Gastrite ed alimenti

La gastrite è una patologia che con la giusta alimentazione basata su precisi alimenti, può essere curata con relativa semplicità.

Contro la gastrite la conoscenza degli alimenti consigliati e quelli da evitare è molto importante, la gastrite è un’infiammazione della mucosa dello stomaco causata da diversi fattori tra cui: stress, uso eccessivo di FANS (antinfiammatori non steroidei), ibuprofene, aspirina, abuso di alcool o infezioni batteriche. Spesso i sintomi si presentano sotto forma di attacchi acuti, ma è assai frequente che degenerino in un disturbo cronico e si tratta di una patologia piuttosto comune che colpisce fino al 90 per cento degli italiani con una età superiore ai 30 anni.

Gastrite ed alimenti

Gastrite alimenti

La gastrite e gli alimenti:

La gastrite si caratterizza per la presenza di una sintomatologia molto fastidiosa che spesso interferisce con la vita quotidiana e sociale dell'individuo. Esiste però la tendenza comune ad ignorare o sottovalutare i primissimi sintomi di questo distrurbo con la speranza che si tratti di un fenomeno circoscritto e passeggero. Questo atteggiamento può in realtà influire negativamente sull'evoluzione della gastrite e sarebbe sempre raccomandabile recarsi quanto prima da un gastroenterologo per una diagnosi precisa. La gastrite è causata principalmente da un'acidità anomala del corpo, ma può tuttavia essere contrastata modificando le proprie abitudini alimentari al fine di attenuarne in maniera decisa i fastidiosi sintomi.

I sintomi principali della gastrite

I principali sintomi della gastrite sono facilmente individuabili e sono generalmente rappresentati da:

  • bruciore di stomaco
  • acidità
  • crampi o dolore addominale
  • necessità di eruttazioni frequenti
  • frequenti coliche dopo i pasti
  • vomito
  • gonfiore addominale
  • perdita di appetito

La diagnosi della gastrite:

La diagnosi della gastrite viene solitamente eseguita in base all’indagine familiare, e attraverso esami clinici specifici come analisi del sangue e la gastroscopia. Si ricorda che recarsi dal proprio medico o da un gastroenterologo è il primo passo per effettuare una diagnosi precisa e pianificare una terapia adatta.

Prevenire la gastrite:

Una buona informazione sulla patologia e sulle concrete possibilità di una sua cura e prevenzione è certamente un fattore importante. Il nostro organismo e in particolar modo l'apparato digerente risente delle nostre abitudini alimentari e del nostro stile di vita. Se nel nostro stomaco l’acidità è eccessiva, questa passa nell’intestino provocando irritazioni che limitano la normale attività di assorbimento di alimenti fondamentali con conseguente alterazione dell'equilibrio organico.

Per prevenire la comparsa della gastrite, o anche per attenuarne la sintomatologia, è necessario dunque modificare e migliorare il nostro stile di vita e la nostra alimentazione ricordando che:

  • Una dieta corretta, priva di alimenti irritanti per la mucosa gastrica, può non solo prevenire l'insorgenza della gastrite ma aiutarci attenuarne l'insidiosa sintomatologia
  • Evitare di fumare è il primo passo affinché una gastrite sottovalutata e mal curata degeneri in cancro dello stomaco
  • Masticare lentamente è un ottima abitudine. È infatti scientificamente dimostrato che masticare lentamente i cibi aiuta a facilitare la digestione. Questo processo inizia a livello della bocca e viene attivato grazie alla presenza degli enzimi contenuti nella saliva. Una corretta masticazione può dunque rendere più agevole la digestione e ridurre i tempi di permanenza gastrica del cibo. Si ricorda che anche l'atmosfera dei nostri pasti influisce sulla qualità della nostra digestione; è importante mangiare in un contesto quanto più rilassante ricordandosi di restare seduti per qualche decina di minuti al termine del pasto. Masticare piano e consumare i propri pasti in maniera tranquilla e regolare favorisce inoltre un maggior senso di sazietà e di soddisfazione, aiutando quindi anche a controllare il peso.
  • Praticare sport almeno cinque volte a settimana per trenta minuti è   un'ottima abitudine per mantenere sano il nostro organismo e favorire le regolari funzioni intestinali. Una regolare attività fisica mantiene il nostro corpo sano ed efficiente.  
  • Consumare pasti piccoli e frequenti. Consumare pasti più ridotti ma  frequenti nel corso della giornata, ovvero almeno cinque pasti al giorno, mantiene a buoni livelli la nostra attività metabolica.
  • Bere molta acqua assicurandosi di assumere la giusta quantità di liquidi e sali minerali equivale a garantire un giusto livello di idratazione al nostro organismo. É raccomandabile bere almeno sei bicchieri d’acqua al giorno. Si ricorda  inoltre che esistono numerosi altri cibi ricchi di acqua e sali minerali come frutta e verdura. Bere acqua aiuta soprattutto il nostro intestino a mantenersi attivo e in salute e a favorire l'eliminazione delle scorie nocive. I liquidi e la saliva hanno proprio la funzione di  proteggere le mucose esofagee, quindi via libera a liquidi e sali minerali.

Alimenti vietati o da evitare in più possibile in caso di gastrite:

Le ricerche hanno dimostrato che esistono cibi in grado di acuire la sintomatologia della gastrite o accelerarne l'insorgenza. In generale, in presenza di gastrite è molto importante evitare quei cibi in grado di infiammare ulteriormente una mucosa gastrica già irritata per via del disturbo.

Si ricorda in generale che sarebbe raccomandabile evitare assolutamente il consumo frequente o esagerato di:

  • cibi  fritti o troppo grassi,  piccanti o speziati
  • alimenti e bevande troppo acide come agrumi e pomodori o condimenti come l’aceto, in quanto essi rendono ulteriormente acido l'ambiente dello stomaco.
  • i cibi ricchi di flavonoidi, come mele, mirtilli, aglio e cipolla, che creano le condizioni ideali per la crescita e lo sviluppo dell’Helicobacter pylori, il microrganismo responsabile della gastrite batterica. Si tratta di un  batterio spiraliforme che può colonizzare la mucosa gastrica, il rivestimento delle pareti del nostro stomaco, e provocare non solo gastriti, acute o croniche, ma anche ulcere a livello di stomaco e duodeno. Questo tipo di infezione si diagnostica attraverso il ricorso a test sierologici, breath test o endoscopia e tra le sue misure preventive c'è ancora una volta la scelta di un regime alimentare adeguato.

Ancora più precisamente ecco di seguito un elenco di cibi sconsigliati suddiviso per categoria:

  • Verdure: cipolla cruda, cavoli, broccoli
  • Frutta: frutta acerba, noccioline, limoni, arance, mirtilli, ananas, pomodori
  • Carne: carni macinate, pepite e ali di pollo
  • Pesce: salmone, anguille e aringhe
  • Cereali: riso, amido, frumento
  • Grassi e oli: condimenti cremosi per insalate, olio di palma
  • Latticini: frullati, formaggi, ricotta, gelati, panna
  • Dolci e altro: biscotti al burro, cioccolato, patatine fritte, brownies, ciambelle
  • Bevande: tè, caffè, liquori, bevande gassate

Alimenti consigliati per la gastrite:

Si ricorda che uno stile dietetico corretto può giocare un ruolo di primaria importanza nella prevenzione e nella cura della patologia. Occorre migliorare il proprio stile alimentare e soprattutto imparare a scegliere quei cibi che possono rivelarsi validi alleati nel contrastare questa patologia.

Tra gli alimenti altamente consigliati per ridurre gli effetti della gastrite e prevenirla si elencano di seguito:

  • alimenti ricchi di calcio e vitamina B: mandorle, cereali integrali, legumi, verdure verde scuro
  • Carni magre, da preferire a quelle rosse
  • Pesci d’acqua dolce
  • Tofu e fagioli
  • Olio d’oliva e altri oli vegetali
  • Pane e pasta
  • Aceto di mele invece dell’aceto normale
  • Frullati di spinaci o carote
  • Yogurt

Riassunto finale sugli alimenti consigliati e gli alimenti da evitare con la gastrite:

In conclusione, un'alimentazione sana è sempre una chiave fondamentale e preziosa per il nostro benessere psicofisico. Nel caso di una patologia legata all'apparato digerente come la gastrite è particolarmente importante migliorare e modificare il nostro stile alimentare evitando di assumere quei cibi in grado di irritare ulteriormente le nostre mucose gastriche. Migliorare il proprio stile di vita significa anche riflettere sulle nostre abitudini. Quanti di noi consumano pasti velocemente o in piedi a causa dei ritmi frenetici a cui siamo sottoposti? Si ricorda infatti che mangiare e masticare con calma, stando seduti quando è possibile, equivale a facilitare la nostra digestione e a tenere sotto controllo anche il nostro senso di sazietà. Una corretta alimentazione e uno stile di vita  sano si rivelano due alleati importanti per il nostro benessere! Una dieta equilibrata che prediliga cibi sani apporterà certamente dei consistenti benefici al nostro organismo e contrasterà in maniera significativa tutti quei disagi legati alla patologia.

Alimenti consigliati e gli alimenti da evitare con la gastrite.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo gastrite ed alimenti

Gastrite e consigli

grazie per i consigli e la chiara descrizione della patologia.

Consigli per la gastrite

grazie, rispetterò tutti i vostri consigli, considero di grande importanza.

Esposto sulla gastrite utile

grazie mi è piaciuto molto anche per come è esposto mi torna davvero molto utile.

Cosa mangiare quando si ha la gastrite

ringrazio molto, è stato molto ben dettagliato. Cercherò di seguirlo quasi alla lettera.

grazie per i consigli

Vi ringrazio e' stato molto esaustivo. Cerchero' di attenermi per quanto possibile alle vostre direttive.

grazie, per la prima volta trovo una descrizione semplice molto compressiva di grande aiuto

Grazie millie e' tutto chiaro e preciso

Grazie. ho capito come comportarmi. non credevo fosse così facile come l'avete spiegato benissimo voi

una descrizione preziosa, così dicasi per gli alimenti. Grazie

Lascia il tuo commento: