Rhamnus catharticus L., Spino cervino

Della pianta di spinocervino vengono utilizzate le bacche per preparati erboristici (es. tisana) per poter sfruttare le sue proprietà lassative dovute alla presenza degli antrachinoni.

Rhamnus catharticus L., Spino cervino

Spino cervino

Nome comune: Spino cervino
 
Famiglia: Rhamnaceae

Componenti:

  • sostanze antrachinoniche
  • resine
  • gomme
  • pectine.

La pianta di Spinocervino sembra abbia la derivazione del nome dal termine "cathartica", dal greco "katharein" che significa purificare, in riferimento alle proprietà purgative dei suoi frutti.

E' un piccolo albero o arbusto caducifoglio alto 1-6 m, con rami robusti e numerosi provvisti di spine all’apice.

Foglie opposte superiormente verde-scuro, mentre sono più chiare nella parte inferiore.

I fiori sono piccoli riuniti in cime a forma di ombrello e di colore giallo-verdastro. Il frutto è una drupa di colore nero raggiunta la maturità.

Curiosità

  • Il legno ha odore sgradevole, come tutte le Rhamnaceae.
  • Il legno, duro, resistente e difficilmente fessurabile, si presta bene a venir lavorato. L'alburno e di colore grigio-giallastro, il duramen da giallo-rossastro a rosso.
    Il legno radicale, di aspetto ornamentale per la sua marezzatura, era apprezzato nei lavori di tornitura.

Rhamnus catharticus L., Spino cervino ...

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: