Tracheotomia

La tracheotomia a cosa serve?

Tracheotomia è un intervento chirurgico molto frequente che viene fatto allo scopo di assicurare una comunicazione efficiente e diretta tra la trachea e l'albero respiratorio inferiore (che coinvolge i bronchi ed polmoni), con l'ambiente esterno, escludendo la parte più alta delle vie aeree ovvero la bocca, il naso, la faringe e la laringe. La tracheotomia si pratica principalmente nei casi di difficoltà respiratoria, oppure di dispnea con asfissia e quindi con conseguente pericolo di vita più o meno immediato dovuto a possibili ostacoli al passaggio dell'aria nelle vie aeree superiori che possono essere dovuti a vari fattori tra cui i più comuni le infiammazioni come laringiti acute edematose, edema della glottide, tumori più o meno gravi come ad esempio i papillomi, polipi, tumori maligni della laringe, della trachea, della faringe o della base della lingua o in presenza di corpi estranei laringei o tracheali che bloccano la respirazione.

Tracheotomia

Tracheotomia

Oltre a questi sopracitati, la tracheotomia si pratica anche in pazienti affetti da paralisi respiratoria dovuta a traumi cranici, stati comatosi di varia origine, tetano, paralisi dei muscoli respiratori, la tracheotomia consiste in pratica nell'inserire successivamente all'interno dell'apertura creata chiamata tracheostoma, un tubo collegato ad un apparecchio per la respirazione artificiale in modo da consentire cosi una connessione più diretta e una più facile aspirazione delle secrezioni bronchiali.

L'anestesia durante l'intervento di tracheotomia può essere di due tipi:

Anestesia totale nel caso sia possibile superare l'ostacolo a livello delle vie aeree superiori e intubare il paziente.

Mentre l'anestesia può essere locale, tramite infiltrazione anestetica dei tessuti superficiali del collo in casi non urgenti o non essere fatta se il soggetto si trova incoscente, privo di riflessi e di colore cianotico ed il tempo di reazione per prestare soccorso risulta minimo.

Successivamente all'intervento è molto importante prestare assistenza continua al soggetto sotto vari aspetti, ed il più importante consiste nel monitorare l'eventuale insorgere di complicazioni, infiammazioni broncopolmonari ed infezioni e solitamente la ferità guarirà da sola.

Tracheotomia...

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo tracheotomia

Quando rimuovono il tubicino dopo la tracheotomia ?

una volta pratica la tracheotomia quando viene rimosso il tubicino ?

Lascia il tuo commento: