Rapporti sessuali dolorosi

I rapporti intimi sono un piacere che non dovrebbe essere negato a nessuna coppisa, ma purtroppo volte i rapporti sessuali possono essere dolorosi per varie cause.

Durante i rapporti sessuali provate dolore? Se è così e state leggendo questo articolo, allora con buona probabilità siete una donna, anche se alla fine della pagina troverete anche dei consigli per i rari casi in cui è l'uomo soffrirne. Non è divertente provare dolore durante i rapporti sessuali. Dopo tutto, la sessualità è un lato della vita che dovrebbe essere piacevole e felice. Mentre non lo è più se è causa di dolore. Fortunatamente il problema nella maggior parte dei casi si risolve con un rapporto di coppia disteso e complice, con il tempo necessario dedicato ai preliminari per fare in modo che la vagina si distenda e si lubrifichi naturalmente, o utilizzando uno dei lubrificanti disponibili in farmacie e supermercati.

Il dolore durante i rapporti sessuali sono "occasionali" o cronici?

Si può tranquillamente ignorare un episodio isolato di dolore durante il sesso. È normale sentire dolore quando una parte particolarmente sensibile viene stimolata con forza. Ma se il dolore continua a ripresentarsi, non bisogna pensare che sia la normalità. È opportuno fare qualcosa per migliorare le cose. Il vostro medico di famiglia potrebbe consigliarvi, anche se bisogna dire che la maggior parte dei medici di famiglia non sono preparati ad affrontare tali problematiche. È più utile farvi consigliare dal proprio ginecologo, oppure andare in un consultorio, dove potete trovare personale sicuramente più preparato ai temi della sessualità e della psicologia. Purtroppo i consultori sono sempre più scarsi e oberati di pazienti che necessitano di aiuto, ed il tempo per aiutare le donne con problemi nei rapporti sessuali potrebbe essere minore. Una alternativa è anche quella di affrontare la questione con un sessuologo, per vie private.

Le emozioni contano

Le possibili cause del dolore nel rapporto sessuale (tecnicamente "dispareunia") sono varie, ma è molto importante rendersi conto che molto spesso in questo problema gioca una componente notevole il fattore emotivo. Se il dolore si verifica durante il rapporto sessuale, si rischia – col tempo – di irritare e contrarre la zona vaginale, con il rischio di rendere peggiore il rapporto la volta successiva. I rapporti sessuali dolorosi possono avere un effetto distruttivo nei rapporti di coppia, delle volte ci si separa anche a causa di questo. Per questo motivo si dovrebbe avere ben chiara l'origine del problema, per poterla risolvere nel minor tempo possibile.

Quali sono le possibili cause di questi rapporti dolorosi?

Ci sono decine di cause possibili di dispareunia. Fortunatamente la maggior parte non sono gravi, ma qualcuna potrebbe esserlo. La valutazione ottimale dovrebbe essere effettuata da un ginecologo.

Una delle prime cose da capire è se il dolore ha un origine più profonda o più superficiale.

Non sempre è possibile capirlo, delle volte il dolore è sia superficiale che profondo, ma capire dove si concentra aiuta a capire meglio ciò che non va.

Vaginismo

il vaginismo può manifestarsi con dolore profondo od anche superficiale, ed è la più comune causa di disturbi dolorosi durante l'atto sessuale.

Molto spesso collegato ad eventi traumatici ed alla paura di essere ferite durante un rapporto sessuale, è provocato dalla contrazione involontaria dei muscoli della vulva, del perineo e dell'orifizio vaginale che impedisce la penetrazione, e delle volte anche l'esame ginecologico.

In alcuni casi questo disturbo può durare anni, ed alcune donne che ne soffrono non sono mai state di arrivare a fare sesso completo o di utilizzare assorbenti interni.

Le persone che ne soffrono normalmente riescono a raggiungere comunque l'orgasmo con la stimolazione clitoridea, ma chi ne soffre può arrivare a dare la colpa ai medici, al partner od a loro stesse.

La colpa in realtà non è di nessuno.

Le cause più comuni del vaginismo possono essere:

  • una educazione restrittiva, in cui fin da bambini si è stati portati a vedere il sesso come una cosa brutta e sporca;
  • una educazione in cui è stato inculcata l'idea che la vagina è molto stretta e dunque il sesso deve essere per forza molto doloroso;
  • uno stupro oppure un abuso sessuale in giovane età: una di queste esperienze rende comprensibilmente le donne timorose del sesso e d'essere ferite;
  • infezioni vaginali dolorose;
  • un disagio con il proprio partner, magari anche a livello inconscio.

Un malinteso comune è pensare che le donne con vaginismo odino il sesso. In realtà ciò non è vero anzi: il coito può essere raggiunto, l'intimità resta sempre piacevole, i giochi d'amore funzionano normalmente.

Ma il piacere cessa quando si tenta (o si suggerisce) la penetrazione.

Quali sono le altre cause di dolore in profondità?

  • problemi alla cervice: il pene colpisce il collo dell'utero in misura delle sue dimensioni e con intensità variabile.
  • Le infezioni del collo dell'utero e delle zone più prossime possono diventare dolorose durante la penetrazione profonda. In questo caso si parla di "dispareunia da contatto";
  • disturbi all'utero di varia natura, compresi i fibromi;
  • endometriosi: piuttosto comune, colpisce spesso l'utero ed i tessuti circostanti rendendoli molto "teneri" soprattutto durante il periodo del ciclo. La pressione del pene su un area di endometriosi può essere molto dolorosa;
  • problemi alle ovaie, quali cisti ovariche o mal posizionamento di un ovaia;
  • Infezioni quali la clamidia: i tessuti all'interno possono infiammarsi molto seriamente e dunque diventare fonte di dolore;
  • gravidanze extrauterine.

Quali sono le cause di dolore più superficiale?

  • mancanza di lubrificazione: questa può essere dovuta anche al nervosismo, all'incapacità di rilassarsi, alla mancanza di attenzione e tempo sufficienti durante i preliminari;
  • dimensioni del pene: in alcuni casi le donne possono lamentarsi delle dimensioni troppo grandi del partner. Con il rilassamento e l'eccitazione, la vagina è in grado di estendersi per diversi centimetri, ed essere in grado di accogliere pressoché ogni "maschio". Tuttavia con un membro troppo sviluppato, magari in presenza di altri disturbi, si può creare ansia e tensione per il rapporto; per gli uomini troppo dotati, esistono dei "dispositivi" in grado di limitare l'ingresso nella vagina;
  • mancanza di lubrificazione (dalla menopausa in poi): normalmente è dovuto al calo di ormoni sessuali femminili; il trattamento con la terapia sostitutiva di solito mettono le cose al loro posto, come anche l'utilizzo di lubrificanti;
  • infezioni vaginali (candida, tricomonas, herpes, etc);
  • lesioni: si possono verificare durante una violenza sessuale e causare dispareunia. Molto più comuni (fortunatamente) sono le lesioni dovute ad un parto con lacerazioni, o con episiotomia (l'incisione che si pratica sulle pareti della vagina durante il travaglio) mal ricucite;
  • verruche: più comuni nelle persone che praticano sesso promiscuo;
  • vulvite: infiammazione della vulva, che può avere varie cause, da alcune infezioni, alle sostanze chimiche contenute nei saponi ecc;
  • ematomi clitoridei: piuttosto rari, dovuti ad eccesso di attrito;
  • caruncola uretrale;
  • corpo estraneo nella vagina;
  • vulvodinia: una condizione piuttosto penosa in cui la vulva è così sensibile che al solo sfioramento si "salta" dal dolore. Le cause non sono ben note, ma si tratta correttamente con i consigli del ginecologo;
  • cancro: raramente il cancro causa dolore durante i rapporti sessuali, ma deve essere tenuto a mente se il dolore appare per la prima volta dopo i 40 anni;

Altre possibili cause dei dolori possono essere anche le seguenti

 

  • una candida;
  • un punto dimenticato dopo il parto;
  • una spirale fuori posto;
  • la malattia di Peyronie: disturbo maschile in cui il pene è troppo curvo.

E gli uomini? Possono provare dolore durante il rapporto sessuale?

Anche gli uomini possono provare dei disturbi dolorosi durante l'accoppiamento. Le cause comuni sono dei problemi sulla pelle del pene, come un eczema od una psoriasi. In altri casi può essere semplicemente che la vagina del partner è troppo stretta o troppo poco lubrificata. In questo caso un buon lubrificante può sicuramente aiutare.

Informazioni varie e consigli utili in caso di rapporti sessuali dolorosi.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo rapporti sessuali dolorosi

Rapporti sessuali dolorosi spiegati molto chiaramente

Queste informazioni sono state chiare e spiegate in modo semplice!!! Bravi e grazie

Rapporti sessuali dolorosi

Io quando ho un rapporto con il mio ragazzo non riesco nemmeno a respirare mi prende un dolore fortissimo allo stomaco fino a sotto non so più che fare !!!!!!

Rapporti dolorosi e vaginismo...

rapporti dolorosi? forse vaginismo, anche se il “vaginismo” è un disturbo di stretta pertinenza del sessuologo clinico (meglio se anche specialista in psicoterapia). La cura è solitamente breve (alcuni mesi) con terapia mansionale secondo l’approccio della sessuologia comportamentale, veramente breve se non ci sono complicazioni organiche o psicopatologie importanti associate e se la paziente collabora.
Comunque prima della cura è sempre preferibile una valutazione clinica accurata e personalizzata per capire le cause del problema (della specifica persona e della sua storia sessuale) e definire il tipo di intervento terapeutico mirato più efficacie ed efficiente per la singola specifica paziente, nonché per accertare la diagnosi di vaginismo con le richieste specificazioni diagnostiche (o eventualmente escluderla per definire altro genere di patologia affine).
Chiarimenti precisi sul problema e come trovare il terapeuta più adatto anche all’interno de Il manuale pratico del benessere (edizioni Ipertesto con patrocinio del club UNESCO) alle seguenti pagine 314, 322, 323, 326, 512, 513, 519, 531 e 551

Lascia il tuo commento: