Raphanus Sativus

La pianta di rafano rusticano dal nome scientifico raphanus sativus l viene usata in omeopatia per le sue proprietà come coadiuvante nel trattamento per curare disturbi delle vie biliari, reumatismi e lo scorbuto ed è una pianta annuale o biennale dalla radice grossa con stoloni sotterranei, molto diffusa in erboristeria il cui fusto è frondoso e le foglie grandi e ruvide mentre i fiori sono bianchi.o gialli, raccolti in grappoli terminali e la radice è carnosa esecondo le varietà, di colore bianco, rosso, giallo o nero.

Componenti attivi del Rafano: olio di senape, essenza d'aglio, butile, olio essenziale solforato, sinigrina, fermento microsinico, rafanolo, rafanina, vitamina C.

Raphanus Sativus

Rafano

Parti utilizzate: tutta la pianta.

Rimedio per i disturbi delle vie biliari

  • Succo: grattare e schiacciare varie radici e il succo ottenuto prendere la mattina a digiuno cominciando con una dose di 100 gr; alcuni giorni dopo aumentare la dose, arrivando gradualmente fino a 400 gr al giorno in quattro dosi; quindi cominciare a diminuire le dosi ritornando ai primitivi 100 gr.

Rimedio per reumatismi

  • Infuso: bollire in 1 litro d'acqua 30 gr di radice; filtrare e dolcificare l'infuso secondo i gusti e prenderne tre tazze al giorno.

Rimedio per scorbuto

  • Succo: spremere 20 o 30 gr di radice di rafano, diluire con succo di limone; filtrare il preparato e bere.

 

Il Rafano..

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: