Ritenzione idrica: le cause

Vi è capitato di sentirvi come se foste troppo grandi per la vostra pelle, di svegliarvi la mattina con la faccia che pare quasi ingrandita, di vedere il vostro punto vita che si gonfia e le vostre gambe che sembrano ingrossate? Che cosa vi sta succedendo? Potrebbe trattarsi di ritenzione idrica, o edema, un male che può colpire chiunque e che dipende anche dalle vostre abitudini alimentari.

Cosa causa la ritenzione idrica? Quali sono cause della ritenzione idrica? La ritenzione idrica non è data da una sola causa ma bensì da un insieme di fattori, la ritenzione idrica, conosciuta anche con il suo termine medico “Edema”, è un problema che affligge soprattutto le donne e si riferisce a un eccessivo accumulo di liquidi nel sistema circolatorio, nei tessuti o in cavità dell'organismo.

Ritenzione idrica: le cause

Cause della ritenzione idrica

Il corpo umano è costituito dal settanta per cento di acqua, e questa acqua si trova sia dentro che fuori dalle cellule. Un complesso sistema di ormoni viene usato dal corpo umato per regolare i livelli e gli equilibri dell'acqua.

In normali circostanze, i fluidi vengono drenati dai tessuti dell'organismo attraverso il sistema linfatico, che ha il compito di eliminare i resti e i materiali estranei dal nostro corpo.

Il problema della ritenzione idrica si manifesta quando i fluidi non vengono rimossi dal sistema linfatico in maniera appropriata e rimangono nei tessuti.

La ritenzione idrica si presenta soprattutto in determinate zone del corpo come gambe, piedi, cosce, ma è possibile anche trovarla nelle mani, nelle braccia e nelle cavità addominali.

Esistono due grandi tipi di ritenzione idrica:

  • edema generale
  • edema locale.

L'edema generale si riferisce al gonfiore che si estende per tutto il corpo, mentre l'edema locale si riferisce al gonfiore concentrato in una zona specifica.

Solitamente il nostro organismo compie un lavoro ammirabile, per quanto riguarda l'equilibro dei fluidi all'interno di esso.

Cause della la ritenzione idrica

Ma può capitare che, per svariate cause, questa attività si inceppi, e questo malfunzionamento ha come inevitabile conseguenza la ritenzione idrica.

Le cause della ritenzione idrica dipendono da svariati motivi come l'eccesso di sale nella vostra dieta, temperature troppo calde, la gravità, la gravidanza, la menopausa e il ciclo mestruale.

Una delle cause più comuni della ritenzione idrica è mangiare troppo cibo salato.

Il componente principale del sale è il sodio, che il corpo diluisce con l'acqua se presente in quantità troppo elevate.

Abbassare il livello di sale, e quindi di sodio, dalla vostra dieta, vi aiuterà ad evitare quegli episodi di ritenzione idrica che sono solitamente causati da dosi troppo elevate di sale.

Una causa della ritenzione idrica legata al peso è appunto quella collegata all'assunzione di sodio.

Essendo il sodio presente in tutti i cibi, un aumento dell'assunzione di cibo in generale contribuisce anche all'aumento di peso, ai depositi di grasso e alla conseguente ritenzione idrica.

Inoltre anche la malnutrizione e la denutrizione possono creare ritenzione idrica.

Ad esempio, troppo poco albumina, una delle più importanti proteine presenti nel plasma del sangue, è uno dei fattori causanti, poiché porta a un malfunzionamento dei reni e alla conseguente ritenzione dei liquidi.

Anche un'inadeguata assunzione delle vitamine B1, B5 e B6 può dare problemi a livello della ritenzione dei liquidi.

Anche la menopausa può portare la ritenzione idrica.

La fluttuazione del livello degli ormoni, lo squilibrio ormonale e la perdita di progesterone, connessa con la menopausa, può contribuire alla ritenzione idrica, durante la menopausa.

A meno che l'aumento di peso non diventi eccessivo, questa causa di ritenzione idrica non è preoccupante e può essere facilmente gestita.

L'ipertensione ha tra le sue conseguenze principali la ritenzione idrica.

Se da un parte non si sa bene il perché dell'alta pressione del sangue, dall'altra si è scoperto che vi è una forte componente genetica che la influenza.

Altri fattori di rischio per l'alta pressione includono il fumare, l'assumere bevande alcoliche, l'essere sovrappeso, la scarsa attività fisica e gli alti livelli di stress.

Altre condizioni che causano l'ipertensione sono la sindrome di Crushing, la nefropatia diabetica, l'ipertiroidismo, l'obesità e molte altre.

Molte di queste circostanze sono strettamente legate alla ritenzione idrica, ma è importante fare una appropriata diagnosi e prendere precauzioni per controllare la pressione sanguigna e il livello di fluidi nel corpo.

Anche i problemi della tiroide causano ritenzione idrica.

L'ipotiroidismo è solitamente dato da una ghiandola tiroidea inattiva che produce insufficienti livelli di ormoni tiroidei.

I sintomi sono solitamente vari e difficili da definire, anche perché quelli come la ritenzione idrica possono essere fraintesi e attribuiti a un'altra condizione.

L'ipertiroidismo, conosciuto anche come tiroide iperattiva, comporta una produzione eccessiva di ormoni.

Poiché la tiroide controlla i sistemi vitali del corpo, dal metabolismo alla temperatura del corpo, una grande varietà di sintomi può risultarne, inclusa la ritenzione idrica.

Un'altra causa della ritenzione idrica sono le infezioni o malattie renali.

I reni sono responsabili di molte importanti funzioni del corpo, inclusa quella di rimuovere le tossine espellendole dall'organismo con l'urina e aiutando in questo modo l'equilibrio del volume dei fluidi.

Quando i reni non eseguono queste funzioni, a causa di infezioni o malattia, la ritenzione idrica può essere un'inevitabile conseguenza.

Anche l'insufficienza cronica venosa dà problemi. In alcuni pazienti, le valvole deboli nelle vene delle gambe falliscono nel loro obiettivo di riportare i sangue al cuore in modo che si compia la naturale funzione del sistema circolatorio.

L'accumulo di sangue può causa le vene varicose.

Nell'insufficienza venosa cronica il gonfiore è sì dato dal sangue che non scorre, ma una degli altri motivi è quello della ritenzione idrica.

Un'altra causa della ritenzione idrica è la cirrosi epatica.

La cirrosi è una condizione del fegato che viene danneggiato in maniera permanente.

L'ostruzione dello scorrimento del sangue dagli organi digestivi al fegato, propria della cirrosi, causa numerose perdite che finiscono per manifestarsi in una ritenzione dei liquidi a livello addominale.

Altre cause possono essere l'acqua calda, poiché le temperature calde smorzano l'efficienza del corpo nel rimuovere i fluidi, la depressione post-partum, che causa uno squilibrio nei livelli di ormoni e la conseguente ritenzione idrica, e le allergie stagionali, che spesso comportano una ritenzione dei liquidi soprattutto attorno agli occhi e alla faccia.

Bere meno acqua non vi aiuterà a combattere ed eliminare la ritenzione idrica.

Una delle cause di questa è infatti la disidratazione, data dalla scarsa ed insufficiente assunzione di liquidi.

E questa era l'ultima delle possibili cause che portano alla antiestetica formazione della ritenzione idrica nelle zone critiche.

Tutte le varie cause che portano alla formazione della ritenzione idrica

Bellezza corpo: uomo donna

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo ritenzione idrica: le cause

Cause della ritenzione idrica: grazie per le informazioni

ero preoccupato per gonfiore alle mani e borse sotto gli occhi.Leggendovi ho capito che i risciacqui con acqua e sale,per un accesso ad una radice,a parte la cura antibiotica con zimox,possono avermi provocato questa ritenzione..Sono anche affetto da insufficienza venosa che cerco di contrallare portando le calze elastiche.
I troppi risciacqui super salati avranno certamente influito sulla ritenzione. Grazie per le vs note,cordialmente Giuseppe da Cinisello.

Lascia il tuo commento: