Traumi del torace

La traumatologia del torace è molto variegata, ad iniziare dai traumi chiusi ovvero le classiche contusioni e schiacciamenti del torace possono essere complicare da fratture delle coste e dello sterno ed inoltre da lesioni dei visceri toracici. A tali traumi si possono accompagnare uno stato shock che viene aggravato dall'impedimento meccanico delle funzioni cardio-circolatorie e respiratorie.

Traumi del torace

Traumi del torace

Le fratture e lussazioni dello sterno

Tali lesioni si verificano con maggior frequenza per l'aumento dell'infortunistica stradale. In genere si tratta di fratture complete trasversali, ma vi possono essere anche fratture verticali. Si associano spesso lussazioni a livello dell'articolazione fra corpo e manubrio sternale o tra corpo ed apofisi ensiforme.

Sintomi: dolore specie alla respirazione, deformità della gabbia toracica, mobilità preternaturale.

Fratture e lussazioni costali

le fratture costali si possono verificare per forze applicate sulla gabbia toracica che se tendono ad aumentare la curtatura costale producono frattura del tavolo costale esterno, se tendono a raddrizzare la curvatura costale frattura il tavolato interno.

Sintomatologia e decorso: dolore spontaneo, segni comuni a tutte le fratture, non sempre costanti, rappresentati dalla mobilità preternaturale, dall'ecchimosi, dal rumore di scroscio, respiro superficiale o dispnea, emotorace qualora si verifichi rottura di vasi con emorragia nel cavo pleurico, respiro paradosso quando si forma un lembo toracico in caso di numerose fratture costali.

Lesioni viscerali chiuse del torace

1) contusioni e rotture polmonari, per emorragia di considerevole entità intraparenchimale possiamo avere ematoma intrapolmonare. La rottura del polmone può prodursi o per azione di monconi costali taglienti o per brusco aumento della pressione endopolmonare e glottide chiusa.

Sintomi: variamente associati fra di loro potremo ritrovare

  • pneumotorace (semplice oppure a valvola o ipertensivo)
  • emotorace
  • enfisema mediastinico e sottocutaneo
  • emorragia nelle vie respiratorie

2) rotture bronchiali e tracheali

3) rotture del cuore e dei grossi vasi

4) rottura del diaframma

Principi di terapia: respirazione artificiale, tracheotomia (permette di ventilare, aspirare, riduce lo spazio morto e gli spazi respiratori), per il pneumotorace a valvola è necessaria l'aspirazione del cavo pleurico, per l'emotorace si ricorrerà alla toracentesi. Se l'emotorace si riforma perché alimentato da un caso di discreto calibro, sarà indispensabile ricorrere alla toracotomia, per provvedere alla legatura del vaso stesso.

Ferite del torace

Le ferite del torace possono essere pleuropolmonari, cardiomediastiniche, torace-diaframmatiche, mediastiniche. Le ferite pleuropolmonari: si dividono in aperte e chiuse a seconda che pervenga o meno comunicazione con l'esterno. Nelle ferite pleuropolmonari aperte ci troveremo di fronte ad un pneumotorace aperto (ferita aspirante), per cui ad ogni atto respiratorio l'aria penetra attraverso la ferita ed occupando il cavo pleurico determina colasso del polmone, spostamento del mediastino verso il lato indenne. In questo tipo di ferita le complicazioni infettive sono rappresentate in prima battuta dall'empiema pleurico e dall'ascesso polmonare.

Malattie

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo traumi del torace

Ho delle fitte al petto

da circa un mese ho delle fitte al petto e fatico a respirare, qualche volta mi manca proprio la boccata d'aria...quattro anni fa a causa di incidente in auto ho avuto una frattura chiusa dello sterno, potrebbe essere la causa dei miei attuali disturbi ?

Lascia il tuo commento: