Stress e cura

La cura migliore per curare lo stress è eliminare tutte le cause che generano stress, anche se questo purtroppo non è sempre possibile.

Quando deve essere curato lo stress? E come curarlo? Anche se è normale sentirsi ansiosi di tanto in tanto, se lo foste senza motivo e se queste preoccupazioni persistono si può parlare di disturbo d'ansia generalizzato. I sintomi di disturbo d'ansia generalizzata possono includere irrequietezza, sensazione di tensione o al limite, irritabilità, impazienza, o scarsa concentrazione.

Stress e cura

Stress cura

Quando è bene pensare ad una cura?

La gente può anche notare cambiamenti nella loro salute fisica come mal di testa, dolore alla mascella, tensione muscolare, difficoltà ad addormentarsi o mantenere il sonno (insonnia), secchezza delle fauci, stanchezza, senso di costrizione toracica, cattiva digestione, gonfiore addominale, sudorazione eccessiva e mal di testa. E' importante essere valutati dal medico per una corretta diagnosi e per escludere altri problemi medici che possono assomigliare ansia.

Raccomandazioni per il trattamento farmacologico di cura per le reazioni di stress acuto

I medici sono comprensibilmente riluttanti a utilizzare farmacoterapia durante il periodo immediatamente successivo ad un’esposizione ad un evento traumatico. Sebbene la maggior parte le persone siano in difficoltà durante la fase acuta post-impatto, la grande maggioranza si riprende nelle settimane successive. Come risultato, i medici sono riluttanti a "patologizzare" normali reazioni allo stress utilizzando farmaci.
Tuttavia, l'uso di farmaci può essere necessario quando la persona è pericolosa, molto agitata o psicotica. In tali circostanze, la persona dovrebbe essere portata al pronto soccorso. Al pronto soccorso, somministrano benzodiazepine (es. lorazepam) o neurolettici ad alta potenza (ad esempio Haldol) con minimi effetti collaterali sedativi, anticolinergici e ortostatica. I neurolettici atipici (es. risperidone), a dosi relativamente basse, possono anche essere utili nel trattamento dell’aggressività impulsiva.
Il trattamento farmacologico può anche essere garantito durante il primo mese, perché alcuni soggetti hanno esperienza di eccitazione estrema e persistente in forma di ansia, panico, ipervigilanza, irritabilità e insonnia. La ricerca empirica ha dimostrato che l’ipereccitazione durante le prime settimane dopo il trauma è un fattore di rischio per lo sviluppo del disturbo da stress post-traumatico. Tecniche comportamentali per ridurre l'eccitazione includono la psicoterapia, rilassamento ed esercizi di respirazione, e l'utilizzo di supporti sociali. Se tali trattamenti comportamentali sono inefficaci, i medici dovrebbero prendere in considerazione una terapia farmacologica.
In generale, la persona che soffre di stress  dovrebbe fare un approfondito esame psichiatrico e medico prima di assumere farmaci. In corso devono essere valutati condizioni mediche, diagnosi psichiatriche, i farmaci attuali, e le allergie farmacologiche. Inoltre, i medici dovrebbero fare domande riguardo l'uso di alcol, stimolanti e droghe, in quanto queste sostanze possono interagire con i farmaci prescritti e possono complicare la risposta psicologica e fisiologica di un individuo al trauma. Per gli individui con problemi medici e/o chirurgici, può essere necessario adottare particolari precauzioni nel prescrivere farmaci psicotropi. E' inoltre estremamente importante considerare possibili interazioni farmacologiche per le persone che stanno assumendo altri farmaci prescritti o da banco.

Le decisioni sui farmaci per la cura dello stress, sono empiricamente supportate?

Purtroppo, sappiamo ancora relativamente poco sul potenziale della terapia farmacologica come un intervento nello stress acuto post-traumatico. Solo un paio di farmaci sono stati testati rigorosamente, per lo più in piccoli studi clinici.

Alcune ricerche empiriche rilevanti possono essere così sintetizzate:

  • Propanololo . I risultati degli studi con propanololo sono promettenti e suggeriscono che il trattamento acuto col propranololo può avere benefici. Sono necessarie ulteriori ricerche con propranololo e altri agenti antiadrenergici quali clonidina, guanfacina e prazosina. I medici non dovrebbero prescrivere propranololo, clonidina e guanfacina per i pazienti con malattie cardiovascolari. Questo perché questi farmaci possono ridurre la pressione sanguigna. Inoltre, la clonidina può indurre ipertensione di rimbalzo se i livelli di sangue del cliente scadono al dosaggio o subiscono una interruzione improvvisa. Inoltre, questi agenti non dovrebbero essere prescritti alle persone con diabete in quanto possono interferire con le risposte ormonali controregolatorie dell’ipoglicemia.
  • Idrocortisone. Come per gli studi del propranololo i risultati sono promettenti. Comprendere le ragioni per la somministrazione di glucocorticoidi, tuttavia, è meno chiara, tutti i meccanismi che sono stati proposti, invece, coinvolgono obiettivi chiave che mediano la risposta umana allo stress.
  • Imipramina. L’iImipramina è un antidepressivo triciclico che blocca la ricaptazione sia della serotonina presinaptica che della noradrenalina. Uno studio prospettico randomizzato e controllato con triciclici ha mostrato che il trattamento con imipramina era significativamente superiore nel ridurre i sintomi del disturbo da stress acuto tra i bambini ospedalizzati e gli adolescenti vittime di ustioni. Purtroppo, questi ricercatori non hanno effettuato un lungo periodo di proseguimento per valutare l'efficacia di questo trattamento eccitazione estrema, insonnia e ansia, ma il loro uso dovrebbe essere limitato nel tempo.

Rimedi naturali per la cura dello stress a base di erbe

Questi sono alcuni dei rimedi naturali che sono in fase di studio per lo stress:

Passiflora - La passiflora erba (Passiflora incarnata) è stata utilizzata come rimedio popolare per l'ansia e l'insonnia. Due studi condotti su un totale di 198 persone hanno esaminato l'efficacia di Passiflora per l’ansia derivata da stress. Uno studio ha dimostrato che la passiflora è paragonabile ai farmaci delle benzodiazepine e con la sua assunzione si è notato anche un miglioramento nelle prestazioni di lavoro con meno sonnolenza rispetto al farmaco mexazolam, che però, non era statisticamente significativa. Gli effetti collaterali della passiflora possono includere nausea, vomito, sonnolenza e battito cardiaco accelerato. La sicurezza di passiflora in donne in gravidanza o in allattamento, con bambini o persone con malattie epatiche o renali non è stata stabilita. La Passiflora non deve essere assunta con sedativi se non sotto controllo medico e può potenziare l'effetto di pentobarbital, un farmaco usato per il sonno e disturbi convulsivi.

Terapie alternative per la cura dello stress

Forme di terapia di massaggio, lo shiatsu, e altre sono ampiamente utilizzate per diminuire la tensione muscolare, alleviare lo stress e migliorare il sonno.

Discipline orientali per mente e corpo e liberarsi dello stress

Gli esercizi di respirazione, l’esercizio fisico, yoga, tai chi, auto-ipnosi, la meditazione e biofeedback sono solo alcune delle tecniche di riduzione dello stress utilizzate per lo stress. Provate differenti tecniche.

Valeriana per la cura dello stress

La valeriana ( Valeriana officinalis ) è conosciuta come rimedio per l'insonnia a base di erbe. Valeriana è utilizzata anche in pazienti con ansia lieve, ma la ricerca supporto del suo utilizzo per l'ansia è limitata. Valeriana è di solito presa un'ora prima di coricarsi. Ci vogliono circa due o tre settimane e non deve essere utilizzata per più di tre mesi alla volta. Gli effetti collaterali della valeriana possono includere lieve mal di testa, palpitazioni e vertigini. Valeriana non deve essere assunta in concomitanza con molti farmaci, soprattutto quelli che deprimono il sistema nervoso centrale, come sedativi e antistaminici, non deve essere presa con l'alcol, prima o dopo un intervento chirurgico, o da persone con malattie epatiche. Non dovrebbe essere usata prima di guidare.

Anche il magnesio è un minerale utile per la cura dello stress

Trasmette gli impulsi nervosi e stimola la funzione nervosa. Il magnesio è un minerale essenziale per le cellule viventi, coopera nel trasporto di sodio e potassio attraverso la membrana cellulare e influenza i livelli di calcio all’interno delle cellule. Il magnesio intracellulare attiva l’esochinasi, enzima che converte il glucosio in glucosio-6-fosfato, primo gradino della glicolisi (processo attraverso il quale gli zuccheri vengono “bruciati” per produrre energia) necessaria per fornire energia a tutte le cellule, in particolare quelle nervose e muscolari che ne consumano una grande quantità. Lo stress tende ad esaurire le riserve di magnesio dell’organismo. Una carenza di magnesio produce nervosismo, ansietà, tic nervosi e insonnia di tipo II, caratterizzata da addormentamento regolare ma da frequenti risvegli notturni, per cui il soggetto si sveglia stanco anche dopo diverse ore di sonno. (L’insonnia di tipo, caratterizzata da difficoltà all’addormentarsi è invece legata ad una carenza di calcio)

Rimedi naturali omeopatici per curare lo stress

Girare Aconitum per :

Stress emotivi: paura, shock; preoccupazione.
Stato emotivo: Ansioso di paura, prima di un esame / colloquio, ecc eccitabili.
Paura: claustrofobico, in una folla, di morte. Panico. Senza riposo. Urla per il dolore. Sensibili al dolore

Arsenicum Album per:

Stress emotivi: paura, senso di colpa, il risentimento, di transizione; incertezza, preoccupazione. Stati emotivi: Ansioso: quando si è soli, con la paura. Incolpa gli altri. Occupato. Si lamenta. Critica. Depresso. Disperazione. Paura. Pignola. Insicuro. Irritabile.Nervoso, molto agitato. Paranoico, si sente solo e minacciato. Ossessionato da ordine e pulizia.

Aurum Met per:

Stress emotivi: il tradimento, la depressione; fallimento; senso di colpa, la solitudine, perdita, vergogna.
Stati emotivi: arrabbiato: con difficoltà ad esprimere la rabbia. Cupo. Manca di fiducia in se stesso. Solitario. Depressione disperata. Si sente inutile.  Responsabile, ambizioso, maniaco del lavoro. Perdita di denaro, rispetto, amore, il potere. Si adatta per rabbia. Senso di fallimento, di inutilità. Senso di colpa. Silenzioso, meditabondo.

Considerazione finale sulla cura dello stress

La cura dello stress deve in ogni caso essere seguita da un medico competente che possa guidarvi passo passo alla liberazione dello stress, questa malattia del secolo (come è stata definita da illustri fonti giornalistiche).

Esiste più di una cura da provare per cercare di curare los stress.

Malattie

Lascia il tuo commento: