Malattie

Informazioni gratis su tutte le malattie, i vari sintomi della malattie infettive piu' comuni, ed anche delle malattie rare come le malattie autoimmuni oltre a quelle della pelle molto diffuse in tutto il paese.

  • Eczema seborroico

    Eczema seborroico - Sintomi e cura eczema seborroico
    Eczema seborroico è una differente forma di eczema che colpisce cuoio capellutto, orecchio e viso e non solo, ed il fatto che si chiami seborroico ha veramente molto poco a che vedere con il sebo e cioè con la secrezione di natura oleosa prodotta dalle ghiandole sebacee. Il nome un po’ingannevole in tal senso, è dato dal fatto che le aree anatomiche oggetto di tale affezione sono anche le stesse nelle quali è presente una grande concentrazione di ghiandole sebacee (inguine ed ascelle). L’eczema seborroico è un tipo di eczema risaputo per manifestarsi in tutte le fasce d’età, dai più giovani fino agli anziani ed un tipo di eczema seborroico è, inoltre, stato osservato anche nei bambini nel corso del loro primo anno di vita.
  • Tumore vaginale: cancro alla vagina

    Tumore vaginale - Cancro alla vagina
    Il cancro della vagina è un tipo di tumore molto raro, il sintomo più comune di questa tipologia di cancro è una forte emorragia, la vagina è una sorta di canale costituito da un tessuto muscolare che va dalla cervice uterina, che è la parte anatomica più profonda, fino alla vulva che è la parte superficiale della vagina. La vagina assolve a tre funzioni: è il canale attraverso il quale fuoriesce il sangue durante il periodo mestruale; è il canale che consente al bambino di lasciare il grembo materno; al suo interno sono presenti diverse terminazioni nervose che consentono di ricevere piacere durante il rapporto sessuale.
  • Cura e trattamenti per liberarsi dei pidocchi

    Pidocchi cura e trattamento con farmaci e rimedi della nonna
    Quanto vivono i pidocchi e cosa fare per liberarsene? Questi insetti possono vivere fino a 30 giorni nei capelli e durante il loro ciclo di vita depongono anche le uova, chiamate lendini. I pidocchi sono comuni in luoghi sovraffollati, soprattutto nelle scuole. Il trattamento per eliminare i pidocchi dipende dalla gravità del problema e dallo stadio degli insetti.
  • Brufoli dolorosi

    Brufoli dolorosi - Brufoli dolorosi sul mento sul viso e sul sedere
    I brufoli più dolorosi che fanno male, sono quelli che compaiono nel sedere e nel viso in particolar modo nella zona del mento, una delle cose peggiori che può capitare a un adolescente è un brufolo doloroso ed anche se è un disturbo comune fra i ragazzi di quell'età, i brufoli dolorosi si possono trovare anche in qualsiasi adulto. In generale, essi sono causati da squilibri ormonali, che sconvolgono la quantità di sebo prodotta ed il livello di umidità della pelle. La pelle del viso è particolarmente esposta a questo fenomeno, in quanto ha pori più sensibili e maggiori processi elettrochimici rispetto ad altre parti del corpo.
  • Globuli bianchi: alti e bassi

    Globuli bianchi - Valori alti e bassi dei globuli bianchi
    Cosa sono i globuli bianchi - I globuli bianchi, o leucociti, sono particolari cellule in grado di viaggiare nel sangue dalle sedi di produzione fino ai tessuti o alle cellule dove sia richiesta la loro presenza. Si tratta infatti di cellule in grado di difendere l'organismo dalla minaccia di infezioni batteriche, virali, di funghi o parassiti, oppure in caso di corpi estranei. Sono presenti in quantità decisamente inferiore rispetto ai globuli rossi, per cui avremo circa settemila globuli bianchi per millimetro cubo, rispetto ai cinque miliardi di globuli rossi.
  • Sintomi di una allergia e reazioni allergiche

    Il miglior modo per riconoscere una reazione allergica è bene conoscere i sintomi principali dello stato allergico. L’allergia non si manifesta la prima volta che entrate in contatto con un allergene, ma in un momento di contatto successivo: questo perché il sistema immunitario deve sviluppare la sensibilità agli allergeni prima di poter diventare allergico a esso. In altre parole, il sistema immunitario ha bisogno di riconoscere e memorizzare l'allergene e quindi produrre anticorpi contro di esso (questo è noto come sensibilizzazione). Il tempo necessario per diventare sensibili a un allergene varia da giorni ad anni. Può capitare che vi fermiate alla fase di sensibilizzazione, sperimentando i sintomi ma senza sviluppare mai del tutto un'allergia. Possiamo suddividere i sintomi dell'allergia in lievi, moderati e gravi.