Vitamina e: a cosa serve la vitamina e

La vitamina e dove si trova? Quali alimenti sono ricchi di vitamina e? La vitamina E è il nome di una serie di composti liposolubili noti per partecipare e migliorare i processi metabolici del corpo e reperibili in fonti alimentari quali gli oli vegetali, le noci, i semi, le verdure a foglia verde e cereali o negli appositi integratori.
La vitamina E può aiutare a curare e prevenire alcune malattie, nonché migliorare la salute corporea generale e rafforzare il sistema immunitario. E’ nota per avere importanti proprietà antiossidanti ed anti-infiammatorie, che possono sanare malattie dell’occhio, malattie cardiache e declino mentale.

Vitamina e: a cosa serve la vitamina e

Vitamina e

A cosa serve la vitamina E?

Benefici della Vitamina E: migliora la salute generale del corpo.

Per cosa si usa: cura l’acne, l’eczema, le infiammazioni, la cataratta e la degenerazione maculare, rafforza il sistema immunitario, migliora la salute della pelle, i disturbi oculari e il declino mentale, aiuta a prevenire il cancro e i disagi del sistema cardiovascolare.

Potenziali effetti collaterali: improbabili ai dosaggi raccomandati.

Vitamina e per la prevenzione delle malattie del cuore (in particolare il colesterolo)

Elevati dosaggi di vitamina E hanno dimostrato di diminuire notevolmente la probabilità di riscontrare malattie che interessano il cuore od il sistema cardio-vascolare in generale. La malattia coronarica, o coronaropatia, può essere ritardata od impedita in quanto la vitamina in questione aiuta a prevenire la creazione di coaguli di sangue che tendono a provocare tromboembolismo venoso od attacchi di cuore. Tale sostanza inoltre rallenta in modo incisivo l’ossidazione o lo sviluppo del colesterolo LDL, che si ritiene essere uno dei fattori principali a generare malattie cardiache.

Vitamina e per la prevenzione dei disturbi oculari

Tra le cause dominanti che determinano la perdita o la diminuzione notevole di vista in particolar modo nelle persone anziane ci sono la cataratta e la degenerazione maculare, condizioni dovute ad una aumento dei livelli dello stress ossidativo. Gli antiossidanti che compongono la vitamina E aiutano a contrastare tali effetti dannosi, e la loro azione contribuisce a migliorare la vista.

Vitamina e per la prevenzione del cancro

L’esposizione a sostanze tossiche ed inquinanti quali le radiazioni, le sostanze chimiche di scomposizione degli alimenti o il fumo di sigaretta, contribuisce alla formazione di radicali liberi nel corpo, che possono causare danni alle cellule, sino a portare alcune forme di cancro.

Gli antiossidanti che fanno parte della composizione della vitamina E lavorano per combattere questi effetti negativi e dannosi dei radicali liberi, e possono impedire alle cellule tumorali di apparire o di crescere.

Come antiossidante perciò, la vitamina E può combattere e prevenire il cancro, anche perché è la sua azione è efficace anche nei confronti della produzione di nitrosammine, altre sostanze che favoriscono tale malattia.

L’uso costante di vitamina E ha inoltre dimostrato di diminuire concretamente la formazione di tumori della vescica, del colon, della prostata e del seno.

Vitamina E e salute della pelle

La vitamina E è molto efficace per curare problemi alla pelle quali l’acne o l’eczema: è infatti una sostanza presente in molte lozioni e creme, proprio perché dona un’infinità di benefici per la pelle.

Vitamina e per la diminuzione del declino mentale

L’ efficacia della vitamina E interessa anche il declino mentale, in quanto può aiutare nei confronti di esso. Il cervello possiede molti acidi grassi belle membrane dei neuroni, che possono favorire, insieme ad una maggiore necessità di ossigeno, un sviluppo di radicali liberi, i cui effetti dannosi possono provocare malattie cognitive come l’Alzheimer. Studi scientifici a tal proposito hanno dimostrato che un uso costante di vitamina E può diminuire le azioni negative dei radicali al cervello, grazie alle sue proprietà antiossidanti che possono ridurre il declino cognitivo.

Dosaggio giornaliero della vitamina E

Il dosaggio giornaliero quotidiano consigliato di vitamina E è di 4 mg al giorno per i bambini e neonati dagli 0 ai 14 anni, mentre è di 15 mg per coloro che superano i 14 anni di età ed oltre.

Una cosa da tenere bene a mente è che si tratta di una vitamina liposolubile, e di conseguenza il grasso è necessario per un corretto assorbimento di essa. E’ tuttavia preferibile un tipo di grasso sano come i mono o poli-grassi insaturi.

Come sempre, prima di assumere qualsiasi cosa è molto consigliato parlare con il proprio medico di fiducia od il proprio fornitore se non si è sicuri della quantità più appropriata alla particolare situazione fisica e di salute, al fine così di evitare eventuali effetti collaterali.

Effetti collaterali e controindicazioni della vitamina e

Gli effetti collaterali sono alquanto improbabili quando l’assunzione di vitamina E avviene in modo corretto da fonti alimentari.

A lungo andare invece l’apporto di tale sostanza in dosaggi elevati attraverso gli integratori può dare vita ad alcuni problemi di salute quali sanguinamento o ictus emorragico, e può inoltre interrompere la coagulazione del sangue.

A causa dei possibili effetti collaterali, le persone che assumono particolari farmaci, quali farmaci antiaggreganti o anticoagulanti, ed allo stesso tempo supplementi di vitamina E devono prestare un’attenzione maggiore, consultando il proprio medico nel caso di necessità o di presenza di alcuni sintomi.

Proprietà ed alimenti ricchi di vitamina e.

Integratori alimentari

Scrivi un commento in merito all'articolo dal titolo vitamina e: a cosa serve la vitamina e

Vitamina E

spiegazione in merito molto soddisfacente!

Spiegazione della vitamina E

spiegazione molto chiara. Grazie

Lascia il tuo commento: