Stenosi bronchiale

La stenosi bronchiale come si può facilmente intuire dal nome è un restringimento ad opera del lume del bronco.

La stenosi bronchiale è il restringimento del lume di un bronco che può anche arrivare alla sua completa ostruzione e le cause possono essere determinate da alterazioni di diverso tipo, distinte in gergo in murali, intramurali ed extramurali. Le alterazioni murali comprendono tutti i processi patologici relativi alla parete bronchiale e sono quasi sempre reversibili come l'edema, ma anche irreversibili, come nel caso delle retrazioni cicatriziali dovute conseguenti a infiammazioni croniche o i tumori primitivi e metastatici della parete bronchiale. Le alterazioni intramurali invece sono quell relative a corpi estranei di qualunque natura ed invece le extramurali comprendono tutte le problematiche patologiche che possono determinare in vari stati, una compressione meccanica sui bronchi, le più comuni in questo caso sono le adenopatie, le neoplasie, cisti polmonari ecc.

Stenosi bronchiale

Stenosi bronchiale

Stenosi bronchiali sintomi

Sia le alterazioni murali che extramurali solitamente possono determinare il formarsi in fase iniziale di un edema causa to dal circolo alterato la cui presenza per lungo tempo può dare luogo ad unosbancamento della parete e la conseguente infiltrazione infiammatoria apportando in fine una retrazione cicatriziale ed il tratto bronchiale a valle dell'ostacolo va incontro spesso e volentieri ad un'infiammazione che può essere catarrale o purulenta con l'annessa possibilità di diventare sede anche di bronchiectasie.

Meccanicamente la stenosi bronchiale può agire in vari modi:

Qualora l'ostruzione fosse completa si tende ad avere un meccanismo a valvola d'arresto la quale porta ad una interruzione completa del circolo aereo e quindi a un'atelettasia del segmento polmonare interessato, però questo fenomeno è meno frequente, infatti il più delle volte i soggetti tendono ad avere la riduzione tramite un ostacolo respiratorio parziale, presente sia in fase inspiratoria che espiratoria.

Clinicamente parlando, la stenosi bronchiale che si presenta con una fase acuta, come nel caso dell'inalazione di corpi estranei per la quale il soggetto compito tende ad avere una tosse intensa, spasmodica, accompagnata da dolore e da inspirazioni profonde e irregolari e nel caso questa sopraggiungesse con "lentezza" la tosse, dapprima lieve per poi diventare insistente e secca, tanto da non rispondere più alla somministrazione di prodotti ad azione calmante riportando un escreato catarrale o mucopurulento alle volte misto a sangue alla quale possono unirsi anche episodi di dispnea diversi per gravità, intensità e persistenza a seconda del grado della stenosi e della rapidità della sua insorgenza.

Diagnosi della stenosi bronchiale:

L'esperto per diagnosticare la stenosi bronchiale può avvalersi oltre che di esami clinici radiografici e broncografici, anche della semplice ascoltazione la quale riporterà un respiro sibilante, soffi bronchiali.

Terapia per la cura della stenosi bronchiale:

La terapia contro la stenosi bronchiale, invece viene valutata a seconda dei casi e della gravità ad esempio in presenza di corpi estranei si può procedere all'asportazione in endoscopia mentre nelle forme cicatriziali si tende a procedere alla dilatazione endoscopca e nelle forme dovute ad ammassi di secreto o essudato bronchiale purchè di recente formazione è possibile anche l'aspirazione, qualora invece fossero presenti complicazioni come tumori benigni ad esempio adenomi e condromi l'unica scelta per l'asportazione è quella endoscopica mentre per le forme più maligne può essere valutato anche l'intervento chirurgico operatorio.

La stenosi bronchiale...

Malattie

Lascia il tuo commento: