Sintomi ritenzione idrica

La ritenzione idrica è un inestestimo formalmente chiamata in campo medico, edema il quale si manifesta quando fluidi in eccesso si accumulano all'interno del nostro organismo ed i suoi sintomi sono gonfiore e pesantezza nelle zone colpite.

Quali sono i sintomi della ritenzione idrica? Generalmente, i fluidi in eccesso vengono portati dai tessuti dell'organismo al sistema circolatorio per poi essere eliminati dai reni, grazie all'azione del sistema linfatico e quando questo non avvienete correttamente, inizia a formarsi la ritenzione idrica.

Sintomi ritenzione idrica

Ritenzione idrica sintomi

Cominciamo dall'inizio

Per restare vivi, il nostro organismo deve conservare in esso una grande quantità di acqua, dato che il corpo umano è composto principalmente da essa.

L’acqua è l’elemento di base che provvede alla formazione delle cellule e al mantenimento della salute del corpo, ed è per questo che è di essenziale importanza che vi sia un corretto funzionamento di quelle attività del nostro organismo che controllano il corretto equilibrio dei fluidi.

Ma vi è una gran porzione di persone che presenta molte difficoltà nel tenere i livelli di acqua nel corpo ad un equilibrio appropriato.

La ritenzione idrica è quindi un disturbo medico che si verifica quando in determinate parti del corpo, come le estremità e attorno all’addome, l’acqua viene trattenuta, causando gonfiori e grandi disagi.

È un problema facilmente visibile agli occhi, in quanto si manifesta con gonfiori e un ammorbidimento delle parti affette e solitamente si riesce anche a sentire il suono dell’acqua nella zona del corpo colpita.

Le conseguenze della ritenzione idrica possono essere molto gravi e serie, soprattutto se la condizione non viene diagnosticata nella sua fase iniziale.

L’ideale sarebbe riuscire a consultare un medico immediatamente, perché se dovesse rilevare che la ritenzione idrica persiste nelle parti del corpo per più di una settimana, il disturbo potrebbe essere più dannoso del previsto.

Una cura urgente è necessaria, in particolar modo se il problema interessa parti del corpo come gambe e anche, poiché si tratta di punti dove il disagio si manifesta con molto dolore e rende la vita poco confortevole.

Ma per potersi curare in tempo, senza danneggiare eccessivamente l’organismo, è importante riuscire a riconoscere quelli che sono i sintomi della ritenzione idrica, ovvero le prime prove tangibili sul nostro corpo di questo disturbo.

E come bisogna fare per individuare i segni che annunciano il manifestarsi della ritenzione idrica?

Quali sono concretamente i sintomi visibili e riconoscibili?

I sintomi più comuni della ritenzione idrica sono il gonfiore della pelle, un allargamento dell’addome, l’aumento e le oscillazioni di peso. Se si tratta di edema polmonare, ovvero della ritenzione idrica che si manifesta a livello dei polmoni, i sintomi sono difficoltà nella respirazione.

La diagnosi dell’edema viene di solito effettuata con un’appropriata osservazione dei sintomi e con test come le analisi del sangue o delle urine o delle funzioni del fegato.

Il trattamento per questa malattia è soprattutto determinato dalle cause che l’hanno portata a manifestarsi.

In ogni modo, la maggior parte delle volte vengono prescritti diuretici e vengono consigliati cambiamenti nelle abitudini quotidiane.

Parlando concretamente dei sintomi, il più comune associato alla ritenzione idrica è il gonfiore.

Quando i fluidi cominciano ad accumularsi sotto alla pelle, i piedi, le gambe, le anche o la facciano possono cominciare ad apparire allargate e più paffute.

In più, i pazienti che sviluppano questo disturbo potranno notare che la pelle che copre le aree interessate dalla ritenzione idrica si presenta lucida e rigida.

Un gonfiore esteso può provocare ai pazienti affetti grandi difficoltà e disagi nei movimenti.

Questo sintomo del gonfiore può persistere per pochi giorni, ma anche per settimane o mesi, dipende dalle cause che l’hanno portato a manifestarsi.

La pelle a buccia d’arancia è un altro sintomo della ritenzione idrica.

La ritenzione idrica può infatti colpire la pelle rendendola piena di fossette.

Molti pazienti affetti da ritenzione idrica hanno constatato che molto spesso la pelle delle zone interessate, se pressata, pare quasi bucherellata, come la buccia di un’arancia.

Anche il gonfiore addominale è un sintomo della ritenzione di fluidi del nostro organismo.

Secondo molte ricerche attuate da studiosi e medici, il gonfiore addominale è spesso accompagnato da una diminuzione dell’appetito.

I pazienti che non riescono più a entrare nei loro vestiti quotidiani, a causa di un ingrossamento dell’addome, devono subito consultare un medio, per prevenire eventuali peggioramenti della situazione.

La ritenzione idrica viene inoltre riconosciuta per i cambiamenti di peso che comporta.

Trattenere alti livelli di fluidi può causare drastici cambiamenti del peso.

Anche il mal di testa e difficoltà nella respirazione possono essere sintomi della ritenzione idrica.

Nel secondo caso, se dovessero manifestarsi disagi respiratori, è necessario prestare molta attenzione in quanto potrebbero essere il campanello d’avviso dell’edema polmonare.

In caso poi si soffra di malattia del cuore, del fegato o dei reni, bisogna prestare ancor più attenzione, in quanto la ritenzione idrica nelle persone affette da queste malattie si presente molto più facilmente.

In queste circostanze, i fluidi in eccesso spesso si posizionano su grandi porzioni di organi vitali.

Un diuretico potrà aiutare il corpo ad espellere l’acqua in eccesso, ma una consultazione medica è vivamente consigliata.

Anche il malfunzionamento della tiroide provoca ritenzione idrica.

Se quindi il vostro medico vi diagnosticherà problemi con la tiroide, dovrete prestare grande attenzione ai sintomi della ritenzione idrica che potranno manifestarsi sul vostro corpo.

La gravidanza infine è anche strettamente connessa con la ritenzione idrica.

Le donne incinte dovranno infatti avvisare il loro medico se sulle loro gambe e piedi cominceranno a manifestarsi sintomi come il gonfiore.

Ecco sovraesposti i sintomi e situazioni più comuni che caratterizzano la ritenzione idrica, adesso la potete riconoscere e contrastare...

Sintomi più comuni che portano alla formazione della ritenzione idrica

Bellezza corpo: uomo donna

Lascia il tuo commento: