Punti bianchi

I punti bianchi della pelle possono formarsi in varie zone del corpo, punti bianchi rientrano nella vasta famiglia degli inestetismi della pelle (ma non solo) per cui la gente si dimostra disposta a tutto pur di vederli scomparire dal proprio corpo. I punti bianchi rappresentano un inestetismo davvero fastidioso che può svilupparsi in tutto il corpo; i punti bianchi appaiono solitamente sulla pelle come delle piccole macchie e sebbene molti ignorino questa caratteristica del proprio fisico gli studiosi affermano che si tratta di un’argomentazione da non sottovalutare affatto, in quanto questi punti bianchi possono testimoniare la comparsa di un problema più o meno grave per la condizione di salute di un individuo.

Punti bianchi

Punti bianchi

Punti bianchi

Per questo motivo sarà bene interessarsi sulla natura di questi inestetismi per capire a fondo le cause che determinano la loro comparsa ed il significato che possiamo attribuirvi, in maniera da decidere se il problema necessita di una cura immediata o si tratta semplicemente di una leggera reazione cutanea di poco conto, per il momento. Nella maggior parte dei casi i punti bianchi sono identificati come una condizione particolare, la vitiligine (conosciuta anche come leucoderma), una malattia dell’epidermide che provoca nel soggetto colpito la formazione di macchie e piccoli puntini sulla pelle: le cause che favoriscono lo sviluppo di questa patologia solitamente interessano la genetica o il fattore ambientale, ma per conoscere le soluzioni destinate a risolvere la condizione in questione sarà bene analizzare a fondo la natura dei punti bianchi e le possibili cause da cui derivano.

Che cosa sono i punti bianchi?

Vi state chiedendo che cosa sono i punti bianchi? I punti bianchi della pelle possono rivelarsi includendo tutto il corpo con la loro fastidiosa comparsa, che in molti soggetti diventa addirittura una fonte di allarme e preoccupazione: un fattore da non dimenticare è che la diagnosi del medico risulta particolarmente difficile da esporre, in quanto le cause da cui derivano i punti bianchi possono essere veramente moltissime e dalla diversa interpretazione. Il più delle volte i punti bianchi appaiono come delle macchie che affliggono vaste aree del corpo, come una sorta di sintomo di un’infezione fungina, ma non ci sentiamo di escludere qualsiasi altro fattore interagente con la salute del vostro corpo e l’estetica del corpo: cercate di evitare di affrontare il problema senza l’aiuto del medico, informatelo subito della comparsa dei punti bianchi in maniera da disporre subito di tutto l’aiuto necessario per combattere questi inestetismi e tornare ad avere una pelle libera dalle impurità o da tali intrusi.

Punti bianchi sulla pelle del viso, del mento, del naso o sul glande: normalità o anormalità?

I punti bianchi sono un tipo di inestetismo che possono interessare diverse parti del corpo, ma nel più dei soggetti fanno capolino sulla pelle del viso, del naso, del mento o addirittura sul glande o sul prepuzio: nonostante questa caratteristica possa rivelarsi davvero spaventosa, a primo sguardo, dovete sapere che una delle cause comuni da cui derivano i punti bianchi riguarda proprio le ghiandole sebacee responsabili della produzione di sebo per idratare la pelle: così come i brufoli, anche i punti bianchi possono derivare dall’accumulo di sebo nei pori cutanei che, come conseguenza, porta inevitabilmente i numerosi inestetismi della pelle: consultate dunque il vostro medico per capire se i vostri punti bianchi sono dovuti a questo fattore, in maniera da scongiurare una vasta gamma di altre possibili cause.

Qual è la causa dei punti bianchi? Cause da cui possono derivare i punti bianchi

La causa diretta dei punti bianchi è stata a lungo fonte di discussione tra i vari scienziati che studiano questo problema per trovare una possibile cura: il fatto che esistono molteplici cause (alcune ancora sconosciute) che possono interagire con la salute cutanea portando alla formazione dei punti bianchi rende difficilmente diagnosticabile la condizione di un soggetto specifico, anche se possiamo spesso restringere il campo delle cause di questo inestetismo includendo:

  • La vitiligine - la vitiligine è una malattia della pelle altamente trasmissibile che comporta uno squilibrio nella naturale pigmentazione della pelle, disturbo che compromette seriamente la salute delle cellule che compongono i pigmenti e definiscono la salute cutanea. Solitamente la vitiligine affligge il corpo in diverse zone, includendo mani, piedi, labbra, contorno bocca ed occhi, narici, genitali, braccia e gambe, senza tralasciare dunque nessuna zona del fisico, tanto visibile quanto nascosta o perennemente celata dagli indumenti.
  • Lichen sclerosi - questo tipo di malattia è una forma infettiva superficiale della pelle che in quasi la totalità dei casi porta allo sviluppo di macchie (anche estese) nella zona dei genitali e, se non viene immediatamente trattata, porta il rischio reale di espandersi velocemente. Il più delle volte la sclerosi lichen è dovuta all’insufficienza immunitaria dell’individuo colpito, contattare immediatamente il proprio medico è la soluzione più consigliata per farvi fronte.
  • La morfea - questa patologia rappresenta lo sviluppo di uno sclerodermia, un disturbo che affligge i tessuti cutanei a causa del calo immunitario delle difese che si occupano di mantenerli in totale salute. La morfea non causa solamente punti bianchi sulle zone colpite, ma può formare anche macchie estese di color rosso o violaceo, rendendo realmente antiestetica la pelle di una persona: ecco una possibile causa del vostro inestetismo.
  • Pitiriasi versicolor - un’altra possibile causa dei punti bianchi è la tineaversicolor (conosciuta anche come pitiriasi versicolor), una sorta di infezione fungina superficiale che colpisce la pelle di spalle, torace o schiena. Contattare il proprio medico per stabilire la linea d’azione nei confronti dell’infezione sarà fondamentale per evitare che questa possa progredire espandendosi su vaste aree del corpo.

I punti bianchi dovuti dall’acne: comedoni chiusi, punti bianchi e neri, anche sottopelle

Una delle cause più comuni da cui derivano i punti bianchi resta l’acne con i suoi inestetismi correlati come i comedoni chiusi, i punti neri o i semplici brufoli, che come ben sappiamo possono svilupparsi anche sottopelle. I punti bianchi in questo senso sono una caratteristica abbastanza comune dell’accumulo di sebo sulla superficie cutanea che, indurendosi, provoca assieme a varie tossine e batteri l’infiammazione della zona: se siete geneticamente predisposti ad avere l’acne allora per evitare i punti bianchi sarà necessario concentrarsi per evitare la causa diretta di tale problema, chiedendo consiglio al vostro medico sulle varie soluzioni per favorire l’uscita del sebo e ristabilire l’apertura dei pori cutanei. Spesso non serve altro che un’accurata pulizia del viso ed un rispetto costante della propria salute per evitare che il disturbo possa progredire, riducendo i punti bianchi e la loro capacità di peggiorare l’aspetto della vostra pelle in concomitanza ai comedoni chiusi ed ai punti neri.

Punti bianchi in gola? Cosa significano?

Una condizione di comune apparenza ai punti bianchi della pelle si manifesta in gola, dimostrandosi con numerose macchie bianche (anche parecchio spesse) che interessano la lingua e la parte superiore della gola, portando dolore e bruciore alla deglutizione. Sebbene ciò possa essere tradotto come le semplici placche in gola, alcuni casi particolare hanno evidenziato l’evoluzione di un’infezione batterica delle tonsille, condizione che andrebbe immediatamente monitorata con l’assunzione di farmaci antibiotici ed altri trattamenti specifici per farvi fronte: non prendete alla leggera i punti bianchi in gola, informatevi presso il vostro medico a riguardo delle varie soluzioni che possono aiutarvi a combattere il problema.

Punti bianchi intorno agli occhi: allergia o accumulo di sebo?

Alcuni dei nostri lettori hanno spesso evidenziato il fatto di quanto risulti difficile diagnosticare la natura dei punti bianchi intorno agli occhi: sebbene il più delle volte essi rappresentino solamente un dato di poco conto, e cioè il semplice accumulo di sebo, in molte persone ciò può testimoniare l’insorgenza di qualche forma di allergia o intolleranza a determinate sostanze o alimenti. Chiedete al vostro medico un test per individuare una possibile causa allergica della vostra situazione, in maniera da disporre di tutte le misure preventive per aggirare il problema, se si presenta nuovamente.

Cosa fare una volta individuati i punti bianchi?

Se cominciate a notare la comparsa dei punti bianchi sulla vostra pelle c’è una cosa che dovete fare immediatamente, e cioè prendere appuntamento presso il vostro medico di fiducia o un dermatologo per sottoporvi ai vari test ed individuare le causa che definiscono la vostra condizione. I punti bianchi, come abbiamo visto, possono avere un numero davvero vastissimo di cause, motivo per cui resta importantissimo capire quale interessa il proprio caso e trovare tutte le soluzioni disponibili per combattere il problema e risolverlo definitivamente. Capire le cause dei punti bianchi è anche il modo migliore per disporre di una buona prevenzione, così da evitare che questi inestetismi facciano nuovamente capolino sulla vostra pelle o su qualsiasi zona del corpo.

La cura per i punti bianchi: trattamento e terapia specifica o rimedi naturali?

A seconda dei casi la cura dei punti bianchi varierà in base alle esigenze del paziente: se volete curare i vostri punti bianchi potrete infatti scegliere se seguire un trattamento o una terapia particolare anziché i rimedi naturali proposti dall’omeopatia tradizionale: sicuramente nel caso di un’infezione fungina sarà necessario intervenire con degli appositi farmaci antibiotici per eliminare alla base il problema e ristabilire successivamente la salute cutanea; per aumentare le possibilità di successo sarà importantissimo aumentare il consumo di vitamina B, un nutrimento essenziale per la salute della pelle e dei suoi tessuti, ecco allora che nella dieta quotidiana non potranno mancare alimenti come il riso, i lieviti ed i cereali per garantirsi il fabbisogno giornaliero di questa sostanza fondamentale per il nostro scopo. Uno dei rimedi naturali più utilizzati dalle persone che desiderato trattare i punti bianchi sul viso consiste in una speciale miscela di argilla, aceto e zenzero, applicabile direttamente sulla pelle per lasciare che le proprietà di queste sostanze penetrino in profondità restituendo salute e benessere a tutti i tessuti dell’epidermide: provate anche voi e noterete che risultato fantastico! Ad ogni modo non dimenticatevi mai di chiedere consiglio ad uno specialista, prima di prendere iniziative di proprio conto.

Considerazione finale sui punti bianchi

Dato che i punti bianchi possono dimostrarsi una vera e propria fonte di disagio per le persone colpite sarà bene che anche voi prendiate seriamente in considerazione il fatto di consultare immediatamente un esperto, se notate la loro comparsa, in maniera da scongiurare il rischio che i punti bianchi rappresentino un’infezione pericolosa per la vostra salute e per quella della vostra pelle: prevenzione significa cura efficace, ma ad ogni modo sappiate che non sarà poi così difficile eliminare i punti bianchi, una volta individuate le loro cause dirette.

Punti bianchi sulla pelle, cosa sono e come eliminarli.