Alimenti anti diarrea

Alcuni alimenti sono ottimi contro la diarrea, la diarrea è un sintomo comune a numerose patologie, prevalentemente gastrointestinali (tra le quali la gastroenterite, un’infezione virale dell’intestino) e si manifesta attraverso emissione  frequente di feci acquose, gonfiore, incontinenza, crampi addominali, disidratazione e, a volte, febbre, condizioni che impediscono le normali e fisiologiche attività quotidiane.

Alimenti anti diarrea

Diarrea alimenti

La diarrea

La diarrea in realtà, la diarrea è un meccanismo di risposta innescato dall’organismo per liberarsi dalle tossine che sono in circolo e purificarsi: è necessario, quindi, lasciare che la diarrea abbia il suo corso, che, normalmente, non si protrae per più di mezza giornata, altrimenti ne vanno ricercate le cause, infatti la diarrea può essere sintomo di condizioni ben più gravi, come infezione da Escherichia Coli, sindrome dell’intestino irritabile, intolleranze e allergie alimentari, intossicazioni, malattie infiammatorie intestinali, tumori dell’apparato digerente (in questi casi bisogna, assolutamente, sottoporsi a visita medica per accertare l’entità del problema, soprattutto se i sintomi sembrano molto gravi, come ad esempio febbre alta, e se sono iniziati dopo un viaggio in un Paese straniero); nel caso in cui la diarrea si manifesta per poche ore, è sufficiente, nella maggior parte dei casi, avviare un trattamento per restituire al corpo l’energia e le sostanze nutritive perse; questo trattamento dipende, prevalentemente, da tre fattori: idratazione, alimentazione, riposo; a questi se ne possono aggiungere altri, come utili rimedi naturali che possono essere, facilmente, preparati in casa.

Cosa è importante fare per la diarrea?

Idratazione

Una delle conseguenza più pericolose della diarrea, soprattutto nei bambini e nei neonati, è, proprio, la disidratazione, perciò reintrodurre i liquidi persi è il primo rimedio che va messo in atto; con la diarrea non si elimina soltanto acqua, ma vengono persi anche sali minerali, vitamine ed elettroliti: bisogna, perciò, ristabilire l’equilibrio elettrolitico ed assumere gli elementi persi, non solo attraverso l’acqua, ma anche con succhi di frutta o di verdura; va ricordato che questi vanno bevuti lentamente e durante tutto il giorno.

Alimentazione:

Cosa non bisogna mangiare?

Per non aggravare ulteriormente il problema, bisogna evitare tutti quei cibi che potrebbero avere effetto lassativo o, comunque, che non sono facilmente digeribili ed andrebbero ad affaticare ulteriormente l’apparato digerente. Tra questi, ricordiamo:

  • i latticini
  • i dolci (torte, biscotti, caramelle)
  • i cibi piccanti
  • le bevande alcoliche
  • le bevande ricche di caffeina
  • i dolcificanti artificiali (come l’aspartame e il sorbitolo)

Cosa si deve mangiare?

Non appena compaiono i primi sintomi di diarrea, bisogna astenersi dal mangiare qualsiasi cibo solido, poiché l’apparato digerente risulta già affaticato e non riuscirebbe a digerire bene alimenti più pesanti.
La dieta, inizialmente, dev’essere costituita solamente da liquidi: molta acqua, te leggero, succhi di frutta e brodini: in questo modo l’intestino non lavora troppo e si prevengono ulteriori irritazioni; in seguito, si possono inserire, in piccole quantità facili da digerire, dei pasti leggeri per restituire all’organismo i nutrienti persi.

Tra le sostanze che è necessario reintrodurre nell’organismo, troviamo:

  • la pectina: una fibra idrosolubile che aiuta ad assorbire i liquidi in eccesso nell’intestino; generalmente, la pectina è contenuta nella frutta, quindi bisogna consumare mele, banane ed altra frutta secondo il proprio gradimento
  • il potassio: uno degli elementi maggiormente eliminati con la diarrea; il potassio si trova nelle banane, nelle patate e nelle bevande, come, ad esempio, quelle sportive o in alcuni succhi di frutta
  • il sodio: aiuta a trattenere l’acqua, evitando un’eccessiva disidratazione; tutti i cibi salati sono ricchi di sodio (cracker, salatini) ma questo elemento si può trovare anche in altri alimenti
  • le proteine: restituiscono energia all’organismo quando si ha sensazione di affaticamento; alimenti altamente proteici sono la carne (manzo magro, carne di maiale, di tacchino o di pollo) e le uova, che devono, rigorosamente, essere cotte

Inoltre può essere utile mangiare alcuni tipi di frutta e verdura che, comunque, devono essere cotti, in quanto frutta e verdura crude possono peggiorare i sintomi della diarrea; si possono consumare quindi:

  • minestre di asparagi
  • le zucchine
  • i funghi
  • la passata di pomodoro
  • le patate bollite
  • le carote bollite

Inoltre, si possono mangiare, senza problemi, il riso in bianco e il pane tostato.

Mentre, la dieta per i bambini dovrebbe essere costituita, solamente, da:

  • banane
  • riso
  • mele
  • pane tostate

Riposo

Fornire all’organismo debilitato il giusto riposo è essenziale per una rapida guarigione: il sistema immunitario, infatti, dev’essere efficiente per combattere e debellare i parassiti che sono in circolo, perciò è indispensabile che le condizioni generali dell’organismo siano discrete, altrimenti il tempo necessario per ritornare in perfetta forma sarà maggiore.

Altri rimedi

Nel caso la diarrea sia breve e non grave, conviene non assumere farmaci (tranne in casi di necessità) e lasciare che faccia il suo corso, in modo da permettere all’organismo di depurarsi e tornare in breve tempo alla condizione di normalità; in ogni modo, possono essere adottati dei rimedi naturali che garantiscano sollievo e aiutino a riprendersi dalle conseguenze negative della diarrea.

Molto spesso i rimedi preparati in casa risultano i più efficaci, oltre ad essere naturali, quindi non aggressivi nei confronti dell’organismo in generale; proponiamo, quindi, alcuni alimenti che, per le loro proprietà, assicurano dei benefici, in caso di diarrea:

  • lo yogurt: i fermenti lattici vivi che si trovano nello yogurt possono aiutare a ricostituire la flora batterica naturale dell’intestino; ciò riduce sia l’entità che la durata della diarrea
  • il Saccharomyces Boulardii: un lievito probiotico che favorisce la crescita della flora batterica intestinale; questo rimedio è stato utilizzato per anni, in quanto riduce l’infiammazione intestinale e favorisce un aumento della risposta immunitaria dell’organismo
  • la fibra di psillio: una fibra che può essere consumata anche in polvere ed ha un forte potere assorbente, quindi riduce la quantità eccessiva di acqua che si trova nell’intestino
  • la camomilla: le proprietà della camomilla utili in caso di diarrea sono numerose; innanzitutto il potere idratante, che restituisce i liquidi persi; inoltre la camomilla ha funzioni antinfiammatorie ed antispasmodiche, che riducono la gravità dei sintomi della diarrea ed agiscono da calmante

La diarrea deve preoccupare?

Quando si ha un attacco di diarrea, si devono distinguere due casi; quando la diarrea dipende da una patologia di fondo più grave, bisogna proseguire con la terapia già in corso o, se non si conoscono le cause e il problema persiste per giorni con sintomi che si presentano sempre peggiori, è assolutamente necessario rivolgersi ad un medico per indagare le reali cause che hanno scatenato la reazione dell’organismo ed intervenire, prontamente, con una giusta cura: in questo caso, i rimedi adottati in casa possono essere di efficacia temporanea o totalmente inutili, in quanto il problema da risolvere è più grave e la diarrea è, soltanto, uno dei tanti sintomi.

Quando, invece, la diarrea è temporanea e non si presentano sintomi gravi, può dipendere da cause minori, da non sottovalutare ma comunque non eccessivamente pericolose, come una cattiva alimentazione (eccessivo consumo di cibo, assunzione di alimenti a cui si è intolleranti o di pessima qualità) o altre problematiche che però non si protraggono nel tempo, ma possono essere eliminate (una volta individuata la reale causa); in questo secondo caso, si può contrastare la diarrea assumendo dei farmaci antidiarroici, ma ciò comporterebbe di impedire all’organismo di liberarsi completamente dalle tossine.

Se possibile, bisogna porre rimedio alla diarrea, semplicemente con una abbondante idratazione e con una alimentazione indicata, assumendo quelle sostanze che, molto probabilmente, sono state perse ed evitando, invece, di introdurre quelli alimenti che potrebbero avere un effetto lassativo; una volta superata la fase critica, durante la quale conviene astenersi dal mangiare (sempre ricordandosi di bere tantissimo) e garantire al proprio corpo assoluto riposo per superare la debolezza e la sensazione di debilitazione, dovuta tra l’altro alla disidratazione, si possono riprendere, man mano che si avverte un miglioramento, le normali attività quotidiane, abituando il corpo gradualmente sia alla fatica sia alla solita alimentazione, quindi reintroducendo via via i cibi più leggeri.

In ogni caso, vanno individuate le cause della diarrea, per eliminare quelle abitudini (non per forza errate) che hanno scatenato la reazione del proprio organismo e assicurarsi che il problema non si ripresenti.

Consigli sugli alimenti più adatti e consigliati contro la diarrea.

Salute alimentazione

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo alimenti anti diarrea

Alimenti anti diarrea

Ho trovato l'articolo esaustivo, concreto ed assolutamente ponderato.

Articolo utili sugli alimenti antidiarrea

Veramente utile e ben scritto!!!

Gli alimenti anti-diarrea

Utile, preciso ed esauriente .

Articolo sugli alimenti contro la diarrea

Articolo ben dettagliato

Dubbi sugli alimenti anti-diarrea

Ottimo articolo..... mi ha tolto ogni dubbio...

Articolo sintetico e preciso sul problema diarrea

Articolo ben fatto. Chiaro, sintetico ma molto preciso. Mi è stato molto utile. Grazie

Alimenti anti-diarrea: articolo esaustivo

Io sto soffrendo ancora a causa di una dose eccessiva di antibiotici per curare un ascesso dentario. Comunque l'articolo che avete posto è molto esaustivo. Grazie.

Articolo comprensibile e utile

Lascia il tuo commento: