Creme per la secchezza vaginale

Una crema appositamente creata per la secchezza vaginale rappresenta una buona scelta contro il fastidio, la condizione della secchezza vaginale non è rara nelle donne, difatti può presentarsi in giovani donne in gravidanza, durante l'allattamento oppure in quei soggetti che prediligono uno stile di vita stressante. L'efficacia della terapia ormonale sostitutiva è stata spesso messa in discussione per curare la vaginite atrofica, pertanto l'utilizzo delle creme per la secchezza vaginale viene maggiormente richiesta rispetto al trattamento sopracitato.

Creme per la secchezza vaginale

Creme per secchezza vaginale

Le creme secchezza vaginale:

La possibilità di utilizzare alcuni tipi di creme rende il trattamento facile e veloce. In commercio ne esistono di vari tipi, ma per la secchezza vaginale vengono generalmente consigliate dagli specialisti due particolari tipi di creme.

La prescrizione medica è d'obbligo, quindi dopo attenta supervisione di un medico;

La crema che troverete utile per alleviare la secchezza vaginale la si trova in commercio col nome Premarin e viene generalmente prescritta alle donne in menopausa.

Il contenuto medico di questo prodotto è composto da estrogeni che mirano a sostituire i livelli di estrogeni del corpo umano. L'applicazione è inoltre molto semplice grazie all'ausilio di un applicatore che vi permetterà di stendere la crema all'interno della vagina.

Effetti collaterali del Premarin

Gli effetti collaterali della crema in questione devono essere presi in seria considerazione nel caso si presuppone l'utilizzo di questo prodotto per la secchezza vaginale per un lungo periodo.
Questo perché esiste il rischio di contrarre il cancro uterino, anche se tale situazione è molto più probabile che si presenti in donne anziane.

Secondariamente, si potrebbe sviluppare un'irritazione vaginale, sanguinamento, dolore muscolare e vertigini.
Per il trattamento della secchezza vaginale è altrettanto importante sapere che il Premarin non è adatto a quelle donne che stanno portando avanti una gravidanza, oppure in quei soggetti che hanno avuto esperienza di un cancro al seno, patologie cardiache e danni al fegato.

Creme over-the-counter

In aggiunta alle creme prescritte dal medico per la secchezza vaginale, si possono acquistare anche delle creme cosiddette over-the-counter. Questi prodotti sono anche chiamati prodotti “da banco”, la sigla inglese letteralmente significa “sopra il bancone (del farmacista), e sono farmaci per l'automedicazione. L'appellativo si riferisce al fatto che non è necessaria la ricetta medica e per questo viene definito un automedicamento.
Le creme in questione aiutano a ripristinare la lubrificazione vaginale naturale per contrastare la secchezza vaginale, tuttavia alcuni tipi di creme per l'automedicazione agiscono solamente in breve termine.
Una delle creme più popolari che sostengono i tessuti privi di lubrificazione è il Replens.

Questa tipologia di crema è composta da una base di polycarbophil ed è fortemente consigliata a quelle donne che non hanno intenzione di utilizzare una terapia ormonale a base di creme.

Rimedi naturali per la secchezza vaginale

Molte donne hanno lamentato una certa dubbiosità, particolare delle creme a base di estrogeni per curare la secchezza vaginale. Quindi, anche in quei casi ove tale problematica sia causata da condizioni di salute precarie, la possibilità di utilizzare rimedi naturali per la secchezza vaginale esiste ampiamente.
Le creme naturali sono generalmente ben viste dal mondo femminile grazie ai loro composti a base di ingredienti naturali. Una delle tante è la InTivar che ha la capacità di aiutare a controllare non solo la secchezza vaginale, ma anche il serraggio vaginale e la libido sessuale.

La crema è una buona risposta contro la secchezza vaginale.

Naturale benessere

Lascia il tuo commento: