Tricotillomania: come smettere quali sono le cause e rimedi

La tricotillomania è una delle condizioni più fastidiose che può interessare tanto i bambini quanto gli adulti, portandoli seriamente in un baratro caratterizzato da disturbi psicologici, disperazione ed autolesioni.

Esistono rimedi per la tricotillomania? Quali sono le cause della tricotillomania? Sapere come la tricotillomania si sviluppa è quindi una di quegli obiettivi a cui dovete dare precedenza assoluta, così da trovare la soluzione ideale per escludere questa grave situazione dalla vostra vita e da quella di chi vi sta attorno. Combattere la tricotillomania non è una guerra persa in partenza, se sapete come farlo nel modo più efficace: avrete però bisogno di tutta la forza di volontà e di ogni briciolo di determinazione che fa parte della vostra persona.

Tricotillomania: come smettere quali sono le cause e rimedi

Tricotillomania come smettere

Che cos'è la tricotillomania

La tricotillomania è solitamente una condizione presente nei bambini, ma non è affatto raro che interessi anche gli uomini e le donne.

Descritto per la prima nel 1889, tricotillomania è un disturbo psichiatrico, il cui risultato è la perdita di capelli o alopecia causata dal ripetuto atto di tirarsi i capelli e altri peli corporali: le persone affette da tricotillomania, infatti, sono molto spesso riconoscibili dalle chiazze prive di capelli sulla testa o sulle sopracciglia.

Purtroppo, la tricotillomania è un argomento affrontato con un grandissimo imbarazzo, che fà si che diventi un vero e proprio tabù.

Un fattore che rende quasi impossibile trattare molti casi di tricotillomania è il fatto che le persone tendono a negare il problema, rifugiandosi in sè stessi e allontanando qualsiasi tentativo di aiuto.

Ecco perché questa grave condizione è strettamente collegata all'alienazione dal resto della società, anche dalle persone più strette al soggetto.

Come avviene l'atto della tricotillomania

Il soggetto affetto da tricotillomania solitamente svolge l'atto di tirarsi e strapparsi i capelli quando si sente sotto stress, così come quando si trova in stato rilassato.

Per alcune persone esistono dei fattori scatenanti del loro problema, certe situazioni che li mettono nella situazione di cadere nel tanto odiato gesto: guardare la tv, parlare al telefono o leggere sono i momenti che maggiormente scatenano la tricotillomania nei soggetti in questione.

L'individuo affetto da tricotillomania può cadere nella tentazione di strapparsi i capelli o i peli del corpo in due maniere, e cioè spontaneamente oppure senza accorgersene, come atto incoscente: una caratteristica che accomuna gran parte delle persone affette da questo disagio è l'abitudine ad esaminare il proprio capello, una volta rimosso, osservando bene il bulbo e, talvolta, strofinandoselo sulle labbra e ingoiandolo.

Il tempo speso nell'atto generico della tricotillomania

Il tempo che solitamente una persona spende a tirarsi i capelli può variare a seconda del soggetto, ma solitamente è più che consistente, considerando le ore di una giornata. Il paziente tricotillomane, di solito, usa fino a 3 ore al giorno per strapparsi i capelli e la voglia di farlo può essere così forte da mettere in secondo piano qualsiasi altra azione quotidiana, sia lavorativa che famigliare: ciò non porterà ad altro che all'isolamento dagli altri, facendolo sprofondare sempre più nel baratro di questa difficile situazione.

La ritualità della tricotillomania

L'atto di tirarsi i capelli può assumere, in molti casi, un carattere completamente rituale: pensate che alcuni scelgono una serie di attrezzi come pinzette o morsette, per rendere ancor più efficace e piacevole l'azione di strapparsi i peli, raccogliendoli in un luogo prestabilito e selezionandoli in base al proprio colore o forma preferita.

La tricotillomania è una vera e propria ossessione, per questo motivo dovete conoscerne le cause ed i rimedi per liberarsi da questa tremenda situazione.

Le diagnosi psichiatriche in persone affette da tricotillomania

L'ansia e la depressioni sono condizioni più che comuni nei soggetti affetti da tricotillomania, che solitamente si manifestano in tic, disturbi della personalità e altri atteggiamenti dal carattere psicotico.

Dovete cercare fin da subito di eliminare questo disturbo dalla vostra vita in quanto, con il tempo, può assumere una natura ben più grave e pericolosa.

La tricotillomania nei bambini

Nonostante la tricotillomania sia un problema che interessa principalmente i pre-adolescenti, sono stati registrati casi di bambini di 1 anno di età così come in persone che hanno superato la cinquantina.

Ad ogni modo, è necessario prendere di petto fin da subito la tricotillomania nei bambini ed ora vi spiegheremo il perché: durante l'età cruciale per lo sviluppo mentale e fisico, i bambini ed i ragazzi cominciano a delineare la propria personalità e la stima che hanno per sè stessi ed il proprio corpo.

L'alienazione che porta il disagio della tricotillomania può essere tale da impedire i giusti rapporti con gli altri, impedendo la loro corretta interazione con i propri coetanei.

Cause e sintomi della tricotillomania

Fino ad ora non è stata confermata alcuna teoria sull'origine della tricotillomania, ma ci sono molte ipotesi psicoanalitiche, comportamentali e biologici da cui deriva questa malattia.

Alcune di queste sono, ad esempio:

  • Un trauma infantile può essere all'origine della tricotillomania.
  • Eventi stressanti o particolarmente rilevanti a livello emotivo.
  • Alcuni tipi di squilibri neurochimici.

Sono moltissimi i casi di persone afflitte da questa pericolosa condizione a causa di qualche tipo di trauma passato, che può andare dalla violenza sessuale a eventi scioccanti, per questo motivo è importantissimo constatare la causa principale del problema, in modo da scegliere quale strategia seguire per farvi fronte.

Solitamente è proprio un evento difficile da superare, come lo spostamento di un amico, la perdita di una persona cara o un conflitto familiare precede l'insorgenza di strapparsi i capelli ed i peli del corpo, come modo per alleviare il dolore causato da un evento stressante.

Purtroppo però, questo comportamento inizia in maniera lieve, ma si evolve fino a diventare un'abitudine.

Il soggetto affetto dalla tricotillomania di solito non si accorge subito della situazione, mentre un bambino può seguire questa pratica come richiesta di attenzione o a seguito di un disturbo legato, magari, ad una delicata questione famigliare.

Le teorie biologiche per di questa malattie includono anche uno squilibrio neurochimico, come ad esempio uno sbalzo dei livelli della serotonina.

Se questo è il vostro caso, potete assicurarvi dei farmaci mirati a ripristinare i livelli di questo elemento, così da ridurre i sintomi di questo disturbo.

Così come la seratonina, anche i livelli di dopamina alterati possono svolgere un ruolo da protagonista nella tricotillomania.

Non è chiaro invece se i fattori genetici sono coinvolti nello sviluppo di tricotillomania, sebbene recenti studi hanno evidenziato una maggiore quantità di soggetti legati tra loro da parentela, nei casi di questo maledetto disturbo.

Il sintomo comune della tricotillomania

Come già avrete capito, il sintomo più comune della malattia in questione, la tricotillomania, è proprio la perdita dei capelli.

Il livello di alopecia tra i pazienti che soffrono di questo disturbo può variare in maniera abissale, può andare cioè da alcune chiazze sulla testa alla totale perdita dei capelli.

Mentre ad alcuni pazienti non interessa assolutamente il modo e la forma con cui si strappano i capelli, molti di loro cercano di tirarseli seguendo un ordine ben preciso, così da dare una forma equilibrata alla loro testa e diminuire i segni della calvizia.

Sebbene non siano presenti segni come cicatrici o escoriazioni, è possibile notare se una persona soffre di tricotillomania grazie alle macchie che si formano nel cuoio capelluto, che diventano prive di capelli.

Solitamente la parte più colpita dall'azione di lacerazione dei capelli è la zona superiore della testa, assieme alle sopracciglia, ma ciò non toglie che un individuo può anche preferire rimuovere peli da altre zone del corpo.

I rimedi per la tricotillomania

Solitamente una persona affetta da questo disturbo non prende iniziative per far fronte al problema prima di tre anni, durante i quali ha continuato a lacerarsi i capelli, fino a diventare quasi del tutto calvo.

Tra i rimedi per la tricotillomania troviamo: terapie psichiatriche, terapie comportamentali (soprattutto per i bambini), uso di farmaci e medicinali e farmaci specifici.

La terapia cognitiva-comportamentale è uno di quei rimedi che ha riscosso un maggior successo nel campo della tricotillomania, questo perché il paziente è sottoposto ad un trattamento che lo aiuta ad acquisire una maggiore consapevolezza delle sue azioni ad impara a comportarsi in maniera alternativa, quando sente il bisogno di strapparsi i capelli: l'esperienza della terapia di gruppo aiuta moltissimo anche a riscoprire l'interazione con le altre persone, rendendosi finalmente conto di non essere gli unici ad avere questo disturbo.

Ci sono alcuni farmaci la cui azione è mirata a riequilibrare i valori neurochimici del soggetto afflitto dalla malattia, ma dal momento che le sperimentazioni dei farmaci nei bambini e negli adolescenti sono stati limitati, la terapia psicologica è ancora la prima scelta ed il primo consiglio da parte degli specialisti.

Per rendere ancora più efficaci gli effetti del trattamento, è possibile combinare una serie di rimedi per la tricotillomania, al fine di porre rimedio una volta per tutte ad una delle condizioni peggiori che può interessare la vita di una persona.

Non ci sono farmaci specifici per il trattamento della tricotillomania, ma potete trovare nel mercato (sotto consiglio medico) alcuni medicinali indicati per altri tipi di disturbi psichiatrici, ma dall'effetto alquanto simile. Il farmaco che è stato il maggior successo nel trattamento della tricotillomania è la clomipramina (Anafranil), un antidepressivo triciclico.

Una volta che il paziente riesce ad uscire dal tunnel della tricotillomania, si dovrà pensare a quali rimedi scegliere per far ricrescere la quantità di capelli strappata fin'ora.

L'applicazione topica di colladion può aiutare ad incrementare la ricrescita dei capelli, ma non avrà successo a lungo termine a meno che non manteniate l'autocontrollo per quanto riguarda il vostro vizio di tirarvi i capelli.

Una valida alternativa può sicuramente essere il trapianto di capelli, nonostante sia nettamente più costosa.

Dovete sapere però che è uno dei rimedi più utilizzati, per ritrovarsi nuovamente a possedere una folta e sfavillante chioma; il nostro consiglio è quello di mantenere la vostra determinazione salda e forte, così da escludere il grave problema della tricotillomania dalla vostra vita e tornare finalmente a vivere in maniera serena, senza mettervi le mani nei capelli!

Informazioni importanti dedicate alla tricotillomania (cause cure e rimedi)

Capelli: bellezza capelli

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo tricotillomania: come smettere quali sono le cause e rimedi

Finalmente un buon articolo, soprattutto completo, sulla tricottilomania!
Vi ringrazio molto! Chiara

Ho letto il vostro articolo e finalmente ho trovato qualcosa di utile... sono anni che soffro di tricotillomania. Non ho chiazze di calvizia ma si vede bene che sono sfoltiti e sono pochi. Lo faccio spesso senza rendermene conto... volevo sapere dove trovare il colladion e se all'ASL del mio paese si può trovare uno specialista che mi aiuti o se ho bisogno di uno specialista privato... grazie a tutti.

ho letto con interesse il vostro articolo vorrei sapere dove posso trovare e cos'è il colladion e se può essere usato da mia figlia che ha 11 anni e da un anno soffre di tricotillomania vi ringrazio

anch io ne soffro da quando ho 12 anni,dopo che ho perso mia mamma e mio papa',ora che ho 28 mi fa piacere nn essere la sola cn questo problema e so di cosa soffro vorrei tanto uscirne,io nn mi strappo pero' i capelli,ma le ciglia e le sopracciglia,lo faccio la maggior parte delle volte inconsciamente..

Soffro di tricotillomania da più di dieci anni

Ciao ragazzi, io soffro di tricotillomania da quando avevo 11 anni...ora ne ho 25 e ancora oggi non riesco a smettere.ho provato di tutto ma purtroppo continuo....non so più cosa fare!!!!!!!

Soffro da anni di tricotillomania

Soffro di tricotillomania da parecchi anni mi vergono non so più come pettinarmi per nascondere i punti ormai calvi, ho vergogna a parlarne con un medico ma ho bisogno di aiuto

Soffro di tricotillomania da 10 anni

Buonasera a tutti, soffro di tricotillomania da quando avevo 13 anni..e ora ne ho quasi 23...ho provato a smettere tantissime volte, cercando di frenare questo tic nervoso. Pur essendo consapevole del problema e della causa scatenante (il divorzio dei miei genitori), ancora oggi non riesco a venirne a capo: le mani inevitabilmente vanno sempre in testa (e non solo). La mattina davvero non so come sistemare i capelli per nascondere le innumerevoli chiazze...ho bisogno di aiuto

Soffro di tricotillomania, guarirò?

salve a tutti,io anche ne soffro... ho iniziato da quando facevo la seconda media per diverse situazioni a partire dal non andare per niente d'accordo con mia madre e poi andando avanti fino alla perdita del mio ragazzo e me la sono presa moltissimo... poi per un periodo di mesi avevo smesso per forza di volontà perchè invidiavo a tutti nel vedere i capelli belli ed io mi deprimevo nel vedermeli uno schifo già da quando mi alzavo la mattina non riuscendo a nascondere le chiazze che mi ero tirata... ora sto cominincando a riprendere è un'ossessione non ce la faccio più... il mio sogno è sempre sato quello di allungarli ma mi sa che è un sogno infranto perchè non ci riuscirò mai continuando cosi... :(

Soffro di tricotillomania da 4 anni con periodi più o meno intensi

salve, complimenti per l' articolo, molto esaustivo. sono circa 4 anni che ne soffro. ho periodi più intensi e meno (meno nel periodo estivo che solitamente sono più sereno). mi capita di sentire dei " fastidi" sui capelli nella zona delle orecchie, sento dei singoli capelli elettrizzati , oppure mi sembra che siano più lunghi o ammassati degli altri in quella parte di cute e inizio a tirarli, spesso con le dita e raramente con le pinzette, ma lo faccio consapevolmente perchè la cosa purtroppo mi da sollievo, anche se poi me ne pento. quando tiro il singolo capello a volte lo esamino. a causa di questo problema tendo sempre a tagliarmi i capelli (quasi tutte le settimane) perchè ho l' impressione che il disturbo si calmi con i capelli corti (anche se li lascio di una lunghezza al max poco più di 1cm) e spesso sono evidenti i buchi che mi sono causato e nascondo la cosa usando la matita del trucco di mai madre e spruzzando poi della lacca per fissare. sul piano psicologico credo che la cosa deriva dallo stress e del perenne nervosismo che ho in questi anni.

Tricotillomania: possiamo aiutarvi

Sono Francesca psicoterapeuta cognitivo comportamentale seguo da tempo ragazzi con questo disturbo. Si può alleviare. cercate colleghi nelle vostre zone di questo orientamento. Buon percorso.

Soffro di tricotillomania da 20 anni e non so come uscirne

ciao meno male che ho scoperto di non essere l'unica perchè io purtroppo ho cominciato a 6 anni e tutt'ora che ne ho 26 non so come uscirne... io ho cominciato con le ciglia, poi con le sopracciglia e poi con i capelli... i capelli sono il problema maggiore..

Tricotillomania: mi tolgo sopracciglia e ciglia da 7 anni

lauretta anke io mi strappo sopracciglia e ciglia...sono circa 7 anni k ne soffro e voglio smettere...non mi sopporto ma non riesco a nn torturarmi...solo k nn vorrei prendere farmaci cosi pesanti come antidepressivi..non ci sono alternative..?

Soffro di tricotillomania e non so come fermarmi

soffro del disturbo da quando avevo 7 anni. ne ho 41 e sono ancora qui col mio disturbo. è iniziato quando uno zio ha fatto "giochetti" con me e io non ne ho mai parlato a nessuno. ormai i miei capelli crescono in modo sporadico. ho fatto psicoterapia da piccola, e la verità, è che ho smesso solo per evitare di andarci. poi ho ricominciato. sono sposata, ho un figlio, e il terrore che anche lui possa cominciare.... la forza è dentro di noi. è un vizio irrefrenabile. anche io faccio periodi lunghissimi senza toccarmi e poi succede qualcosa.... e allora....via! riparto. mi odio! mi sento uno schifo! ma non riesco a fermarmi.

Grazie per i consigli su come smettere a soffrire di tricotillomania

Grazie mille, soffro di questa "malattia" da quando ne avevo 5. Questo articolo mi ha aiutato a capire come fare per smettere. Le mie amiche mi dicono che ho dei capelli stupendi e sono davvero belli, perché non si vede che sono strappati, anche perché sono molto lunghi.

Quando si soffre di tricotillomania bisogna parlarne

carissimi anche io soffro di questo disturbo da circa 30 anni ora ne ho 38, la tricotillomania e' il disturbo piu' brutto , credevo di essere la sola perche' sinceramente non ho mai conosciuto persone che conosco che hanno questo orribile disturbo , siamo schiavi e anche vero che parlare aiuta e sono contenta di aver trovato voi per parlare e cercare di combattere tutto questo a presto un augurio a tutti noiiii

Soffro di tricotillomania ma non riesco a parlarne o smettere

anche io ne soffro da circa 10 anni....l'unica zona che stresso è un ciuffo di ciglia dell'occhio destro,ma è davvero una cosa che mi manda in tilt! se mi accorgo che lo sto facendo e cerco di smettere mi innervosisco(e quasi inconsapevolmente ricomincio)...se la ciglia viene via mi sento frustrata perché non ho saputo controllarmi...anche a me capitano periodi più pacati durante i quali speravo di non ricaderci,ma poi...Comunque nel complesso mi riconosco nel comportamento descritto nell'articolo...è un vero è proprio demone difficile da controllare! non ne ho mai parlato perché non voglio essere fonte di problemi. A volte penso che vorrei togliermi questo peso e cercare un aiuto,ma davvero non riesco a parlarne...

Soffro di tricotillomania da moltissimi anni e mi tiro i peli del pizzetto

anch'io soffro di questo disturbo da quando avevo 9 anni (ora ne ho 42): ora mi tiro i peli del pizzetto quando sono nervoso o guardo tv o leggo(anche per ore ed ore-ci si sente risollevati ma poi mi faccio schifo per lo sfregio ):è tremendo perchè poi si vede e allora lo taglio per poi farlo ricrescere...stasera ho scoperto che potrebbe addirittura derivare da una violenza nell'infanzia!Il cerchio si è chiuso perchè proprio dai nove anni in su sono stato vittima di abusi sessuali da parte di un parente...

Grazie per aver parlato del problema della tricotillomania

vi ringrazio molto di aver parlato in modo cosi esplicito e chiaro di questo enorme problema che mi porto dietro da quando avevo 13 anni - ne ho 45 - il mio punto e' sulla parte frontale della testa - dove dovrebbe esserci la zazzera- , quindi si nota purtroppo bene , me lo dicono tutti e io mi inibisco ancora di piu' ... dico che soffro di alopecia perche' ne ho vergogna ...e' una cosa atroce perche' le mani mi vanno li anche quando non me ne accorgo , ultimamente anche quando lavoro e sono al pubblico ... mi riconosco nella maggior parte dei commenti dei lettori e questo mi aiuta molto ...ma non mi va di dirlo al mio medico ...

Tricotillomania è diventata per me quasi un'azione naturale

Anche io ne soffro.... mi tiro i capelli fino a staccarmeli e il brutto è che ormai lo faccio talmente da tanto tempo(ho 46 anni ),che ormai è diventato quasi un azione naturale da fare davanti a tutti,in qualsiasi luogo e a qualsiasi ora:quando parlo con la gente,quando mangio,guardando la tv o nel letto da solo--è proprio pazzesco e non si riesce a smettere...

Tricotillomania: non vergognatevi e parlatene con il medico

e invece dovreste parlarne al vostro medico. io ho visto su internet degli studi fatti nel 2009 negli stati uniti. ad alcuni pazienti affetti da tricotillomania è stato somministrato un amminoaico, l'acitocisteina. questa ricerca ha dato buoni risultati ma poi non ce ne sono state altre. io ho parlato con il mio medico di base che si è informato ed è andato a ricercare questo studio. a questi pazienti è stato somministrato il fluimucil, medicinale per la tosse che contiene acitocisteina. il mio medico oggi mi ha chiamato e mi ha indicato i dosaggi e domani provo a iniziare a prenderlo. occorre prendere il fluimucil 600 o il farmaco generico. si deve iniziare a predenre 2 bustine al giorno per 6 settimane e poi si passa a 4 bustine per altre sei settimane. ma non fatelo da soli parlatene con il medico, perchè il mio mi ha detto che 2 bustine per 6 settimana non fanno nulla, ma 4 sono un pò tantine e quindi siamo d'accordo che inizio a prenderne due per 6 settimane e poi ci vediamo per vedere come va. Non vergognatevi e parlatene.

Mi sento già meglio sapere che non sono l'unica a soffrire di tricotillomania

Anche io ne soffro da molti anni ne avevo 10 quando iniziato e ora ne ho 26' anch'io resisto per lunghi periodi a non toccarmi capelli ma un certo punto boom... ci siamo punto e daccapo. non so come fare mi faccio schifo

Solo ora so il nome del problema: tricotillomania

sono anni che mi strappo i capelli e solo da poco ho scoperto come si chiama e cosa sia il mio problema è la prima volta che ne parlo e questa cosa mi sta dando tanta forza grazie a tutti !!!

La mia storia con la tricotillomania

Vi capisco cari, anche io soffro di questo disturbo e riconosco in me tutti i sintomi. Ho 34 anni ed è da quando ne avevo 14 che vado avanti in modo più o meno aggressivo, avevo i capelli lunghi e li ho tagliati perché mi sembrava che mi aiutasse, ma non è cambiato nulla. Sono in cura da 10 anni con antidepressivi, all'esterno sembro quasi normale ma i punti della testa in cui ho i buchi sono il mio pensiero dominante in ogni momento, arrivo a evitare di avere persone dietro di me perché non notino il diradamento, ma spesso non riesco a contenermi nemmeno in pubblico, è un piacere malvagio, in cui sollievo e senso di colpa si accompagnano e risultano indistricabili. Anni fa ho fatto una psicoterapia (per altre ragioni), ma non sono riuscita a parlare di questo problema nemmeno con la psicologa, mi vergognavo troppo e quindi temo che non sia servito a nulla. Ora non ho la disponibilità finanziaria per curarmi, ma non ce la faccio più, mi sembra un problema gigantesco che tra l'altro mi toglie la forza e la concentrazione per affrontare le normali difficoltà della vita. Spero che voi riusciate a smettere, io ci ho quasi rinunciato, quando sarà troppo grave mi raserò e mi metterò una parrucca, non vedo altre soluzioni. Eppure avevo dei capelli bellissimi, e forse proprio questa consapevolezza ha fatto sì che per punirmi di qualcosa io abbia scelto di distruggere una delle cose più belle che avevo...se potessi, un giorno, svegliarmi con quella sensazione di capelli folti, sarebbe meraviglioso, ma purtroppo è solo un sogno...grazie per avermi letta...

Ho scoperto da un collega il nome di questo disturbo

ciao a tutti, io ho scoperto da un collega il nome di questo disturbo, che tra l'altro si è manifestato tardi, verso i 24 anni, suppongo per stress da studio/lavoro, ma per fortuna sono riuscita ad uscirne con la forza di volontà...non determinava effetti vistosi, perchè mentre studiavo o guardavo la tv tendevo a strappare i capelli situati dietro la nuca, quasi inconsapevolmente, per poi pentirmene amaramente quando passavo l'aspirapolvere!che scempio!non vi dico l'ansia ogni volta che dovevo andare dalla parrucchiera, campavo sempre scuse!infatti in quel periodo decisi di tagliare molto i miei lunghi capelli ricci, che ora sto cercando con tanti sforzi di far ricrescere...riflettendo, anch'io ho avuto un'infanzia turbolenta, dissidi tra i miei che rasentavano la separazione...credo che purtroppo qualche segno sia rimasto, ma ora sto facendo di tutto per sorridere di nuovo alla vita...ragazzi, sfogatevi, anche con un'amica/o, un parente vicino, io vi auguro con tutto il cuore di uscire da questa brutta mania!dovete trovarvi un diversivo, un qualcosa che vi tenga più che concentrati e che vi distolga dallo sfregiarvi la vostra naturale bellezza!

Tricotillomania se si vuole si può guarire

Leggervi è bellissimo! Condividere i nostri problemi non può che aiutare. La mia fase di tricotillomania ha inizio circa 13 anni fa (o poco meno) quando ho cambiato città per lavoro. Avevo 25 anni, una foltissima chioma castana scura, molto bella folta ma non crespa, morbida. Non ho mai avuto problemi di crescita di capelli e unghie, ma da quando ho iniziato ad essere "tricotillomane" e soprattutto negli ultimi tempi ho scoperto che la riscrescita dei capelli si è fortemente ridotta. Oggi ho 39 anni, vado a fasi alterne, periodi molto intensi della mania, poi interrompo anche per mesi. Ma poi in uno o due giorni riesco a distruggere mesi di cura e pausa. Posso, però, dare dei consigli preziosi, prima di continuare la descrizione del mio caso. Innanzitutto lo sport, è un attimo antidepressivo: andare in palestra, correre o passeggiare aiuta moltissimo. Poi legarsi i capelli e impegnarsi a fare altro, aiuta molto. E poi, ovviamente, l'affeto sincero dei cari, ma purtroppo devo dire che i miei affetti, compagno, genitori, amici invece di essere comprensivi, sono aggressivi perchè non tollerano che una bella ragazza molto in gamba (dicono) possa ridursi così. Il punto è che la mania in effetti riduce le capacità relazionali, come sopra indicato ma bisogna farsi forza. La mia causa scatenante è stata sicuramente i sensi di colpa familiari, un lavoro fortemente demotivante e stressante. Ma sono convinta che possiamo farcela. In fondo quando crescono i capelli e rivediamo ricomporsi la nostra chioma è una vittoria, una conquista. Possiamo farcela, DOBBIAMO SOLO VOLERLO. Forza e coraggio. Auguri a tutti

La tricotillomania è imbarazzante e fa bene parlarne...

Ciao ragazzi/e! E' stato bello leggere i vostri commenti, soprattutto quelli positivi, di incitamento e supporto! Io ho 24 anni e soffro di tricotillomania da quando ne avevo 14, il mio punto di "sfogo" sono le sopracciglia. Ne ho ormai pochissime ed uso la matita per gli occhi per disegnarmele, ogni giorno. E' umiliante, ogni giorno, ridisegnare parte del mio viso quasi del tutto cancellato. E' umiliante, ed imbarazzante, parlare con una persona mentre questa ti fissa la parte alta degli occhi, chiedendoti cosa starà pensando, e pregando perchè non ti chieda niente, e faccia finta di niente. Per tanto tempo ho avuto l'impressione che non si vedesse, forse perchè frequentavo ambienti più "discreti" e meno focalizzati ed interessati all'estetica. Ora invece mi sembra che le persone attorno a me non vedano altro e non parlino d'altro che delle mie sopracciglia. Questa mania mi sta costando molto a livello di relazioni sociali, sono sempre a disagio con le persone, non riesco ad essere me stessa, e vivo con la sensazione costante di dover sempre nascondere qualcosa. Questa sensazione l'avevo anche da piccola, anche se apparentemente non ne avrei avuto motivo, e dai 14 anni è come se mi fossi data "concretamente" qualcosa da nascondere ...non lo so, forse perchè mia marde utilizzava sempre un tono insinuatorio con me, anche quando non c'era bisogno, e alla fine mi sono convinta di aver qualcosa da nascondere... Mi piacerebbe molto fare terapia di gruppo, anche con persone con altri problemi. Qualche settimana sull'autobus ho visto una ragazza senza sopracciglia come me, e sentivo la voglia di chiederle come mai neanhce lei le avesse, se per caso anche lei fosse tricotillomane, etc.. Chiaramente non l'ho fatto, per educazione, per discrezione, o semplicemente per vigliaccheria, ma in quell'occasione mi è venuto in mente che sarebbe bello incontrare dal vivo altre persone con lo stesso disagio, una sorta di "Tricotillomani Anonimi", per darci sostegno l'un l'altro, per parlare di noi e riscoprirci, ognuno di noi, negli altri. Potrebbe forse aiutarci, darci forza, e chissà, farci smettere! Io sono a Roma, se qualcuno di voi è interessato lo scriva, io leggerò questi commenti anche nei prossimi giorni! In bocca al lupo, CORAGGIO! Sono convinta anche io che ce la possiamo fare, che possiamo raggiungere la vita che desideriamo, con in più una sensibilità maggiore, particolare, forse preziosa, come "premio" per la sofferenza causataci da questa mania! :D

Soffro di tricotillomania da un anno ed ho inizio per divertimento

Io è un'anno che ne soffro, è iniziato perchè vedevo una mia amica prendere il capello e usarlo come filo interdentale, allora ho provato anche io era piuttosto divertente anche perchè così si tagliavano le doppie punte, ma poi facendolo e rifacendolo il capello iniziava ad accorciarsi e visto che a me piacciono tanto í capelli lunghi, per un po sono riuscita a smettere. Ma poi un'altro tipo di diciamo " ossessione " mi ha colpito i come li chiamo io " capelli corda " ossia i capelli più spessi, quelli che se li tocchi sembrano veramente corda. Così da staccarli in qualunque parte della testa. Alla fine la mia massa di capelli " ero mossa e abbastanza voluminosa " è diventata pochissima pochissime ciocche di capelli sopra anche più corti. Così decisi di farmi un carre corto, perchè pensai " essendo corti non li tireró più e vedendo una nuova me raggiante e con più capelli mi avrebbe fatto smettere " ma duro poco più di un mese, ripresi a staccarli, e oggi l'unica pettinatura che posso farmi è una coda alta con 3 mollette sulla parte superiore per temere i capelli bassi. Quando mi sveglio e mi guardo odio me stessa per come mi sono ridotta. Mi vergogno moltissimo a parlarne, ne ho parlato solo con la mia migliore amica con la quale tra parentesi ora ho anche litigato e con un'altra amica. Loro mi hanno consigliato di usare il filo interdentale quando mi viene lo stimolo o di parlarne con un professionista ma mi vergogno troppo. Ora 2 mesi ho iniziato a staccarli anche davanti e si inizia anche un po a vedere, sono disperata. Ma è bello vedere che non sono la sola, che ci sono altre persone nella mia situazione. E questo articolo è interessantissimo. Ho 19 anni non voglio rovinarmi la vita. Da quando è morta mia madre ho iniziato a prendere peso e a curarmi sempre meno di me, negli ultimi 3 anni che avevo ripreso a curarmi di più l'unica cosa che volevo era solo dimagrire, ci si è aggiunta anche questa cosa. :( Spero che tutti un giorno riusciremo a guarire e a tornare a VIVERE IN SERENITÀ E IN PACE COL MONDO. ;)

#PS: Poi un'altra cosa odiosa di questa malattia è trovare capelli sui vestiti e da tutte le parti, è imbarazzante se sei in pubblico. CREDIAMOCI E FORZA DI VOLONTÀ! ( anche se non serve poi a molto visto che lo faccio senza pensare. )

Soffro di tricotillomania da quando avevo 11 anni

ciao,sono Sara e soffro di tricotillomania da quando avevo 11 anni (ora ne ho 32),quindi da ben 21 anni e non riesco a frenare la voglia pazza di strapparmi i capelli. Avevo una foltissima chioma di capelli che tutti invidiavano ed ora mi ritrovo con la metà della metà di quella chioma di cui ne resta solo un ricordo.Non sono riuscita mai a smettere nonostante ci tenga molto ai capelli,purtroppo non mi accorgo quando li sto strappando.Ho provato spesso con la forza di volontà di smettere ma non ci sono mai riuscita e ho paura di restare un giorno senza capelli.Mi rendo conto da sola che è un brutto vizio,ma non posso farne a meno!

Finalmente ne ho scoperto il nome, tricotillomania, anche difficile a dirsi.

dopo aver letto i vostri commenti ho pensato alle possibili cause scatenanti, ho 39 anni e ne soffro dai 17 o 18, ho iniziato al liceo mi rompevo di studiare e mi attorcigliavo le lunghissime sopracciglia, dalle quali asportavo di tanto in tanto un po' di peli. la cosa è andata avanti con periodi più o meno intensi anche all'università, ma a parte lo stress per lo studio non ho vissuto situazioni particolarmente stressanti almeno non mi sembra (anche nel mio caso i miei genitori si sono separati quando avevo 15 anni ma non è che abbia accusato tanto il colpo, e non venitemi a dire che nel subconscio l'ho accusato perché proprio non l'ho accusato),( e poi mi hanno rubato il motorino quello si è stato un brutto colpo ma pure li nulla di gravissimo) (la cosa più angosciante dei miei ricordi di ragazzino è stata un ritardo di 2 o tre mesi di una ragazza che neppure mi piaceva) quindi la causa non riesco a trovarla però non riesco a smettere.(un fatto c'è, da piccolo mi mangiavo le unghie, poi mi si sono rotti i denti e non ho potuto più farlo, sarà stato questo il motivo per cui sono passato alla tritociglia.
E' più forte di me, lo faccio mentre sono distratto, mentre leggo, e per lavoro leggo molte ore al giorno purtroppo, mentre guardo la TV, ma anche in vacanza al mare, o mentre guido l'auto
mi riesco a contenete solo quando sono in bici ed in moto.
per quanto mi riguarda non mi sento stressato e soprattutto non mi sento e non penso di essere anormale
e se qualcuno mi guarda le sopracciglia me ne attorciglio un paio così capisce he he
vi aggiungo, e con questo chiudo che ho l'impressione che si mischi, nel mio ufficio ne soffriamo in due su 20, quindi il 10%,
e chi non ne soffre, inizia però a manifestare i primi sintomi

un'ultima cosa, riguarda solo chi come me si accanisce sulle sopracciglia, avete visto che strana moda quella di radersi le sopracciglia a strisce, "tricotillomania a mano armata"
il mio consiglio, se non riuscite ad uscire dal tunnel arredatelo, meglio dire apertamente: " non è un fungo, non è infettivo, non mi guardare strano, me li strappo perché sono irrequieto, per lo stress, per distrazione, perché fa tanto ....., è come quando da piccoli si ciucciava il ciuccio e non si poteva smettere, poi si ciucciava il dito, poi si mangiavano le unghie, poi si tiravano le pellicine, ed in fine meglio questo che fumare o toccarsi sempre i ........ !

Colpito da tricotillomania

Anche io da qualche anno sono un soggetto colpito da questa mania: ricordo che da giovane adolescente mi ritrovavo davanti allo specchio a togliere le ciglia piu lunghe, perche mi dava fastidio che volessero apparire piu belle delle altra a fianco. Poi sono passato ai peli pubici, di cui toglievo, essendo biondo, quelli piu scuri, perche anche loro volevano distinguersi dalla massa. Erano comunque eventi sporadici. Fino ai 32 anni non ho avuto alcun grosso problema, nel senso che solo ogni tanto,una volta al mese, toglievo qualche ciglia. Da 4 anni a questa parte (ne ho 36) invece la mia mania si é spostata sulle sopracciglia, che praticamente ora non ho piú. Il fastidio erano sempre dapprima le sopraciglia piu lunghe, o quelle che non stavano in ordine, o quelle che cominciavano a crescere bianche (quindi munito di pinzetta davanti allo specchio). Ora invece é un gesto rituale che faccio davanti al computer od alla Tv, anche in ufficio.
Ultimamente, sono passato a tormentare anche i baffi o la barba, anche se in quel caso bastano 2/3 rasate con lametta, e per 3/4 settimane il problema svanisce, fino a che non si decide di farli ricrescere.
So che il problema é di tanti, questo non mi aiuta piu di tanto, perché non mi da una soluzione. Ma leggere che la gente non riesce asmettere mi ha fatto pensare che non ci credo, che é solo forza di volonta, e che io sono meglio degli altri e voglio farcela!
sembra aggressivo ma mi serve per dire che da ora non lo faccio piu. PUNTO E FINITO!

Giovane disperata e afflitta dalla tricotillomania

Ho 12 anni e ho iniziato un anno fa senza neanche accorgermene.adesso l'unica casa che faccio e torturami quello che è rimasto dei miei capelli davanti.un sacco di gente pensa che ho la frangetta.è così imbarazzante parlare e vedere che la gente ti guarda i capelli chiedendosi che ti è successo.mi odio per quello che mi faccio,mi faccio schifo,ma non riesco a farne a meno.
Comunque vi ringrazio,sapere che ci siete mi fa sentire meglio.

Soffro di tricotillomania dall'adolescenza

Anch'io ne soffro, dall'adolescenza. Guardando la tv leggendo o stando al p.c. mi capita senza rendermene conto.. Mi piacerebbe tanto smettere, vorrei farmi crescere i capelli, ma con questo vizio nn ci riesco mai. Nn ne posso più. Ne ho parlato col mio compagno..è lui mi aiuta e mi tiene d'occhio su quello che faccio con le mani.. Ma è difficile.. Perché lui non può essere sempre con me (lavora). Non capisco perché ho iniziato ma credo che derivi dal rapporto con mia madre o la mia famiglia..
C'è stato un periodo di qualche anno in cui sono riuscita a smettere..ma ho ripreso da un anno.. Eppure mi reputo una persona felice e mi sento serena tranne quando inizio a farlo, trovo disagio solo quando vedo che mi mancano i capelli in qualche lato.

Terapia per la tricotillomania senza risultati...

ciao a tutti,soffro di questo disturbo da quando avevo 7 anni ora ne ho 19.Ho iniziato imitando mia sorella che per via di un trasloco aveva iniziato a farlo,i miei genitori preoccupati la portarono dal medico e lei si spaventò così tanto che smise immediatamente.Io invece non ho mai smesso,non ho periodi in cui riesco a controllarmi.Fino a 7 anni avevo i capelli lunghissimi poi..non sono più riuscita a farli crescere.Questo disturbo oltre a mettermi in imbarazzo quando sono con gli altro ci distrugge a livello psicologico..sin da piccola mi sono vista sempre brutta,diversa..non mi sentivo una bambina normale ed ero costretta,alle elementari,di andare a scuola con delle fasce che mi coprivano le chiazze o delle mollette,per non parlare poi,di quando si doveva andare in piscina con la casse.Odio il fatto di non riuscire a controllarmi,di non poter avere i capelli lunghi e di non riuscire a sentirmi completamente a mio agio quando sono con un ragazzo..Vivo male!penso sempre a controllarmi la testa quando sono in giro..per evitare che si possano vedere le chiazze.
Due anni fa ho deciso di andare da una psicologa con la voglia di porre fine a questo calvario. Lei,inizialmente ha cercato di trovare la causa scatenante del mio tik,ma dopo un anno di terapia ho deciso di smettere..perchè non vedevo risultati.Vi consiglio,quando ne avete la possibilità,di non stare da soli..e di uscire spesso.Nel mio caso,quando sono fuori casa, non ne sento affatto il bisogno e per questo cerco di passare molto tempo con i miei amici...Auguro a tutti di riuscire a trovare la causa del proprio problema e combatterla.

La mia bimba di 9 anni soffre di tricotillomania

Buon giorno, sono una mamma di una bambina di 9 anni ho scoperto che da circa un anno la mia bambina ha questo problema, penso proprio che sia arrivato il momento di andare da un psicoterapeuta, sono afflitta, ieri l'ho fatta piangere e lho fatta sentire in colpa.....pensavo fosse un smplice vizio invece....cercherò di mettercela tutta x aiutarla e sicuramente avremo dei risultati positivi. Che Dio mi aiuti!

Soffro di tricotillomania ed è una brutta mania

Buongiorno a tutti, mi fa piacere sapere che non sono la sola ad essere caduta in questa brutta mania, ma mi dispiace apprendere che siamo in tanti a soffrirne.Perchè solo chi la vive può capire l' altro. Dagli altriin tutti questi anni ho ricevuto solo commenti accusatori, (non è belo,sfiguri,fai una cosa strana, sei pazza, ti rovini, rasati così eviti le tentazioni insomma di tutto e di più , poca sensibilità e tanta mortificazione. Ho iniziato a 14 anni e andando a ritroso con la mente non ricordo fatti scatenanti gravi, tali da portarmi a fare questo gesto. Ho cominciato con le ciglia, poi le sopracciglia, poi i capelli ed altro. Oggi ne ho 45 e non ho ancora smesso. Si, ho avuto dei periodi meno intensi,ma non ho mai smesso del tutto. Ho provato ad andare da una psicologa, ho preso integratori, messo lozioni, creme, ma invano. Ho visto un leggero miglioramento quando ero in attesa del mio secondo figlio, ma dopo un pò ho ricominciato ed ora è sempre peggio. Imomenti di solitudine sono i peggiori. Mi ritrovo nei sintomi, nelle fattezze e modalità in ogniuno di voi, mi consola da un lato, ma dall'altro mi sconforta perchè non vedo soluzione al problema, tranne tanta,ma tanta buona volontà, che dal canto mio ritengo molto relativa, in quanto dopo tanti anni di strappi, il bulbo è talmente indebolito che cresce poco e male, ciò che ieri era una bella chioma, oggi sembra una landa desolata. Quando esco èuna tortura, sento gli occhi di tutti addosso, specie quelli che sanno, purtroppo economicamente ho difficoltà, quindi le soluzioni alternative sono costretta ad accantonarle. Confido in una vita più serena, ma anche quella è un miraggio, non ho un lavoro, sono una casalinga a tempo pieno, con non pochi problemi, due figli da crescere,ma voglio sperare che questo primo sfogo con voi, sia l'inizio di un risanamento mentale e che mi sproni a essere migliore e decisa verso una meta prestabilita. Un in bocca al lupo a tutti coloro che ci stanno provando , la soluzione è dentro di noi ,siamo forti, dobbiamo solo crederci. Grazie a chi ha avuto la pazienza di leggere il mio commento, scusate qualche errore di ortografia l' emozione è tanta, ciao a tutti.

Scopro stasera che il mio problema ha un nome: tricotillomania

Ciao io stasera ho scoperto che questo mio problema è una malattia e ha un nome. Io ho cominciato al liceo.. so che è assurdo tirarsi i capelli ma qnd sono nervosa o ansiosa nn resisto e lo faccio. Ho 21 anni e vorrei smettere in questo periodo sto cercando di nn farlo ma mille volte ho smesso poi appena succede qlkosa un problema riprendo inconsciamente. Davvero nn me ne accorgo. Forse dovrei andare da uno psicologo..

Soffro anch'io del disturbo della tricotillomania

Salve a tutti. Soffro anche io di questo disturbo da quando avevo 7 anni. Adesso ne ho 28. Ho iniziato da bimba con i capelli, li tiravo la notte e poi li nascondevo. Poi la mia mamma se n'è accorta e mi ha portata da una psicanalista. La cosa buffa e' che ho smesso con i capelli e ho iniziato con le ciglia. Sono 21 anni che lo faccio. Oggi sono una donna affermata sul lavoro, ho una bella famiglia, un marito amorevole, ma ho smesso da anni di fare terapia. I sintomi come ho letto accomunano tutti di noi. Durante quell'atto orrendo ci sentiamo soddisfatti..ma poi...angoscia, rabbia, vergogna!! Vorrei tanto che ognuno di noi trovasse la strada per smettere. È una malattia davvero brutta, forse come la droga!!

Mia figlia da quando ha 10 anni soffre di tricotillomania

Salve, sono la mamma di una ragazzina di 12 anni che da 2 soffre di tricotillomania.Le ho provate di tutte:la porto spesso fuori per distrarla(e si distrae,ma quando rientra fa uno scempio sulla testa!),neuropsichiatria infantile a Pisa(con tanto di Zoloft,che non ha prodotto i risultati sperati!)e,per finire,tutta una serie di psicologhe,di cui l'ultima,che pratica l'ipnosi,qualche risultato lo ha ottenuto.Ma dai vostri scritti vedo che-ahimè!-che questa brutta bestia con o senza ipnosi,in alcuni periodi regredisce fino a darti l'illusione di essere sparita,per poi ripresentarsi più affamata ed in forze che mai.Sono disperata,sto trovando tutti gli espedienti per nascondere le chiazze e far ricrescere più in fretta quei poveri capelli strappati a forza,però sinceramente alla fine mi son detta,e dico-da mamma-anche a tutti voi,che forse sarebbe meglio vivere questa cosa con maggiore serenità,adoperarsi per nascondere i danni visibili e cercare di convivere con questo tic non dandosi troppe colpe,perchè temo che i sensi di colpa servano solo a nutrire questa bestia che si annida in noi...un grandissimo in bocca al lupo a tutti,la mia piccola in primis

La conclusione della tricotillomania parte da noi stessi

Io sono giunto alla conclusione che può partire solo da noi e basta. Chi ha forza di volontà, ci riuscirà!

Tricotillomania nel sonno

ci soffro da quando ero piccolo adesso ne ho 40...soprattutto la notte quando non sono cosciente,associo il gesto col riuscire a compiere un'azione nel sonno...assurdo!

Spero si trovi una soluzione contro la tricotillomania

Soffro anch'io di questo disturbo, ma finchè non ho letto questo articolo non sapevo neanche che questo problema avesse un nome. Da un lato mi ha sollevato il fatto di scoprire di non essere l'unica ad avere questo "vizio". Ho iniziato quando avevo solo 11 anni strappandomi le sopracciglia creando spesso degli spazi vuoti, i miei compagni mi chiedevano cosa avessi fatto, io mi giustificavo dicendo che avevo sbattuto, purtroppo non riuscivo a smettere malgrado la vergogna, poi oltre alle sopracciglia ho incominciato a strapparmi anche le ciglia e quando si creavano degli spazi evidenti mi ripromettevo di smettere, ma purtroppo non ci sono mai riuscita. Adesso ho 36 anni, soffro di questo disturbo da ben 25 anni e solo oggi sono venuta a conoscenza che si tratta di tricotillomania e per la prima volta non sono sola. E' davvero brutto non riuscire a controllarsi, e ormai una cosa inconscia, mentre sono al computer o guardo la tv, se sono un pò nervosa o ansiosa, e anche se cerco di impormi di non farlo purtroppo ci ricado sempre. Ora che però sò di cosa si tratta proverò a consultare il mio medico per trovare un rimedio. Auguro anche a tutti voi di trovare una soluzione. Ciao

Scopro ora di soffrire di un problema chiamato tricotillomania

ciao a tutti.. ho scoperto solo questa sera che questo problema ha un nome e sono tante le persone che ne soffrono, non pensavo.
Ho 22 anni, la prima volta che mi sono strappata le sopracciglia è stato alle scuole medie lasciando dei buchi evidenti che un compagno mi ha fatto notare e da li non l'ho piu fatto, fino a quando in quarta superiore ho iniziato intesamente a strapparmi oltra alle sopracciglia anche le ciglia, fino ad oggi. Il tutto è quindi iniziato negli ultimi due anni delle superiori , un periodo molto stressante.Da li in poi ci sono stati periodi alterni, periodi in cui non strappavo niente e periodi in cui lo facevo intensamente, soprattutto anche l'anno scorso e in questo perido, e devo dire che solo ora mi sto rendendo conto che ho un problema.
tutte le volte che lo faccio dico "questa è l'ultima volta, non posso ridurmi come un mostro" e poi eccomi di nuovo a strappere ciglia e sopracciglia inconscaimente o forse anche consciamente per poi sentirmi in colpa e uno schifo, e sentirmi a disagio quando qualcuno gurda le mie sopracciglia nella speranza che non mi chieda nulla.
Il mio raggazzo si è accorto di questo mio problema, nonostante questo sta con me ma sono io che mi sto allontanando da lui, forse per questo problema non so... tra l'altro andavo dallo psicologo e lui mi ha sempre detto gli devi parlare di questo problema ma io dalla vergona non lo facevo.
Ovvimente per mascherare la mancanza delle soparcciglia uso la matita e per le ciglia uso la matita nera all'interno dell'occhio sotto, vorrei tanto ricominciare ad usare il mascara....
spero di smettere prima o poi perchè ho tanta voglia di sentirmi bene con me stessa.
grazie per lo sfogo... come ho letto in diversi commenti si un aiuto può essre utile e anche tanta forza di volontà...magari anche delle terapie di gruoppo possono aiutare perchè come si dice l'unione fa la forza ;)
ciao a tutti!

Il problema tricotillomania è stato descritto molto bene

Tricotillomania... io ne soffro da 47 anni. Ho iniziato a 10 anni, sostituendo l'onicofagia, di cui ero affetta dall'età di 2-3 anni.
Se con la volontà cerco di non strappare i capelli, mi mordo le unghie oppure mi mastico le guance...insomma non riesco a non provocarmi lesioni. Perché?
Il disturbo e' più forte alla sera, più controllato o assente al mattino.
La psicoterapia non mi ha aiutato.
Aiuta la vita sociale, lo sport, fare cose che impegnano la mente e le mani insieme, ma prima o poi arriva il relax ed il disturbo ricompare aggressivo. Bisognerebbe dormire a lungo perché dormendo non può esserci autolesione. Eppure non mi sono ancora arresa. In casa metto i bigodini, così quando la mano arriva in testa i bigodini sono un monito a toglierla. Credo che la soluzione sia dentro di noi. Siamo noi che dobbiamo sostituire la tricotillomania con qualcosa che non sia autolesivo. Cucire? Fare la maglia? Cucinare? Dipingere? Correre? E mentre le mani sono impegnate a fare cose utili o piacevoli si debba pensare e lavorare dentro noi stessi . Scoprire cosa cerchiamo di coprire con l'autolesione. Io so per certo di non aver avuto un rapporto positivo con mia madre, che ha spesso ostacolato le mie inclinazioni (studi, matrimonio, maternità ecc.) e alla fine ha condizionato la mia vita e ho sofferto molto e ancora soffro; tuttavia , il saperlo non mi aiuta a guarire dalla tricotillomania.Non basta. Allora sto pensando che solo la fede nel mio Signore mi potrà aiutare. Sto pensando di ricorrere alla preghiera, perché, forse , se con la preghiera il mio Signore mi aiuterà ad accettare i miei fallimenti con la necessaria rassegnazione e ad amare la mia mamma con i suoi limiti, forse allora potrebbe sparire la tensione interiore che tormenta me, che muove le mie mani e le mie dita e che alla fine distrugge i miei capelli e la mia immagine. Serve una fede certa e fortissima, che sto ancora cercando...ma che voglio trovare, per migliorare me stessa e le mie relazioni con gli altri.

Siamo veramente in tanti a soffrire di tricotillomania!

Non credevo fossimo così in tanti, e invece mi trovo a scoprire tante persone con lo stesso problema, come dite voi l'unione fa la forza, ciò che dice l'articolo è vero, provate ad iniziare a fare sport, finito quello occupate sempre il vostro tempo in maniera diversa, ciò non vi farà smettere di colpo, ma piano piano avrete i vostri risultati, cercate di focalizzare sempre su altro che non sia il vostro corpo, io ne soffro da quand'ero bambina, non ricordo bene ma credo si sia manifestato verso la 3°/4° elementare oggi ho 19 anni e vi posso dire che non è più aggressivo come lo era una volta fortunatamente, perchè appunto ho imparato ad occupare il mio tempo facendo altro, non è sparito ma i risultati si sono visti.
So che la gente non capisce, perchè è pronta a puntare il dito verso di te e dire a qualcun'altro: "Hai visto che schifo?", "Oh mio dio ha le chiazze in testa"
Io pensavo solo a piangere e a sopportare in silenzio, oggi penso che siano solo dei grandissimi stupidi, perchè a sopportare quel macigno c'ero io, non loro, loro avevano chiome sfavillanti, io dovevo ricorrere a mascara per capelli, finte ciocche attaccate ad una fascia, e c'erano le volte in cui alcune ciocche si spostavano e vi lascio immaginare ciò che dicevano gli altri.
Detto questo voglio dirvi SIATE FORTI, perchè la vita va combattuta, e quasi mai la scelta giusta è accanirsi verso noi stessi, abbiamo una vita sola e non ci è stata data per autoinfliggerci pene che non meritiamo, è già abbastanza dura la vita in sè, autolesionarsi non serve ad alleviare il dolore, perchè il dolore ritorna.
Se certe terapie non funzionano, ho letto di qualcuno che ha scritto di incontrarci, e penso che non sia una brutta idea, siate forti e sorridete alla vita, alle persone che ogni giorno giudicano il vostro male,a tutti quelli che non vi hanno mai capito, e a quelli che invece vi amano per quello che siete, perchè diciamocelo, nessuno è perfetto, e se non c'è un problema c'è altro, ma sono certa che l'unione fa la forza e voi siete splendidi!
Un abbraccio grosso, spero di esservi stata d'aiuto!

Credo di soffrire di tricotillomania da sempre

Ho 25 anni e soffro di tricotillomania credo da sempre, all'età di 6 anni mia madre mi dovette tagliare i capelli cortissimi perchè avevo il dito attorcigliato talmente bene ai capelli da bloccare la circolazione. Ho provato con bambole, che puntualmente diventavano pelate, a tenere cappelli in casa e mollettoni di tutti i tipi ma le mani arrivavano sempre. Prima dal parrucchiere inventavo mille scuse per giustificare i capelli che sembravano stati presi a morsi e mi vergognavo ad uscire adesso sto cercando di prendere in mano la situazione, dal parrucchiere sorrido e dico "me li strappo..sono stressata, ma sto cercando di smettere" e a casa mentre studio strappo una parrucca foltissima comprata dal mio ragazzo per aiutami..la tentazione è tanta e a volte le mani me le ritrovo in testa ma...posso farcela

Soffro di tricotillomania (mi strappo le sopracciglia) da 6 anni

Soffro da circa 6 anni di tricotillomania, ho 27 anni, e nello specifico strappo le sopracciglia. Mi rendo conto che nei giorni di vacanza, ad esempio vacanze estive o viaggi, il disturbo scompare, quindi nel mio caso sono del tutto sicura sia associato al mio nervosismo.
Da circa un paio di settimane non sto più strappando, ma ancora uso la matita per sopracciglia perchè i buchi sono evidenti e mi vergogno ad uscire struccata!
Spero di potercela fare, mi sono documentata e i farmaci sono potenti antidepressivi..penso che non siano necessari e che comunque non risolvano il problema.
Provo un impulso molto forte e per evitare di strappare le sopracciglia in questo ultimi giorni, piuttosto strappo le punte dei capelli, ritenendo di fare meno danno.
Ma alcuni giorni sono riuscita a tenere a freno l'impulso (so che potete capire di cosa parlo, quella frenesia che pervade e le mani che "prudono").
E' bello poter condividere con qualcuno questa esperienza, penso che chi non ne sia affetto non possa capire fino in mondo, anche se parenti amici e il mio ragazzo ne sono al corrente e mi stanno molto vicino.
Se qualcuno, come me, sta cercando di smettere vorrei avere consigli..uno secondo me può essere quello di tagliare le sopracciglia; mi spiego: le mie sono piuttosto lunghe (le poche ancora in vita) e più il pelo è lungo, più ho soddisfazione a strappare :-(.
Tagliandole leggermente, non radendole ovviamente, la voglia di strappare mi diminuisce leggermente.
Ho fatto una fotografia alle mie sopacciglia struccate settimana scorsa, e vorrei farmi una foto in futuro, per poter vedere il confronti e farmi forza da sola.
Grazie mille

La tricotillomania è una cosa bruttissima e da combattere

Sapere che ci sono cosi tante persone che soffrono di questo problema mi fa sentire un po' più sollevata.
Ho 15 anni e soffro di questo problema da quando ho 11\12 anni..insomma, da quando ho cominciato a frequentare le scuole medie.
Inizialmente mi strappavo le ciglia, fortunatamente però sono riuscita a smettere, non so come però.
Ora tocca però alle sopracciglia. Quelle ormai me le strappo da sempre. All'inizio ero fissata a strapparmi "la parte in mezzo" e lasciare le altre due cosi com'erano.
Adesso la cosa è peggiorata e a forza di strappare in continuazione le sopracciglia non le ho proprio più. Così mi tocca disegnarle con l'apposita matita, in modo da non attirare l'attenzione di occhi indiscreti. All'inizio quando i miei ex compagni delle medie mi chiedevano cosa mi fossi fatta, io rispondevo che mi cadevano da sole, che me le ero bruciata per sbaglio...insomma, ogni scusa era buona pur di non raccontare di questo mio problema, che poi ho scoperto, con questo articolo, che è una malattia.
Adesso alle superiori mi trovo molto meglio per quanto riguarda i miei compagni di classe. Tutti quanti sembra (o almeno per me), che non abbiano notato questo problema, da quando me le disegno. Però, quando, per curiosità, mi chiedono che cosa mi sono fatta, io rispondo semplicemente che me le strappo e che è una malattia, senza avere timore della loro reazione o delle loro risposte.
Sono quattro lunghi anni che continuo senza sosta, e detto molto sinceramente sono stufa. Stufa di svegliarmi alla mattina, guardarmi allo specchio e pensare: "Che schifo, ti strappi tutta. Sei l'unica ad avere questo problema."
Stufa di disegnarmi tutte le volte quella parte mancante del mio corpo. Vorrei tanto trovare un modo per smettere, qualunque modo.
Mia mamma vorrebbe portarmi da uno psicologo, giusto solo per parlare. Ma io trovo molta difficoltà ad aprirmi agli altri e parlare, figuriamoci con un perfetto sconosciuto che non conosco.
Però mi piacerebbe molto se organizzassero incontri tra persone che sono affette da questa malattia. Sono sicura che mi sentirei molto meglio, sapere di non essere l'unica, e magari chi lo sa, trovare una soluzione tutti insieme a questo problema.
Si sa, la Tricotillomania è una cosa bruttissima, e solo chi ce l'ha può veramente capire. Ma continuiamo a combattere, un modo lo troveremo sicuramente! C:

Vorrei tanto smettere con la tricotillomania....

Anche per me sapere che ci sono altre persone che soffrono di questa malattia mi conforta un po', ma non è stata comunque una motivazione per smettere. Io ho 28 anni ed è da tanto che mi strappo i capelli. Vorrei smettere, lo vorrei veramente tanto ma non ce la faccio. Più cerco di smettere e più lo faccio. Vorrei poter andare in giro con i capelli sciolti o andare dalla parrucchiera senza dovermi fare cinquanta mila paranoie ma è una cosa più forte di me. Mi sono resa conto di essere arrivata ad un punto di dover chiedere aiuto a qualcuno ma la vergogna è forte.

Tricotillomania e forza di volonta'

Come ho scritto anche sopra, io penso che con la forza di volontà ce la si possa fare..io ad esempio mi faccio forza pensando a quanto sono brutta senza sopracciglia!Non sarebbe male riuscire ad incontrarci, magari in una grande città come Milano, raggiungibile..penso che parlarne insieme e confrontarsi possa aiutare, anche perché per quanto amici e il mio ragazzo mi stiano vicino, non sanno veramente cosa provo..
Il mese scorso avevo scritto che stavo migliorando e così è stato..ma inspiegabilmente da un paio di giorni ho ricominciato, e sappiamo tutte come sono deboli peli e capelli che vengono torturati in continuazione!
In bocca al lupo a tutte..e fatemi sapere se ci state per un ritrovo :-)

Non so come smettere di soffrire di tricotillomania

Io soffro di tricotillomania da quando avevo circa 8 anni ed ora ne ho 18! Ho iniziato strappandomi le ciglia, ne strappavo moltissime e si vedevano un sacco questi buchi vuoti, anche perché io avrei delle ciglia belle e lunghe.. Fortunatamente ora non me le strappo più, ma adesso tocca alle sopracciglia, è uno schifo, queste macchie si vedono molto e le copro con della matita nera per occhi ma da vicino si capisce che hanno delle parti disegnate.. Le strappo soprattutto mentre studio ma non solo, anche quando mi annoio o sono tranquilla, ma ovviamente non me le strappo mai quando c'è altra gente perché mi vergognerei!
Penso di aver iniziato per gioco, quando avevo 8 anni una mia amica dell'epoca ha iniziato a strapparsi le ciglia mentre eravamo in classe e io l'ho imitata.. Adesso questa ragazza non la sento più, ho guardato su facebook dalle sue foto per vedere se ne soffre ancora, ma sembra di no.. io invece si!
Ho scoperto che anche mia mamma ne soffriva, che si strappava addirittura i capelli e ho letto in internet che spesso questa malattia è causata da cattivi rapporti con la madre, lei infatti non ha buoni rapporti con la sua, mia nonna. Io invece con mia mamma non ho problemi, che sia ereditaria? Fatto sta che mia mamma non fa niente per farmi smettere, a parte ovviamente dirmi di non strappare, sembra che sottovaluti molto la cosa, forse anche perché adesso che strappo solo le sopracciglia e non le ciglia la cosa si nota meno perché copro con la matita..

Non so come fare a smettere, ho provato a impormelo, pensando che sono molto più brutta se continua a strapparmi le sopracciglia, ma non resisto.. a volte sento proprio che le sopracciglia mi danno fastidio , e allora ne strappo un po’ e nel momento in cui le strappo mi sento bene, è piacevole.. anche se subito dopo c’è il senso di colpa..

Soffro di tricotillomania ... mi strappo i capelli ....

Ciao a tutti! Anche io come Voi, purtroppo, soffro di tricotillomania da quando avevo 14 anni..adesso ne ho 32. Il più delle volte mi strappo i capelli mentre studio..durante la preparazione dei miei esami universitari..in quanto l'ansia saliva fino alle stelle! Finalmente sono Laureata..ma il disturbo continua ad essere presente..come molti di Voi hanno affermato, anche io passo lunghi periodi strappare i capelli per poi accanirmi con tutte le mie forze, smettendo totalmente e prendendomi cura di loro..poi però quel periodo finisce e annullo ogni mia buona intenzione..insomma sono in un circolo vizioso. Io nn mai preso antidepressivo in via mia e nn vorrei farlo..ma se posso darvi un consiglio, magari per ritrovare un pizzico di serenità, nel rivedere i vostri capelli che rifioriscono..provate il Minoxidil..per uso topico..è un vasodilatatore e viene usato topicamente sul cuoio capelluto perchè stinmola la ricrescita del capello..certo funziona ma nn dovete poi mettervi più la mani nei capelli! In bocca a lupo a tutti! Speriamo di farcela ad uscire da questa alienante patologia!

Leggendo su internet scopro di soffrire di tricotillomania

Ciao a tutti... anch'io proprio oggi guardando su internet ho scoperto di essere una tricotillomane... lo sono sempre stata, fin da piccola... ho sempre pensato anch'io di esser diversa per questa cosa... mi ricordo quando alle elementari facevo i nodi ai capelli e me li strappavo... a volte li buttavo ed a volte li conservavo... ho sempre avuto manie di autolesionismo, a periodi mi mangiavo le pellicine intorno alle unghie fino ad arrivare alla carne più interna ed a farmi uscire il sangue rovinandomi le dita, mangiavo l'interno delle labbra o l'esterno... verso l'adolescenza mi ero fatta venire una chiazzetta in fronte a furia di strofinare le dita sul cuoio capelluto...
Piano piano si sono affievoliti col passare degl'anni e crescendo il vizio di strapparmi i capelli non l'ho ancora perso.... me ne vergogno molto anche se lo faccio vicino all'orecchio sinistro e con i capelli può nascondersi...ma a volte si vedono perché son corti e strappati... ed ogni volta che vado dal parrucchiere mi spacciano per pazza.
come dite voi...è inconsapevole... è sicuramente dovuto ad una mancanza che abbiamo e vogliamo colmare in qualche modo... oppure ci vogliamo lesionare per punirci di qualcosa... non so che cosa però..è inconscio.
non so se ci sia un rimedio.. forse l'unica soluzione è lavorare su noi stessi...cercare di colmare quel vuoto positivamente in altri modi.. facendo sport, cercando di migliorarci ed essere più dolci con noi stessi...tenendo presente che siamo esseri umani e non delle macchine perfette come a volte ci vuole la società che ci circonda.
Noi potremmo avere questa malattia... ma non siamo tanto diversi da quelli che fumano... e sono tantissimi, oppure a quelli che giocano alle macchinette, a quelli che bevono o si drogano... sono tutti modi per evadere da un problema o di autolesionarsi per punirci a causa d quel problema... ricordo che anche mia madre da giovane si arrotolava i capelli e si è strappata tutte le sopracciglia..anche mia sorella, sempre da piccola ha passato un periodo a curarsi con una lozione un buco che si era fatto in testa a causa dello stress. Forse è una cosa congenita.
A volte penso che al mondo c'è anche gente che i proprio problemi li sfoga sugl'altri e rovina le persone.. noi invece lo facciamo su noi stessi e per lo meno non abbiamo ulteriori pesi sulla coscienza ..ma non per questo dobbiamo arrenderci e smettere di lavorarci su. Tutte le persone di questo mondo somatizzano i problemi, noi li sfoghiamo esternamente...ed anche se a volte non è bello da vedere è sempre meglio che portarseli dentro e farsi venire malattie più gravi.
Il consiglio che posso dare è proprio quello di cercare di dedicarci più a noi stessi, non focalizzandoci su questo problema, ma lavorando e valorizzando i nostri lati positivi per poterci sentire realizzati e per un momento smettere di pensare solo a quello che non va, che non siamo, che non abbiamo, che non sappiamo fare ecc.. ma su ciò che abbiamo, che siamo e che sappiamo fare...perché il fatto di essere tutti diversi è proprio quello che ci rende unici nei nostri pregi e difetti..
ogni volta che ci sentiamo irrequieti...proviamo a fermarci un attimo, anche solo un minuto, fare u bel respiro e cercare di riflettere invece su quanto valiamo, seppur non sappiamo fare nulla di tutto quello che il resto del mondo sa fare... ma siamo importanti semplicemente per il fatto di essere degl'esseri umani..
Davvero a volte può essere un ottimo rimedio....infatti proprio in questo momento che lo sto facendo non mi sto strappando i capelli!
La vita scorre troppo veloce per passarla a buttare via il tempo cercando di risolvere i nostri problemi... ma piuttosto dobbiamo cercare di evitare di averli... dedicandoci a ciò che veramente ci rende felici... IMPARIAMO A GUARDARCI DENTRO!
Un abbraccio a tutti!

Tanti nascondono la loro tricotillomania

tante persone soffrono di tricotillomania...molte lo nascondono

Tricotillomania: sono 25 anni che ne soffro

Non solo mi strappo i capelli, ma poi li tengo fra due dita e li appallottolo. Il gesto sembra quello di chi fa una pallina con le caccole, perciò mi nascondo continuamente e questo mi crea problemi relazionali. Ci sono periodi in cui mi distruggo letteralmente. Anche io avevo capelli bellissimi, lunghi, folti. Adesso sono radi, corti, a chiazze. Nemmeno la coda nasconde o evita il problema, me li strappo anche se sono legati. Anzi, quando sono legati li strappo senza poter controllare da dove, perciò mi causo ancora più chiazze. Non lo sa nessuno, la vivo come una debolezza tale che mi nascondo continuamente da tutti, anche dai miei figli e dal mio compagno. In tanti anni si trovano mille metodi per non farsi vedere, ma è un atto continuo, ovunque. In macchina devo tenere sempre il finestrino aperto per buttare le palline di capelli altrimenti si accumulano sui tappetini in uno schifo totale. Infatti c'è anche da considerare il problema di come liberarsi, dopo, dei capelli perchè io ne faccio una strage e per terra, dove passo io, ci sono sempre queste palline di capelli.
Strappandomi i capelli mi calmo perchè anche se mi odio il gesto in sè mi da piacere e soddisfazione. E' questo piacere il problema, io adoro sentire il tic dello strappo, adoro sentirmi il capello fra le mani, adoro arrotolarlo. Rischio anche di avere incidenti in auto perchè piuttosto che buttare a terra il capello per sterzare meglio faccio casino e perdo il controllo. E' una follia.
Aggiungo che sono in cura per schizofrenia, ho preso la Torazina per molto tempo, anche a dosi parecchio alte, ma non ho mai smesso di strapparmi i capelli. Mi placo solo quando sono in psicosi, ma chiaramente non è bello.
sono anni che sono in analisi fra psicologi, psichiatri, igiene mentale eppure nessuno mai, anche se lo dicevo, ha pensato di aiutarmi a smettere. Io soffro molto, perchè mi vergogno, mi sento debole, sono brutta.
Non so più che fare.

Il mio mostro si chiama tricotillomania

Ciao, non riesco a smettere di togliermi i capelli, mia madre ha trovato e cerca di trovare ancora tantissime insegnative per farmi smettere ma dentro di me rimane ancora un vuoto profondo che mi fa togliere i miei capelli. Può essere che io non sono abbastanza forte per smettere e per nemmeno per ammettere di aver questo problema. ho una voglia tremenda di smettere ma non riesco e NON so perché, alcune volte quando sto da sola dico: ma perché e capitato a me se in questo mondo ci sono tantissime persone cattive? E a causa si questa domanda che mi faccio ne tolgo tantissimi capelli.....
A volte quando tolgo i miei capelli dico: -Questo sarà l' ultimo, e mi immagino con i capelli lunghi e belli come una volta!!
Io lo so che questo è colpa mia e che ho creato un monstro dentro di me lui si chiama: TRICOTILLOMANIA

Soffro di tricotillomania da quando ero piccola

Non ce la faccio più !!! Ho 46 anni e soffro di tricotillomania fin da piccola. Avevo un mare di capelli mentre ora ho tantissime chiazze anche scoperte. Non vado dalla parrucchiera perchè mi vergogno;ho sempre il terrore che la gente mi guardi e pensino che sia pazza. Dopo tutti questi anni son giunta alla conclusione che non ce la farò mai. E una bruttissima sensazione che solo chi ne soffre può capire. Sono stanca di combattere contro un fantasma che si è impossessato dei miei capelli.

Soffro di tricotillomania e ho rovinato i miei capelli ricci

Ciao, sono contenta di aver trovato questo blog. soffro di Tricotillomania da quando avevo 7 anni, ora ne ho 14 sono davvero stanca di questa situazione, avevo dei bellissimi capelli ricci, vivi e con salute ma non faccio altro che distruggerli questa malattia mi ha veramente distrutta.. a volte non capisco nemmeno perchè lo faccio mi tiro i capelli li guardo poi li butto come se non valessero niente e poi piango perchè non ho nessuno con cui sfogarmi mi sento sola e brutta.. non mi ingoio i capelli meno male.. ho smesso di tirarmeli quasi un anno fa per 6 mesi credo ero davvero felicissima perchè finalmente stavo uscendo da questo schifo e stavo recuperando un po' di autostima..mi sentivo forte e sentivo anche che più i miei capelli crescevano e fiorivano più io crescevo e mi sentivo bene con me stessa e con gli altri.. ma poi ho giorno sono ricascata nel buco nero e tutto ciò che poco a poco si stava ricostruendo si era ancora un volta volta distrutto..voglio svegliami la mattina e sentirmi bella leggera..sciogliere i miei capelli e lasciarli trasportare dal vento, senza vergognarmi, senza nascondermi, ritornare a sorridere..ritornare ad essere felice senza avere tanti problemi.

Grazie per le notizie approfondite sulla tricotillomania e vorrei guarire

anche io ne soffro da tantissimo tempo ho 25 anni e ho iniziato all'età di 6 anni ,sono contenta di aver trovato notizie più approfondite sulla mia malattia,ma sinceramente sono molto abbattutta perchè fino ad ora ho letto di molte persone con questo problema ma nessuno che ne sia venuto fuori..ho paura, mi spaventa moltissimo questa cosa AIUTATECI PERCHè ABBIAMO DAVVERO BISOGNO DI AIUTO dobbiamo uscirne fuori perche questa malattia ci umilia ,ci fa venire paranoie complessi non ci fa vivere la vita come si deve!

La mia storia di tricotillomania

Io non ho parole, non so se essere contenta o no per avere trovato voi e questo articolo fatto benissimo. Ora ho coraggio a raccontarvi la mia storia. Premetto che ho scoperto di soffrire di tricotillomania grazie a questo articolo e a wikipedia, solo ora. Ho 28 anni, mi strappo e mangio i capelli da quando ho 10 anni, si proprio cosi. Ho avuto un'infanzia e un'adolescenza bruttissime, i miei compagni di scuola mi sfottevano sempre, non ho mai avuto amici e sono stata sempre sola. Ho iniziato cosi per caso, per puro caso mi ricordo che avevo trovato un capello in terra, lo avevo raccolto e mi aveva molto incuriosito il capello, volevo vedere come era fatto e avevo visto il bulbo verde che mi aveva incuriosito tantissimo, cosi decisi di provare il sapore di questo bulbo, e lo mangiai, per curiosità; i giorni seguenti iniziai, per curiosità a togliermi i capelli dalla testa, per vedere come erano fatti e per assaggiarne il gusto. Avevo iniziato ovviamente senza avere la consapevolezza delle conseguenze, che sono diventate gravissime... . Cmq, da li a poco mi ero tolta tantissimi capelli e mia mamma mi portò dalla parrucchiera e a 10 anni, me li fece tagliare corti e io mi facevo schifo, non riuscivo a guardarmi allo specchio. Mi ero sempre sentita brutta, a scuola mi umiliavano e mi prendevano in giro. Poi, in terza superiore, non so come, all'età di 16 anni, ho smesso per quasi 1 anno, ma non sono riuscita a smettere del tutto e piano piano ho ripreso a strapparli e mangiarli, fino ad arrivare a 19 anni ad avere chiazze nascoste nella zona delle tempie che coprivo con i capelli sopra la testa (avevo una pettinatura orrenda, con la riga in mezzo ai capelli, senza la frangetta, e portavo la coda/codino per tenerli insieme altrimenti le chiazze si sarebbero viste e non volevo, preferivo tenerli cosi piuttosto che dovere tagliarli a zero e sembrare un maschio); tutte le persone mi guardavano sempre male e storto per via della mia strana pettinatura con la riga in mezzo, e tutt'ora guardando alcune mi foto ci resto male anche io. Poi, l'anno scorso presa dalla disperazione mi sono auto-rasata i capelli a zero, in quanto ero arrivata ad un punto che avevo cosi tante chiazze (nelle tempie, e sopra la testa ma in fondo, nella zona del cranio, dove spesso gli anziani iniziano a perderli) che con i pochi capelli lunghi rimasti non riuscivo piu' a coprirle. Quindi una volta rasata a zero ho iniziato a portare una parrucca finta (non vera perchè mi rifiuto di portarla vera perchè io non soffro di perdita di capelli, di alopecia per intenderci, ma sono io a strapparmeli, inoltre la parrucca vera costa un sacco di soldi e comunque non mi va di mettere una parrucca vera per una cosa che posso risolvere).
Altra precisazione: l'anno scorso ho fatto molti colloqui di lavoro in società importanti (ora sono laureata, l'anno scorso mi mancava poco) sono sempre stata discriminata per via della mia pettinatura, notavo le addette alla selezione che mi fissavano la riga in mezzo alla testa e il codino che avevo, e poi facevano finta di niente .... questa oltre ad essere discriminazione e anche un vero schifo di come funziona in Italia. Quindi anche per questi motivi ho deciso di portare la parrucca, per avere piu' facilità a trovare il lavoro.
Ma il bello devo ancora arrivare .... In pratica lo scorso settembre avrei dovuto fare un lavoro di pochi giorni in un negozio, la mattina ho iniziato e poi sono stata mandata a casa e ho perso il lavoro ...mi è stato detto che la direttrice di questo negozio aveva capito da subito che avevo la parrucca e quindi non mi ha voluta e mi ha discriminato ... inoltre mentre lavoravo notavo che mi continuava a guardare molto male e faceva commenti con le altre ragazze, comunque ho tutte le prove di quello che vi sto dicendo .... non vi dico la mia rabbia e quello che mi viene voglia di fare a questa persona ........ .
Tornado a noi 1 anno e mezzo fà sono stata da uno dei piu' bravi psicoterapeutici in Italia, gli ho raccontato tutti i miei problemi ed ero imbarazzatissima, mi facevo schifo da sola, lui mi ha detto che questo mio problema può essere dovuto a traumi infantili che non mi ricordo (anche sessuali) e che io cmq sono ad un livello altissimo di ansia e sono un pò depressa. E mi ha detto che i suoi pazienti con i miei stessi problemi lui ne ha pochi, circa un decina (che si strappano e mangiano capelli, ciglia, sopracciglia; io mangio capelli, peli vari). Non parliamo poi di quante volte ho pensato di farla finita ..... o di tagliarmi le mani .... . Io ho veramente bisogno di aiuto, non ce la faccio più , in passato, fino a 2 anni fà non ho mai dato peso al problema, mi vergognavo e mi vergogno e pensavo di averlo solo io perchè, tra chi conosco, che io sappia nessuno ha questo problema (ma dopo aver letto questo forum mi ricredo). Confermo che la prima cosa che mi ha ostacolato e mi ostacola tutt'oggi nel dirlo ad altri è la vergogna, lo schifo per quello che faccio. Io penso che dovremmo parlarne insieme, organizzare cose tipo incontri di aiuto/ascolto (intendo anche con skype o facebook) parlare insieme del problema. Certo, da come sono messa io, non sarà di certo il fatto di parlare a farmi smettere, perchè sono ridotta molto male.
Per me è un vizo come chi si droga, è una dipendenza a tutti gli effetti, una autolesione di dipendenza che faccio sempre, soprattutto sotto stress ma anche da rilassata.
Io penso che tra la cause sicuramente c'è la mia solitudine, la mia mancanza di stima in mè stessa, inoltre mi sento addosso carenza di affetto familiare, ho sempre avuto conflitti con i miei genitori soprattutto mio padre, tutte queste cose le ho e le ho sempre avute. Io vi chiedo aiuto perchè non so proprio cosa fare.

Ho capito da poco che il mio ragazzo soffre di tricotillomania

Salve a tutti,sto con il mio ragazzo da 5 anni e solo qualche giorno fa ho capito che soffre di tricotillomania .Una volta lo faceva solo sulle sopracciglia,specialmente nella parte destra e nei momenti di stress,io cercavo di farlo smettere e lui mi dava ascolto.poi ha iniziato con altro,la barba,le basette e sotto il ginocchio sinistro(mentre guida,a tavola o nei momenti di svago)continuamente.Quando me ne accorgo gli faccio presente con calma la sua azione,ma l altro ieri si é infastidito e anche dispiaciuto,mi ha detto che glielo faccio sempre presente e che non può mai fare ciò che vuole con il suo corpo.In quel momento ho capito che c era qualcosa di strano ed ho fatto la scoperta su internet.Mi sento in colpa perché non ci ho mai pensato prima che potesse essere grave,gliel ho fatto presente ed é rimasto sconvolto.Voglio aiutarlo..mi ha detto che lo fa da almeno quando aveva 18 anni,sono quasi 10 anni..intanto gli ho preso l appuntamento dalla psicologa,ma io posso fare qualcosa per farlo stare bene e tranquillo?a me sta bene così com é,anche senza sopracciglia o la barba a chiazze ,ma vorrei che smettesse perché ho letto che può peggiorare la cosa e non voglio..potete darmi un consiglio?é tre notti che non dormo per il pensiero..voglio solo che stia bene e tranquillo.grazie mille

Chi soffre di tricotillomania deve farsi aiutare e curare da uno specialista

Ho 53 anni, credevo fosse un mio problema e basta....non conoscendo altri che si tirano i capelli, mi rendo conto che non è così, e che esiste un problema serio. Io, avevo 12 anni quando ho iniziato maledettamente con questo "viziaccio"....ciò mi ha creato notevoli disagi nel corso della vita, in molte circostanze,essendo tra l'altro un tipo sportivo, che porta molto bene l'età e che mi relaziono con molte persone.Ho anche una bella capigliatura, bei capelli neri,purtroppo in parte rovinati.....Il consiglio che do io, è quello di correre ai ripari SUBITO....non aspettare che si risolva da solo il problema, xchè non funziona così. Io non l'ho fatto, ed ho un grande rimpianto !!! Curatevi da un bravo specialista......Un abbraccio, Tiziano.

E' utile sapere di non essere soli a soffrire di tricotillomania

Ciao grazie mille per l'articolo,mi è stato davvero utile scoprire che non sono la sola a soffrire di questo problema che solo poco fa leggendo ho scoperto essere una malattia!ho pianto perché finalmente ho avuto il coraggio di cercare informazioni sul mio disturbo.Ho 17 anni mi strappo i capelli da circa 4 anni,credo sia causato dalla separazione dei miei!la cosa è andata peggiorando con lo stress della scuolA.ora mi strappo sopracciglia,ciglia,peli pubici e capelli!me ne vergogno da morire :c cerco di mascherare la mia malattia!ma piano piano le mie amiche se ne stanno accorgendo e ho paura che mi scansino!la mia famiglia cerca di evitare la cosa,perché io così mi sento normale!ma dopo scritto questo commento andrò. Parlare a mia madre e la informerò delle mia malattia!grazie spero di riuscire a guarire

La mia convivenza con la tricotillomania

A 11 anni il mio medico di base mi ha chiesto in tono sorpreso/ironico se mi strappassi i capelli, e quella è stata la prima volta che ho negato il problema. Ora ne ho 28, e continuo a strapparmi i capelli in condizioni di stress.
Dopo aver passato chissà quanti dottori, tra cui un primario, con la consapevolezza che i loro "sforzi" erano per una diagnosi completamente sbagliata (alopecia a chiazze), mi ero rassegnata all'idea che fosse un mio vizietto.
Poi non molto tempo fa, ho scoperto il nome di questo disagio.
Strappo solo quelli che percepisco come "ruvidi", cioè quando tendono ad arricciarsi... o quelli bianchi, o quelli più grossi. Capita nei miei momenti liberi, quando sto pensando, o devo risolvere un problema. Ovviamente sempre quando son da sola.

Sono arrivata al punto di sentirmi a disagio e a dovermi pettinare raccogliendo i capelli nelle zone critiche... una cosa odiosa dato che mi piacciono i capelli lunghi e sciolti.
I miei familiari bollano la cosa come una mia condizione di stress che causa l'alopecia.
Ovviamente segue un mio netto "no" a ricorrere a cure da specialisti dato che son consapevole che il mio problema non è curabile da medici tricologi.
Non intendo rivolgermi a psicologi dato che non ho avuto nessun trauma infantile, familiare o ambientale. Ho una vita fortunata e non ho nulla da lamentarmi.
Negli anni ho dedotto che tendo all'autocontrollo un pò troppo, pretendo molto da me... quindi sento che è una valvola di sfogo alla mia emotività.
Mia cugina soffre dello stesso problema (anche se in condizioni più limitate).
Probabilmente è proprio una tara genetica.
Al momento sto utilizzando le clip extension per infoltire, ma il risultato non mi appaga al 100%. E proprio per la mia tendenza ad ottenere il meglior risultato -in questo caso estetico- sto valutando se rasarmi ed utilizzare una parrucca vera in futuro.
Non mi scandalizzo più per il mio problema, so che è un problema ma ci convivo. Ho capito che è l'unica soluzione dato che dalle informazioni che ho ottenuto, nessuno guarisce, è un aspetto che rimane latente nella personalità e a periodi si intensifica.
Qualcuno che è guarito, definitivamente, non l'ho ancora letto. O mi sbaglio?
Quindi vivo leggera e consapevole, senza ulteriori angosce. Mi auguro che anche chi legge, possa trovare una specie di equilibrio in attesa di studi più precisi sul nostro problemino!

Un abbraccio
Elena

Tricotillomania e incontri di raduno

In riferimento a Simonetta, ho il tuo stesso identico problema, come ho già scritto in un commento precedente, un incontro, raduno sarebbe una cosa da fare a tutti gli effetti e potrebbe anche aiutare, quindi, spero qualcuno prenda in considerazione questo commento perchè sinceramente, ne vale la pena e vale per tutti quelli che hanno commentato e hanno bisogno d'aiuto.
Di nuovo, un'abbraccione a tutti!

Soffro di tricotillomania da quando avevo 14 anni

ciao a tutti!!! soffro di tricotillomania da quando avevo 14 anni ora ne ho 36 ho provato con la forza di volonta' ma non ci sono riuscita ..ormai questo tic si e' troppo radicato in me ...quindi mi sono affidata ad un neurologo e devo dire con enorme soddisfazione che questo enorme problema si e' attenuato tantissimo tanto che non mi procuro piu' le enormi chiazze senza capelli e ora li tocco solamente senza strapparli....pero' tutto questo con l'utilizzo di farmaci quali Abilify e zarelis ...se a qualcuno puo' essere d'aiuto io la sto sconfiggendo il questa maniera . un abbraccio a tutti

La mia tricotillomania riguarda le ciglia.

Da bambina mi addormentavo toccando le ciglia di mia madre per rilassarmi e prendere sonno,poi per anni smisi. Un evento traumatico anni fa mi portò di nuovo a trovare giovamento prima toccandomi le ciglia poi a strapparle del tutto,ad osservarle e passarle sulla bocca....mi da un sollievo immenso.
Ma il risultato è mostruoso!! Ho degli enormi buchi sulle ciglia,mettere il mascara è una barzelletta devo saltare gli spazi perchè nn ho peli, se sono struccata invece è davvero imbarazzante.
La gente che mi sta vicino mi osserva e prima o poi me lo fa notare chiedendomi: "ma ti strappi le ciglia??" ...per me è un gesto naturale ormai.
Nonostante anni di terapie con lo psicologo e vari farmaci quando sono fortemente sotto stress questa mania si ripresenta senza che io me ne accorga o peggio senza che io riesca a fermarmi... È davvero frustrante sapere di trovare un senso di appagatezza in qualcosa che invece fa solo male al propio organismo.
Un abbraccio a tutti voi

Soffro, come tutti voi, di tricotillomania da due anni.

Il dermatologo mi ha consigliato delle pillole per la crescita di capelli ma oramai non le prendo più e una visita psicologica. Ho fatto una sola seduta e mi rifiuto di andarci nuovamente perchè solo l'idea che qualche estraneo\a possa entrare nel mio privato e esaminare i miei pensieri mi turba moltissimo! Comunque questo è un articolo davvero esauriente ed è bello sapere di non essere soli in questa situazione..

Soffro di tricotillomania e non riesco a smettere...

Ho provato a smettere ma non ci riesco, ho troppo stress addosso e troppi problemi. Il più grande e grave fra tutti è quello di non venire apprezzata e capita, sia sul livello personale che lavorativo. mi prometto di non toccarli più e per un po' ci riesco e poi ricomincio, sentendo un capello troppo ruvido e fastidioso promettendomi "strappo solo quello e poi basta", e invece poi ne trovo un altro e poi un altro ancora e non riesco a più a fermarmi. Fino a quando non arrivo ad un punto che piango per tutto quello che non va nella mia vita e prometto di non farlo più. non riesco ad uscirne, è come un cane che si morde la coda.

E' la prima volta che parlo del mio problema di tricotillomania

Cari lettori, è la prima volta che parlo di questo problema, soffro anch'io di tricotillomania, e ne sono a conoscenza solo mia madre e mio fratello, che mi vedono strapparmi i capelli. Ritengo di essere relativamente fortunata, in quanto nonostante questo disturbo duri da circa 8/10 anni posso ancora sciogliere i capelli, c'è addirittura chi, con mia somma sorpresa,non immaginando come li torturo, me ne invidia forma (mossi) e colore (biondi)!!! Vorrei tanto fossero folti e lunghissimi come un tempo... È un desiderio fortissimo... Vi prego, ricorrete ai ripari... Capisco perfettamente la vergogna e l'imbarazzo a parlare di una cosa simile con familiari o amici, nonostante essi ci amino, si rischia di non essere capiti... O si ha paura di essere guardati con occhi diversi... Anch'io ho questa paura...E allora parlatene con uno psicologo o uno psicoterapeuta! Studio psicologia all'universita da 4 anni, credetemi, uno psicologo non giudica, non condanna, non mette in imbarazzo, non si sconvolge o inorridisce di fronte al vostro difficile e imbarazzante racconto! Se lo fa, cambiate psicologo! Tra pochi giorni iniziero una terapia, e nonostante non abbiate letto testimonianze positive non dovete arrendervi! Non è affatto impossibile uscirne! Ma non avete pensato al fatto che chi ha risolto il problema non prova piu l'angoscia di sapere, scoprire, capire come uscirne, perche ce l'ha gia fatta e quindi non naviga in forum come questo? Ragazzi io sono fiduciosa, c'è speranza per tutti noi, il problema è che è un tabù, ed è per questo che sono poche le persone che ricorrono ad uno specialista... E quindi poche le guarigioni... ma come per altri disturbi psichici, si puo guarire. Se per un periodo smettete e poi ricominciate, non arrendetevi! La guarigione è un processo lungo e complesso, caratterizzato da alti e bassi, e questo vale per ogni disturbo, non vuol dire che siete destinati a farlo per sempre! Nessuno di noi lo è! Ma lo diverremo se non prendiamo in considerazione una terapia! La terapia di gruppo è di notevole supporto, cercate nelle vostre cittá, parlare con chi soffre dello stesso problema aiuta ad uscire dall'isolamento e dalla sensazione di sentirsi diversi... C'è una parte di noi che si odia, si fa del male perche non sopporta il suo stesso odiarsi e proprio per noi che ci amiamo poco è particolarmente difficile chiedere aiuto o sfruttare a pieno l'aiuto offertoci, perche c'è quel masochista che è in noi che gode della sofferenza, dell'autosabotaggio! Non continuate a mortificarvi il corpo e la coscienza, abbiamo tutto il diritto di trattarci bene ed amarci! Per chi crede, non esiti ad affidarsi alla preghiera, anche se non si ha una fede salda, Dio ascolta sempre i sofferenti, prima o poi sarete esauditi e guariti nell'anima e nel corpo! Se avró dato anche solo una briciola di speranza ad uno solo/a di voi, saró felicissima. Non siete soli, soprattutto, non scegliete di esserlo. Anche se calvi o con pettinature strane, anche se additati o guardati male, voi siete unici, meravigliosi! Abbiamo solo bisogno di apprendere un altro modo di gestire le emozioni negative. Io so che possiamo imparare a farlo, credo in me, in voi, in tutti noi! Possiamo tornare a sbocciare, dobbiamo solo crederci!!! Vi saluto tutti con affetto, non smettete di combattere, a nessuna etá, per nessuna ragione al mondo, MAI!

La tricotillomania l'ho iniziata senza capire il perchè e continuo tutt'ora...

ciao, io sono una ragazza giovane.. ho 17 anni. all'età di 6 anni ho iniziato a togliermi le ciglia anche se non ho mai capito il perchè.. e tutt'ora continuo a farlo.. so perfettamente che è una brutta cosa e per un periodo sono riuscita a smettere.. poi ho ricominciato e oltre a togliermi le ciglia superiori toglievo anche quelle delle sopracciglia.. vorrei smettere il prima possibile perchè mi imbarazza guardare il mio ragazzo.. lui lo sa e mi incoraggia a smettere ma da sola è difficile.. vorrei sapere anche io cos'è il colladion... sono felice di aver letto questo articolo, finalmente so di cosa soffro e so di non essere l'unica.. un saluto

La tricotillomania è un'autopunizione

Lazione di tirarsi le sopracciglia (nel mio caso), le ciglia o i capelli è una autopunizione per non riuscire a superare un trauma che abbiamo subito, da piccoli o da grandi. Io ho perso l'uomo della mia vita a 22 anni, inspiegabilmente, e non sono riuscita a non perderlo. Nella mia psiche si è formato un vuoto incolmabile che non sono riuscita a colmare con nessuno in questi 25 anni, pertanto soccombo alle mie torture perchè quando mi guardo soffro di più... solo la morte mi libererà di questo tormento interno dell'anima, silenzioso e subdolo.. spero che qualcuno di noi ci riesca...

Tricotillomania: Sto cercando di smettere di strapparmi i peli ed i capelli

è cominciato tutto dieci anni fa, ero ancora una bambina di soli sei anni e ho assistito a una scena che credo non dimenticherò mai in tutta la mia vita... Io e una mia amica stavamo giocando quando il mio cane le è saltato addosso procurandole una grossa ferita dietro la nuca... Ricordo solo le sue urla e quelle di mia madre. Ma la tricotillomania non mi è arrivata subito... credo siano passati alcuni mesi prima mi venisse. in quell'arco di tempo facevo molti incubi la notte rivivendo quella brutta esperienza.
La mia ossessione è partita inizialmente con il staccarmi le ciglia, poi le sopracciglia, i capelli ed infine i peli pubici.Tutto questo mi porta un grande senso di conforto nei momenti di stress, ma appena smetto mi sento uno "schifo" e mi chiedo come posso essere in grado di farlo. Sto cercando la forza di smettere e andare avanti, spero di potercela fare.

Io ho chiesto aiuto ad una psicologa per uscire dal problema della tricotillomania

soffro di tricotillomania da quando avevo 9 anni, ora ne ho 19. con una maggiore consapevolezza e l'aiuto di una psicologa specializzata in disturbi comportamentali sto prendendo maggiore confidenza con me stessa e maggiore consapevolezza. ho passato periodi davvero brutti e bui, di disperazione totale. alle medie mi prendevano in giro e alle superiori avevo sempre il terrore di essere guardata in testa. sapere che non sono l'unica con questo problema un po' mi aiuta...del resto spero che tutti possiate guarire e vivere una vita felice :) grazie

Si può smettere di soffrire di tricotillomania

Ho 21 anni e ho iniziato a soffrire di tricotillomania all'età di 13/14 anni esclusivamente in testa. Nella parte superiore della testa non mi era rimasto più nulla, gli unici capelli rimasti erano quelli della parte inferiore. Durante questo bruttissimo periodo a scuola tantissimi coetanei mi prendevano in giro chiamandomi "pelata" o "topo spennato" e per strada mi toglievano dalla testa la bandana o la cuffia che portavo per compire il mio capo buttandomela per terra. Queste cose mi facevano stare peggio, perchè io facevo il gesto inconsapevolmente a causa del trauma che stavo vivendo. MA CE L'HO FATTA! I miei capelli sono sani lunghi mossi tanti e belli, come se non fosse mai accaduto nulla! CE L'HO FATTA! E' POSSIBILE SMETTERE! FORZA E CORAGGIO, SIATE DETERMINATI E SIATE PIU' FORTI DI QUESTA OSSESIONE. Buona fortuna

Leggera forma di tricotillomania

io soffro di una forma leggera di tricotillomania (mi strappo i capelli solo nella parte bassa della nuca e più che altro ho l'ossessione del togliere, o meglio, strappare con i denti le doppiepunte) dalla seconda media e ora che sono all'università non sono ancora riuscita a smettere...soffrivo di un lieve strabismo ed è peggiorato parecchio a causa di questa ossessione datto che prima di staccare le punte dei capelli le osservo bene avvicinandole agli occhi. Mi sento sempre in imbarazzo, nessuno mi capisce ma in compenso tutti mi giudicano, non so se riuscirò mai a smettere ma è bellissimo scoprire di non essere l'unica, leggere quest'articolo e i vostri commenti mi ha davvero aiutato a sentirmi meno sola in questo problema, grazie mille e buona fortuna a tutte

Tricotillomania localizzata alle sopracciglia

Penso proprio di soffrire anche io di questa patologia, ma solo per le sopracciglia, soprattutto quella sinistra. Sono arrivata ad avere chiazze enormi senza peli, e nonostante i rimproveri da parte dei miei, continuo con intermittenza con questo disturbo da 5 anni ormai. Alterno periodi di calma a periodi incredibili, soprattutto durante forti stress e prove emotive. Me ne rendo conto e mi guardo ogni volta allo specchio per vedere se i danni sono visibili e ogni volta mi riprometto di smettere, ma non ce la faccio, strappo inconsapevolmente, come un riflesso. Per un attimo mi sento bene e poi mi sento malissimo invece e mi pento amaramente di quello che ho fatto. Sto cercando di smettere, con tutte le mie forze. Sono contenta che di non essere l'unica a soffrirne e ciò mi rincuora, pensavo di essere l'unica che soffrisse di quest'ansia che ora mi rendo conto essere una vera e propria patologia. Ringrazio chi ha scritto questo articolo e tutti quelli che hanno il coraggio di commentare, non siamo soli, dobbiamo farcela!

Chiazza importante in testa senza capelli perchè soffro di tricotillomania

Ciao a tutti, ho 20 anni e anche io soffro di questo disturbo. Attualmente ho una chiazza importante sulla testa e vorrei far ricrescere i capelli. Anche io ho avuto un'infanzia particolare con la perdita di mia madre a 4 anni, mi rendo conto che solo pensando a questo mi viene l'istinto/nervosismo di tirarmi i capelli. Mi vergogno tantissimo, la mia famiglia non sa niente e sono mesi e mesi che non vado dalla parrucchiera, tengo sempre i capelli legati. Ho iniziato nell'età della comunione, poi avevo smesso da sola senza che nessuno si accorgesse di niente, da circa un anno ho riniziato a causa di grandi nervosismi portati da una persona che mi creava solo problemi e che però io pensavo di amare. Spero di trovare la forza per smettere, ci ero riuscita e potete farlo tutti!! Forza!!

Salve a tutti...Non immaginate come mi sento adesso nel sapere che non sono l'unica a soffrire di questo problema che mi ossessiona oramai da anni.Io attualmente ho 23 anni e soffro di questo disturbo da quasi 15 anni.Ricordo che già alle scuole medie ricoprivo il pavimento sotto al banco di capelli e con i piedi li muovevo in modo da diffonderli e non creare ammassi.Nonostante sono passati tanti anni nessuno si accorge di questo mio problema,anzi tutti mi dicono che ho dei capelli favolosi e sinceramente mi ritengo fortunatissima dato che costantemente strappo capelli.Come voi anche a me capita ,in base al perieodo,di strapparmeli in quantità differenti in base al mio stato d'animo.Non immaginate quante volte mi sono promessa di non fare più questo brutto gesto eppure è più forte di me...senza neanche accorgermene mi ritrovo con dei capelli in mano..A me sinceramente capita che una volta strappati li tocco e li strappo nuovamente ...è come se insieme all'atto dello strappo mi fa star bene sentirli al tatto.Sono disperata ...Cerchiamo di essere forti e determinati perchè questa è davvero una bruttissima ossessione.Vi auguri di risolvere al più presto questo problema.Vi abbraccio tutte

È "bello" vedere che ci sono persone che soffrono del tuo stesso disturbo,che provano il tuo stesso dolore,finalmente mi sento un po' compresa....ho trovato anche un gruppo su fb,si chiama "tricotillomania-tricotillomani di tutto il mondo unitevi!.Non so se può essere utile...
Comunque sarebbe veramente bello incontrarsi,io purtroppo vivo in una città piccola nei pressi di Ancona e non penso ci siano molti tricotillomani qui,ovviamente non ne ho certezza!Però magari se ci si vergogna a parlarne con il proprio medico,magari con altri nella tua stessa situazione potrebbe essere più facile!!!!Kiss kiss

Lascia il tuo commento: