Gestire lo stress al lavoro e nella vita

Tutti sanno che il lavoro può essere cause di stress emotivo, purtroppo quando sul posto di lavoro l'ambiente risulta poco sano e gratificante il livello di stress può essere troppo pensante, per questo è bene imparare a gestirlo nel migliore dei modi.

Gestire lo stress emotivo o creatosi sul posto di lavoro non è certo semplice ma neanche improponibile, per questo in molte persone si pongono il quesito di come gestire lo stress senza esserne "vittime indifese". Se pensiamo alle cause dello stress ed in particolare agli effetti negativi di alcuni tipi di stress, come uno sforzo prolungato, imprevisto o ingestibile, possiamo agevolmente trovare delle strategie costruttive e sane per la gestione dello stress.

Gestire lo stress al lavoro e nella vita

Gestire lo stress (da lavoro)

Come gestire lo stress (vari consigli e suggerimenti):

Un passo importante per la gestione dello stress è l’esercizio fisico. Dal momento che la risposta allo stress ci prepara per muoverci o verso il combattere o verso il fuggire, i nostri corpi sono pronti per l'azione. Tuttavia, purtroppo, di solito fronteggiamo le nostre sollecitazioni allo stress restando seduti alla nostra scrivania, in piedi presso la macchina del caffé, o al volante bloccati nel traffico.

L’ esercizio fisico regolare aiuta ad abbassare la produzione di ormoni dello stress e le sostanze neurochimiche associate. Così, l’esercizio fisico può aiutare ad evitare il danno che lo stress prolungato può causare alla nostra salute. Infatti, gli studi hanno trovato che l'esercitazione è un potente antidepressivo, ansiolitico ed, inoltre, un efficace aiuto contro l’insonnia per molte persone.

Per secoli nelle tradizioni religiose orientali, i benefici della meditazione ed altre tecniche di rilassamento sono state ben note. Ora, psicologia e medicina occidentale hanno riscoperto quella particolare saggezza, tradotta in semplici metodi non-spirituali e di cui l’efficacia è scientificamente verificata.

Così, una o due sessioni di meditazione di 20-30 minuti al giorno possono avere duraturi effetti benefici sulla salute. Infatti, meditanti avanzati possono controllare anche significativamente la loro pressione sanguigna, come pure la frequenza cardiaca.

L’eliminazione del consumo di droga ed un uso moderato dell'alcool sono importanti per avere successo nella gestione dello stress. Sappiamo che le persone, quando stressate, cerca questi sfoghi, ma sappiamo anche che molte di queste sostanze sensibilizzano ulteriormente la risposta allo stress. Di conseguenza, piccoli problemi che normalmente non sarebbero fonte di stress, per le persone che fanno uso di droghe o di alcol smoderatamente, sono fonte di una produzione di grandi picchi di sostanze chimiche.

In piu’, questi tentativi di mascherare lo stress con la droga e l’alcool spesso impediscono alla persona di fronteggiare direttamente il problema. Di conseguenza, non si è in grado di sviluppare metodi efficaci per affrontare o eliminare lo stress.

Anche i farmaci per l’ansia, come ad esempio diazepam (Valium), lorazepam (Ativan) o alprazolam (Xanax), possono essere controproducenti nello stesso modo. Pertanto, questi farmaci devono essere utilizzati solo con cautela e sotto la guida rigorosa di un medico.

Se, tuttavia, lo stress produce un problema psichiatrico conclamato, come disturbo da stress post-traumatico (PTSD), la depressione clinica, o disturbi d'ansia, allora i farmaci psicotropi, in particolare gli inibitori della ricaptazione della serotonina sono estremamente utili. Esempi sono la fluoxetina (Prozac), Paroxetina (Paxil) o Sertralina (Zoloft).

Sappiamo che lo stress cronico o continuo è molto dannoso. È importante, quindi, prendersi delle pause e decomprimere. Concedersi una pausa pranzo senza parlare di lavoro, fare una passeggiata invece di una pausa caffé. Utilizzare i fine settimana per il relax e non pianificare così tanti eventi che il lunedì mattina sembri un sollievo!

Imparare a distinguere i vostri segnali di stress, pianificare vacanze o anche week-end lunghi giorni a intervalli regolari è molto utile, oltre che piacevole.

Programmare il vostro lavoro e la vita domestica quanto più possibile. La routine nella vostra vita non potrà certo mettervi al riparo dagli imprevisti, ma quanto meno potrà fornire un quadro confortevole da cui partire per fronteggiarli.

Pensare al futuro e cercare di anticipare varie possibilità sia buone che cattive, che potrebbero diventare realtà sul lavoro o a casa. Generare quindi gli scenari e i relativi piani di risposta. Potete scoprire che gli "imprevisti" non sempre vengono fuori dal a...

Con questo tipo di preparazione, è possibile trasformare lo stress in una forza positiva che può contribuire alla vostra crescita e miglioramento.

Vari tipi di consulenza sulla gestione dello stress, vengono proposti da professionisti e strutture sanitarie a coloro che possono aver bisogno di aiuto per affrontarlo e si trovano sia come terapia individuale che di gruppo.

La consulenza sullo stress e la terapia tramite gruppi di discussione hanno dimostrato di essere in grado di ridurre i sintomi dello stress, di migliorare la salute generale e l’atteggiamento personale.

Perchè risulta importante capire come gestire il proprio livello di stress? Come funziona " tecnicamente " la risposta fisica allo stress?

I due principali sistemi coinvolti nella risposta allo stress, sono l'asse ipotalamo-ipofisi-surrenali e il SNS sistema nervoso simpatico.

Attivato principalmente da un'area nel tronco cerebrale (la parte più bassa del cervello) chiamata locus coeruleus, il SNS secerne adrenalina e noradrenalina.

I cinque concetti più importanti da ricordare su questi due sistemi sono i seguenti:

  1. Essi sono governati da un ciclo di feedback per regolare la loro risposta. (In un circuito di feedback, l’aumento della quantità di un sostanza – per esempio di un ormone – inibisce il rilascio ulteriore di tale sostanza, mentre una diminuzione della quantità della stessa sostanza ne stimola il rilascio )
  2. Interagiscono tra loro.
  3. Influenzano altre funzioni e sistemi del cervello.
  4. La varietà genetica ereditaria, influisce sulle risposte di entrambi i sistemi. In pratica, a seconda del loro geni, persone diverse possono rispondere in modo diverso a sollecitazioni simili.
  5. La prolungata azione di risposta di questi sistemi può essere dannosa per un individuo.

Qual è il ruolo dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrenali nella gestione dello stress?

In primo luogo, l'ipotalamo (una parte centrale del cervello) rilascia un composto chiamato fattore di rilascio corticotropina (CRF), che è stato scoperto nel 1981. Il CRF viaggia poi sino alla ghiandola pituitaria, dove si innesca il rilascio di un ormone, l’ormone adrenocorticotrophic (ACTH). ACTH viene rilasciato nel flusso sanguigno e provoca nella corteccia della ghiandola surrenale il rilascio degli ormoni dello stress, in particolare il cortisolo, che è un ormone di corticosteroidi.

Il Cortisolo aumenta la disponibilità nel corpo di “carburante”, inteso come carboidrati, grassi e glucosio, che sono necessari per rispondere allo stress. Tuttavia, se i livelli di cortisolo rimangono elevati per troppo tempo, allora i muscoli si danneggiano, c'è una ridotta risposta infiammatoria e si verifica una soppressione del sistema immunitario.

Dato che, alti livelli di cortisolo mettono in difficoltà il sistema immunitario, i corticosteroidi sono utilizzati in dosi controllate ed adeguate per il trattamento di molte malattie che sono caratterizzate da un sistema immunitario iperattivo, come l’asma e le malattie infiammatorie intestinali o di infiammazione. Per lo stesso motivo, sono utilizzati per contribuire a ridurre le probabilità che il nostro corpo rigetti immunologicamente i trapianti di organi.

I corticosteroidi possono anche causare la ritenzione di liquidi e l’ipertensione arteriosa. Pertanto, è fondamentale che la risposta ai corticosteroidi sia attentamente monitorata. Inoltre, livelli estremamente elevati di cortisolo possono causare cambiamenti mentali, tra cui depressione e psicosi, che scompaiono quando i livelli tornano alla normalità.

Capire come gestire lo stress ed intervenire prontamente, variando in primis il proprio stile di vita e rivolgendosi a personale competente è alla base del benessere della persona.

Come e perchè risulta importante gestire il proprio livello di stress emotivo o correlato al lavoro

Malattie

Lascia il tuo commento: