da fonti di luce.


Il prezzemolo come tonico viso

Gli utilizzi del prezzemolo si estendono persino in campo estetico: utilizzato per la pulizia del viso e per la rimozione di lentiggini. Un infuso a base di prezzemolo costituisce un buon tonico per il viso. Per la preparazione basta aggiungere due cucchiai di prezzemolo tritato in una tazza d’acqua calda. Dopo aver fatto riposare la miscela per circa un’ora, è necessario procedere passando al setaccio il liquido. Il vostro infuso è così pronto per poter essere consumato. Si consiglia di prendere tre volte al giorno l’infuso, prima dei pasti. Esso permette di godere delle ottime proprietà del prezzemolo: dato l’alto contenuto di vitamina A contribuisce alla bellezza, mentre grazie al contenuto di vitamina E migliora l’elasticità della pelle. È possibile preparare l’infusione anche partendo dai semi di prezzemolo. È sufficiente seguire esattamente la stessa procedura, lasciando però i semi per un tempo di macerazione di circa 8 ore.


Precauzioni effetti collaterali e controindicazioni

Il consumo del prezzemolo deve essere limitato per le donne in stato di gravidanza dal momento che può stimolare le contrazioni uterine. Evitare anche in caso di allattamento. Allo stesso modo il suo consumo è sconsigliato per le persone con malattie renali o disturbi renali di natura infiammatoria. In questi casi l’utilizzo è sconsigliato specialmente l’olio essenziale di semi di prezzemolo, giacché contiene componenti attivi che sono potenzialmente in grado di alterare le funzioni del fegato. In alcune persone il prezzemolo può persino causare la fotosensibilità o in maniera analoga può causare un aumento della predisposizione alle scottature solari. Questa reazione si verifica però non con il consumo del prezzemolo, ma nel caso in cui si abbia un contatto fisico con le foglie di esso.


Prezzemolo e interazioni con i farmaci

Il prezzemolo è in grado di reagire con alcuni farmaci, nel caso in cui stiate assumendo particolari prodotti farmaceutici evitate l’uso di prezzemolo se non dopo aver consultato un medico.

Curiosità e informazioni sui benefici derivanti dal consumo di prezzemolo

Erbe officinali piante medicinali

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo prezzemolo: la pianta di prezzemolo

la pianta di prezzemolo

È vero che il prezzemolo cotto è nocivo, meglio usarlo solo crudo a fine cottura...

Lascia il tuo commento: