Rimedio naturale per la candida

La natura e le antiche tradizioni suggeriscono rimedi per ogni problematica ivi compreso anche per la candida albicans.

Prima di pasare in rassegna i vari rimedi per la candida per valutare il rimedio più adatto, risulta necessaria una introduzione alla problematica: quale donna non ha mai sentito parlare di quella fastidiosa e comune infezione chiamata Candida? I dati delle ricerche mostrano, infatti, che circa il 75% della popolazione femminile ne ha sofferto almeno una volta nella vita. Non tutti sanno però che quella che denominiamo comunemente col nome di Candida, non è l’infezione in sé per sé, ma più correttamente, il nome specifico del fungo responsabile dell’infezione. Quest'ultima si indica scientificamente col termine Candidosi.

Rimedio naturale per la candida

Candida rimedio

Candida perchè

Risolta la questione terminologica, passiamo ora a precisare quale sia esattamente la natura di tale infezione. Candida albicans è il nome di un fungo normalmente presente in quantità limitate nelle mucose della bocca, gola, tratto digestivo e, nelle donne, anche a livello della vagina. Questo ospite può facilmente passare dalla forma asintomatica alla forma clinica, quando nell’ambiente in cui si trova, sussistono le condizioni favorevoli al suo sviluppo. Capita spesso, infatti, che dopo una terapia antibiotica prolungata, o quando il sistema immunitario è impegnato a contrastare la presenza di patogeni all’interno dell’organismo, si manifestino, soprattutto a livello vaginale, prurito, bruciore e secrezioni, tutti classici sintomi della Candidosi.

Nel caso degli antibiotici, per esempio, accade che il farmaco, debellando l’attacco di virus e batteri, danneggi anche la normale flora batterica delle mucose, rendendole estremamente vulnerabili all’azione di altri microrganismi, tra cui la Candida, che trova più spazio per la propria replicazione.

Questo meccanismo può verificarsi anche nel caso di un uso prolungato di detergenti intimi o saponi non idonei al fisiologico pH delle mucose; infatti il pH vaginale, è già di per sé acido, e utilizzando un detergente altrettanto o eccessivamente acido, si crea un ambiente di crescita favorevole per la Candida. Un altro dei motivi che portano all’insorgenza di questa infezione micotica, è il diabete; in quanto un eccesso di zuccheri nell’organismo offre nutrimento aggiuntivo a questo fungo. Inoltre, la pillola anticoncezionale sarebbe anche da evitare in caso di frequenti episodi di Candidosi, in quanto ha la capacità sia di abbassare il pH, sia di aumentare il livello di glucosio ematico.

Per quanto riguarda la Candidosi cutanea, frequente negli sportivi, si ricorda che è principalmente causata dall’uso prolungato di calzature che impediscono alla pelle di traspirare normalmente; ciò mantiene la cute a contatto con un ambiente umido, ideale per la proliferazione fungina.

Sintomi della candida

I sintomi della Candidosi sono:

Nel caso della Candidosi vaginale si avranno principalmente: bruciore, secchezza vaginale, prurito a livello esterno e/o interno, difficoltà nella minzione, dolore nel corso di rapporti sessuali, perdite biancastre, ricorrenti cistiti.

La presenza del fungo viene diagnosticata, oltre che in base alla sintomatologia, anche in seguito ad un esame microscopico delle secrezioni vaginali, o con un tampone vaginale delle secrezioni, il cui contenuto viene isolato in coltura, e viene poi effettuato l’antibiogramma, un esame che permette di valutare di quale specie di Candida si tratti, e stabilire quale antibiotico sia più valido per debellarla.

Se non viene curata adeguatamente, o se persistono i motivi scatenanti, la Candidosi può mutare nella forma cronica, ancora più difficile da debellare. In questo caso la situazione diventa pericolosa, poiché l’infezione può rapidamente diffondersi dal punto di origine, a tutto l’organismo, causando dolore addominale, stanchezza, secchezza vaginale, infezioni cutanee e difficoltà cognitive. La forma cronica può portare a malattie come la Sindrome del Leaky Gut, in cui l’intestino aumenta notevolmente la sua permeabilità, rendendo possibile il passaggio nel sangue di molecole non adeguatamente digerite, ma anche di tossine e batteri, che normalmente sarebbero troppo grandi per poter passare tra le cellule intestinali.

Terapie per la candida

Le terapie per la Candida prevedono l’utilizzo di antimicotici come ketoconazolo, itraconazolo, miconazolo, sia ad uso locale, in forma di pomate, ovuli e lavande vaginali, sia ad uso orale come compresse. In ogni caso è molto importante attuare delle precauzioni durante e dopo il trattamento, in quanto queste sostanze non eliminano completamente il fungo, ma ne bloccano solo la replicazione, rendendo possibile la recidiva dell’infezione dopo il trattamento.

Prevenire la candida

Per prevenire la Candida è bene seguire diversi accorgimenti:

  • Dieta: evitare di assumere cibi ricchi di zuccheri come dolciumi, bibite gassate, succhi di frutta con zuccheri aggiunti, dolcificanti artificiali, in quanto il fungo si nutre principalmente di glucosio, pertanto l’ideale è sottrargli il nutrimento. Anche i cibi troppo grassi devono essere evitati, soprattutto in caso di infezione in corso, per non aggravare i sintomi. Inoltre gli alimenti lievitati forniscono al fungo i prodotti della fermentazione,  favorendo la replicazione. Al contrario, dovrebbero essere consumati principalmente frutta e verdura. Bere molta acqua è un ottimo rimedio per purificare l’organismo, mentre sono sconsigliate le bevande alcoliche, il caffè e i latticini.
  • Dormire: dormire molto, il sonno rigenera l’organismo, diminuendo lo stress e dando la possibilità al sistema immunitario di ricaricarsi per affrontare al meglio l’infezione.
  • Indumenti: evitare gli indumenti, soprattutto quelli intimi, realizzati con materiali sintetici, in quanto impediscono la normale traspirazione della pelle, creando l’ambiente umido favorevole alla proliferazione di funghi e batteri. Preferire invece il cotone, che è traspirante e assorbente. In caso di infezione, lavare bene la biancheria intima, ad alta temperatura, preferibilmente con candeggina, per eliminare completamente il fungo. Evitare di utilizzare pantaloni stretti in caso di infezione, che possano far aumentare il prurito; piuttosto indossare gonne o pantaloni in cotone, eliminando i collant. Da evitare anche i perizomi, che aumentano notevolmente il rischio di contrarre infezioni da Candida e cistiti.
  • Igiene: evitare di utilizzare saponi profumati, oli da bagno e lozioni varie durante l’infezione, per non peggiorare la situazione. In caso di infezione cutanea, fare regolarmente il bagno con aceto di mele e sale diluito nell’acqua; le spiccate proprietà antibatteriche e antimicotiche dell’aceto di mele aiuteranno a purificare adeguatamente la cute, eliminando i patogeni. I detergente intimo deve avere pH specifico per la zona in cui viene utilizzato, per non irritare la pelle e non eliminare la flora batterica presente.
  • “Ping pong”: fare attenzione ai rapporti sessuali non protetti se si ha un’infezione in corso, in quanto il fungo può facilmente essere trasmesso al partner. È questo il cosiddetto effetto “ping pong”, in cui si ha un continuo scambio del microrganismo da un individuo all’altro.
  • Antibiotici: in caso di terapie prolungate di antibiotici, utilizzare sempre i fermenti lattici, per ripristinare ad ogni assunzione la flora microbica dell’organismo.

Rimedi naturali per la candida:

  • Yogurt: si può applicare lo yogurt naturale senza zucchero sulla zona infetta per lenire l’infiammazione. Dopo aver fatto il bagno, applicare come una pomata e lasciare agire per circa un’ora, prima di risciacquare.
  • Citronella (cymbopogon citratus): quest’erba aiuta a riparare le cellule e ad alleviare i disordini intestinali. Ha proprietà antibatteriche e antimicotiche, e offre grandi miglioramenti soprattutto in caso di sindrome del Leaky Gut.
  • Calendula officinalis: ha proprietà antibatteriche e lenitive. Aiuta a rimuovere le tossine dall’organismo e rinforza le difese immunitarie.
  • Lapacho (Tabebuia impetiginosa): questa pianta è ricca di naftachinoni, sostanze dalle spiccate proprietà antifungine, tanto che la sua efficacia è paragonabile a quella del ketoconazolo, principio attivo di molti prodotti farmaceutici per la Candida. Dal momento che i nafta chinoni non sono solubile in acqua, devono essere estratti in alcool direttamente dalla corteccia, per essere sicuri ed efficaci al massimo.

Considerazione sul rimedio naturale ed ideale più adatto per combattere la candida

In conclusione, l’infezione da Candida, o Candidosi, è un’infezione micotica opportunistica che tende a manifestarsi in soggetti, i cui i meccanismi di difesa dell’organismo contro gli agenti patogeni risultano particolarmente compromessi. Le alterazioni possono essere causate da vari fattori tra cui terapie farmacologiche, lesioni cutanee, condizioni fisiologiche particolari, depressione del sistema immunitario. Per contrastare efficacemente i suoi sintomi e debellare il fungo responsabile dell'infezione è necessario seguire una buona terapia farmacologica supportata da rimedi naturali, efficaci ma non invasivi. In casi come questi occorre debellare l'infezione con antibatterici e antibiotici e al contempo cercare di alleviare la delicata sintomatologia  che l'accompagna.

Suggerimenti utili per capire quale sia il rimedio più adatto per la candida.

Naturale benessere

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo rimedio naturale per la candida

La cura della candida non è solo con farmaci ma soprattutto con alimentazione curata ed intimo giusto

Io ho sofferto per tanti anni di candida e ricadute di candida. I farmaci sono necesssari ma non sufficienti. Io ho trovato molto beneficio nel ridurre i dolci e l'uso di zucchero in genere. Fondamentale è stato l'utilizzo dell'intimo giusto. Nel mio caso su consiglio della ginecologa ho acquistato gli slip dermasilk e mi sono trovata bene. Anche adesso, quando sento qualche avvisaglia di prurito o bruciore li metto. Questa è una soluzione fantastica per me, perchè evita le ricadute e quindi evito l'assunzione dei farmaci. Inoltre è molto importante non indossare pantaloti stretti e aderenti perchè possono irritare.

Alimentazione giusta per contrastare la candida

Io purtroppo soffro di candida da ormai un anno, ho consultato una naturopata che mi ha dato una dieta severissima priva di lieviti, zuccheri e farine raffinate. Durante le feste è stato impossibile seguirla, ma ora mi ci devo mettere d'impegno perchè credo che la giusta alimentazione sia l'unica strada.

Candida e bicarbonato di sodio

io sto curando i funghi con il bicarbonato di sodio, un cucchiaino tutte le sere , funziona

Sto lottando da mesi contro la candida per colpa di cure antibiotico e di forti stress....
Ho provato inizialmente per circa 20 giorni, sotto consiglio di un medico omeopata, con Tampax imbevuto di soluzione fisiologica withania e 4 gocce di melaleuca... La fase acuta è sparita ma continuo ad avere il fastidio...allora adesso la sto curando dall'interno assumendo un fermento lattico specifico che contiene lattobacillo acidofilus e ramnosus2 e la sera un cucchiaino abbondante di ALCAFLOR AVD sciolto nell'acqua. Basta tamponi! Solo lavaggi con acqua e bicarbonato!
Finalmente ho avuto benefici da subito!!!!!!
Sono ai primi giorni di cura ma già non ho più fastidi.

Lascia il tuo commento: