Santoreggia, Satureja montana

In omeopatia la pianta Santoreggia (satureja montana) viene usata per le sue proprietà benefiche e curative per la preparazione di infusi utili a combattere diarrea, digestioni difficili e disturbi gastrointestinali, inoltre si usa per fluidificare il catarro, per lavare ferite e piaghe e come collutorio per la gola e la cavità orale infiammata.

Santoreggia, Satureja montana

Santoreggia

Nome comune: Satureia, Santoreggia montana, Erba peverella

Famiglia: Lamiaceae (Labiatae)

Principi attivi:

  • tannini, acido labiatico, vitamina A, calcio, potassio, olio essenziale contenente borneolo, canfora, carvacrolo, cimene, estragolo, terpinene e timolo

In cosmetica si può impiegare la santoreggia per preparare un impacco di foglie sminuzzate che esercita un'azione astringente e antisettica utile per le pelli impure, oppure in aggiunta nell'acqua del bagno, toglie la stanchezza, tonifica, purifica e deodora il corpo e usata nel pediluvio toglie il gonfiore delle caviglie.

Il suo infuso frizionato sui capelli, fortifica il bulbo pilifero e tiene lontano i pidocchi.

Un infuso delle cime fiorite di santoreggia favorisce la digestione, attenua i dolori allo stomaco, riduce la flatulenza e agisce contro la diarrea.

Le foglie fresche sminuzzate e applicate sulle punture di insetti calmano il dolore.

La Santoreggia per il suo piacevole aroma, viene anche usata in liquoreria e profumeria

Curiosità:

  • La Santoreggia era conosciuta dagli antichi romani col nome di Satureia che stava a significare "Erba dei satiri" per la sua pelosità che richiamava quella dei satiri, ma anche per le sue ritenute notevoli proprietà afrodisiache.
  • Le foglie, fortemente aromatiche, vengono usate per dare sapore a piatti di carne, pesce e legumi, in particolare fave, fagioli, ceci e lenticchie.

Santoreggia, Satureja montana

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: