Reflusso Gastroesofageo; Sintomi

Quali sono i sintomi del reflusso gastroesofageo?

Quali sono i sintomi da reflusso gastroesofaceo? I sintomi da reflusso gastroesofageo sono vari, tra i più comuni e caratteristici si possono trovare:bruciore di stomaco, dolore toracico con possibile irradiazione alla zona dorsale e cervico-scapolare, acidità, rigurgito con una sensazione di gusto amaro o acido, disfagia ovvero una sensazione di difficoltà alla deglutizione, asma, erosioni dentali, laringite e in alcuni casi erosioni gengivali e alitosi.

In alcuni casi questi sintomi possono essere confusi come l’origine di patologie di carattere cardiaco, è questo il caso di dolori che si presentano in sede retrosternale, accompagnati da pirosi e spesso da difficoltà ad effettuare atti respiratori normali.

Reflusso Gastroesofageo; Sintomi

Reflusso Esofageo Sintomi

Dolori da reflusso gastroesofageo:

Questi dolori sono dovuti al riversamento di materiale acido dallo stomaco verso l’esofago, questo provoca un infiammazione dell’epitelio esofageo non predisposto a interagire con sostanze acide, da qui si instaura il processo di pirosi (bruciore) che porta al dolore localizzato in sede toracica.

Le ripercussioni di tale situazione acida si riflettono, ovviamente, sulle strutture circostanti, è il caso dei polmoni i quali influenzati dall’infiammazione esofagea possono andare incontro a fenomeni di asma.

Da questa situazione possono poi instaurarsi una serie di eventi patologici a cascata; ricordiamo infatti che i polmoni tramite le pleure sono connessi inferiormente al diaframma, questo a sua volta tramite i suoi pilastri si inserisce sul tratto vertebrale dorso-lombare, da qui è facile dedurre come tutta questa zona possa andare incontro a sofferenza ed alterazione funzionale; non dobbiamo stupirci infine dell’insorgenza di dolori alla bassa schiena ed eventualmente ernie.

Non va di certo meglio se osserviamo con più attenzione le connessioni polmonari superiori, pensiamo infatti ai legamenti vertebro-pleurici, i quali connettono polmoni e vertebre cervicali, in questo caso il quadro che si può presentare è quello di dolorabilità e formicolio di tutta la zona della spalla e delle braccia, cefalee e carvicalgie, visto e considerato l’effetto che la trazione esercitata da tali legamenti può provocare sulle vertebre cervicali comprimendo le radici nervose di tutta la zona.

Sintomi principali del reflusso gastroesofageo:

Sintomo fastidioso e spiacevole è il rigurgito, conati di vomito dopo i pasti, sensazioni di acidità spesso frequenti dopo aver mangiato e quando ci si stende: la posizione orizzontale infatti facilita il processo di risalita del contenuto gastrico nell’esofago.

La notte quindi si presta facilmente al manifestarsi di tali sgradevoli manifestazioni.

A questa situazione di riproposizione nella cavità orale di tali sostanze acide si aggiungono spesso fenomeni di erosioni dentali e gengivali, non di rado associate ad alitosi.

Sotto quest’ottica è dunque evidente che un’opportuna dieta ed un adeguato stile di vita possono aiutare molto la prevenzione e la cura, anche in questo caso affidarsi ad un buon gastroenterologo e un buon osteopata può rappresentare un intelligente approccio per il trattamento e la gestione del problema.

Fondamentale, quindi, è non fermarsi mai all’apparenza ed ai sintomi, ma andare oltre e cioè alla ricerca delle cause e, quindi, della soluzione.

Roberto Folleri
Dott. in Scienze Motorie
Osteopata e Personal Trainer
Mob. : 348 57 44 196
robertofolleri @ yahoo.it
Cagliari
 

Sintomi reflusso gastroesofageo

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo reflusso Gastroesofageo; Sintomi

salve... spesso mi capita dopo mangiato di avere acidità di stomaco con reflusso... e a volte capita di sputare e avere la saliva con una righina di sangue o tutta rosa... puo dipendere dal reflusso???

soffro di reflusso da un po di anni e vorrei sapere se oltre ai sintomi classici può provocare anche senso di vertigine e giramenti di testa

Reflusso grave

Mi capita a volte che mentre dormo, il contenuto dello stomaco risalga improvvisamente fino a fuoriuscire dall'esofago, occludendo la trachea. Ne consegue che mi sveglio d'improvviso perché impossibilitato a respirare, e trascorro degli istanti di autentico terrore fino a quando con molta difficoltà e con colpi di tosse involontaria, riesco a liberare le vie respiratorie.

Reflusso gastrico

Si prega di avere suggerimento in rif. al reflusso gastrico che può essere l'origine della consequenza dei miei dolori e bruciori sul dorso della schiena, che eseguendo la risonanza magnetica con diagnosi di esito: piccoli angiomi vettebrali evidenziati D6,D11e L 1 ; bulging discale a D11 -,D12- L4-5 - L5- S1; piccola ernia a L3 e L4...In fine devo segnare che in precedenza per la una tosse persistente dignosticata riflusso gastrico che seguendo la terapia di un mese di una 1 compressa Pantorc al mattino al digiuno e 1 bustina Gastrotuss sciroppo antiriflusso dopo pranzo.Riepilogando il mio disturbo riflusso gastrico ricade puntuale con la stagione fredda con affatticamento del respiro nelle ore serale prima di domire e mal di gola e tosse schizzosa durante l'inverno, per resto non avverto mai vomito o bruciori di stomaco..

Soffro di reflusso gastroesofageo

da tempo soffro di un disturbo che mi provoca un mucco colloso a livello delle ghiandoli salivari piu ne elimino piu ne produco, ho fatto un sacco di esami anche aprofonditi gastroscopie endoscopia sciallo scintigrafia ma di tutto ciò non riesco a vedere miglioramento in più adesso non riesco a deglutire liquidi e mangiare, idem non ho bruciori non ho vomiti non riesco più vivere, con un problema cosi invadente e fastidioso un grazie di cuore se mi potesse dare un suo prezioso parere... ho 77 anni

Lascia il tuo commento: