Eritema da stress

La relazione tra lo stress e la pelle è stata argomento di discussione per molti anni. Sebbene i meccanismi precisi rimangano inconcludenti, ci sono prove a sostegno della influenza dei fattori psicosociali sulle malattie della pelle come la psoriasi, dermatite atopica e tumori maligni cutanei. Riportiamo qui un caso di recidiva eritema di un maschio in buona salute, che sembrava essere temporalmente associato a fattori di stress estremo della vita del paziente.

Eritema da stress

Eritema da stress

Una persona di 36 anni, di sesso maschile, presenta una eruzione cutanea pruriginosa della durata di circa una settimana. Egli ha dichiarato di aver avuto un'eruzione identica diversi anni prima e avere messo in discussione se ci potesse essere un legame tra lo stress ed il suo problema cutaneo. È interessante notare che il suo primo episodio si è verificato mentre la moglie era in ospedale e che si è risolto pochi giorni dopo la sua guarigione. Il sospetto che lo stress e la pelle siano associati derivava dal fatto che l'episodio attuale è apparso pochi giorni prima della tesi finale del suo dottorato di ricerca. Egli ha affermato che, a parte il fatto di essere nervoso per la discussione imminente, si sentiva bene, e ha negato una precedente infezione o l'uso corrente di farmaci.

Cosa è successo

Il paziente ha avuto due grandi eruzioni papulose, una che coinvolge tutta la schiena bassa, e la seconda, più piccola e simile, sull’addome sinistro. Il resto degli esami era insignificante, senza evidenza sospetti di infezione da dermatofiti. Una biopsia sulla schiena del paziente ha dimostrato una normale epidermide con una superficie cutanea irritata con eritema. Di base l’iter di laboratorio ha incluso una conta ematica completa ed esauriente del quadro metabolico così come le radiografie del torace erano nella norma. Il paziente ha difeso con successo il dottorato di ricerca, e l'eruzione è stata eliminata entro pochi giorni senza cure mediche.

Il legame eritema e stress

Il legame tra eritema e sottostanti fattori di stress fisici, come neoplasie, infezioni, malattie sistemiche, gravidanza, farmaci, chirurgia e allergie è stato ben documentato nella letteratura medica. Nella maggior parte dei casi, però, non c'è una causa associata. A nostra conoscenza, non c'è stato un rapporto provato che gli eritemi si verificano in associazione con lo stress emotivo. Anche se questo sarebbe un’eziologia difficile da provare, il rapporto temporale con la malattia della moglie del nostro paziente e con la discussione della sua tesi di dottorato, seguita da una completa risoluzione dopo aver eliminato completamente i fattori di stress , supporta questa nozione. Inoltre, la concezione del paziente stesso della comparsa del rash nei momenti di stress elevato è in gran parte responsabile delle nostre ipotesi. Anche se, l’eritema è stato segnalato per avere una ricorrenza stagionale, non sembrava essere così per questo paziente. Inoltre, il paziente sembrava essere altrimenti in buona salute senza evidenza di altri fattori scatenanti noti di eritema.

Il complesso rapporto tra stress fisico ed emotivo, il sistema immunitario e le manifestazioni di queste interazioni è affascinante e per la maggior parte, un mistero. E' certamente ragionevole supporre che il corpo possa rispondere allo stress fisico nei meccanismi che si sovrappongono a quelli dovuti a stress emotivo, rendendo l'aspetto dell’eritema durante i periodi di elevato stress emotivo una proposta plausibile.

Chi ne soffre

Più della metà della popolazione soffre o ha sofferto di un problema che riguarda la pelle come infiammazioni e dermatite, e il 18-27% ha avuto bisogno di cure mediche. Le malattie della pelle, specie quelle infiammatorie, sono in continuo aumento e nel loro esordio o aggravamento è spesso implicato lo stress. Esistono effettivamente persone più sensibili di altre allo stress, persone che pagano il prezzo di una soglia bassa di sensibilità con una reazione eccessiva, spesso proprio a livello della pelle.

Tra il cervello e la pelle esiste infatti un collegamento. Basti pensare alla psoriasi, una delle più diffuse malattie della pelle: più di metà delle persone che soffrono di questa malattia ricordano di aver vissuto esperienze stressanti prima della comparsa o dell’ aggravamento della malattia. Il primo sintomo della psoriasi è rappresentato dalla comparsa di una chiazza eritematosa (eritema cutaneo) associata a una sensazione di bruciore e di prurito. La psoriasi può manifestarsi in modo acuto fin da subito oppure può manifestarsi nel tempo con chiazze eritematose (cioè aree arrossate e squame) soprattutto nelle zone del cuoio capelluto, dei gomiti, delle ginocchia, la zona ombelicale e quella sacrale. Alcune persone reagiscono quindi allo stress con manifestazioni fisiche evidenti, si dice che somatizzano, cioè risolvono afflizioni mentali con sintomi corporei, e altri no. Queste manifestazioni sono diverse da persona a persona: c’è chi reagisce allo stress con attacchi di emicrania (mal di testa), chi con una gastrite, chi con la dermatite da stress. Ognuno di noi ha infatti uno o più punti deboli del corpo, ma la pelle è senza dubbio uno dei bersagli più comuni dello stress. Quando siamo “sotto pressione” il nostro cervello interpreta gli stimoli stressanti e regola la risposta difensiva dell’ organismo.

L’epidermide è un vero e proprio organo, come i polmoni o i reni, anzi è l’organo più esteso del corpo, ed è il capolinea di innumerevoli terminazioni nervose.

Le dermatiti infiammatorie da stress sono: psoriasi, herpes labiale, orticaria, caduta dei capelli da stress.

Come funziona

Quando lo stress ci colpisce, si innesca una catena di eventi che, partendo dal nucleo più antico del cervello che si chiama ipotalamo e passando per l’ ipofisi, provoca numerose alterazioni ormonali e una risposta infiammatoria, più o meno intensa, a livello cutaneo. Le dermatiti infiammatorie derivanti da stress sono davvero tante e di varia natura. Oltre alla psoriasi troviamo: l’Herpes labiale (sulla bocca), l’orticaria e l’alopecia areata (la caduta dei capelli da stress) che è un vero e proprio modello di disturbo cutaneo da stress, e circa il 2% dei consulti dermatologici sono rivolti a trattare questa condizione. In questi casi infatti, il bulbo dei capelli è sano, eppure il capello cade a causa dello stress. Quando si ha un’improvvisa caduta dei capelli come nell’alopecia areata, è proprio come se si accendesse una spia d’allarme nel nostro organismo che impone di “fermarsi” a riflettere sui propri ritmi di vita.

Cambiare il proprio stile di vita è la prima cosa da fare in caso di eritema da stress

Per quanto riguarda i disturbi alla pelle dovuti allo stress, una guarigione completa e senza ricadute è improbabile finché il soggetto è sottoposto ad uno stress eccessivo. Pur rivolgendosi ad un dermatologo, creme e altri tipi di rimedi vari da soli non risolvono completamente i casi di dermatite da stress o le infiammazioni della pelle. Oltre alle cure dermatologiche, occorre anche e soprattutto cercare di cambiare qualcosa nella propria vita, adottando strategie per controllare meglio la fatica psichica e lo stress, magari introducendo qualche sana valvola di sfogo.E’ bene ricorrere al dermatologo ma soprattutto modificare stile e ritmo di vita!

Una delle cause che può favorire l'insorgere di uno o più eritemi può essere lo stress.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo eritema da stress

Dermatite da stress

Grazie tante per le informazioni. La mia da dermatite da stress, la prima volta dopo il parto 30 fa, iniziava con delle vescicole pruriginose alle mani...10 anni fa altro periodo di stress mani e piedi....oggi, inizio sempre dalle mani,piedi con vescicole e qualcuna sparsa sul corpo...polsi e braccia come se avessi raccolto ortiche..."Da abbandonare tutto e tutti per un periodo di pace. e' evidente la reazione da stress"... grazie ancora a voi.

Lascia il tuo commento: