Cibi ed alimenti poveri di carboidrati

Conoscere quali alimenti siano a basso contenuto di carboidrati è il primo segreto da conoscere per riuscire a raggiungere il dimagrimento sperato.

Sentiamo tanto parlare di alimenti e diete a basso contenuto di carboidrati, ma cosa sono i carboidrati? Innanzitutto, i carboidrati, detti anche saccaridi, glucidi, zuccheri o idrati del carbonio, sono composti chimici che contengono carbonio, idrogeno e ossigeno, che si combinano tra loro a formare molti diversi tipi di carboidrati, che hanno differenti caratteristiche proprio grazie alle diverse combinazioni in cui si stabilizzano i tre atomi.

Cibi ed alimenti poveri di carboidrati

Alimenti poveri di carboidrati

I carboidrati

Un grammo di carboidrati fornisce circa quattro calorie al nostro organismo, e i carboidrati sono stati suddivisi in:

  • Carboidrati semplici, che ritroviamo nei prodotti caseari, nei dolci, nella frutta, nello zucchero, nel miele;
  • Carboidrati complessi, che richiedono un certo lavoro digestivo per essere ridotti a sostanze più semplici, e che ritroviamo nel riso, nella farina, in tutti i cereali e i legumi, ma soprattutto negli alimenti ricchi di amido, e inoltre di questa categoria ne fanno parte anche le fibre, che si assumono principalmente con i legumi secchi, con i cereali e con la verdura.

A cosa servono i carboidrati

I carboidrati, specialmente quelli semplici, costituiscono la principale fonte di energia immediata per il nostro organismo, e sono indispensabili per le funzioni energetiche del cervello, dei globuli rossi ed in particolare per il tessuto nervoso. Ma quali sono gli alimenti che contengono un alto quantitativo di carboidrati? E quali sono invece gli alimenti che ne sono privi o che ne hanno una quantità minima? Sapere queste cose può essere di fondamentale importanza per coloro che hanno intenzione di seguire una dieta a basso consumo di carboidrati, in quanto la maggior parte di questo tipo di diete, raccomanda di mangiare meno di 50 grammi di carboidrati al giorno, e alcune suggeriscono addirittura di mangiarne tra i venti e i venticinque grammi al giorno. E se consideriamo che solo una tazza di riso bianco ne contiene centocinquantuno grammi, è evidente quanto sia importante sapere quali cibi contengono molti o pochi carboidrati.

I cibi che contengono una sostanziale quantità di carboidrati sono:

  • tutti gli alimenti prodotti con farina di grano come pasta, pane, biscotti, cracker, e inoltre il riso, i cereali, il mais;
  • la frutta, molto ricca di zuccheri semplici;
  • i prodotti caseari, il cui principale rappresentante è il latte, che contiene molti zuccheri semplici, e tutti i suoi derivati, come i formaggi e la panna, sebbene ne contengano in quantità di solito molto ridotte;
  • gli oli ed i condimenti, la cui maggior parte contiene carboidrati, lo stesso vale per i condimenti per le insalate e la maionese, che spesso contengono carboidrati perché sono formate con l’aceto e potrebbero inoltre contenere delle erbe, mentre invece altri tipi di condimento come il sale, l’olio d’oliva, grassi animali come l’olio di pesce e lo strutto, alcune marche di margarina non contengono carboidrati.

Alimenti poveri di carboidrati

Per quanto riguarda invece i cibi che sono poveri di carboidrati, potrebbe sembrare un po’ difficile individuarli, ma in realtà non lo è, poiché basta leggere attentamente le etichette nutrizionali che si trovano sulle confezioni. In più è importante ricordare che alcune etichette presenti sulle confezioni possono indicare che questi alimenti contengono zero grammi di carboidrati, tuttavia, pochi sanno che le leggi di etichettatura consentono ai produttori di alimenti di mettere in lista che ci sono 0 grammi di carboidrati se l’alimento ne contiene una quantità minore di un grammo.

Comunque, i cibi che contengono pochi carboidrati sono:

  • tutte le carni naturali presenti in natura, tuttavia le carni preconfezionate ed i salumi sono spesso lavorate con soluzioni di sale e zucchero o miscele di stagionatura che conferiscono carboidrati alla carne; infatti le carni lavorate e i salumi, come la salsiccia, il prosciutto, la pancetta e i wurstel, contengono di norma piccole quantità di carboidrati;
  • manzo;
  • carne di vitello;
  • frattaglie, come il cervello, il fegato, i reni;
  • agnello;
  • carne di suino;
  • pollo;
  • tacchino;
  • pesce, come il salmone, la trota, la passera di mare, ecc;
  • anatra;
  • oca;
  • frutti di mare, come  granchi, gamberi, aragoste;
  • molluschi, come le ostriche, le vongole, le cozze;
  • selvaggina, come il cervo e l’alce;
  • uova;
  • carni esotiche, come lo struzzo e l’emu.
  • Sostituti dello zucchero come ad esempio l’aspartame, la saccarina, pubblicizzati come prodotti alternativi allo zucchero e a basso contenuto di carboidrati, perché sono così dolci, che ci vuole solo un pizzico di questi per comparare il sapore dello zucchero. Sebbene questi contengano delle tracce di carboidrati, si possono effettivamente considerare come cibi che invece non ne hanno, tuttavia, gli edulcoloranti potrebbero influenzare l’insulina allo stesso modo di come fa lo zucchero, per cui è necessario procedere con cautela, inoltre se si trovano nella forma granulare, potrebbero contenere tracce di zuccheri;
  • Anche le bevande molto spesso contengono zero carboidrati, tuttavia se sono addolcite con dolcificanti artificiali, potrebbero contenerne delle tracce. Le bevande a cui ci riferiamo sono la soda dietetica, l’acqua, il tè, il caffè, l’alcool distillato. È consigliato però utilizzare l’alcool con cautela perché il nostro corpo da la prima priorità all’alcool, questo significa che si bruciano prima le calorie fornite dall’alcool ingerito, e poi si utilizzano altre fonti di energia come ad esempio i grassi di deposito;
  • Infine alcuni vegetali possono essere mangiati in quantità illimitate, ma è sempre bene evitare alcuni vegetali come le carote, le rape, i piselli, il mais.

Seguire una dieta povera di carboidrati aiuta a dimagrire

Abbiamo visto che il nostro corpo utilizza i carboidrati come prima fonte di energia, ma perché molti dietisti sostengono che una dieta a basso consumo di carboidrati sia un mezzo efficace per perdere peso? Questo perché quando dopo un pasto il glucosio aumenta i suoi livelli ematici in risposta all’assunzione di carboidrati, il pancreas, rilascia insulina, un ormone di deposito, che risulta essere la chiave di volta per capire come riescono a far perdere peso questi tipi di diete. Di fatto l’insulina è un ormone che ha la capacità di far entrare il glucosio nelle cellule, permettendo a queste ultime di sopravvivere trasformando il glucosio in energia, grazie ad alcune reazioni che avvengono all’interno della cellula stessa.

Una volta che tutto il glucosio necessario è entrato in tutte le cellule dell’organismo, l’insulina svolge ancora un altro ruolo, infatti questo ormone ha il compito di depositare il glucosio in eccesso nelle cellule adipose, evitando così che esso resti libero nel sangue. Le cellule adipose sono la riserva energetica del nostro organismo, e fino a che l’insulina è in circolo, queste riserve restano intatte poiché la fonte di energia primaria è il glucosio che si trova nel sangue, al massimo tali riserve possono aumentare se viene aggiunto altro materiale.

Considerazioni sugli alimenti poveri di carboidrati

Ma cosa succede quando viene limitato l’introito di carboidrati e viene quindi a mancare la fonte di energia primaria per il nostro organismo? Praticamente succede che in debole assenza di zuccheri, il nostro pancreas rilascia poca insulina e come risultato, le riserve di energia entrano in azione, iniziando a rilasciare nel sangue i grassi di deposito, per permettere alle cellule dell’organismo di ricevere l’energia sufficiente a garantire il mantenimento delle funzioni basali. Tuttavia molti altri professionisti della salute, esprimono non poche preoccupazioni circa gli effetti che queste diete hanno sulla salute, proprio perché i carboidrati sono principi nutritivi necessari per il nostro organismo, per cui è sempre meglio consultare un medico prima di seguire una dieta a basso contenuto di carboidrati.

Suggerimenti utili per scegliere gli alimenti a basso contenuto di carboidrati.

Salute alimentazione

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo cibi ed alimenti poveri di carboidrati

Cibi ed alimenti poveri di carboidrati

Per me è stata una ricerca molto utile che terrò custodita con molta cura ed interesse, rispettando tutte le regole indicate.
Grazie per quanto si offre ai lettori.

Carboidrati

vi ringrazio per le delucidazioni che mi sono state fornite è stato un valido aiuto per il raggiungimento dei miei obiettivi, ovvero prendermi cura del mio corpo. grazie.

Informazioni sui carboidrati

sono soddisfatto e ringrazio per le informazioni ricevute

Lascia il tuo commento: