Triptofano ed alimenti

I natura vari alimenti sono ricchi di triptofano, ma se non siete dei medici o degli addetti ai lavori il nome in questione probabilmente non vi dirà un bel a, ma il triptofano è uno degli aminoacidi principali usati dal nostro corpo per sintetizzare le proteine, indispensabile per la produzione della niacina, della serotonina e della melanina. Quando consumiamo alimenti ricchi di questo elemento, il fegato lo converte in vitamina B3. La conversione del triptofano in vitamina B3, o Niacina, bilancia il livello di questa vitamina nel flusso sanguigno.

Triptofano ed alimenti

Triptofano alimenti

Perchè consumare alimenti che contengono triptofano?

Questo aminoacido è, inoltre, un precursore della serotonina. Chi non ha confidenza con una terminologia del genere deve sapere che la serotonina è indispensabile per trasmettere gli impulsi nervosi dal cervello e svolge un compito fondamentale nella regolazione dell’umore, e lavora in coppia con la melatonina per regolare i ritmi del sonno. La sua assunzione aiuta a regolare l’appetito e l’umore dell’individuo, e gli dona delle sane notti di riposo lunghe e poco agitate. Il consumo di cibi contenenti alte quantità di triptofano causa un aumento dei livelli di serotonina nel nostro corpo. Ecco perché quindi questo aminoacido è utilizzato nel trattamento di varie condizioni e disturbi come la depressione, l’ansia e l’insonnia.
Una carenza di triptofano, che fra le altre cose può portare ad una perdita di peso nei bambini e nei neonati, porta conseguentemente ad una carenza di vitamina B3, e questo può dare sfogo a patologie come la pellagra. Una dieta a basso apporto di triptofano  può portare a bassi livelli di serotonina, la qual cosa può condurre ad una serie di conseguenze poco gradevoli come aumenti di peso, bulimia, depressione e difficoltà di concentrazione nelle attività quotidiane.

Come aumentare i livelli di triptofano nel nostro corpo

Alcune piccole nozioni sulla fisiologia umana: gli aminoacidi sono i mattoni delle proteine, e danno un apporto fondamentale nel processo di neurotrasmissione di messaggi da e verso il cervello.
Quando si consumano cibi ricchi di carboidrati, l'organismo rilascia immediatamente l'insulina per eliminare gli aminoacidi che competono con il triptofano. I livelli di quest’ultimo non sono influenzati dall’insulina: di conseguenza, una volta che l’insulina elimina gli altri aminoacidi, il triptofano può raggiungere il cervello.
Se soffriamo di una deficienza di triptofano, l’assunzione di cibi che ne contengono elevate quantità potrebbe non necessariamente aumentarne i livelli nel sangue in tempi ragionevoli. Assumere cibi ricchi di proteine potrebbe infatti portare ad aumentare il livello di altri aminoacidi come la tirosina, l’istidina e la leucina, che configgono con il triptofano per accedere al cervello e che quindi potrebbero portare ad una diminuzione dell’aminoacido nel sangue. L’assunzione di queste categorie di cibi è consigliabile solo se si è sicuri che non si crei conflitto con altre proteine od aminoacidi.

Alimenti ricchi di triptofano

Tutti possono andare incontro ad un periodaccio. Se vi sentite depressi, od avete gravi problemi d’insonnia, magari i vostri livelli di serotonina nel sangue hanno bisogno di una piccola regolata. Potete tentare la strada delle pillole antidepressive, o per dormire, per tenere i sintomi sotto controllo, ma prima di tentare con l’artiglieria pesante perché non andare invece ad analizzare la nostra dieta, andando semplicemente a provare alcuni cibi ricchi di triptofano?

Quella che segue è una lista di nove tipi di alimenti che contengono triptofano:

  • Latticini: yogurt, latte, formaggio. Bere latte prima di andare a letto può davvero essere una buona idea. Questo dovrebbe garantirvi un sonno lungo e riposante per tutta la notte. Il latte di soia è un’altra buona fonte di triptofano. Risulta importante aggiungere il formaggio alla nostra dieta quotidiana. Ne possiamo mangiare di vari tipi,  come la ricotta, il Cheddar e così via. La groviera è una varietà di formaggio svizzero veramente molto ricca di questo elemento
  • Alimenti proteici: manzo, maiale, tacchino, pollo, pesce, crostacei, uova. Sia la carne rossa che la carne magra contengono alte quantità dell’aminoacido.
  • Derivati della soia: tofu, latte di soia, semi di soia.
  • I legumi: i fagioli, le lenticchie ed i ceci.
  • I cereali integrali: l’avena, il riso integrale, il grano, i germi di grano.
  • Noci e semi: le nocciole, le arachidi, le mandorle, i semi di girasole, i semi di sesamo e quelli di zucca.
  • La frutta: Mango, datteri e banane.
  • Verdure: non disprezzate le bucce di patate.
  • Cacao: sia la versione in polvere che il cioccolato.

Come potete vedere dalla lista di qui sopra, carne e prodotti caseari sono forse le due fonti principali di triptofano. Ma vegetariani e vegani non disperino: esiste una varietà di alimenti che possono fare al loro caso. Se siete vegani, consumate senza paura grandi quantità di legumi, noci , semi e derivati della soia. Se invece siete vegetariani, potrete contare anche sull’apporto di formaggio, latte e uova, tutti ottimi alimenti ricchi dell’aminoacido in questione.

Chiunque si sia seduto attorno al tavolo in occasione del Natale o di qualche altra grande festa può essere testimone dello stato semi comatoso in cui quasi invariabilmente si sprofonda quando si è terminato di abbuffarsi; tutti avrete notato che l’assunzione di certi cibi può farvi sentire a rilassati, se non farvi sprofondare in uno stato di profonda sonnolenza. Vi siete mai chiesti il perché di questo fenomeno? Naturalmente, esagerare nel mangiare può in generale produrre nei mangioni di questo mondo un forte effetto sedativo, ma certe volte la causa di queste sensazioni sono gli elevati contenuti di triptofano presenti nel cibo che state assumendo. Per esempio, alcune persone avvertono sensazioni di stanchezza dopo aver consumato tacchino alla griglia: questo perché il tacchino è un alimento molto ricco di triptofano.

La presenza congiunta di carboidrati nei cibi ricchi di triptofano aiuta il nostro corpo ad assorbire meglio quest’ultimo. Questo perché l’assunzione di elevate quantità di carboidrati stimola il pancreas a rilasciare elevate quantità di insulina nel flusso sanguigno, che spazza via gli aminoacidi che competono con il triptofano. Questo permette al triptofano di avere un effetto potenziato sul nostro corpo. Ecco che quindi tutti i contorni che accompagnano la portata principale di carne, la torta che mangiamo come dessert,  le patate che mangiamo per non dare un dispiacere alla cuoca che tanto si è impegnata, anche se in realtà siamo già pieni, i biscotti che i nostri figli rubano di nascosto dalla dispensa, ecco che tutti questi alimenti vanno a giocare un ruolo attiva nella sensazione di stanchezza che avvertiamo finito di pranzare. Ecco spiegata la comune sensazione di sonnolenza che tutti avvertiamo dopo un lauto pranzo con un elevato apporto di carboidrati.
Per chi di voi ha il pallino della cucina, e per tutte le brave donne che ci stanno leggendo alla ricerca di spunti e suggerimenti per alcuni piatti che soddisfino i palati delicati del coniuge senza arrecare danno alla loro salute, probabilmente ancora più delicata, ecco alcune buone combinazioni e  semplici ricette sorprendentemente ricche di triptofano: braciole di maiale con un buon mango come dessert, pesce con contorno di patate, uova e pane tostato, un panino con carne arrosto accompagnato da un insalata di fagioli, formaggio grigliato spalmato su pane integrale, gamberi fritti e riso,insalata di pollo accompagnata da pane integrale. L’elenco potrebbe andare avanti ancora a lungo, chi di voi ama passare il proprio tempo sui fornelli ha una buona occasione per liberare la fantasia ed ideare nuove ricette.

Informazioni sul triptofano e gli alimenti che lo contengono.

Salute alimentazione

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo triptofano ed alimenti

Triptofano e alimenti

posso definire questa informazione molto valida e ricca di suggerimenti utili

Alimentazione e triptofano negli alimenti

Bello, e forse si spiega anche perchè i grassocci sono più di buon umore dei magri e segaligni. A parte gli scherzi di parole, è molto utile sapere come si può supplire efficacemente all'assunzione di farmaci che possono essere dannosi con una alimentazione appropriata e bilanciata.

Triptofano, alimenti e vegetariani, vegani

Conoscendo la materia molto bene e nei minimi dettagli, posso dirvi che molti vegetariani e vegani che frequentano facebook dovrebbero leggerlo attentamente questo articolo tra l'altro molto esaustivo e ben fatto.

Grazie per questo articolo, davvero interessante e dettagliato.

Lascia il tuo commento: