Punture morsi di insetti (cosa fare)

Cosa fare contro i morsi e le punture di insetti? Sintomi cure e rimedi per i morsi di insetti variano a seconda dell'insetto che ha punto la persona, ma malgrado ciò esistono delle cure definibili standard per porre rimedio a queste fastidiose reazioni naturali di difesa del nostro organismo.

Punture morsi di insetti (cosa fare)

Punture di insetti

Per iniziare è bene sapere che la stagione in cui i morsi di insetti sono più frequenti è l'estate e sono quasi sempre ad opera di insetti ben noti come:

  • Moscerini
  • Pulci
  • Zecche
  • Cimici
  • Pappataci
  • Tafani
  • Zanzare
  • Ragni
  • Pappataci
  • Api
  • Vespe
  • Calabroni
  • Scorpioni

Manifestazioni cutanee causate dai morsi di insetti:

  • infiammazione (gonfiore e rossore)
  • escara (crosta di tessuto necrotico formatasi a seguito di infezioni)
  • papula (rilievo solido della pelle)
  • tumefazioni
  • bolle

Sintomi generici che solitamente si possono manifestare dopo i morsi di un insetto:

  • dolori articolari
  • spasmi muscolari
  • bruciore
  • prurito
  • febbre.

La suddetta sintomatologia varia a seconda del tipo di insetto che punge e dalla sensibilità che presenta al morso il soggetto punto. Per esempio, in alcune persone possono formarsi dei piccoli grumi che durano solamente poche ore. Altri soggetti invece possono addirittura avere degli shock anafilattici che possono mettere in serio pericolo la loro salute (mi riferisco alle punture delle api, dei ragni, degli scorpioni).

Quando dovete consultare un medico

Qualora doveste presentare un sintomo abbastanza grave (febbre alta, gonfiore, bolle, pus), recatevi immediatamente dal vostro medico. In modo particolare se avete un’insufficienza respiratoria, o dei crampi addominali, tumefazione della lingua (state avendo uno shock anafilattico), fatevi accompagnare in ospedale.

Se vi ha morsicato una zecca rimuovetela in fretta (con dell’aceto/olio), altrimenti potreste contrarre la malattia di Lyme (dovuta al batterio Borrelia burgdorgeri che appesta tale parassita).

Dalla maggior parte delle punture dei suddetti animaletti ci si riprende in poche ore. Invece occorrono almeno 3 settimane per guarire dai morsi della zecca, anche se può durare anche mesi un malessere generale se una parte di questo insetto rimane nella ferita.

Perfino alcune punture di insetti possono provocare gravi conseguenze.

La zanzara Anopheles può diffondere la ben nota malaria, anche se in Europa e in America la possibilità di contrarre questa condizione è quasi a.

Se siete molto reattivi alle punture delle pulci potreste rischiare di incorrere nell’ orticaria papulosa (la parte punta della vostra pelle si potrebbe arrossare e causarvi del prurito).

Possibili rischi e complicazioni dovuti ai morsi di insetti

Coloro che hanno animali domestici come cani, dei gatti, uccelli, saranno molto esposti ai morsi delle pulci. Comunque vi ricordo che i suddetti animaletti si riscontrano anche nelle comunità sovraffollate che presentano bassi standard igienici.

Qualora abbiate l’abitudine di non controllare se i sottovasi dei vostri vasetti sono stracolmi di acqua, potreste facilmente essere preda della le zanzare che potrebbero deporre le loro uova in questo fluido.

Le cimici si stanziano all’interno di materassi, di mobili, di rivestimenti.

Le guardie forestali (o le persone che vivono nelle vicinanze di grandi raffinerie petrolifere), hanno un’elevata probabilità di essere morse da zecche e da zanzare.

Invece i soggetti che maneggiano prodotti, come gli scaricatori di porto, i magazzinieri, i commercianti sono spesso morsi dagli acari.

Le zanzare sono molto attratte dalle donne gravide (forse perché producono più anidride carbonica).

Qualora abbiate delle ulcere (ferite aperte) le mosche vi troveranno appetitosi: ad esse piace deporre le loro uova nella carne in putrefazione.

Semplice diagnosi dei morsi dovuti ad un insetto

La puntura/morso da insetto è normalmente evidente: se conoscete l’insetto che vi ha punto/morso ed avete riscontrato uno dei suddetti sintomi già accennati, informatene il vostro medico di famiglia. Egli vi visiterà per riscontrarvi i disagi che l’animaletto vi ha causato e per confermare o meno la diagnosi.

L’irritazione è solitamente un sintomo costante: evitate di strofinare la zona colpita, per non peggiorare la situazione e non generare un’infezione. Le bolle nella pelle si manifestano come reazione per un morso delle suddette bestiole.

La febbre alta è data da numerose punture (vedete per esempio, da quelle da vespe), o significa che è in corso una grave reazione locale.

Trattamenti e rimedi naturali per la cura dei morsi di insetti

Cosa fare? Se voi avete delle piccole reazioni locali che si limitano alla zona del morso potete:

  • lavare la parte morsicata con dell’acqua e del sapone ed applicarle un impacco freddo (per tentare di ridurre il dolore ed il gonfiore)
  • evitare di grattarvi (per non infettarla ancora di più)
  • nel caso abbiate un prurito insopportabile, passare sopra la pelle contusa con una crema crotamitone (o cortisonica per la sofferenza)
  • prendere un antidolorifico se la parte è molto gonfia, o dolorosa

Quando invece le avvisaglie sono più serie, consultate al più presto il vostro dottore. Egli potrà prescrivervi:

  • un antistaminico per le reazioni allergiche
  • un antibiotico se la ferita si fosse infettata
  • un corticosteroide per ridurre la vostra risposta immunitaria verso l’infezione (anche se siete stati morsi da un ragno)
  • una tavoletta di antistaminico qualora non riuscite a dormire per il fastidioso prurito (essa vi indurrà la sonnolenza).

Qualora abbiate problemi di respirazione causati da una puntura di un insetto, non esitate a chiamare il 118 (o a farvi accompagnare al pronto soccorso).

Vi ricordo che per quanto piccoli certi insetti possono essere letali per la vostra salute. Il morso dello scorpione potrebbe causarvi una morte per una paralisi respiratoria. La zecca potrebbe causarvi dei seri danni al vostro sistema nervoso. Se quindi presentate delle forte reazioni causate da morsi/punture di queste bestiole non esitare a rivolgervi ad un operatore sanitario.

Consigli pratici per prevenire i vari morsi di insetto

Qualora siate morsi da acari, da pulci, o da cimici disinfestate la casa, i mobili ed anche gli animali domestici. In vacanza potete evitare di usare d’estate dei pantaloni corti qualora soggiornaste vicino a case che si affacciano su fiumi, su laghi, sul mare ed evitare la sera di uscire con magliette scollate.

Usate gli spray insettorepellenti.

Usate i fornellini elettrici (o sonori) contro le fastidiose zanzare, per dormire tranquilli la notte.

Non lasciate acqua nei vasi, nei sottovasi.

Non uccidete i gechi (si mangiano le zanzare).

Dal ritorno da una bella scampagnata mettetevi nudi di fronte allo specchio e cercate di vedere se avete i segni di un’eventuale zecca.

I pappataci sono attirati dalle creme solari, quindi ricordatevi di applicarvi questa lozione prima di recarvi in spiaggia.

Se siete in ferie cercate comunque di sapere sempre dove si trova la guardia medica, o l’ospedale più vicino a voi.

Qualora abbiate avuto in passato uno shock anafilattico causato da una puntura di ape o vespa e dovete fare una gita all’aria aperta, non dimenticatevi di portarvi sempre dietro l’adrenalina iniettabile.

Ecco cosa fare contro i morsi e le punture di insetti

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo punture morsi di insetti (cosa fare)

Punture di insetti

grazie speriamo funzioni : mi hanno punto 2 vespe e il giorno dopo mi prudeva ed e' diventato gonfio di poco

Lascia il tuo commento: