Tisana di farfara

Tisana di farfara contro infiammazioni della cavità orale In caso di bruciori alla lingua, infiammazioni delia mucosa orale oppure solletico in gola sono d'aiuto dei gargarismi con la tisana di farfara. Lasciare raffreddare la tisana e fare degli sciacqui con essa più volte al giorno e la tisana di farfara contro la gastrite e le infezioni intestinali.

Tisana di farfara

Farfara

Le mucillagini presenti nella tisana di farfara, oltre a proteggere i polmoni, formano una membrana di protezione sulla superficie interna dello stomaco e dell'intestino, agendo allo stesso tempo anche da disinfiammante.

In caso di gastrite o infiammazioni intestinali bere 2-3 tazze di tisana di farfara.

Tisana di farfara per curare le ferite:

La tisana di farfara svolge la sua azione protettiva anche su lacerazioni ed eruzioni cutanee.

I tannini, grazie alia loro proprietà astringente, favoriscono la cicatrizzazione delle ferite.

La medicina popolare utilizza da sempre impacchi di tisana di fanfara.

Farfara è utile per diversi trattamenti come :

  • tosse
  • problemi respiratori
  • diarrea
  • congestione
  • piaghe
  • ferite
  • eruzioni cutanee
  • dolori articolari.

Curiosità su Tussilago farfara L.:

  • Durante la seconda guerra mondiale, i soldati in Europa fumavano la farfara come un sostituto per il tabacco
  • Nel corso dei secoli le foglie secche sono state bruciate per via inalatoria per preparare trattamenti mirati alla cura di infezioni polmonari. 

Tussilago Farfara L. pianta

La Tussilago Farfara L. è una pianta della famiglia delle Asteraceae ed è una pianta comune in tutta la Gran Bretagna ed in America e può raggiungere altezze fino a 1065 metri.

L'habitat della farfara è tipico delle zone delle praterie, ciottoli e dune di sabbia, banchine stradali, scogliere, e rive dei fiumi. E' una pianta comune dei bordi stradali e fiorisce molto presto in primavera.

La farfara è notoriamente usata per preparare prodotti medicinali ed erboristici utili come sedativo della tosse, difatti il nome stesso della specie "Tussilago" significa proprio tosse.

Le foglie crude della farfara possono essere usate per la preparazione di insalate, mentre invece le foglie cotte possono essere usate per preparare un buon tè.

Tisana di farfara

Erbe officinali piante medicinali

Lascia il tuo commento: