Tiramina: Tiramina per emicrania e mal di testa

La tiramina è utile contro il mal di testa e l'emicrania? La Tiramina è un amminoacido derivato dalla tirosina reperibile in natura in alcuni alimenti quali le fave, le melanzane, l’avocado, i peperoni, l’ananas, alcuni salumi come la salsiccia, il cioccolato, i formaggi stagionati, lo yogurt, la birra e il vino rosso fermentato.

Uno dei principali benefici della Tiramina è strettamente collegato alla perdita di peso: studi scientifici dimostrano infatti che questa sostanza è in grado di aumentare la secrezione di norepinefrina, meglio nota come adrenalina, che comporta un’eliminazione più efficace del grasso corporeo in eccesso ed una combustione maggiore di calorie extra, oltre che un miglioramento della prontezza mentale ed un aumento generale dell’energia fisiologica.

Tiramina: Tiramina per emicrania e mal di testa

Tiramina

La Tiramina in breve:

Benefici della Tiramina: permette di perdere peso, brucia i grassi, aumenta l’energia corporea.

Per cosa si usa: regola i livelli di insulina presenti nel corpo, brucia i grassi in eccesso, migliora la prontezza mentale e la concentrazione.

Potenziali effetti collaterali: aumento della pressione arteriosa, aumento della frequenza cardiaca, pressione alta, emicrania, cefalea a grappolo.

Proprietà benefiche della tiramina:

La Tiramina inoltre mantiene bassi e costanti i livelli di insulina nel corpo, il principale ormone responsabile di tenere sotto controllo il livello degli zuccheri presenti nel sangue: quando l’insulina nel corpo è elevata, il glucosio qui presente, al posto di venire utilizzato come fonte di energia, tende ad essere convertito in grasso molto più facilmente, che di conseguenza va depositarsi nelle zone più delicate. Elevati livelli di insulina possono perciò impedire al corpo di abbattere i chili di troppo, ed inoltre sono anche in grado di ostacolare una corretta sintesi proteica, aumentando il tasso di atrofia muscolare.

Per tutti questi motivi, la Tiramina viene adottata sempre più spesso sia da atleti e sportivi che vogliono migliorare la propria condizione fisica e mantenersi in forma, sia da coloro che vogliono affrontare degli specifici programmi di dieta per dimagrire.

Degli appositi studi hanno dimostrato che un particolare recettore, chiamato recettore TA1, presente prevalentemente nei tessuti periferici, come i reni, e nel cervello rivela un’attrazione particolare per la Tiramina, prova tangibile che questa sostanza può agire direttamente come neurotrasmettitore.

Un alto dosaggio di Tiramina è in grado inoltre di diminuire i rischi legati alla vasocostrizione.

Non vi sono moltissimi studi e prove a proposito di questa sostanza e quelli che esistono sono poco particolareggiati, per cui sono sicuramente necessari ulteriori test per determinare maggiori benefici e risultati.

Dosaggio della tiramina:

Ora come ora non esiste alcun dosaggio giornaliero raccomandato per quanto riguarda la Tiramina, in quanto esso varia di persona in persona, in base a come ognuno risponde di fronte alla sostanza. Il dosaggio medio consigliato è comunque di 200 mg al giorno.

Una cosa da tenere bene a mente è che l’efficacia della Tiramina si riduce notevolmente quando viene assunta con il cibo: a stomaco vuoto infatti tale sostanza è in grado di raggiungere le cellule con maggiore facilità, quindi, se si vogliono raggiungere gli stessi risultati mangiando, si deve necessariamente aumentare il dosaggio. Un consiglio potrebbe perciò essere quello di assumere la Tiramina circa mezzora prima di andare a dormire, in modo di poter beneficiare appieno dei vantaggi che comporta.

Per evitare effetti collaterali indesiderati, è consigliato iniziare con un dosaggio basso di Tiramina, per poi eventualmente aumentarlo in modo graduale. Il vostro medico di fiducia potrà sicuramente garantire una più corretta assunzione di tale sostanza, in base alle caratteristiche specifiche di ognuno.

Possibili effetti effetti collaterali e controindicazioni della tiramina:

Studi e sperimentazioni possono confermare che gli effetti collaterali della Tiramina sono piuttosto rari, e quelli che si manifestano lo fanno solamente per un breve periodo di tempo.

Un sovradosaggio di Tiramina sembrerebbe causare un aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa, oltre che emicranie e cefalee a grappolo. Le persone che soffrono già di per sé di mal di testa o di ipertensioni dovrebbero perciò evitare tale sostanza e anche gli alimenti che la contengono, poiché anche piccoli apporti di Tiramina potrebbero comportare reazioni abbastanza gravi.

Anche coloro che assumono particolari farmaci per curare la depressione dovrebbero stare lontani dalla Tiramina, perché un simile abbinamento, oltre che vanificare gli effetti della sostanza, potrebbe provocare effetti negativi quali un aumento malsano della pressione del sangue.

E’ comunque sempre molto consigliato parlare con il proprio medico di fiducia prima di assumere la Tiramina, soprattutto se non si è sicuri sul prodotto in questione

Controindicazioni effetti collaterali e proprietà benefiche della tiramina.

Integratori alimentari

Lascia il tuo commento: