Tsh: alto e basso

Il TSH è la sigla dell'ormone tireostimolante, dall'inglese Thyroid Stimulating Hormone. Si tratta di un ormone rilasciato dall'ipofisi che agisce a livello della tiroide, stimolando la produzione degli ormoni tiroidei. In particolare, l'ipotalamo produce il TRH o l'ormone rilasciante (Thyrotropin Releasing Hormone), che agisce sulle cellule tireotrope dell'ipofisi anteriore o adenoipofisi, stimolandole a produrre il TSH. Questo ha tropismo per le cellule follicolari della ghiandola tiroide, che pertanto producono una maggiore quantità degli ormoni tiroxina (T4) e triiodotirosina (T3). La sua azione si esplica anche sulle stesse cellule follicolari, regolandone la quantità e la dimensione. La regolazione della produzione di questi ormoni è indotta da un meccanismo a feedback negativo, per cui l'aumento della concentrazione degli ormoni tiroidei, induce una riduzione della produzione di TRH ipotalamico, ma soprattutto di TSH ipofisario. L'insieme di questo meccanismo neuroendocrino è definito asse ipotalamo-ipofisi-tiroideo. L'assenza del TSH rende la ghiandola tiroide inattiva, mentre una sua sovrapproduzione induce iperplasia ed ipertrofia delle cellule follicolari. Il valore ematico del TSH può presentare delle variazioni qualora ci siano alterazioni dell'asse neuroendocrino che controlla la produzione degli ormoni tiroidei. Il range fisiologico indicato per il TSH è compreso tra 0,4 e 5 µU/mL di sangue. Per questo motivo in caso di concentrazioni elevate o inferiori alla norma il proprio medico sarà in grado di eseguire delle indagini per verificare l'origine dell'alterazione. In ogni caso l'esito delle analisi dovrà essere valutato in maniera crociata basandosi anche sui valori degli ormoni tiroidei.


TSH alto - Un valore di TSH superiore alle 5 µU/mL è da ritenersi elevato.

Possono verificarsi due situazioni al controllo crociato con gli ormoni tiroidei:

  • Con T3 e T4 normali: ipotiroidismo moderato
  • Con T3 e T4 bassi: ipotiroidismo 

Generalmente la causa principale che induce l'aumento del valore del TSH è l'ipotiroidismo, poiché se la ghiandola tiroide non riesce a produrre un'adeguata quantità di ormoni tiroidei, verrà meno il meccanismo di feedback negativo sull'ipofisi e sull'ipotalamo, quindi verranno prodotte quantità superiori di TRH e soprattutto TSH.


Possibili cause del tsh alto

Le cause che possono comportare l'aumento dei valori del TSH comprendono:

  • Ipotiroidismo primitivo 
  • Ipotiroidismo congenito o cretinismo
  • Tiroidite di Hashimoto
  • Resistenza congenita agli ormoni tiroidei 
  • Cancro alla ipofisari 
  • Gravidanza
  • Menopausa 
  • Assunzione di farmaci antitiroidei 
  • Assunzione di estroprogestinici 
  • Abuso di eroina e metadone 
  • Produzione di sostanze endogene simili al TSH in altre sedi, come polmoni, mammella, utero, stomaco e intestino 

Conseguenze del tsh alto

Le conseguenze indotte dal TSH alto generalmente coincidono con quelle dell'ipotiroidismo, per cui può indurre le manifestazioni tipiche di questo disturbo, con aumento di peso, letargia, debolezza, pelle secca, scarsa tollerabilità del freddo, disturbi neurologici o articolari. 


Sintomi attribuibili ad un tsh alto

I sintomi correlati al TSH alto possono manifestarsi nel momento in cui si accompagnano all'alterazione delle concentrazioni degli ormoni tiroidei, altrimenti possono non comparire. Tra i sintomi più comuni si riscontrano: 


Rimedi utili in caso di tsh alto

Il trattamento previsto in caso di TSH alto dipende dalla natura del problema. In alcuni casi infatti si tratta di condizioni o patologie per le quali non sono ancora disponibili delle cure definitive, come nel caso dell'ipotiroidismo. Tra i trattamenti previsti, soprattutto in caso di riduzione dei valori di T4 e T3, possono esseri assunti dei farmaci che integrino la carenza di ormoni tiroidei.


Tsh alto in gravidanza

In gravidanza, soprattutto nel primo periodo di gestazione, è normale che si riscontrino dei valori elevati di TSH, così come possono aumentare anche le concentrazioni degli ormoni tiroidei. Generalmente nel primo trimestre di gravidanza il valore del TSH si aggira intorno alle 2,5 µU/mL, per salire fino a 3 µU/mL nell'ultimo trimestre. 


Cosa può comportare il tsh troppo alto nel sangue?

Un valore di TSH elevato può comportare i tipici sintomi dell'ipotiroidismo, proprio perchè si riscontra generalmente la riduzione della concentrazione degli ormoni tiroidei. In ogni caso il disturbo può non manifestare nessun sintomo, soprattutto se T3 e T4 restano nella norma.


Alimentazione e linee guide consigliate in caso di valori troppo alti riferiti al tsh 

In caso di TSH alto è bene regolare la propria alimentazione a favore della tiroide. In particolare è opportuno sostituire il normale sale da cucina con quello iodato, aumentando l'assunzione di cibi ricchi di iodio, come pesce marino, alghe, molluschi. Il cocco, soprattutto l'olio che se ne ricava, sembra essere molto utile per la funzionalità della tiroide. Potrebbe essere invece opportuno ridurre alcuni cibi che potrebbero ostacolare l'azione degli ormoni tiroidei, come:

  • Miglio
  • Semi di rapa
  • Cavoli
  • Broccoli
  • Cavolfiori


Tsh e la pillola anticoncezionale

Le donne che assumono la pillola anticoncezionale a base di estroprogestinici o altre metodiche come il cerotto o l'anello, possono andare incontro all'aumento del valore del TSH. Questo avviene perchè gli estrogeni influiscono sull'azione del T4, in maniera competitiva, per cui gli ormoni tiroidei non riescono ad esplicare al meglio la propria funzione.


Tsh basso: cosa fare e cosa sapere

Il TSH ematico viene definito basso quando il valore risulta inferiore alle 0,1 µU/mL di sangue. Questo dovrebbe in ogni caso essere confrontato con le concentrazioni degli ormoni tiroidei, per cui in concomitanza con il TSH basso, si potranno avere le seguenti situazioni:

  • Con T3 e T4 normali: ipertiroidismo moderato
  • Con T3 e T4 elevati: ipertiroidismo 
  • Con T3 e T4 bassi: ipotiroidismo secondario


Alcune possibili cause del tsh basso

Le cause che possono indurre un aumento del valore del TSH includono:

  • Ipertiroidismo 
  • Ipotiroidismo secondario o terziario
  • Assunzione di farmaci glucocorticoidi 
  • Insufficienza ipofisaria 

Possibili conseguenze e problematiche

Il TSH basso può comportare le stesse conseguenze legate all'ipertiroidismo. Si tratta di un problema con cui generalmente si riesce a convivere, ma nei casi più gravi può causare gravi problemi cardiaci e articolari, ed infertilità


I sintomi legati al TSH basso possono includere:

  • Dimagrimento 
  • Sudorazione eccessiva
  • Tachicardia
  • Disturbi gastrointestinali con prevalente diarrea
  • Scarsa tollerabilità del calore
  • Amenorrea
  • Infertilità 

Come curare il tsh basso?

Il trattamento in caso di TSH basso dipende dalla causa del problema. Generalmente si tratta di ipertiroidismo, per cui vengono prescritte le terapie adatte per questo disturbo, ovvero farmaci che inibiscono la produzione degli ormoni tiroidei, iodio radioattivo, fino all'asportazione della ghiandola tiroide. 

Test e valori di riferimento normali del tsh

Il valore del TSH viene valutato attraverso delle semplici analisi del sangue. Vengono ritenuti nella norma valori compresi tra 0,4-0,5 e 4 µU/mL di sangue.

Valori nel tsh del sangue.

Malattie

Lascia il tuo commento: