Colesterolo buono negli alimenti

Colesterolo buono ed alimenti sono un tutt'uno, e conoscere quali alimenti contengono colesterolo buono deve esse una priorità per le persone che soffrono di colesterolo alto. Una dieta con un alto consumo di alimenti come carne e latticini, prodotti confezionati e provenienti da fast food ricchi di grassi saturi e grassi trans, favorisce l’aumento di colesterolo nel sangue e la conseguente crescita di tutti i problemi legati a questo fattore e che portano con più facilità ad un aumento del rischio di malattie cardiache. Il colesterolo è presente in tantissimi alimenti.

Colesterolo buono negli alimenti

Colesterolo buono alimenti

Colesterolo buono ed alimenti da mangiare

In genere è consigliato un consumo giornaliero di non più di 300 mg al giorno di colesterolo e bisogna fare maggiore attenzione, mantenendo il consumo di colesterolo a non più di 200 mg al giorno, se il soggetto in questione soffre di colesterolo alto. Alla radice del problema di un elevato tasso di colesterolo troviamo le scelte alimentari che ogni giorno facciamo e che spesso non sono affatto corrette: a partire dal primo pasto della giornata, bisogna iniziare a tenere sotto controllo ciò che mangiamo. È proprio dalla prima colazione che inizieremo la nostra analisi, cercando di fornire qualche informazione per eliminare le cattive abitudini.

Cosa mangiare per la prima colazione

tra gli alimenti a più alto contenuto di colesterolo, posto di maggiore rilievo lo occupano le uova con i loro 213 mg di colesterolo cadauno. Se durante la prima colazione siete abituati a mangiare un uovo, forse è meglio iniziare a pensare ad un’alternativa, ad esempio sostituirlo con dei cereali integrali ed un frutto che riusciranno a fornire un più corretto apporto calorico per affrontare la giornata.

Un pranzo veloce

oggi giorno sempre più frequentati sono i fast food ed i ristoranti, ottimi per un pranzo veloce, ma molto meno per la propria salute. Panini farciti, hot dog, piatti pronti hanno un gusto sicuramente ottimo, ma sono ricchissimi di grassi malsani: soltanto un doppio cheeseburger  contiene all’incirca 85 mg di colesterolo. Un’idea potrebbe essere quella di consumare durante il pranzo un’insalata fresca, altrettanto veloce da preparare e mangiare, ma con una quantità di colesterolo nettamente inferiore rispetto a quella che trovereste nella maggior parte dei piatti pronti da consumare in un fast food.
Se siete invece così fortunati da avere la possibilità di pranzare a casa e preparare un gustoso piatto di pasta, cercate di limitare l’aggiunta di grassi superflui come oli o burro durante la cottura delle pietanze.

Un gelato per dessert

Il gelato è uno dei dolci preferiti da tutti, grandi e piccoli e specialmente nei periodi più caldi dell’anno il consumo di gelato cresce notevolmente, superando le statistiche sul consumo di biscotti ed altri leccornie. Questo grande consumo di gelato indica che con molta probabilità i golosi consumatori sottovalutino la quantità di colesterolo contenuta in una sola coppetta di questa fresca crema che contiene addirittura una quantità di colesterolo che supera quella contenuta in un hamburger. Si consiglia quindi di fare un dolce spuntino mangiando ad esempio un dessert alla frutta che contiene un basso contenuto di calorie ed è ricco di fibre, vitamine e dei nutrienti fondamentali al nostro organismo. La frutta è considerata un ottimo alleato per abbassare il livello di colesterolo.

E per cena:

uno dei piatti più ambiti per la cena è in genere una bistecca ai ferri: facile e veloce nella preparazione, nutriente e con una quantità di grassi saturi e colesterolo che riescono a coprire una grossa fetta del fabbisogno giornaliero raccomandato. Una sola fetta di carne rossa, anche se si tratta di carne magra o semplicemente condita con olio di oliva, contiene il 20 % di grassi saturi  ed il 22 % di colesterolo, consentiti giornalmente. È importante includere il consumo di carne nella propria dieta, ma è preferibile sostituire, quando possibile, il consumo di carne di manzo o carne rossa in genere con carne bianca ed in ogni caso con tagli magri come ad esempio filetto, fianco o petto o altrimenti bistecca di punta. Il pollo, pur rientrando tra le carni bianche, è anch’esso un alimento con un alto contenuto di colesterolo. Ha grande importanza la cottura della carne e per quanto riguarda il pollo è da tenersi in considerazione anche il tipo di pollame scelto (il pollame a fondo chiaro ha meno grassi di quello a fondo scuro) ed il taglio che si sceglie: una coscia di pollo completa di pelle contiene addirittura più grassi e colesterolo di quanti ne possa contenere una coppa di gelato o un hamburger. La cottura al forno, o peggio ancora frittura, di pollame completa di pelle può trasformare il vostro piatto in una consistente razione di colesterolo.

E per finire con un muffin…

Irrinunciabile per i più golosi è il sapore di un dolce muffin, ma attenzione all’alto contenuto di grassi di questo tipico dolce inglese. Fortunatamente non tutti i muffin sono confezionati alla stessa maniera, ve ne sono alcuni che hanno qualche additivo in meno rispetto ad altri: è il caso di muffin a base di crusca o farina integrale che sono a basso contenuto di grassi ed offrono un certo contenuto di fibra.

Frutti di mare e crostacei

probabilmente non tutti sanno che anche i pregiati frutti di mare non sono dei buoni alleati per tenere basso il nostro colesterolo: alcuni sono innocui, mentre altre specie di frutti di mare sono ricchi di colesterolo. L’aragosta, per fare un esempio, non rientra tra le buone scelte se si soffre di malattie cardiache o se si ha un colesterolo alto: tre grammi di aragosta contengono ben 61 mg di colesterolo e tali valori sono riferiti ad un aragosta al naturale senza grassi aggiuntivi di cottura, è consigliabile dunque cucinare i vostri prelibati piatti con frutti di mare e crostacei cotti alla griglia anziché fritti.

Il fegato

se da una parte è vero che il fegato sia un prezioso alimento per l’alto contenuto di ferro, è da prendere in considerazione anche l’altra faccia delle sue qualità nutritive con il suo buon contenuto di colesterolo. È proprio quest’organo a produrre colesterolo nel nostro corpo ed il fegato animale che mangiamo ne contiene un alto contenuto: tre grammi di fegato di manzo contengono 331 mg e pensare che la dose giornaliera di colesterolo consentita è di 300 mg. Se avete un colesterolo alto cercate di evitare di mangiare fegato e preferite magari dei tagli di carne magri.

L’ora dello spuntino

cibi sani, ma arricchiti di grassi trans, possono trasformare il vostro spuntino in una dose consistente di grassi. I grassi idrogenati di cui sono spesso ricchi biscotti o merendine, sono grassi ottenuti aggiungendo agli oli vegetali dell’idrogeno e questa composizione diventa spesso un ingrediente che entra a far parte nella preparazione di molti prodotti commerciali da forno o fritti come biscotti, torte, patatine fritte, anellini di cipolla e cracker.

Perchè scegliere con cura gli alimenti?

Il mercato che ci circonda offre una varietà di prodotti sempre più invitanti e gustosi ai quali diventa quasi impossibile resistere, ma molto spesso sia che si tratti di cibi gratinati, fritti o farciti questi prodotti sono pericolosi per la nostra salute ed in particolare per il livello di colesterolo. Per tenerci alla larga da questo sempre più comune problema basta fare un po’ più di attenzione e curare al meglio la dieta di ogni giorno così da curare indirettamente anche la nostra salute. Quando vi trovate al supermercato leggete bene le etichette prima di acquistare i prodotti e se siete in qualche ristorante, state bene attenti a quello che ordinate, anche in questi casi preferite scegliere contorni leggeri e piatti che possono risultare meno calorici rispetto ad altri.

Consigli sugli alimenti da preferire per migliorare i livelli di colesterolo buono nel sangue.

Colesterolo - Ridurre il colesterolo

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo colesterolo buono negli alimenti

Il colesterolo buono negli alimenti

sono lieto per le cose che ho appreso leggendo i vostri scritti e farò di tutto per metterle in pratica. quanta ricchezza c'è nei vostri consigli, nei vostri suggerimenti ed io ve ne sarò sempre grato. grazie

Dieta dei gruppi sanguigni e colesterolo

Ho seguito la vostra dieta per 3 mesi e il livello di colesterolo si e' addirittura alzato. Mentre con la dieta del dottor mozzi secondo i gruppi sanguigni il mio colesterolo e' sceso vertiginosamente e la seguo da soli 2 mesi.

Lascia il tuo commento: