Lavoro e stress

Lo stress da lavoro può urtare i nervi, tiene svegli di notte, e contribuisce a far nascere problemi di salute come malattie cardiache e depressione. Lo stress lavorativo cronico può mettere a rischio la salute fisica ed emotiva. Trovare la fonte dello stress è il primo passo per combatterlo, ma questo è più facile dirsi che a farsi. Per fortuna, gli esperti hanno individuato situazioni di lavoro specifiche che possono essere la causa del ribollire del vostro sangue.

Lavoro e stress

Lavoro e stress

Il lavoro causa stress, ecco alcuni esempi

Il subalterno oberato di lavoro

Il profilo: Sei occupato dal tempo in cui arrivi al posto di  lavoro fino al momento di partire, ma hai poca libertà mentre sei lì. Non è necessario dirti molto su come fare il tuo lavoro o il tipo di progetti a cui stai lavorando, e sei sempre lo schiavetto di qualcun altro.

La soluzione: Questo tipo di posti di lavoro, conosciuti come "alta domanda e basso controllo", tendono a provocare una grande quantità di stress psicologico. Anche se non potete fare un lavoro meno impegnativo, trovare il modo di essere più coinvolti nel processo decisionale contribuirà ad allentare lo stress, come la ricerca suggerisce.

Il frustrato “faccio tutto ma non ho a”

Il profilo: Lavori molto, ma senti che non ricevi credito sufficiente, o una giusta compensazione. Con molto sudore (e forse qualche lacrima), ti sei fatto ben vedere dal tuo capo. Eppure, non hai ricevuto un aumento, una promozione o un riconoscimento sufficiente.

La soluzione: Questi cosiddetti " squilibri sforzo-ricompensa " sono una ricetta per lo stress, soprattutto per quelli che sono desiderosi di approvazione. Provate a discutere dei vostri obiettivi di carriera con il capo. Magari non si ottengono le ricompense che si desiderano subito, potresti guadagnare una certa comprensione su come migliorare la situazione e le prospettive

Il naufrago

Il profilo: Ti senti come se fossi tutto solo, e non in senso buono. Se hai bisogno di aiuto o una guida, il tuo capo non è presente, e quando hai bisogno di sfogo, non hai un alleato fidato a cui rivolgerti.
La soluzione: un buon sistema di supporto al lavoro comprende sia un sostegno pratico dal capo (cioè le risorse e l’aiuto necessario per fare bene il tuo lavoro) sia un supporto emotivo da parte dei colleghi. Troppo poco di entrambi potrebbe farvi sentire bloccati sull'isola dell’irritazione. Lavora sulla comunicazione delle tue esigenze, sia pratiche che emotive. Se vuoi aiutare il tuo capo, devi essere il più persuasivo possibile e fare della relazione con i colleghi una priorità.

Lo zerbino

Il profilo: Hai a che fare con clienti esigenti e verbalmente violenti, ma attraverso di essi hai tutto quello che ti aspetti - no, che necessiti- per ingoiare il tuo risentimento e mantenere una facciata di professionalità, calma e cortesia.

La soluzione: Quando c'è una discrepanza tra lo stato interno e dei ruoli che ci si aspetta di giocare al lavoro, si verifica quello che i ricercatori chiamano lavoro emotivo. Chiedi al tuo capo una consulenza o formazione supplementare su come gestire i clienti difficili senza sentirsi demoralizzati. Facendo il tuo lavoro senza prendere l'abuso personalmente ti farà subito sentire meglio con te stesso.

Prigioniero High Tech

Il profilo: Grazie all’utilizzo di palmari come il Blackberry, il cellulare e il computer portatile che la tua azienda ti ha così generosamente fornito, il tuo capo può raggiungerti 24 ore su 24 7 giorni su 7. Tu sei sempre (virtualmente) collegato in ufficio, e il tuo lavoro e la vita personale sono indistinguibili.
La soluzione: Il techno-stress è un fenomeno importante e in crescita. Per proteggersi da sforzo mentale e fisico, imparare a staccare (letteralmente) la spina. Mettere da parte i blocchi di tempo in cui si lavora, dire quando si accende il pulsante dell'elettronica e quando lo si mette in off .

Il capro espiatorio

Il profilo: Il tuo capo tende ad insultare, dare scadenze impossibili, sgridare e trattare male davanti ai colleghi.
La soluzione: Il bullismo non è limitato al parco giochi, ma sembra essere in aumento anche negli uffici. Se ti senti vittima di un boss bullo, puoi provare a placare i suoi comportamenti. E se i colleghi condividono la frustrazione, si può provare a confrontarsi con il vostro capo tirannico come gruppo.

Vittima di un torto

Il profilo: Il lavoro semplicemente non è giusto. Il tuo capo ha dei preferiti, prende  decisioni di gestione arbitraria e mistificante e i dipendenti sono trattati come bambini.
La soluzione: luoghi di lavoro che non siano equi, trasparenti e rispettosi mancano di ciò che è conosciuto come "giustizia organizzativa". Più o meno ogni volta che un individuo si sente che viene affrontati in modo diverso o ingiustamente, si colloca dello stress potenzialmente dannoso su di sé.

Sopraffatti dallo stress sul posto di lavoro? Non siete i soli. Molta gente mette tutta la sua vita nel lavoro e nella carriera. Lavorare duramente, tuttavia, non deve essere confuso con superlavoro a scapito delle relazioni e della salute fisica. Secondo un sondaggio americano del 2007, i tre quarti delle persone indicano il lavoro come una fonte significativa di stress, ed oltre la metà degli intervistati indica che la loro produttività sul lavoro ha subito un decremento a causa dello stress. Inoltre, quasi la metà ha dichiarato di non usare il tempo di vacanza assegnato e ha considerato anche di ricercare un nuovo posto di lavoro a causa dello stress. Lo stress da lavoro è anche una preoccupazione per i datori di lavoro, e per le imprese americane pagano una cifra stimata di 300 miliardi all'anno a causa di assenze, la produttività diminuisce, il turnover dei dipendenti e medici diretti, spese legali e assicurativi.

Lo stress può influenzare significativamente la salute fisica. Un’indagine ha dimostrato che i tre quarti delle persone hanno sperimentato sintomi fisici a causa dello stress, come mal di testa, affaticamento e mal di stomaco, in combinazione con sentimenti di irritabilità, rabbia, nervosismo e mancanza di motivazione.
Lo stress che le persone stanno vivendo viene, in parte, dalle pressioni generiche. A causa di e-mail, telefoni cellulari e Internet, le persone stanno trovando sempre più difficile togliersi dallo stress del lavoro e concentrarsi sulle loro priorità personali - oltre la metà degli intervistati ha dichiarato che il lavoro richiede interferenze con le responsabilità familiari o da casa.

La tecnologia migliora senza dubbio la nostra vita, ma aggiunge sovraccarico di informazioni al livello di stress di un mondo già oberato di lavoro e porta a mettere in atto comportamenti non salutari per affrontare lo stress, dice lo psicologo.  L'importante è imparare a gestire efficacemente lo stress, in modo da poter rendere al meglio sia a casa che al lavoro.

Maggiore stress può portare a mettere in atto comportamenti malsani quali fumare, mangiare velocemente,  fare  scelte di cattiva alimentazione, essere inattivi e bere alcol per gestire il proprio stress.

Lo psicologo avverte che il ricorso a tale comportamento può portare a lungo termine a gravi problemi di salute e offre queste strategie per la gestione dello stress da lavoro:

  • Conosci te stesso. Siate consapevoli del vostro livello di stress e di sapere cosa vi stressa. Le persone sperimentano stress in modi diversi. Si può avere un momento difficile nel concentrarsi o nel prendere decisioni, ci si sente arrabbiati, irritabili o fuori controllo, o si ha mal di testa,  tensione muscolare o mancanza di energia.
  • Imparare a riconoscere i segnali di stress. Riconoscere come affrontare lo stress. Vi impegnate in comportamenti malsani quali fumare, bere o mangiare male per affrontare lo stress? Perdete la pazienza con i vostri figli o col coniuge o con i  colleghi quando vi sentite sopraffatti dalle pressioni di lavoro? Spegnere e regolare la tecnologia di comunicazione con cui si può arrivare a livelli di produttività mai immaginato, ma può anche consentire al lavoro di insinuarsi nel tempo della famiglia,  della cena e delle vacanze.
  • Impostare delle regole per se stessi, come ad esempio spegnere il vostro cellulare quando arrivate a casa, o creare certi momenti quando si torna a ricevere chiamate. Assicuratevi di comunicare tali regole agli altri, in modo da poter gestire le loro aspettative. Lasciate che la tecnologia sia uno strumento che funziona per voi, piuttosto che il contrario.
  • Mantenere una lista "cose da fare". Preoccupato di dimenticarti qualcosa di importante? Hai il pensiero costantemente rivolto a  tutte le cose che devi fare? Svuota la testa e metti quei pensieri su carta (o in un elenco di attività elettronico) con la creazione di un elenco di lavoro e dei compiti personali e marca quelli con la più alta priorità. Non solo si riduce il rischio di dimenticare qualcosa, potrai anche essere meglio in grado di concentrarti sul compito a portata di mano.
  • Prendere brevi pause. Rimanete produttivi se  prendete un minuto o due periodicamente durante tutta la giornata per alzarvi, allungarvi, respirare profondamente e scrollarvi di dosso la tensione accumulata. Brevi pause tra le attività possono essere particolarmente efficaci, e vi aiutano a capire che avete terminato un  lavoro prima di passare al successivo. Prendete  10-15 minuti di pausa ogni paio d'ore per ricaricarvi ed evitare la tentazione di lavorare durante la pausa pranzo. La produttività che si guadagna sarà più che la compensazione del tempo impiegato in pausa.
  • Trovate un modo sano di gestire lo stress. Impegnatevi  per sostituire malsane strategie di coping, come mangiare cibo spazzatura, fumare o bere alcolici, con comportamenti salutari, come l'esercizio fisico, la meditazione o parlare con amici e familiari. Tenete presente che i comportamenti non salutari si sviluppano nel tempo e possono essere difficili da cambiare.
  • Prenderla con calma e concentrarsi su come modificare un comportamento alla volta. Alcuni comportamenti sono molto difficili da cambiare e possono richiedere l'aiuto di un professionista abilitato, come uno psicologo.
  • Prenditi cura di te. Mangia giusto, dormi sufficientemente, bevi molta acqua e impegnati in attività fisica regolare. Assicurati di avere una mente sana e un corpo sano  attraverso attività come lo yoga, facendo una breve passeggiata, andando in palestra o facendo sport che miglioreranno la salute fisica e mentale. Fai vacanze regolari. Non importa quanto la vita diventa frenetica, il tempo per te stesso, anche se si tratta di cose semplici come leggere un buon libro, ascoltare il vostro album preferito o gustare un cappuccino la domenica  nel tuo bar preferito.
  • Chiedere il supporto professionale. Accettare l'aiuto di amici e parenti di supporto può migliorare la vostra capacità di gestire lo stress. Il datore di lavoro può anche avere a disposizione risorse per la gestione dello stress attraverso un Programma di Assistenza Dipendenti, comprese le informazioni on line, le consulenze disponibili e il ricorso ai professionisti della salute mentale, se necessario.

Considerazione finale sul lavoro e lo stress

Se si continua a sentirsi sopraffatti da stress da lavoro, si consiglia di parlare con uno psicologo, che può aiutare a gestire meglio lo stress e modificare i comportamenti non salutari.

Il lavoro è una delle cause primarie di stress.

Malattie

Lascia il tuo commento: