Colesterolo - Ridurre il colesterolo


Come combattere il colesterolo? Come ridurre il colesterolo?

Ridurre il colesterolo: premessa

Il colesterolo è una patologia complessa che prima di tutto richiede una corretta informazione per poter essere ridotto in modo corretto per questo il primo passo è quello di conoscere cosa incide veramente sulla formazione del colesterolo e cosa no. E' noto che ci sia un bel po' di confusione quando si parla di colesterolo, principalmente perché ne esistono di troppi tipi. Ci è il colesterolo buono, ed il colesterolo cattivo. Normalmente questo basta per creare confusione in una persona media, insicura su cosa effettivamente significhi. Ma essere informati fa bene alla salute e bisogna imparare a distinguere cosa sia vero sul colesterolo, e cosa invece sia una leggenda. Per questo suggeriamo a tutte le persone che non siano sufficientemente informate di leggere con attenzione questo articolo.


Colesterolo: Cosa è vero e cosa non lo è:

Per ridurre il colesterolo è opportuno conoscere eventuali miti e leggende al riguardo che possono essere utili per capire meglio le opportune variazioni al proprio stile di vita per ridurre in modo veloce i livelli di colesterolo:

Leggenda o Realtà: dal momento che mi ammalo raramente e sono un malato di esercizio fisico, non c'è nessun motivo perché io pensi di avere un problema di colesterolo? Qui si affronta la dura realtà: infatti non esiste alcun sintomo che possa portare una persona a pensare di non avere problemi di colesterolo. Esercitarsi regolarmente è sicuramente una ottima abitudine, ma da sola non basta a prevenire il problema del colesterolo. Infatti esso dipende da una serie di valori quali il cibo che mangiamo, il genere, il peso, la storia medica della famiglia e l'età della persona.

Leggenda o Realtà: sono generalmente i vecchi ad avere problemi di colesterolo? Questa è decisamente una leggenda, perché si può essere giovani, in forma, e tuttavia avere un livello di colesterolo troppo alto. E' assolutamente raccomandato controllare regolarmente i livelli di colesterolo con le analisi del sangue. Se nella famiglia di una persona sono noti casi di problemi di cuore o di stili di vita poco salutari, allora dovreste essere allarmati. E' importantissimo controllare regolarmente i livelli di colesterolo per poter evitare ogni possibile complicazione. Leggenda o Realtà: assumere antiossidanti come la vitamina C e la vitamina E assicura contro i problemi del colesterolo? Leggenda! Mito! Assumere regolarmente antiossidanti può aiutare a ridurre il rischio di una malattia, ma non sono assolutamente sufficienti come prevenzione del problema. I fattori che aiutano a prevenire il colesterolo sono altri, come una dieta bilanciata e salutare associata ad un regolare esercizio fisico. Gli antiossidanti aiutano solo ad invecchiare meno in fretta. Continuate ad usarli.

Leggenda o Realtà: bere regolarmente del vino rosso, aiuta a prevenire i problemi cardiovascolari? E' noto che il vino rosso, assunto con moderazione, aumenta i livelli di colesterolo HDL. Tuttavia ha anche degli effetti collaterali: il vino rosso è ricco di calorie ed aumenta la quantità dei trigliceridi, aumentando il lavoro del fegato e la pressione sanguigna. E' importante ricordare di berlo con moderazione, un bicchiere al giorno. E di ottima qualità. Leggenda o Realtà: durante l'acquisto controllare se gli alimenti sono salutari in base al loro contenuto in colesterolo? Leggenda: anche se molti prodotti possono sembrare sani e sicuri, prestate attenzione. Alcuni prodotti che sono poveri in colesterolo non sono necessariamente poveri di grassi.

Leggenda o Realtà: le persone sovrappeso sono più esposte al rischio di ipercolesterolemia? Lo stato di sovrappeso sicuramente è uno dei fattori che contribuiscono ad aumentare il rischio. Ma come detto sopra, i sintomi di ipercolesterolemia possono non diventare evidenti fino a quando non è troppo tardi. La formula per una vita lunga ed in salute è una dieta sana ed equilibrata, ed un regolare esercizio fisico.

  • Colesterolo dieta settimanale

    Colesterolo dieta settimanale - Dieta settimanale per il colesterolo
    Contro il colesterolo capire come creare una dieta settimanale è alla base della risoluzione del problema stesso, qindi ecco alcuni consigli per la salute del cuore e una tabella con la dieta settimanale per mantenere sotto controllo il livello di colesterolo, fino a scendere sotto 200. Inoltre tieni presente di: mantenere un peso appropriato; tenere sotto controllo la pressione. Fare esercizio fisico tre o quattro volte alla settimana; evitare l’eccesso di stress. Smettere di fumare; aggiungere poco sale ai cibi. Evitare di mangiare crackers e pane lavorato che contengono olio di cocco e di palma. Diversi cibi sono in grado di ridurre il livello di colesterolo: fagioli secchi, crusca, pop corn, farina d’avena, noci pecan e noci.
  • Colesterolo hdl basso cosa fare

    Colesterolo hdl basso cosa fare - Cosa fare con colesterolo hdl basso
    Colesterolo hdl basso cosa fare? La prima cosa da fare quando i livelli di colesterolo hdl sono bassi è pensare alla cura della propria alimentazione, l modifiche della dieta dovrebbero avvenire ad un’andatura calibrata sul singolo. Tuttavia, se si parla di malattie cardiovascolari, l’agire in modo troppo blando può avere gravi conseguenze: attacchi di cuore, colpi apoplettici o peggio. Non tutti hanno una seconda possibilità, perciò non si può procrastinare la necessità di cominciare ad assumere cibi che combattano il colesterolo alto.
  • Quale alimentazione contro il colesterolo

    Corretta alimentazione colesterolo - Colesterolo e alimentazione
    Corretta alimentazione e colesterolo vanno a braccetto, poiché una delle principali cause delle malattie cardiache o degli ictus è l’aterosclerosi o il blocco delle arterie, il cui rischio di insorgenza aumenta esponenzialmente quando si hanno livelli ematici di colesterolo costantemente alti. Fortunatamente, con un cambiamento tempestivo della dieta e dello stile di vita, il problema alle arterie può essere ridimensionato, evitando così di ricorrere alla chirurgia.
  • Colesterolo valori di riferimento minimi e massimi

    Quali sono i valori di riferimento minimi e massimi per il colesterolo
    Quali sono i valori di riferimento minimi e massimi per il colesterolo è una domanda che si fanno moltissimi taliani attenti al loro benessere visto che il colesterolo alimentare è un componente presente in alcuni alimenti che può causare l’aumento del colesterolo sierico nel corpo. Più colesterolo mangiamo seguendo un regime alimentare errato, più è maggiore il rischio di avere il colesterolo alto ed aumentare a dismisura il livello del colesterolo non è una buona cosa da fare: può portare a problemi gravi come infarti.
  • Eliminare il colesterolo

    Eliminare il colesterolo - Eliminare il colesterolo cattivo in eccesso
    Vari sono i modi per eliminare il colesterolo, anzi, il colesterolo cattivo in eccesso, principalmente per eliminare il colesterolo sono richiesti sia esercizio fisico che dieta alimentare, ambedue applicati con regolarità. In un passato non troppo recente vi era una maggiore attività fisica generata da una minore diffusione del trasporto meccanizzato, con uno stile di vita più dinamico a cui conseguiva una minor incidenza di alcune malattie oggi molto presenti, come l’alta percentuale di colesterolo nel nostro sangue : da qui la necessità di riappropriarsi di una  giusta attività.
  • Policosanoli : Policosanoli per il colesterolo?

    Policosanoli - Policosanoli effetti collaterali e controindicazioni
    Policosanoli cosa sono? Il Policosanolo è utile negli integratori per il colesterolo? Il Policosanolo è un estratto naturale che deriva dalle patate dolci, dalla canna da zucchero o dalla cera e questa sostanza viene spesso utilizzata come integratore per abbassare il livello del cosiddetto colesterolo “cattivo” nel sangue, trasportato cioè dalle lipoproteine LDL dal fegato ai tessuti dove viene utilizzato ed accumulato, per incrementare invece i livelli di quello “buono”, prelevato dalle lipoproteine HDL dai tessuti e riportato indietro al fegato, che ne rimuove così quantità eccessive.