Stress correlato al lavoro

Lo stress correlato al lavoro è grave? Dipende lo stress correlato al lavoro in determinati casi può diventare una patologia davvero importante per una grande percentuale di persone e a tale scopo è bene conoscere il più approfonditamente possibile l'argomento.

Lo stress correlato al lavoro porta gravi conseguenze al lavoratore? Quanti tipi e situazioni di stress correlati al lavoro esistono? Trovare la fonte del vostro stress è il primo passo per combatterla, ma è più facile a dirsi che a farsi, ma fortunatamente, gli esperti hanno identificato situazioni specifiche di lavoro che rischiano di rendervi a vulnerabili. Che cosa hanno in comune tante persone stressate dal lavoro?

Stress correlato al lavoro

Stress correlato al lavoro

Possibili situazioni che possono generare stress correlato al lavoro:

Oberati di lavoro che vi programma un'altra persona

Il profilo: siete impegnati dal momento in cui arrivate a lavorare fino al momento in cui ve ne andate, ma avete poca libertà mentre siete lì. Non avete la possibilità di dire qualcosa in merito a come fate il vostro lavoro o sui progetti sui quali lavorate e siete sempre programmati da un’altra persona.

La soluzione: questi tipi di lavori - noti come "impegnativi e con poco controllo - tendono a causare una gran quantità di tensione psicologica. La ricerca suggerisce che, anche se non si può fare un lavoro meno impegnativo, si dovrebbero trovare dei modi per essere più coinvolti nel processo decisionale; questo aiuterà ad alleviare lo stress.

Motivati ma frustrati

Il profilo: lavorate duramente, ma sentite di non ricevere abbastanza credito o un salario adeguato. Con molto sudore (e forse qualche lacrima), avete fatto in modo di essere ben visti dai vostri capi, ma non avete ancora raggiunto una crescita professionale, una promozione o un sufficiente riconoscimento.

La soluzione: questi cosiddetti " squilibri sforzo-ricompensa " sono una ricetta per lo stress, soprattutto tra persone molto motivate e che sono desiderosi di approvazione. Discutete i vostri obiettivi di carriera con il vostro capo. Potreste non ottenere subito ciò che volete, ma ottenere qualche dritta su come migliorare la vostra situazione e le prospettive.

Dispersi

Il profilo: vi sentite completamente soli e non in senso buono. Se avete bisogno di aiuto od orientamento, il vostro capo non ve lo darà e quando avete bisogno di sfogarvi non avete un alleato affidabile a cui rivolgervi.

La soluzione: un buon sistema di supporto, nell’ambito lavorativo, comprende sia il sostegno pratico da vostri capi (le risorse e l'aiuto necessario per fare bene il vostro lavoro) sia il supporto emotivo da parte dei colleghi. Se viene a mancare uno dei due, potrebbe farvi sentire incagliati sull'isola dell’irritazione. Lavorate su come comunicare le vostre esigenze, pratiche ed emotive. Se volete l’aiuto del vostro capo, siate il più possibile specifici e persuasivi e fate divenire una priorità il socializzare con i vostri colleghi.

Zerbini

Il profilo: avete a che fare con clienti esigenti e verbalmente abusivi, ma nonostante tutto vi imponete –anche se non è obbligatorio - di inghiottire il risentimento e mantenere una facciata di professionalità, calma e cortesia.

La soluzione: quando c'è una discrepanza tra il vostro stato interno e lo stato emotivo che vi imponete di mostrare sul lavoro, si verifica ciò che i ricercatori chiamano “vulcano emotivo”. Chiedete al vostro capo consigli o un addestramento supplementare su come gestire i clienti difficili senza sentirsi demoralizzati. Svolgere il vostro lavoro senza subire abusi a livello personale, vi farà avere maggiore stima in voi stessi.

Prigionieri della tecnologia

Il profilo: grazie al Blackberry, telefono cellulare e computer portatile che la vostra azienda vi ha così generosamente fornito, il vostro capo può ora raggiungerti 24 ore su 24. Siete costantemente (anche se virtualmente) collegati con l'ufficio e il vostro lavoro e la vita personale sono indistinguibili.

La soluzione: lo stress tecnologico è un problema importante ed in aumento. Per proteggervi dall’affaticamento fisico e mentale, è fondamentale imparare a staccare letteralmente la spina. Stabilite un tempo, tra le 21. 00 di sera e le 8 del mattino, in cui avvertite che non siete connessi col computer, posta elettronica ed avete il cellulare spento. In questo lasco di tempo dedicatevi a voi stessi, alla vostra famiglia e ai vostri svaghi.

Esauriti

Il profilo: siete incredibilmente esausti, sia fisicamente che emotivamente, fino al punto in cui diventa difficile fare qualsiasi cosa. Vi sentite sull'orlo di un esaurimento.

La soluzione: anche se la parola “esausti” è usata liberamente, la definizione tecnica è: un grave esaurimento derivante da stress da lavoro prolungato. Se vi sentite esauriti, discutete con un supervisore per ottenere una pausa per un po’ di tempo o addirittura un congedo.

Bullismo

Il profilo: il vostro capo vi insulta, vi dà delle scadenze impossibili, vi assegna dei lavori complicati e vi denigra di fronte ai vostri colleghi. Oppure avete visto il vostro capo fare questo con gli altri e siete preoccupati di essere i successivi della sua lista.

La soluzione: purtroppo il bullismo non è limitato al campo giochi ma sembra essere in notevole aumento anche negli uffici. Se ritenete di essere vittime di un capo che fa del bullismo, si può tentare di contenerlo e, se anche i colleghi condividono la vostra frustrazione, si può provare a confrontarsi col capo tirannico come un gruppo. Se questo non funziona, documentate il bullismo e sollevate le vostre preoccupazioni con un superiore o con l’ufficio delle risorse umane.

Vittime dei torti

Il profilo: il lavoro non è leale. Il vostro capo pratica favoritismi, le decisioni direzionali sono mistificate e arbitrarie e i dipendenti sono trattati come bambini.

La soluzione: i luoghi di lavoro che non sono equi, trasparenti e rispettosi mancano di quello che è conosciuto come "giustizia organizzativa" e sono soggetti ad avere dipendenti stressati. In sostanza ogni volta che un individuo sente di essere trattato o che gli altri sono trattati in modo diverso o ingiustamente, si scatena un forte stress, potenzialmente dannoso. Tuttavia, sottoponendo le vostre preoccupazioni ad un superiore di fiducia o al responsabile delle risorse umane, vi può far sentire meno esausti e stressati.

 

Come avete modo di vedere le cause e situazioni che possono generare stress correlato al lavoro sono davvero molte, e qui abiamo elencato le più rappresentative, se vi rispecchiate in qualcuna di esse, l'invito è di comportarvi di conseguenza per porvi rimedio, prima che lo stress correlato al lavoro diventi prepotentemente un compagno indesiderato della vostra vita.

Stress correlato al lavoro / Esempi di situazioni che possono portare a stress correlato al lavoro

Malattie

Lascia il tuo commento: