Docetaxel: effetti collaterali e controindicazioni

Docetaxel (anidro, scheda tecnica, effetti collaterali, prostata, polmone,paclitaxel, indicazioni, generico, farmaco, mammella, aifa, azione, e cisplatino, carboplatino, e tumore mammella, risultati, tossicità, principio attivo, chemioterapico e chemioterapia, meccanismo di azione).

Il docetaxel anidro è il principio attivo del farmaco taxotere utilizzato nella chemioterapia per curare le forma di malattie terminali come cancro o tumore localizzato. Il docetaxel anidro è un composto contenuto dal farmaco taxotere, un medicinale previsto per il trattamento delle malattie terminali che al giorno d’oggi si propone come una delle più valide soluzioni per curare cancro o tumore.

Docetaxel: effetti collaterali e controindicazioni

Docetaxel

Docetaxel

Il fatto che molti di voi si domandino se il docetaxel sia realmente efficace per tali condizioni deriva probabilmente dalle numerose testimonianze a riguardo di alcuni effetti collaterali riscontrati a seguito del trattamento, ma oltre a ciò non vi è alcun motivo per dubitare del potere del docetaxel per il semplice motivo che agisce nel corpo proponendosi per risolvere un problema davvero grave di salute. Oggi vedremo il docetaxel come sostanza nel dettagli, analizzando la sua scheda tecnica ed i vari risultati che può portare a prostata, polmone, seno o qualsiasi altra zona che può venir attaccata dalle cellule tumorali come ospiti sgraditi del corpo umano.

Il DOCETAXEL anidro: la scheda tecnica del farmaco generico e meccanismo d’azione chemioterapico

Nella chemioterapia il docetaxel anidro rivela un meccanismo d’azione davvero impressionante per quanto riguarda il trattamento delle malattie tumorali, un motivo in più per analizzare questo farmaco generico e la sua scheda tecnica per capire quali siano i reali benefici previsti dagli studi farmaceutici. Il docetaxel viene distribuito sotto forma liquida per la sola somministrazione per vie endovenose (medicinale meglio noto come taxolo) che una volta entrato nell’organismo ricerca le cellule mutate in tumori maligni, agendo per inibire la loro capacità di espandersi rapidamente intaccando i vari tessuti organici. Il meccanismo d’azione chemioterapico è la sua soppressione dei microtubuli, eliminando dunque la possibilità che il cancro possa portare ulteriori danni all’organismo. Il bello del docetaxel è che può venir impiegato per curare una vasta gamma di zone del corpo che solitamente vengono afflitte dal tumore, magari in aree particolarmente delicate o irraggiungibili per operare: un farmaco davvero straordinario, come vedremo tra poco.

DOCETAXEL: approvato dall’ AIFA come principio attivo dai risultati straordinari

Nonostante le varie controindicazioni ed i possibili effetti collaterali il docetaxel principio attivo del taxotere  è stato approvato dall’ AIFA (agenzia italiana del farmaco) come composto indicato per il trattamento e la soppressione dei vari corpi tumorali che si sviluppano all’interno dell’organismo. I risultati che potete ricevere dall’utilizzo del taxotere e dal suo principio attivo docetaxel sono davvero straordinari, in quanto vi potrebbero realmente aiutare migliorare in modo sostanziale la vostra salute nonostante la presenza della malattia, fino alla sua possibile scomparsa definitiva.

Il paclitaxel per curare cancro alla prostata, polmone, tumore alla mammella: Come funziona il DOCETAXEL

Uno dei farmaci a base di docetaxel più utilizzati e conosciuti è il paclitaxeltaxolo, medicinale utilizzato nella chemioterapia moderna per trattare forme di cancro a prostata o polmone, così come il cancro alla mammella ed una ulteriore varietà di malattie terminali ai vari organi ed apparati. Grazie al docetaxel potrete dunque trattare alcune forme di cancro davvero difficili da venir curate con le altre terapie previste per questo scopo come:

  • Carcinoma prostatico
  • Carcinoma mammario
  • Carcinoma gastrointestinale
  • Carcinoma polmonare

Solitamente per alleviare queste condizioni il medico prescrive un trattamento settimanale da svolgere con la somministrazione di 0,5 ml di docetaxel al giorno, e ricordate sempre di rispettare a dovere queste indicazioni in maniera da evitare che la tossicità del farmaco taxotere possa peggiorare la vostra situazione. Tra poco vedremo un altro aspetto importante del docetaxel, e cioè la necessità di impiegare la soluzione assieme ad altre sostanze in maniera da tenere a bada i vari effetti collaterali che possono subentrare in maniera davvero fastidiosa

Un viaggio tra l’azione e la tossicità del DOCETAXEL

Come vi spiegheremo a breve, il docetaxel prevede una serie di effetti collaterali che definiscono la tossicità di questo composto, nonostante la sua azione nei confronti delle cellule tumorali non lasci alcun dubbio a riguardo della sua efficacia per curare tali malattie. Purtroppo per contrastare la tossicità del docetaxel sarà necessario prendere alcuni provvedimenti o seguire determinate indicazioni fornite dal vostro medico per evitare alcuni fattori di rischio collaterale.

Indicazioni e controindicazioni per l’uso corretto del docetaxel

Prima di cominciare il trattamento con il docetaxel avrete bisogno di alcune controindicazioni, sarà importante dunque consultare il proprio medico e valutare il proprio stato di salute in modo da prepararsi nel migliore dei modi al trattamento per curare la propria malattia; informate immediatamente lo specialista se avete particolari allergie o intolleranze, così da scongiurare il pericolo che il principio attivo di docetaxel possa peggiorare ulteriormente la vostra situazione già particolarmente delicata; ecco alcune importanti indicazioni a riguardo dell’impiego del docetaxel come trattamento chemioterapico.

  • Evitate di utilizzare il docetaxel nella chemioterapia se siete affetti da particolari malattie che colpiscono fegato, apparato cardiovascolare, tratto gastrointestinale o altri sistemi, in quanto alcune delle reazioni portate dal principio attivo di docetaxel possono peggiorare i sintomi di queste patologie.
  • Evitate categoricamente il trattamento con il docetaxel durante la gravidanza in maniera da star sicuri per la salute del proprio bambino. Anche il periodo di allattamento dovrebbe mantenervi a distanza dai farmaci a base di docetaxel, in quanto non c’è alcuna prova sulla sicurezza del latte materno e sul suo valore nutritivo per il bambino durante la chemioterapia.
  • Informatevi sui vari sintomi ed i vari effetti collaterali che possono subentrare durante la terapia con il docetaxel, in maniera da riconoscerli ed avvisare immediatamente il medico: non sottovalutate nemmeno la più leggera emicrania se desiderate evitare complicazioni anche gravi per la salute.

Effetti collaterali del DOCETAXEL

Non spaventatevi al termine effetti collaterali! Come gli altri farmaci anche il principio attivo di docetaxel prevede alcuni effetti collaterali che nella maggior parte delle persone non rappresentano alcun problema ma che, se non mantenuti sotto stretto controllo, possono davvero rivelarsi fastidiosi se non addirittura pericolosi per la salute già limitata durante il periodo di chemioterapia. Sono numerose le testimonianze che affermano l’insorgenza di effetti collaterali a seguito della somministrazione del docetaxel come ad esempio: mal di testa, febbre, nausea, vomito, dolori muscolari ed articolari, bruciore di stomaco, diarrea, costipazione, reazioni allergiche, spossatezza e ritenzione idrica. Le varie controindicazioni a riguardo possono aiutarvi a ridurre l’insorgenza di questi aspetti collaterali del docetaxel: molte volte non basta altro che una semplice dieta per ridurre la possibilità di soffrire di nausea, emicrania o stanchezza cronica, ma per altri sintomi più gravi il più delle volte diventa necessario l’utilizzo di appositi farmaci che controllano lo sviluppo di questi effetti collaterali, mantenendoli innocui per la vostra salute, aumentando inoltre il potere guaritore della terapia. Due chiari esempi di farmaci combinati sono il cisplatino ed il carboplatino, che ora ci apprestiamo a dettagliarvi.

Il DOCETAXEL con cisplatino e carboplatino

Per le persone afflitte da forme tumorali non operabili solitamente viene consigliata la combinazione del docetaxel con cisplatino o carboplatino, sostanze utilizzate nelle forme di chemioterapia iniziale per trattare il tumore. Grazie a questi due composti il docetaxel diviene una delle forme di trattamento maggiormente indicati per tale scopo, nonostante i vari effetti collaterali che può portare: per questo motivo oltre a questi farmaci sarà necessaria la somministrazione di altri medicinali steroidi per controllare i sintomi ed evitare che questi si sviluppino in modo troppo grave e rischioso per la salute.

Possibili effetti collaterali e controindicazioni del docetaxel.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo docetaxel: effetti collaterali e controindicazioni

chemio e docetaxel

mia sorella ha iniziato la chemioterapia con cisplatino+taxotere (docetaxel)lei è affetta da un tumore secondario al fegato derivato dal pancreas dopo aver eseguito l'intervento al pancreas cictifellea e duodeno(non ricordo il nome dell'intervento).vi prego vorrei sapere se questa chemioterapia va bene per mia sorella dato che scrivete di non farla se ci sono problemi al fegato,vi prego aiutatemi perchè non sappiamo cosa fare mia sorella è molto forte non vorrei che me la distruggono di piu'

Docetaxel

Gentile Dina in realtà le informazioni scritte sul web sono generiche, ma il parere medico è prioritario e determinante per la cura del paziente pertanto faccia assolutamente riferimento a quanto le stanno consigliando per sua sorella. Auguri per tutto e ci faccia sapere! un salutone

Mio padre ha un tumore al polmone non operabile e farà docetaxel

Mio padre ha un tumore al polmone con metastasi epatiche su tutti due i lobi quindi non operabile ha fatto una prima chemio con sec.schema cisplatino e gemcitabina ma dopo una settimana il valore del potassio si e' abbassato a 2 ,quindi hanno somministrato per via endovenosa del potassio , 18 giorni dopo viene rifatta chemio con nuova farmaco carboplatino+taxol,nei giorni seguenti nuovo peggioramento degli elettroliti, quindi nuova somministrazione di potassio,fra una decina di giorni lo ricovereranno per fare una nuova chemio il docetaxel.vorrei sapere se tutte le chemio ha tra i suoi effetti collaterali quello di far diminuire il potassio che tra l'altro e' molto importante per il cuore e in questo caso che soluzioni ci sono

Lascia il tuo commento: