Rumex acetosa

La pianta dalle proprietà officinali di Acetosa detta anche Rumex acetosa famosa nella moderna omeopatia ma dal gusto acidulo e astringente era conosciuta anche come pianta officinale già nell'antichità, già Carlo Magno promosse la sua coltivazione nei giardini dei chiostri; inoltre, grazie alle sue proprietà curative, l'acetosa era utilizzata in caso di febbre alta e inappetenza.

I medici medioevali la ritenevano capace persino di curare la peste e il colera e in passato era usata contro lo scorbuto, affezione dovuta a una carenza di vitamina C.

Rumex acetosa

rumex acetosa

Oggigiorno l'acetosa viene consigliata per stimolare l'appetito, la digestione e la diuresi.

Grazie all'elevato quantitativo di ferro presente, è efficace per depurare e arricchire il sangue.

Il decotto preparato con le sue foglie, impiegato sia per uso interno sia esterno, è indicato nella cura di malattie cutanee e punture d'insetti.

Azione terapeutica

L'acetosa svolge un'azione depurativa sul sangue e stimola la formazione di eritrociti.

Grazie alle sue proprietà diuretiche costituisce l'elemento ideale per una cura o dieta primaverile.

Inoltre, stimola l'appetito ed è d'aiuto in caso di carenza di ferro e anemia.

Composizione Rumex acetosa

In 100 g di acetosa sono contenuti 8,5 g di ferro, ossalato di potassio, acido ossalico per lo 0,3% e un flavoglucoside. Inoltre, sono presenti 47 mg di vitamina C, che coprono circa la metà del fabbisogno giornaliero.

Le tenere foglie contengono anche amari, in grado di stimolare l'appetito e l'attività di fegato e stomaco; svolgono inoltre un'azione disintossicante.

Acetosa...

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: